CAVI

Cavo di potenza sommercable Quadra Blue Sez. 4x4

Il miglior cavo di potenza di questa favolosa azienda

SCHEDA

Di cosa si tratta

Cavo di potenza in rame OFC

Produttore

Sommer Cable Germania

Caratteristiche

Vedi sotto

Dimensioni

Lunghezza standard 2,5mt disponibili altre metrature

Connettori

Professionali a bagno d'oro - banane - forcelle e altro a richiesta

Prezzi

320/00 euro la coppia da 2,5 mt + 2,5 mt terminati

Per ordinare

Audiocostruzioni di Sbisa' Giovanni e c snc   Via Grosoli 6 - 41012   - Carpi   MO - tel 059.685054  info@audiocostruzioni.com

Trasporto e pagamento

Trasporto 10 euro pagamenti accettati contrassegno - paypal - ricarica postepay

Disponibile cavo sciolto a metratura e connettori sciolti click qui:

DESCRIZIONE

Descrizione Azienda:

Due parole di presentazione azienda: Molti amici mi avevano segnalato questa ditta piuttosto famosa in Germania per i suoi prodotti dal rapporto prezzo qualita' molto molto alti.   Ditta specializzata in prodotti per studi di registrazione, concerti e insonorizazzione di  grandi ambienti, ha anche una sezione dedicata all'hi-fi.

Bene questi amici non sbagliavano , la ditta e super seria  e ha prodotti hi end a costi molto molto competitivi.  Da quando mi sono messo in contatto con loro, sono stati velocissimi nel consegnarmi listini, campioni , e depliant di tutta la produzione.

E poi sono rimansto colpito dalla qualita costruttiva e sonora  quando ho ricevuto la merce e lo provata .

Sapete che non mi piace descrivere i miei prodotti come i migliori ecc ecc, ma vi posso assicurare uno strepitoso rapporto qualità prezzo.

 

Descrizione Prodotto:

Descrizione:   Trattasi di coppia di cavi  ultraflessibili di diametro esterno 14  mm e sezione di 4 x 4 mmq tutto in configurazione lintz  twistato , schermato  e costruito con materiali di primissima qualita'

. La sua grande sezione e la costruzione con rame OFC (agw12) composto da tantissimi filamenti di rame molto sottili (Linz) , appositamente studiato per applicazioni di alta fedelta' lo rendono adatto per trasmettere tutta la gamma di frequenza riprodotta dall'amplificatore fino ai diffusori.

Ottimo per biwiring.

 

Lo sapevate che:

SOMMERCABLE, dopo una lunga serie di sperimentazioni, produce da tempo Cavi della fascia Hi-End utilizzando litz non isolati e pertanto non è necessario nessun trattamento prima di procedere con la saldatura o con il clamping  su terminazioni idonee.

La scelta di SOMMERCABLE tiene ovviamente in considerazione il fatto che utilizzando i litz non isolati il fenomeno chiamato ‘effetto pelle’ (una corrente variabile in un conduttore tende ad interessare la parte esterna del conduttore stesso e pertanto solo una parte della sua sezione è realmente interessata dal passaggio della corrente) viene solo parzialmente minimizzato in quanto è pur vero che i vari litz sono in contatto elettrico tra loro ma rimane comunque una buona parte di ‘spazio libero’ tra le centinaia di litz lungo il cavo da essi  composto.

L’impiego dei litz è poi determinante ai fini della flessibilità del cavo stesso.

Esiste poi un altro fenomeno fisico molto importante, ovvero quello legato alle caratteristiche di impedenza offerta da un litz non isolato rispetto ad uno isolato:

- quello isolato è quasi una pura resistenza (di fatto non lo è ma possiamo accettare che lo sia)

- un cavo con isolamento presenta invece delle caratteristiche induttivo/capacitive (di fatto si presenta come un specie di armatura di condensatore) e pertanto a frequenze superiori ai 10KHz, si possono introdurre attenuazioni che sarebbero invece presenti in corrente continua in diversa misura, proprio perché la porzione induttivo/capacitiva si fa sentire solo in presenza di correnti variabili (un segnale audio è variabile al 100%!!!!!!!)

SOMMERCABLE ha pertanto operato la sua scelta costruttiva tenendo ben conto dei fattori sopra citati.

Mi auguro che quanto sopra riportato abbia chiarito tutti i dubbi in proposito.

DAL SITO UFFICIALE

LUNA CLASSIQUE Series HI-CMA01 and HI-CM13

Some HiFi-fetichists are turned on by tubes, and just for this group of customers we have designed the LUNA CLASSIQUE as a vintage style. It is a cable for people who prefer the warm sound image of tubes over the cool sound of transistors.
The LUNA CLASSIQUE is impulsive to match, with warm and soft basses and comfortable, unobtrusive high ranges. It takes the edge out of the CD-player and is the ideal connection for high quality turntables.
It has 100 % shielding (copper braiding + semiconductor), and with the large wire diameter, is also suitable for longer distances.

Ideal as a connection between CD-player/DAT/DVD-recorder/tuner/cassette player/turntable, and pre- and power amplifier combinations. We supply the LUNA CLASSIQUE with angled connectors HICON HI-CMA01 and HICON-CM13, both with genuine gold-plating and Teflon insulation.

APPLICATION:

  • Ideal connection for tube technology and components with a hard sound

PRODUCT ADVANTAGES:

  • Very warm and unobtrusive sound image

  • 100 % shielding (semiconductor + copper braiding

  • Very reasonably priced and optically attractive (vintage style)

  • Plug connectors gold-plated and insulated with Teflon

LE CARATTERISTICHE DEL CAVO:

just as collectors of old guitar technology they canÔt get rid of anything. Now these Classic Freaks can buy just the right cable:
The CLASSIQUE looks old, but the technology is new and unused. The core is made up of an inside lead with a diameter of 0.5 mm×, consisting of 28 individual fine copper litz, ensuring untainted -musical pleasure across lengths of 20 m often considered a problem by spoiled musicians. The cable is rounded off by a thick insulation of foamed and lacquered PE and dense, tin-plated copper braiding. Eye-catching is the additional fabric coating giving the CLASSIQUE the necessary vintage styling. And it also sounds like a cable from the sixties:
The CLASSIQUE convinces with a lot of warmth, a solid sound, and heights as clear as glass.
 

THE ADVANTAGES:

  • The warm and fat sound image of the "Sixties"

  • Robust textile jacket in vintage styling

  • Very low capacity and double shielding made of copper braiding + semiconductor

  • Easily windable

THE APPLICATION:

  • High-end guitar and instrument cable with vintage sound and styling

  • Unbalanced cable for stage and studio

SCHEDA FOTOGRAFICA

VIDEO YOUTUBE

DAL SITO UFFICIALE

Ein Licht am anderen Ende des Tunnels...


wird Ihnen erscheinen, wenn Sie das neue QUADRA BLUE mit Ihrem Referenz-HiFi-System verbinden.
Harmonisch, nicht nur im Design, sondern auch im Klang bietet Ihnen das QUADRA BLUE genau das, wonach Sie schon immer gesucht haben: Ein absolut lineares Kabel, welches zum Spielen und Experimentieren verleitet und das sowohl als Bi-Amping-, als auch als Bi-Wiring-Verbindung oder nur als einfache Zuleitung eingesetzt werden kann.
Die superfeinen OFC Litzen haben wir so verseilt, dass wir die Vorzüge von massiven Cu-Drähten erreichen. Daraus resultiert eine überragende Leitfähigkeit und hervorragende Dämpfungswerte, die letztendlich gerade bei großen Längen eine wichtige Rolle spielen. Auch bei Überlängen arbeitet das QUADRA BLUE nahezu ohne Verlust.

Gönnen Sie sich und Ihrer HiFi Anlage eines der besten und schönsten Lautsprecherkabel, das in den letzen zehn Jahren entwickelt wurde.

DIE VORTEILE:

  • Extrem schnelle und lineare Übertragung auch bei Überlängen

  • Sehr einfach zu verarbeiten

  • Mannigfaltige Anschlussmöglichkeiten (Bi-Amping, Bi-Wiring, Twinaxiale Zuleitung

DIE ANWENDUNG:

  • Hochwertiges HiFi Speaker Multicore für gehobene Ansprüche

  • Für den Anschluss von Bi-Amping und Bi-Wiring Komponenten

TECHNISCHE DATEN:
 

Aufbau:

(4LIY4,0mm2)Y

Mantel, Durchmesser:

PVC 13,0 mm

AWG:

12

Anzahl Leiter:

4 x 4,0 mm2

Cu-Litze per Ader:

500 x 0,10 mm2

Leiterisolation:

S-PVC 3,5 mm

Temperaturbereich:

min. -30 °C

Temperaturbereich:

max. 80 °C

Brandlast je m:

0,55 kWh

Gewicht bei 1 m:

285 g

Aufmachung, VPE:

50 m Rolle, Meterware

Farbe:

aqua blue


ELEKTRISCHE DATEN:

 

 

Leiterwiderstand bei 1 km:

< 4,5 Ohm

Isolationswiderstand bei 1 km:

> 5 MOhm

 


BESTELLDATEN:

 

 

Bestell-Nr.:

485-0052-440

Empf. VK-Preis:

je m 41,06 EUR inkl. MWST

 

 

COMMENTI

Il commento di Luciano:

Cavo di Potenza Sommer Cable Quadra Blue 440 (OFC)

 

Ciao a tutti , ci risiamo,il più che disponibilissimo Davide ha avuto la gentilezza di prestarmi questo bellissimo cavo per diffusori della Sommer Cable , per tanto vi scrivo le mie personalissime valutazioni,non da professionista ma da appassionato come voi e come tutti voi soggetto a valutazioni personalissime in una situazione probabilmente diversa da qualsiasi altro, ovvero casa mia.

Innanzi a tutto, va detto per dovere, che i cavi avrebbero bisogno di un certo periodo d’uso per portarli allo zenit delle loro potenzialità,ma sinceramente ignoro in questo caso, quanto tempo si dovrebbe indicare come periodo sufficiente al fine sopra menzionato, diciamo che io li ho usati per vari giorni e verso gli ultimi  ho notato una sempre maggior focalizzazione e pulizia sulle basse frequenze, ma ovviamente quest’affermazione è frutto delle mie sensazioni.

Per prima cosa mi ha colpito l’estrema bellezza del cavo;blu trasparente con splendide terminazioni predisposte al Biwiring,e, cosa sicuramente preziosa, l’estrema flessibilità del cavo pur di dimensioni veramente Anacondiane!!

Io come riferimenti ho usato i miei “tubi del Gas” dell’Americana Audioquest e più precisamente il modello Cristal + Hiperlitz  (ora si chiamano CV4)in Biwiring, cavo che nel 1999 ho pagato circa 600.000 Lire, e i Van den Hul Cs 122 Hybrid in configurazione Mono Wiring, cavo quest’ultimo più economico del precedente, ma sicuramente un ottimo “accessorio”.

Va detto subito che nella sfida a tre il nostro Sommer Cable si è dimostrato superiore al Van den Hul praticamente in tutti i parametri , dove il VdH ,arrancando, tentava almeno di star dietro al Sommer era solo sulla gamma alta, ma è risaputo che i VdH sono ottimi cavi molto cristallini.

La vera sfida c’è stata con il potente cavo targato U.S.A. dove a dirla tutta ha dato una bella suonatina!

Tirando le conclusioni direi che il cavo Tedesco è propriamente Germanico mentre l’Americano è proprio Americano!

(che cavolo vuole dire questo matto!!!direte voi)

In sintesi il Sommer Cable si è dimostrato enormemente preciso e focalizzatissimo sugli strumenti,realizzando un bel vantaggio sul dettaglio, a confronto dell’Audioquest il quale però ha restituito una gamma bassa ed estremamente bassa  più pomposa e maliziosa del Germanico,risultando più caldo  in pezzi musicali quali The Wall dei Pink Floyd,o con l’organo di Bach,mentre, con i pieni orchestrali ,l’Americano pagava il maggior dettaglio del Sommer Cable,

Ovviamente entrambi sono signori cavi per tanto i bassi li sfoderano entrambi e la focalizzazione è stupenda in entrambi, le mie affermazioni erano esclusivamente a carattere di confronto tra i due.

Va anche detto che  il basso del Sommer cable  è  più veloce ed asciutto risultando più analitico dell’Audioquest, sulla gamma media i due sfidanti erano abbastanza paritetici, anche se anche in questa range l’ ha spuntata il Quadra Blue,  sfoderando delle voci veramente stupende e presenti,focalizzate ed estremamente pulite.

Sul rock dobbiamo dare atto all’Americano di giocare in “casa”,(anche se la dinamica và sempre a favore del Sommer) ma sulla Classica/Blues e Jazz mi è piaciuto di più il Quadra Blue, dove il tedesco sfodera sicuramente maggior definizione/dettaglio/contrasto e l’Americano maggior calore, soprattutto sulla tridimensionalità il Quadra Blue può essere considerato un vero TOP!

Fate un po’ Voi, ma qualunque siano i vostri gusti mi sa che se volete un cavo di questi livelli dovrete spendere almeno un 250/350 Euretti in più del prezzo di targa del Germanico.

A mio avviso è un cavo bellissimo e “suona” veramente benissimo.

Dopo più giorni ho dovuto ammettere una progressiva superiorità del Sommer cable,il dettaglio è andato migliorando in modo esponenziale, in sostanza i tedeschi hanno cominciato a rendere tutto più veloce, limpido e dinamico, anche nei regimi bassi dove all’ inizio ho preferito gli Audioquest dopo alcuni giorni d’ uso  rimettendo in opera i miei Americani devo ammettere che quest’ultimi sembravano un po’  troppo velati e grezzosi , il basso era si più corposo ma molto meno definito e dinamico.

In conclusione sulla lunga distanza la sfida và sicuramente a favore dei Sommer Cable: FANTASTICI!!!!!!!

Ora li darò in prova al mio Amico Fulvio che è notoriamente un pignolo ( si si di quelli un po’ rompi scatole che o è stupendo o è cacca!!), siccome lui è un orecchiofilo più navigato e molto più pretenzioso, sono curioso di sentire cosa ne pensa lui con il suo mega impianto targato AM Audio e Snell.

Complimenti a Davide che ci offre l’ ennesimo prodotto stupendo ad un prezzo che, pur importante ,resta assolutamente vantaggiosissimo rispetto alla concorrenza.

Ciaooooo

 

                                                                                              Luciano.milossa@libero.it

 

------------------------------------------------------------------------------------

Il commento di Arturo

 

Caro Davide,
                ho ricevuto ieri i Tuoi cavi e desidero subito ringraziarTi per l’ottima qualità del lavoro e della spedizione.
Ho provato ieri sera a collegarli e già da un primo ascolto sono rimasto molto contento (oltre al fatto che esteticamente rappresentano un notevole colpo d’occhio rispetto ai vecchi Monster Cable e Musical Fidelity che utilizzavo).
Tieni presente che io non sono affatto un esperto di alta fedeltà e utilizzo da tempo un impianto datato: diffusori Sonus Faber Electa Amator, Ampli Sonus Faber Musica.
Sono stato particolarmente colpito dai Quadra blu biwiring, molto flessibili nonostante il notevole calibro, per l’incremento del dettaglio in tutta la gamma della scena sonora; sono molto precisi e immagino che questa prima impressione potrà solo migliorare mano a mano che i cavi passeranno le ore di ascolto necessarie ad esprimere le loro potenzialità.
Naturalmente prendi il mio commento per quello che vale (Ti ripeto che non sono un audiofilo esperto), ma considera soprattutto la mia ammirazione per la Tua abilità e per l’entusiasmo che traspare dalle pagine del Tuo sito internet.
Ancora mille grazie!    Ciao   Arturo

------------------------------------------------------------------------------------

Il commento di Lello

Ho ordinato ad AUDIOCOSTRUZIONI una coppia di QUADRA BLU 4X4 di 3,2 m bi-wiring terminata con banane ad espansione. Il cavo si presenta in modo accattivante e  la lavorazione di Davide lo valorizza ulteriormente. Maneggevoli, non creano difficoltà nella sistemazione. Già al primo ascolto mi sono piaciuti, si sono dimostrati completi offrendo una gamma sonora estesa e un ottimo equilibrio nella resa delle frequenze medie e medio-alte. Se disponete di una buona sorgente, analogica o digitale che sia, si materializzerà una scena sonora con caratteristiche di contrasto e dettaglio che non degenererà mai in una fredda radiografia sonora, sperimentate con una incisione per solo violino o viola da gamba e sentirete. Chi come me suona con diffusori da stand avrà il piacere di recuperare qualcosa verso il basso, implementando, per quel che è possibile, ascolti di organo a canne, pianoforte, grandi orchestre, rock progressive e quant’ altro. Una cosa non voglio: darVi da intendere che il QUADRA BLU 4X4 “suona”, che metta del “suo” nel percorso finale - diffusori, anzi. “Neutro” è un aggettivo che ben si addice a questo cavo, il mio impianto ha mantenuto il suo carattere tipico, nessun ribaltone quindi. Non accenno al rodaggio dei cavi perché onestamente non so se crederci o meno, confesso che non ho le idee chiare e dopo avere letto

 l’ intervista al patron della SUPRA e la sua opinione ancora meno, questo senza negare che ogni volta che “ascolto” il mio impianto questo sembra migliorare, un pochino…………….un pochino…………un pochino ancora……..

 

IMPIANTO

  • PRE E FINALE A VALVOLE: GRAAF WBF TWO + 5050 “Graffiti”.

  • CDP: Marantz SA11 SACD

  • GIRADISCHI: Thorens TD 160, braccio orig. cabinet: AUDIOCOSTRUZIONI

  • TESTINA: Denon DL103

  • DIFFUSORI: Tannoy “Sensys” DCI su stand “Solid-Steel” a 3 piedi

  • CAVI SEGNALE: Sommer-cable“Eclipse” tra CDP e PRE (in config. bilanciata XLR-      RC), Sommer-cable “Luna classic” tra  giradischi e Pre

  • CAVI ALIMENTAZIONE: SBISA’ e HI-DIAMOND HCD+

  • CAVI POTENZA: QUADRA BLU 4X4

  •  

ACCESSORI

-     N° 3 “Magic dream” sotto il CDP

-          Trattamento acustico dell’ ambiente autocostruito

lellodascoli@hotmail.com

 

---------------------------------------------------------------------------------------

Il  commento di Achille

 

Messo in servizio in sostituzione dei VDH 122 .... il velo che mi separava dalla musica è caduto, tutto è più limpido e trasparente, e poi c'è chi dice che i cavi non contano!

Ciao da Achille

achilleporzi@alice.it

-----------------------------------------------------------------------------------------

 

Il commento di Paolo

 

Davide ciao, sono Paolo da Rimini, ti scrivo come promesso per riportarti le impressioni sul cavo sommercable quadrablue che ho recentemente installato nel mio impianto.

Il serpentone trasferisce corrente dal mio finale TRESHOLD T50 alle mie casse acustiche CHARIO URSA MAJOR ,l’accoppiamento e’ stato fatto in bw ovviamente.

E’ bene chiarire subito che il rodaggio e’ come per ogni prodotto di rango FONDAMENTALE : in effetti prima di una trentina di ore i parametri non sono affatto stabili anzi! Sono passato da un suono caldissimo e leggermente velato a mo’ dei vecchi valvolari , con profondita’ discreta e larghezza molto buona dello stage ad un suono ricco di armoniche e dettagli come ancora non mi era capitato di sentire. La profondita’ dopo il periodo di circa 30 ore , aumenta in maniera consistente, tutte le gamme sono presenti, rifinite, con molta aria tra gli strumenti e la gamma bassa pur se articolata e buona non puo’ definirsi ottima. Perche? Perche’ occorre aspettare un altro step di maturazione o seconda fase del rodaggio : purtroppo non meno di altre trenta ore . E’ incredibile quello che succede al basso in questo lasso di tempo : diventa pulitissimo ed estesissimo fin quasi a sembrare scarso rispetto al mio solito costoso riferimento. Ma e’ una impressione il basso c’e’ , lo senti solo quando serve e quando scende veramente, con le mie casse nel mio ambiente i 30 hz circa scuotono le pareti, ma cessano controllati appena il segnale musicale lo prevede e cosi’ questa articolazione e velocita’ producono la gamma medio bassa e bassa nette e pulite senza contaminazioni- la parte alta dello spettro e’ presente, vivida e setosa,mai stancante, in nessun caso!

Devo ammettere di avere messo nell’armadio i vecchi cavi da …milaeuro …..il confronto dopo tanti giorni di utilizzo dei quadra blue non e’ proponibile.

Complimenti ! Saluti Paolo  paolo.capelli@mel-group.it

 

L'impianto di Paolo

 

 

   

 

Il commento di Cristiano:

 

 

APPUNTI  e NOTE d’ASCOLTO: di Cristiano N.

Avendo le qualità costruttive e sonore del cavo di potenza Elephant SPM440 di Sommercable stuzzicato la mia curiosità, ho voluto approfondire la conoscenza di questo interessantissimo marchio attraverso l’ascolto del cavo di potenza denominato Quadra Blue che, per costo e realizzazione, occupa la posizione di vertice della linea di produzione per scopi audio del costruttore tedesco.

Il buon Davide di Audiocostruzioni mi ha gentilmente concesso il privilegio di testarne una coppia di segmenti da tre metri cadauno, all’uopo ottimamente terminati con massicce banane dorate: non sottolineerò mai abbastanza il vantaggiosissimo servizio ideato da Davide per la realizzazione di questi ottimi cavi su misura, terminati a filo spellato, a forcelle leggere e pesanti, a banane, a cilindretto, in mono e bi-wiring, fornendo di fatto un ventaglio di soluzioni inedite nei confronti di analoghi prodotti terminati in fabbrica.

Il Quadra Blue non passa certo inosservato in qualunque situazione d’utilizzo: la sua guaina esterna è di un intenso blu elettrico semitrasparente, mentre la sezione totale supera abbondantemente quella dell’Elephant SPM 440.

Trattasi in effetti di un cavo che, pur condividendo lo stesso numero e le stesse sezioni dei conduttori dell’Elephant, ne differisce sostanzialmente nella realizzazione: la finitura esterna lascia intravedere una guaina sottostante metallica, con evidente funzione di schermatura, al di sotto della quale una seconda guaina plastica racchiude i quattro conduttori multifilari, singolarmente inguainati in PVC ed aventi sezione di 4mmq cadauno. Ogni conduttore è poi appunto costituito da ben 500 fili in purissimo rame da 0,10mm di diametro cadauno, ovvero un numero doppio rispetto agli Elephant. Tale realizzazione comporta al cavo una flessibilità complessiva soltanto discreta, comunque ancora accettabile in ambito domestico, fatta salva la necessità di curvature piuttosto spinte per le quali il Quadra Blue diviene, se non propriamente controindicato, a mio parere sconsigliato.

Il Quadra Blue è stato torchiato per circa un mese, abbinato dapprima ai soliti Albarry M408II (per il “rodaggio” o warm-up), infine ad un finale Mr Liang LS845, oltre alla partecipazione speciale di un superintegrato Audio Analogue Maestro 150. Nella seconda tornata di prove è stato sovente posto a confronto con il Sommercable Elephant, oltre che con gli ottimi Mamba solid-core e ad un blasonato e poderoso Audioquest di fine anni ’90, di cui non rammento più ormai il modello.

Decido di condurre a più riprese le medesime sessioni d’ascolto svolte a tempo debito per il modello Elephant, focalizzando i vari parametri che contraddistinguono la riproduzione musicale per entrambi i cavi su medesimi brani o passaggi musicali che ormai presumo di conoscere a memoria, testati di volta in volta alternativamente (ah, la praticità delle banane!).

Anche il Quadra Blue conferma una ricca tavolozza di particolari, mantenendo al contempo una timbrica calda e naturale, di piacevole fruizione anche a lungo termine, a conferma d’una continuità caratteriale della linea Sommercable basata su tecnologia litz a conduttori spiralati.

Certamente il Quadra Blue salvaguardia alcune sfumature del messaggio musicale in più rispetto al più economico ed equivalente Elephant, ma basilarmente permane la sensazione d’un cavo equilibrato e naturale, contraddistinto da un’ottima restituzione dei registri più gravi, sempre generosi e molto ben articolati, seppur a scapito d’una trasparenza inferiore rispetto a quella offerta dai migliori cavi solid-core e/o in argento attualmente in commercio. A dispetto della provenienza teutonica, il Quadra Blue sfata (se ve ne fosse del resto ancora bisogno) il luogo comune duro a morire della scuola tedesca contraddistinta da prerogative sonore brillanti, iperdettagliate e di chirurgica precisione.

 

Annoto infine un centro-fuoco della scena sonora imperturbabilmente saldo, stentoreo: le voci appaiono ancor più credibili che non con l’Elephant, mentre gli strumenti ritmici denunciano l’eccellente gestione di poderose escursioni  dinamiche.

A costo di ripetermi, il Quadra Blue si attesta su ottimi livelli di musicalità, di costruzione e di convenienza, sebbene il rapporto qualità-prezzo non eguagli proporzionalmente quanto offerto dal ben più economico Elephant.

Non raggiungerà le vette dei top di gamma Mit, Monster, Audioquest o di altri marchi più o meno esoterici ed ovviamente ingiustificatamente ipercostosi, ma il Quadra Blue saprà far compiere un sostanziale salto di qualità complessiva anche a catene audio di rilievo, in particolar modo se abbinato ad elettroniche a stato solido ed a diffusori asciutti od a minimonitors; se ben interfacciato, potrebbe tranquillamente fungere da cavo di potenza “definitivo” (appositamente virgolettato, perché aggettivo non particolarmente diffuso fra gli audiofili più incalliti).

Buoni ascolti e sensazioni.

 

Cristiano

marvel147@gmail.com

syrah@hotmail.it

-----------------------------------------------------------------

Il commento di Daniele

 

Ciao Davide,  ho provato i cavi e devo dire che sei un grande! Come prima impressione, da   subito, ho notato che la scena sonora si è aperta in modo incredibile. Il   dettaglio e la pienezza del suono è cresciuta enormemente.

Non sono un esperto, ma ritengo che i VDH 122 non siano all'altezza dei   quadra blue, mancando in corpo e peccando di freddezza.  In ogni caso, l'acquisto è ottimo. Ti ringrazio ancora per il CD. Anzi ti
chiedo vivamente di darmi altre dritte per migliorare il senso critico   nell'ascolto della musica.

A prestissimo    Daniele

 

-----------------------------------------------------------------

Il commento di Danilo

 

Ciao a tutti. Vorrei dire la mia impressione sui cavi SommerCable Quadra Blue acquistati un paio di mesi fa.

 

Tali cavi sono andati a fare bella mostra di loro in un impianto a valle di un integrato NAD M3. I diffusori che utilizzo sono dei Klipsh RF83. Sono molto soddisfatto di questo abbinamento e vado a spiegare perché.

Prima però un minimo di storia… A causa del fatto che mi serviva una misura un po’ particolare da sistemare sul posto e visto che me la cavo abbastanza bene con la manualità, ho scelto il cavo a metratura con l’obiettivo di terminarlo in autonomia.

Lato ampli ho unito i 4 cavi due a due come suggerito da NAD se si possiedono casse bi-wired. Come terminazioni ho utilizzato delle banane a espansione della Viablue tolte da un set di cavi dismessi.

Lato diffusori ho invece utilizzato quattro terminazioni a 60° della WBT per ogni cavo che mi ha “quasi” regalato mio cognato. Anche queste provenivano da un paio di cavi andato in soffitta... E’ un set di terminazioni molto bello ma se uno lo dovesse acquistare nuovo è un po’ troppo costoso, a mio avviso, in relazione ad altri prodotti meno noti ma altrettanto belli e funzionali. Per abbellire il tutto, ho utlizzato delle calze in nylon per nascondere il dielettrico e ho applicato degli anelli di ferriti alle terminazioni per allontanare qualsiasi interferenza ci fosse nei paraggi. Visto che oggigiorno si usano molti apparecchi con connessioni BT e/o WIFI, “non volevo noie nel mio locale”… J Lato ampli inoltre ho unito la calza esterna al polo negativo anche se mi hanno detto che non sia necessario.

 

Prima di descrivere le impressioni di ascolto, vi voglio dire che inizialmente, per avere un termine di paragone con altri prodotti, ho collegato il mio NAD M3 e le casse ad una coppia di cavi che utilizzo nell’impianto parallelo per l’HT. E’ un set di G&BL HP2CA, sempre presi a metraggio, e terminati in autonomia. Come dicevo, questi cavi li utilizzo nell’impianto parallelo HT collegati ad un NAD T775. I diffusori sono sempre i Klipsh di prima.

 

Veniamo alle impressioni di ascolto. Innanzi tutto, anche a rischio di essere bersagliato di critiche da chi se ne intende più di me, volevo dire che io non credo molto al discorso del rodaggio dei cavi, cioè… sono molto combattuto internamente… J

Sono più dell’idea che sia una questione di abitudine dell’orecchio umano ad un certo tipo di suono. Lo dico ovviamente da profano e neofita in materia per cui prendete questo mio commento con i distinguo del caso. Secondo me è un po’ come quando uno entra in una stanza e sente una gran puzza… dopo un po’ ti assuefai e non senti più il fetore

Mi sono fatto questa idea in quanto non sono mai riuscito a trovare in rete delle risposte “scientifiche” che possano avvalorare un discorso del genere. Posso capire un certo “assestamento” dei dielettrici e degli atomi che compongono i filamenti di rame ma non riesco a comprendere come, col tempo, un cavo possa migliorare la trasmissione del “segnale audio” alle casse se già non lo fa dall’inizio. O perlomeno, non riesco a capire come possa essere necessario tutto il tempo (circa 60 ore) che ho visto scritto da altri amici in rete. Se c’è qualcuno che può spiegarmelo sarò ben contento di ascoltarlo in quanto è un argomento che mi interessa parecchio.

 

A parte questa divagazione “filosofica”, devo dire che, in effetti, appena collegati i nuovi cavi all’impianto mi ero quasi pentito di averli acquistati… Non so come spiegare… il suono usciva “aspro”, “carta vetroso”… un disastro… e capisco che la cosa vada in contraddizione con quanto detto sopra. Quindi, della serie “…non ci credo… ma non si sa mai…” ho messo il player in “repeat” ed ho fatto andare il tutto per l’intera nottata… ovviamente la mattina dopo sono andato al lavoro (ho prima spento tutto) e la sera, una volta tornato, mi sono rimesso di nuovo all’ascolto… Ho fatto l’errore di non utilizzare lo stesso disco della sera prima ma sembrava che stessi utilizzando un altro paio di cavi…

 

Il suono con i G&BL era bello e caldo, molto ricco ma forse il sound stage risultava leggermente troppo piatto. Con i Quadra Blue, oltre ad un dettaglio superiore, a mio avviso, ho notato con stupore che il “palco” era diventato 3D e non solo 2D

Ora riesco a percepire anche la profondità rispetto a prima. Non che sia una cosa “esagerata” ma questa è la mia impressione d’ascolto. Per il resto non ho sufficiente “orecchio” per dare altri dettagli ma non posso che consigliare i cavi a tutti. E’ vero, sono un po’ cari in riferimento ai G&BL che avevo prima e probabilmente anche rispetto ad altri cavi in commercio. Se però si sta cercando un cavo schermato (non ce ne sono molti in giro e molti dicono anche che non serva), di sicuro successo, non posso far altro che consigliarlo. Da utente “medio” ovviamente! Ah! Dimenticavo! Anche i bassi ora sono più belli, rotondi e contenuti. E’ veramente un piacere ascoltare dischi… quelli registrati bene ovviamente! Sono dei cavi… mica fanno i miracoli

Ciao a tutti!

 

PS. …il disco con cui ho iniziato l’ascolto dopo aver montato i Quadra Blue… non l’ho più riascoltato per cui i dubbi sul rodaggio ancora li ho

 

 

 

 

 

--------------------------------------------------------------------------------------

Il commento di Marco:

 

Ciao Davide, volevo solo dirti che l'impressione sui Quadra Blue è  ottima, devono ancora finire il rodaggio ma l'apertura e il dettaglio è
strepitosa.
Testati su Harbeth P3ESR in biwiring, ogni disco è stato una  piacevolissima sorpresa.Suoni e dettagli che su questo impianto non  avevo mai sentito.
Sulla musica elettronica sono superlativi.

Grazie ancora ! A presto.  Marco

SE VI INTERESSA ACQUISTARLO

Audiocostruzioni di Sbisa' Giovanni e c snc - Via Grosoli 6 - 41012  Carpi  MO - tel 059.685054   info@audiocostruzioni.com

 

Home