CAVO  SEGNALE DENOMINATO SB-16  RCA  E XLR

 

 

          

 

         Vedi le  nuove recensioni di pagina 2     

 

Di cosa si tratta:

Cavo segnale RCA multifilare

Produttore

Audiocostruzioni.com

Caratteristiche:

Cavo di segnale  hi-end che sfrutta un cavo schermato a 16 poli, suono molto morbido ma allo stesso tempo dettagliato.

Ha incontrato un grande successo a tutte le persone che lo venduto, che lo hanno

paragonato a cavi  di costo molto molto superiori.

Allego sotto commenti di chi lo ha provato

Dimensioni:

Lunghezza standard 1 mt .

Connettori:

Professionali a bagno d'oro

Prezzi:

Cavo SB16   RCA  68/00 euro la coppia da 1 mt   

Per ordinare

audiocostruzioni.com    Sbisa' giovanni e c snc via grosoli 6 Carpi MO  tel. 059.685054  mail  info@audiocostruzioni.com

Trasporto e pagamento

Trasporto 10 euro  pagamenti accettati  contrassegno - paypal - ricarica postepay -

 

NON PIU DISPONIBILE - SOSTITUITO CON IL CAVO CORONA 

 

 

   

Nuovi RCA usati

 

       Vedi le  nuove recensioni di pagina 2     

 


  Il commento di NELSON  

 

Ciao Davide, usavo dei cavi  G&BL di medio prezzo, non credevo che i cavi potessero fare una differenza tanto grande: il mio impianto(,cd Rotel ,con  A1 Musical Fidelity ) sembra essere diventato un valvolare: sono veramente "miracolosi"! (io sono un cinquantenne abituato a pesare le parole). Complimenti! sei  veramente bravo!
Tanti auguri, di nuovo grazie da Nelson.   nelsonzagni@libero.it


  Il commento di PIERPAOLO

Ciao Davide, tutto a posto.
Ho sostituito il cavo di alimentazione e il suono mi pare più aperto.
Il cavo di segnale dopo un primo periodo collegato al cd, l'ho messo dal pre phono all'ampli (è andato a sostituire un Van den Hul Thunderline) e anche lì mi pare che sia il suo posto ma devo ascoltare con calma.
Il problema è che non sono molto soddisfatto del mio impianto:

giradischi

rega planar 3 con testina Van den Hul MM2

cd

Rotel RCD971

ampli integrato

Sonic Frontiers SFC-1

casse

Thiel CS1

cavi segnale

Furukawa, FdS SilverTef 1, VdH Thunderline, Monster

potenza

Denber

C'è qualcosa che non quadra nel suono ma non riesco a capire cosa...
Ciao               Pierpaolo                     mannaro@katamail.com


  Il commento di SERGIO

Il pacco è arrivato li ho già installati ad un primo ascolto mi sembrano ottimi, rispetto ai Van De Hul Firts che ho sono più dolci in gamma medio alta, forse mantengono un fronte più ampio in questa gamma, mentre gli altri sono leggermente più selettivi ma con una leggera asprezza in più verso l'alto, come sai l'ascolto è sempre puramente soggettivo e ci vuole molto tempo ed il giudizio è solo puramente soggettivo, in ogni caso sono degli ottimi cavi da consigliare.

Sentiti ringraziamenti.

Sergio     sergiocimini@tin.it


 Il commento di GIOVANNI

ciao davide, ieri mattina sono arrivati i cavi e  tutta la sera li ho provati.
Sono ottimi, più colorati e morbidi (più estesi in  basso) dei miei (audioquest) forse con un pizzico di  dettaglio ed articolazione in meno. Il pre lavora ad  un volume di una tacca in meno il che vuol dire che i cavi sono più neutri e lasciano passare meglio il segnale. Credo che il maggior merito sia dei cavi di  alimentazione, peraltro anche belli da vedere.
 Se avessi saputo di queste prestazioni ti avrei  commissionato terminazioni RCA migliori, anche  pagandole di più. Queste sono proprio inadeguate ed i cavi meritano di meglio.
Per avere l'intera serie sulla mia catena mi manca  ancora una coppia (tra pre phono e linea) e pertanto
 ti inviterei a fare della coppia di un mt.che ti rimando due coppie da 50 cm. Su queste metti gli
 spinotti rca di migliore qualità, a serraggio a vite.
.Ciao
 Giovanni.       bit_rab@yahoo.it    

PRECISAZIONE: io normalmente monto gli rca molto carini, purtroppo li tiene solo un rivenditore della  mia zona e quando li finisce   non mi riesce a    garantire una consegna    rapida  allora ne monto di altro tipo ,    leggermente piu' piccoli  ma sempre  tutti fatti a bagno d'oro, e assicuro che il risultato sonoro non cambia ,  anzi molte persone li preferiscono. Comunque ora 25.9.03 sono riuscito a trovare un ottimo fornitore di connettori.


Il commento di ALESSANDRO

Ciao, ti scrivo la mia impressione sui cavi.
Sistema:
CDP Teac 1250;
Ampli Nad C350;
Cavi di Potenza TNT FFRC.

Tenendo conto che per il momento il lettore rappresenta il grosso collo di bottiglia del mio sistema e che non sono molto esperto nell'ascoltare e  notare le differenze, ti posso dire che i tuoi cavi, rispetto ai TNT Shield da me realizzati, mi sembrano più

dettagliati in alto, le definizioni degli   strumenti sembrano migliorate, il suono sembra più "aperto".
Ciao!   alessandro.collavo@fastwebnet.it


Il commento di ROBY

 

ciao davide i cavi sono arrivati giovedì ma li ho potuti prendere solo venerdì tutto ok
ora ti dico la mia sui cavi: ho fatto il confronto con i monster cable 550 che uso io (circa 250000 lire un anno fa)
la gamma bassa dei tuoi è mooooolto più presente e  precisa diciamo che è un cavo da musica rock  mentre i monster più da classica  gamma media molto simile solo un ascolto prolungato  potrebbe dare preferenze per cui pari  gamma alta dinamica e  non eccessiva  bene i piatti forse il monster è + caldo anche se  molti dicono che è limitato (sono punti di vista anzi di udito) alla fine preferisco i tuoi se non ascolto classica  infine un consiglio (che probabilmente non incide  sulla resa acustica ma solo su quella visiva)  probabilmente con un minimo di aumento di prezzo potresti usare dei connettori + professionali  che si avvitano per il serraggio  darebbero un aspetto + simile a quelli che compri  fatti  insomma ti meriti un 9 su 10 con l'aggiunta di 1 per la tempestività ,10 su 10 per la lode cambia i connettori
PROMOSSO A PIENI VOTI
ciao e grazie da roberto bottero
se ti capita di sbizzarrirti in altre realizzazioni
 mandami una email (ampli valvolari ecc...)  robybot@yahoo.com

PRECISAZIONE: come sopra ,vedi risposta a Giovanni, ad oggi 20.5.03  sono riuscito a contattare rappresentante di materiale  elettronico che mi trova dei connettori molto belli.


Il commento di MARIO

Ciao Davide,
ti racconto qualcosa dei cavi che mi hai spedito.  Partiamo dal principio: il pacchetto è arrivato, tutto intero, dopo 2 giorni  dalla data di spedizione: per una volta, un plauso all'efficienza delle Poste Italiane!
I cavi visivamente si presentano molto bene: la guaina grigia unita alla  termorestringente rossa/nera gli donano un'immagine molto professionale. Anche i connettori, bagnati in oro, sembrano di buona qualità. L'occhio rimane decisamente soddisfatto!  Veniamo al sodo: li sto testando su un impiantino entry-level, dalle buone caratteristiche e curato dal punto di vista dell'amalgama (ne risulta  infatti un suono piuttosto equilibrato e riposante, che non "tira" nè da una parte, nè dall'altra).

 E' composto da un ottimo amplificatore NAD da 40w+40w  dotato di stadio phono integrato, giradischi Project Debut II dotato di testina Ortofon, lettore cd Harman Kardon e (forse il pezzo migliore)  diffusori bookshelf Chario della serie Constellation, quelli con il tweeter  più grande del mondo (38mm!).

Il tutto è poggiato su un solidissimo Flexy a  5 ripiani. I "colli di bottiglia", in questo momento, sono due: il primo, risolvibile, sono i cavi di potenza (costituiti da una semplice piattina  rosso/nero); il secondo, probabilmente irrisolvibile, è la distanza dei  diffusori dal muro posteriore di circa 15cm.  Il rodaggio è durato 2 giorni per un totale di circa 10-15 ore di musica,  durante i quali ho volutamente ascoltato di tutto: jazz, classica, rock ed  elettronica. A questo punto i cavi possono essere giudicati: il metro di  paragone è il classico cavetto in dotazione ai lettori cd, di qualità  piuttosto scadente.
Ciò che si percepisce immediatamente è un basso decisamente migliore: molto  più profondo e controllato, forse anche più vigoroso. Le medie frequenze  sono più naturali, con gli strumenti a fiato che danno quell'impressione  quasi di fastidio all'orecchio, come si ha dal vivo: un pregio, sia ben  chiaro! Le alte frequenze sono molto piacevoli, nitide ed accurate, con la  punta leggermente smussata ed esaltano il carattere dolce dell'impianto. I  loro punti di forza, secondo me, sono dinamica e scena;  il fronte sonoro  appare possente, ampio e presente (e i musicisti svolazzano un po di meno),  con un coinvolgimento maggiore dell'ascoltatore: viene voglia di ballare o di tenere il tempo della musica, terminando il commento con dei "..."  puntini di sospensione.
Cosa dire ancora? A mio parere questi cavi riescono a tirar fuori tutto il  meglio dai vostri impianti, di qualsiasi caratura essi siano. Danno infatti  l'impressione di essere sovradimensionati per catene come la mia, però allo  stesso tempo sembrano dirti: "Ehi amico.. cerchiamo di fare il meglio  possibile!"

Sono veramente contento del lavoro di Davide e mi riprometto di fargli avere  un "upgrade" di questo commento non appena avrò sostituito i cavi di potenza  (magari proprio con quelli costruiti da lui), che a mio avviso limitano
parecchio le prestazioni ottenute.
Ah, dimenticavo, i dischi che ho usato per le mie prove sono i seguenti:

Miles Davis e Charlie Parker: Collector's Items
Miles Davis: Milestones (New York/Berlin/Tokyo)
Chat Baker: My funny Valentine
Paolo Conte: Razmataz
Gershwin: Un Americano a Parigi e Rapsodia in blue
Carl Orff: Carmina Burana
Dvorak: Danze slave

Dzhian & Kamien: Gran Riserva
Radiohead: I might be wrong (Live recordings)
Radiohead: Hail to the thief
Morphine: The night
Nick Dracke: Way to Blue
David Gray: A Century Ends
Loreena McKennitt: Live in Paris and Toronto

..e "qualche" altro.. insomma tanta buona musica!  Un saluto a tutti voi e complimenti a Davide per il nuovo sito.    Mario   danbel82@hotmail.com


Il commento di GIORGIO FERRARI 

Ciao Davide,

come promesso ti riporto le prime impressioni di ascolto del tuo cavo di segnale, dopo una serata ed una nottata di ascolto. Il cavo è stato utilizzato per connettere il preamplificatore ai due finali mono che possiedo, inserito nella seguente catena d'ascolto:

- giradischi Thorens TD 125 MkII con braccio SME 3009/II Improved;

- testina MC Denon DL-103;

- giradischi Goldring/Lenco 88 con braccio SME 3009/II Improved;

- testina Stanton 881 MkII;

- preamplificatore due telai AM Audio PRE 05/MkII;

- due finali mono AM Audio A-80 Reference II;

- lettore CD Arcam 8 SE/HDCD;

- DAC North Star 192;

- lettore SACD-1000 Philips;

- diffusori B&W 803 Nautilus;

- cavi di segnale Audioquest e VdH (giradischi);

- cavi di potenza Cable Talk e Kimber (in bi-wiring);

- cavi di alimentazione Cablerie d'Eupen.

L'ascolto è stato condotto utilizzando incisioni di qualità, nell'ambito della musica jazz, con qualche sconfinamento nella musica classica e pop.

Dopo aver rodato bene tutto l'impianto, l'ascolto comincia con "Waltz for Debbie" di Bill Evans. Fin dall'inizio la gamma bassa appare estesissima e potente, rendendo spettacolare giustizia al contrabbasso. Il piano di Bill ha un'ottima trasparenza ed una velocità d'attacco notevolissima. Le alte frequenze sono cristalline, ma non fastidiose, mostrando i piatti della batteria in ottima evidenza, forse anche, a volte, un tantino esagerata. Capirò poi che questa è la caratterizzazione media del cavo, rispetto al mio riferimento.

Passo ad "Explorations", sempre di Bill Evans; il contrabbasso di LaFaro impressiona per profondità, estensione e volume, meglio anche del riferimento. La voce del piano di Evans è bellissima ed estremamente stabile nello spazio del palco. Ottima prestazione.

Passo quindi, cambiando genere, al "Concierto de Aranjuez" di Rodrigo, nella versione di Carlos Bonnell. L'orchestra è ampia e profonda e la chitarra bellissima. Il rumore delle dita sulle corde è estremamente reale, ma mai fastidioso. Il MI basso della chitarra ha tutta la profondità che si richiede ad uno strumento Gran Concerto, associato ad una eccellente velocità e ad un ottimo controllo.

Il pieno orchestrale è imponente, con eccellente dettaglio per tutti gli strumenti.

Faccio un salto nella passione ed ascolto "The Thrill Is Gone" di B.B. King. La Lucille mostra una sonorità splendida e ruvida allo stesso tempo, come si è soliti ascoltarla suonandola. Grande prestazione!!

Passo poi alla bellissima voce di Rebecca Pidgeon, e qui mi ritrovo ad ascoltare le maggiori differenze con il cavo di riferimento; la voce è bellissima, ma leggermente ruvida, come se il dettaglio della gamma media venisse un po' meno. Anche il contrabbasso in "Spanish Harlem" appare, stranamente, meno rifinito e con meno corpo rispetto al riferimento, pur mantenendo eccellente tridimensionalità della scena.

Passo al CD di Audio Review "L'orchestra del XX Secolo" e mi ascolto "Fanfare for The Common Man" di Copland. La restituzione è spettacolare e di grande impatto emotivo. Le percussioni sono rese in maniera eccellente, per profondità e dettaglio. Anche il controllo dell'emissione è di grande rilievo.

Sono ormai le due di notte ed è ora di andare a dormire; ma ascolto ancora uno dei miei brani preferiti: "Don't Give Up" di Gabriel, con la voce di Kate Bush. Le voci sono da brivido, così come il basso Steinberger di Tony Levin. Lo ascolterei sempre, questo brano.

Va bene; la seduta viene conclusa per decenza nei confronti della famiglia ed è ora di trarre le prime conclusioni, rimandando quelle definitive a rodaggio completato.

La prima frase che mi viene in mente è: il cavo suona veramente bene. Le caratteristiche di pulizia sonora, velocità ed estensione in frequenza sono realmente convincenti e la scena sonora di grande qualità. Rispetto al riferimento (Audioquest) la gamma alta di frequenza appare forse un po' in evidenza, ma è una questione di gusti e di accoppiamento fra le apparecchiature. La gamma media appare invece un pelo inferiore, soprattutto per grana e fluidità. Ma siamo comunque ad altissimo livello. La gamma bassa è invece strepitosa, estesissima, controllatissima e di grande vigore. Chi lo avrebbe detto che un cavo da 40 euro fosse in grado di competere con un cavo da 400 euro?

Insomma, un cavo dall'eccellente rapporto qualità/prezzo, che mi sento di consigliare spassionatamente a tutti, senza riserve.

Ciao e buon ascolto a tutti.    Giorgio   ferrari@apricastudi.it  


Il commento di LUCA 

 

A questo punto "provo" ad esprimere alcune opinioni/sensazioni sulle tue  realizzazioni da me acquistate.
 Premessa; nel mio piccolo posseggo:

 -ampli Unico (ibrido valv./mosfet) della UnisonResearch,
 -diffusori B&W CDM 7SE (come quelli di Gabriele da Roma),
 -sorgente DVD Pioneer 717,
 -cavo di segnale ampli-DVD tuo,
 -cavi di potenza tuoi,
 -cavo di alim. ampli il tuo,

 


Allora tutti i cavi nel mio impianto hanno portato a dei miglioramenti, quelli più significativi sono stati introdotti dal cavo di segnale e da quelli di potenza.
Il cavo di segnale a mio avviso ha restituito alla musica una certa  "rotondita'" calore? e una maggior presenza del basso che prima nonsentivo,  e' molto piacevole.
Tra l'altro non ha "suonato" ancora le famose 25 ore raccomandate anche da  Enzo.
Il cavo di potenza sb8, ho fatto una ulteriore comparazione al rientro dalle vacanze con il mio G&BL che possedevo, non c'è paragone. Il tuo Davide suona meglio senz'altro!
Tutta la gamma sembra più "controllata" e precisa, insomma maggior  equilibrio generale, il suono del mio cavo era più "ruffiano/graffiante/rimbombante sui bassi" (scusami i termini...).
Inoltre sono molto orgoglioso anche dal punto di vista estetico, sono tutte  realizzazioni, le tue, che non hanno nulla da invidiare a marchi tanto  blasonati e che per troppo tempo hanno "spremuto" soldi dalle ns.
tasche...  Quindi Davide ti rinnovo i miei più sinceri auguri/complimenti, continua ad  inventare cose nuove, io dal mio canto cercherò di promuovere i tuoi  prodotti come ho già fatto con gli amici.
 P.S. appena qualcuno mi presta una macchina digitale, ti mando delle foto  con l'impianto e i tuoi cavi.
Ciao e a presto!
Grazie Luca                    andrea.sbrogio@elettrostudio.it


Il commento di GIULIANO    PROVA CAVI ALIMENTAZIONE SB3 E  SEGNALE SB16

Tengo molto a precisare che questa recensione mi fa' molto molto  piacere , perche  fatta da un professionista della musica.  Infatti  Giugliano oltre ad essere un insegnante di musica, e anche  un grande appassionato di riproduzione sonora.    Davide Sbisa'   www.audiocostruzioni.com

 

ecco la recensione di Giugliano:

mi  preme chiarire subito un paio di cose:

1) non sono un recensore di apparecchiature audio professionista, anzi questa è la prima volta che tento di mettere sulla carta le mie impressioni a proposito di un componente audio. Aggiungo però che sono un appassionato di alta fedeltà da ormai 25 anni e che le mie osservazioni sono state condivise in toto da Daniela, la mia compagna, nonché da Mina e Lafayette, le nostre due bellissime gatte audiofile, che si sono dimostrate molto partecipi.
2) la situazione di partenza era, come dire, molto di base, dato che i cavi che utilizzavo erano quelli che mi erano stati "regalati" assieme ai vari componenti dell'impianto e addirittura, nel caso dei cavi di alimentazione
dei finali, dei comuni cavi da computer.
Fatte queste importanti premesse, è il caso di elencare i componenti dell'impianto:

Sorgente Digitale: Audio Analogue Maestro
Sorgente analogica: Project Perspective con braccio originale
Testina: Denon DL 103
Pre Phono: Praecisa NG.03 (a stato solido)
Preamplificatore: Plinius M7 (a stato solido)
Finali: Aronov LS 9100 (mono a valvole)
Diffusori: RCF Mytho 3 (2 vie da pavimento)
Cavi di potenza: Ortofon SPK 300


La stanza è di forma irregolare, all'incirca sei metri per quattro con una rientranza su un lato ed è abbastanza buona dal punto di vista acustico (soltanto qualche risonanza nei bassi profondi), le casse sono disposte sul
lato più corto.

I primi cavi che ho sostituito sono stati, ovviamente, i cavi di alimentazione dei due finali, e la "prova" è durata pochissimo, dato che il miglioramento è stato talmente grande ed evidente che non abbiamo più
pensato di tornare indietro. I parametri nei quali è stato più facile sentire i miglioramenti sono la dinamica, sia come impatto generale (gli ottoni della grande orchestra sinfonica), che per microcontrasto e la trasparenza, nel senso di una maggiore intelligibilità dei particolari (ad esempio le piccole percussioni). Certamente questi cambiamenti dipendono anche dal fatto che prima utilizzavo dei "cavacci", però sono anche sicuro che il suono che i nuovi cavi fanno uscire dai finali è veramente buono, il migliore che io abbia mai ottenuto nel mio impianto e nel mio ambiente.

A questo punto, ingolosito dai risultati, mi sono fatto prestare alcuni cavi di segnale che, guarda caso, adesso fanno parte stabilmente del mio impianto.
Cercherò di descrivere i miglioramenti apportati dai cavi di segnale facendo riferimento ai dischi che ho utilizzato per provarli. Nota importante: questi miglioramenti sono successivi (e qundi ulteriori) rispetto a quelli che ho descritto in precedenza, dato che i cavi di alimentazione non li ho più tolti.

Innanzi tutto va detto che l'elemento più sensibile alla sostituzione dei cavi di segnale è stato il lettore di CD, il cui suono già molto buono (a mio parere è una macchina di riferimento) è migliorato evidentemente, anche
se non in tutti i parametri, con tutti i dischi che ho provato; con il giradischi i miglioramenti sono stati molto minori, e più difficili da osservare (infatti ho provato soltanto due LP contro 6 CD, perché ho dovuto cambiare diverse volte i cavi per essere sicuro di ciò che sentivo).

Ascolto n° 1: Nils Landgren - Sentimental Journey - CD ACT

Uno splendido disco di jazz ballad, il leader canta e suona il trombone e, in questo caso, è accompagnato dal solito jazz trio con in più l'ottimo quartetto d'archi FleshQuartet. Un CD dal suono molto caldo e con una
grande estensione verso il basso, che ha evidenziato un maggior controllo dei bassi, più frenati e rotondi e una maggior focalizzazione della voce,più centrata nella scena e anche un po' più naturale.

Ascolto n° 2: Geoff Keezer - Zero one - CD Dreyfus

Si tratta di uno dei nostri CD preferiti di piano solo, più una spruzzata di elettronica qui e là. Lo stile è chiaramente nel solco del jazz, anche se Keezer si permette delle incursioni nel repertorio pop. Anche in questo caso i miglioramenti più evidenti sono stati nel registro basso, con una maggiore chiarezza e controllo del suono del pianoforte, che non risulta mai gonfiato, ma acquista in colore e bellezza timbrica.

Ascolto n° 3: Charlie Haden/Pat Metheny - Missoury Sky - CD Verve

Ancora jazz, con questo grande duo contrabbasso/chitarra acustica. Ancora i soliti miglioramenti nella resa del basso, mentre la chitarra suona decisamente più naturale, dal suono meno "volgare" rispetto a come lo
sentivamo prima (mi risulta difficile descrivere questa cosa, ma è piuttosto evidente). Una delle cose più difficili da rendere nella riproduzione del suono della chitarra sono le valanghe di suoni armonici che essa può produrre e nel controllo dei quali Metheny è un incontestabile maestro. Anche in questo caso i miglioramenti sono stati facilmente percepibili: maggiore ricchezza armonica e dolcezza nella resa generale dello strumento (evidentemente i cavi Sbisà non sono mai aspri, anzi forse tendono un po' ad addolcire il suono e ciò per i miei gusti è decisamenteun bene).

Ascolto n° 4: Carlinhos Brown - Omelete Man - CD EMI

Brown è uno dei maggiori esponenti della musica brasiliana (è uno dei Tribalistas, per intenderci) e questo per me è il suo CD più bello. Grande fantasia, belle melodie e suoni di tutti i generi. In questo caso il miglioramento più grande l'abbiamo osservato nella trasparenza, ci   è stato possibile  sentire  particolari   che prima non

sentivamo e il basso, stavolta  elettrico ,  è parso  più   controllato   e   pulito   (è  un suono di basso molto particolare, timbricamente vario e dalle inflessioni quasi elettroniche). Ancora una volta le voci sono parse più dolci e naturali.

Ascolto n° 5: Gustav Mahler - Sinfonia n° 1 - Sinopoli CD Deutsche
Grammophon

La grande orchestra è, insieme al jazz, il genere musicale che amiamo di più, e questo brano in particolare è uno dei nostri ascolti preferiti, soprattutto in questa versione. È stato l'unico caso in cui non ci siamo
trovati d'accordo: per me suona meglio con i nuovi cavi, mentre per Daniela e le altre due suona meglio con il Taralabs. Abbiamo comunque osservato un buon controllo del suono, che non è mai aspro o "sparato", bene soprattutto gli ottoni e le percussioni. Il suono degli archi era buono anche prima, probabilmente per merito dei finali valvolari, ed è rimasto tale.


Ascolto n° 6: Jean Sibelius - Sinfonia n° 2 - Barbirolli LP EMI (originale)

Questo è un altro dei nostri ascolti preferiti, sia per la bellezza della musica che per la bontà dell'esecuzione e della registrazione, da alcuni ritenuta uno dei riferimenti assoluti del genere. Come ho accennato in

precedenza, i risultati nell'uso dei cavi di segnale con il giradischi (ne sono occorsi due, dato che utilizzo un pre phono separato) sono stati molto più difficili da mettere a fuoco. Si traducono però in lievi (ma

sicuramente presenti) miglioramenti nella pulizia, nella nitidezza del suono, che permette di identificare meglio i particolari (stiamo parlando comunque di una registrazione di riferimento, che suonava benissimo anche
prima), cosa di cui si giova ovviamente l'immagine, che risulta più profonda e scolpita. La dinamica rimane di prima classe e così anche la timbrica (intendo dire che i cavi comunque non introducono peggioramenti
rispetto alla situazione precedente).

Ascolto n° 7: Jennifer Warnes - Famous Blue Raincoats - LP Cypress

Un disco che è stato un riferimento, e che ora è forse un po' sorpassato da un punto di vista audiofilo. Noi l'abbiamo ascoltato perché è un disco splendido, con una grande voce femminile e ci intrigava sentire la sua resa nella nuova situazione. Anche qui i miglioramenti sono stati poco rilevanti e si traducono in sostanza in un maggior impatto emotivo (più "punch" insomma) con la batteria in grande spolvero e la voce che mantiene la sua grande bellezza ed acquista leggermente in naturalezza e, ancora, in dolcezza.

In conclusione, direi che i nuovi cavi di segnale ci hanno complessivamente migliorato il suono, già piuttosto buono dopo il cambio dei cavi di alimentazione senza per questo ridurci sul lastrico, e ciò non è poco       g.forghieri@tiscalinet.it 


Il commento di PAOLO    PROVA CAVI ALIMENTAZIONE SB3 E  SEGNALE SB16

Ciao Davide,

dopo molto tempo ti invio le recensioni dei tre pezzi che ho acquistato (più o meno).

Spero di meritare la pubblicazione.                             Click sulla foto per vedere altre foto dell'impianto .

In breve, il mio impianto:
.
Parasound CD-P 1000
. Audible Illusions Modulus 2-D
.
2 X Manley Tiny Triode 25 W
. Quad ESL 57
. cavi di segnale: Van Den Hul, Transparent [fascia

   medio-bassa], Nordost Red Dawn (in prova),

  Coincident     CST IC
. cavi di potenza: Coincident TRS, che hanno da

  poco sostituito gli YBA Diamond

Impressione di ottima fattura generale, robustezza e affidabilità per il cavo di alimentazione, solo buoni i connettori RCA del cavo di segnale, e sufficiente la qualità della ciabatta, che risulta troppo "plasticosa"

specialmente rispetto alla qualità complessiva.   Le impressioni d'ascolto sono state realizzate utilizzando incisioni di qualità variabile, sia di classica che jazz e pop/rock.

 Cavo di alimentazione SB3: rispetto all'originale del Parasound, si avverte una sensazione di maggiore solidità e pulizia in tutta la banda audio. Rispetto all'YBA Diamond, in un confronto a memoria, si perde forse qualcosa nella sezione dei bassi. Purtroppo non ho potuto testarlo sulle altre elettroniche. Rapporto qualità/prezzo eccezionale.   Cavo di segnale SB3: Con i VDH e i Transparent, il tuo cavo vince in maniera netta in gamma alta e bassa. Se la gioca inoltre ad armi pari con il Nordost Red Dawn cedendo, seppur di poco, a favore di esso per la sua maggiore estensione e una sensazione di maggior pulizia.  Netta la sconfitta con l'eccezionale cavo Coincident CST IC, costruito da una casa canadese pressoché sconosciuta in Italia, dotato di una dinamica, una neutralità, una qualità complessiva assolutamente eccezionale (costo: circa 280 Euro). Il cavo è stato provato sia tra cdp e pre che tra pre e finali, con risultati comunque omogenei. Il rapporto qualità/prezzo del tuo cavo risulta anche in questo caso elevatissimo.

 Ciabatta: nel mio impianto non ho riscontrato differenze percettibili collegando le elettroniche alla tua ciabatta, ad altre ciabatte meno "industriali", e direttamente alla rete. E' possibile una bassa "risoluzione" e capacità di messa a fuoco del mio impianto. Ad ogni modo, un accessorio utilissimo ad un prezzo ragionevole.

 

Saluti.    Paolo, Firenze.                p.romoli@centrica.it


Il commento di GABRIELE CAVI SB16

Impianto cosi composto:

cd player:  

Arcam Alpha 7SE

amplificatore: 

 Electrocompaniet ECI2

diffusori:

B&W CDM7NT

cavi alimentazione :

SB3  audiocostruzioni

cavi potenza

SB8  audiocostruzioni

cavi segnale:

SB16 audiocostruzioni

Il cavo SB16 che il mio amico DAVIDE ha appositamente costruito per me è di aspetto molto gradevole ma la cosa che sono sicuro sorprenderà tutti coloro che decideranno di acquistarlo è il beneficio palesemente riscontrbile di cui beneficerà il vostro impianto dopo la sua introduzione all’interno della catena nel mio impianto ha apportato i seguenti benefici:tutta la gamma di frequenze che compone il suono che udiamo risulta essere decisamente più calda ed equilibrata il basso di conseguenza è più corposo e meglio controllato,la voce timbricamente più corretta e le alte infine hanno un microdettaglio ed una analiticità maggiori senza mai tuttavia degenerare nella fatica di ascolto fenomeno che tende a verificarsi con una certa frequenza.

Considerando il suo prezzo di circa 45 euro necessario per l’acquisto e decisamente irrisorio se paragonato alle prerogative del conduttore suddetto sono quasi sicuro di poter affermare che resterete entusiasti della sua riuscita; se il salto di qualità (relativo ad un cavo)è ciò che cercate questo avverrà sicuramente  a meno che voi non possediate cavi come quelli di FULVIO (credo siano i MIT) in questo caso le cose potranno solamente peggiorare ma vi ricordo che il cavo costruito da DAVIDE costa circa 45 euro mentre i MIT di FULVIO circa 1000euro il che li posiziona su due pianeti differenti nel senso che sono a mio avviso assolutamente imparagonabili tra di loro;tuttavia la frase che leggete sul sito”PARAGONATO CON CAVI DI COSTO MOLTO SUPERIORE ” a mio avviso è veritiera infatti credo che per avere qualcosa di meglio sia necessario spendere almeno 3-400euro,circa cioè 10 volte il prezzo delSB16. Credo di poter concludere questa mia recensione consigliandolo spassionatamente a tutti coloro che desiderano UPGRADARE il loro impianto senza per questo dover spendere una fortuna,anche se personalmente ritengo che l’HI-FI sia un hobby al quale l’aggettivo economico si addica decisamente male;un cordiale saluto a tutti e spero di essere stato di aiuto a tutti coloro che avevano dubbi in merito.

GABRIELE PONTI da ROMA     ny1521981@msn.com  


Il commento di RENZO  CAVI SB16

Ti rispondo in fretta in una pausa del lavoro , poi con più calma farò la mia recensione.
Dico solo questo .. sono fantastici ! per  il cavo di segnale e come aver usato il " niagara " per lo sturalavandini , e dire che avevo un mit 3 .
Il segnale passa di piu' sia verso l'alto che verso i bassi, pur mantenendo una morbidezza eccellente ( cioè senza una fatica di ascolto) in sintesi: : come aver cambiato l'amplificatore.

Voto rapporto qualita' prezzo : 10 con lode

Complimenti     Ciao renzo
dimenticavo ho un M. Fidelity A2 con cd North Star 192
renzofu@libero.it


Il commento di LORENZO  CAVI SB16

Ciao Davide,
scusa per il ritardo, ma solo ora sono in grado di inviarti la mia personale recensione sui cavi che ho acquistato da te.  Sostanzialmente mi ritrovo con le impressioni che hanno dato gli altri amici
audiofili.

diffusori MPN Audio Monitor 1


Ho notato subito un'ampliamento dell'immagine sonora, suono morbito e "musicale", diciamo che le armoniche sono migliorate, forse come ho visto ha notato qualcun'altro ho perso qualcosa in dettaglio, ma va bene così.  Cavi definirei consigliatissimi, dato l'altissimo rapporto qualità/prezzo, complimenti!                                                    I cavi di riferimento sono i seguenti:

segnale Audioquest Diamondback
potenza Audioquest Type4
alimentazione Tnt-tts

Il mio impianto è così composto:

lettore cd Rotel rcd1070
amplificatore Norma ipa60r
diffusori MPN Audio Monitor 1
cavi alimentazione sb3
cavi segnale sb16
cavi potenza sbP

Mi permetto di segnalarvi questi 2 prodotti che ho acquistato recentemente con un rapporto qualità prezzo altissima.  Sono l'amplificatore Norma e i diffusori Mpn Audio sopra citati. Dell'amplificatore posso allegarvi la recensione di Tnt Audio che condivido pienamente, mentre per quanto riguarda i diffusori (allego foto) vi dico che monta dei componenti selezionatissimi della Morel (molto simili ai dynaudio) e ha un mobile pregiatissimo in legno massello.
Il tutto ricorda una vecchia serie gloriosa della Sonus Faber. Ovviamente
dal mio punto di vista suonano molto bene.    http://www.tnt-audio.com/ampli/norma-ipa60r.html
Lorenzo
Losommac@tin.it


       Vedi le  nuove recensioni di pagina 2     


 

Il commento di LELLO   CAVI SB16  CON  IMPIANTO MULTICANALE

 

  • LETTORE CD - SACD - DVD: Philps 963SA

  • GIRADISCHI: Thorens TD 160MK II (non lo lascierò mai) TESTINA: Grado "blue" a 1,5 gr.

  • AMPLIFICATORE: Onkyo TX-SR701E

  • DIFFUSORI FRONT: Monitor Audio Bronze B4   DIFFUSORI REAR: Audio-Pro EGO 515

  • SUBWOOFER: Jamo E5SUB 2

  • CENTRALE: AR Helios C13

  • CAVI POTENZA: Supra Linc 2X2,5 FIX

 

Ciao Davide

 

Ho ricevuto i cavi e ho provveduto immediatamente alla loro installazione. Quello che scriverò é frutto di un primo ascolto che seppur importante non é completamente esaustivo delle caratteristiche del prodotto in quanto non ho avuto il tempo di suonare tutti i CD e i vinili che impiego per le mie "prove". Innanzi il manufatto é gradevole alla vista e ben assemblato, si ha da subito l' impressione di trovarsi di fronte a qualcosa di "serio". L' impatto sonico é molto piacevole, il suono é pulito e non presenta "personalismi" di sorta, la scena musicale é estremamente credibile sotto il punto di vista della collocazione degli strumenti, ottima dunque la resa con le registrazioni live (che preferisco in assoluto e dove é facile percepire il reverbero della location ) oltre che con quelle in "studio" , risultato: il coivolgimento emotivo é di alto livello. Parlando di gamme di suoni posso dire di aver raccolto una propensione di questi cavi ad esaltare un pochino (e questo mi fa piacere) le alte frequenze non però a discapito delle basse che rimangono ben delineate ed equilibrate pur non risultando irresistibili. La prova SACD é, per me, superata a pieni voti, suonavo con dei cavi addirittura più cari ma con l' impiego di questi stasera mi sembrava di essere sul palco! Esagerazioni e sviolinate a parte trovo che questi cavi siano ottimi anche per i nuovi formati multicanale per la loro sobrietà e capacità di riportare la "verità" sonica lasciando inalterata quella sensazione di naturalezza che il  SACD desta in me. Bravo Davide, complimenti.

Di seguito la mia dotazione che non ha assolutamente la presunzione di essere HI-END ma che a me piace ed é frutto di tantissimi ascolti:

Generi musicali ascoltati: Rock Progressive, Fusion, Jazz- Rock, Classica (per organo).

  Lello D' Ascoli (Modena)        lellodascoli@hotmail.com


Il commento di matteo    CAVI SB16 

 

Ciao Davide,

Premesso che non posso portare un vero e proprio confronto con cavi hi-end,posso dire che la differenza con il cavo terminato GB&L che montavo prima è davvero enorme.  La scena sonora si amplia vertiginosamente divenendo più profonda e definita.   I bassi sono ora perfettamente controllati e i medio alti risultano se possibile più limpidi.   Ma ciò che mi ha veramente colpito è la tridimensionalità raggiunta  dall'immagine sonora,   una sensazione davvero sconcertante che ha ovviato ad un problema che temevo  irresolubile:  le dimensioni della sala (25 mq.)!
 

La mia dotazione comprende:
- cd Marantz cd5000
- pre Phase Linear 4000
- finale valvolare Quicksilver gla
- casse Infinity alpha 40
- cavi di potenza intrecciati
- cavo alimentazione schermato


Le sensazioni più strepitose con:

F.Zappa - Zootallures (sembrava che cantasse lì sulla scrivania)
The Uri Caine Ensamble - at the Gustav Mahler festival
K.Jarrett - Sun Bear Concert
Hylliard Ensamble/Jan Garbarek - Mnemosyne

Ottimo lavoro, evidentemente il tangibile risultato di una grande passione.
Matteo    matteoerresrl@tin.it


Il commento di LUCIO  CAVI SB16 

Ciao Davide intanto ti faccio gli Auguri di Buon Anno spero tu abbia passato bene le feste.

Ti comunico che ho avuto modo di rodare ben bene i tuoi cavi e ti posso assicurare che il mio impianto sembra adesso un'altra cosa il suono e molto piu' aperto ha acquistato dinamica con tutte le frequenze alte medie e basse prima usavo un paio di monster ma evidemtemente erano una strozzatura al segnale del mio amplificatore. Adesso come ti avevo promesso ne voglio un'altro paio sempre di un metro che devo installare in un'altro impianto (mio fratello ne vuole un paio anche lui.)    Saluti    garibald@protec.it


Il commento di MIRO  sui   CAVI SB16 

 

 Ciao Davide, mi sono fatto attendere un pò, ma eccoti le  mie impressioni sui tuoi cavi:   Il mio impianto è così composto

 - Ampli integrato Marantz Pm 7200
 - Lettore CD/SACD/DVD Video Philips 963sa
 - Casse(2) ESB FX-3000 Studio
 - Cavi di potenza intrecciati

Ascolto prevalentemente musica Jazz e Rock, ma uso l'impianto anche per l'ascolto\visione  dei Film(in stereo naturalmente).  Premetto inoltre che  sono passato dai cavi di segnale in dotazone al Philips ai tuoi quindi non posso fare  paragoni con altri cavi.

Per quanto riguarda l'ascolto sono rimasto molto colpito  da come il suono del mio Ampli  risulti MOLTO più ovattato,meno stancante,pur conservando tutta la dinamica,ma sono i bassi  che mi hanno veramente colpito e PARANOID ANDROID  (Radiohead) è ora cio che doveva essere!

Il miglioramento è evidente anche nei film dove la colonna  sonora è molto più "piena" e il tutto è più amalgamato e i dettagli risultano più  nitidi.   Quindi un acquisto più che consigliato a chi, come me, non vuole spendere un capitale  e ritrovarsi con dei cavi che migliorano sensibilmente il  livello del proprio impianto.  Per quanto riguarda il cavo di alimentazione per ora l'ho  installato sul cd, ma non mi sembra di sentire grosse differenze, per un commento  finale aspetto di modificare il  Marantz con la tua vaschetta iec e sentirlo su di un  ampli. Però nel frattempo una cosa  posso dirla è VERAMENTE BELLO!!!    Un ultima parola va spesa per tua professionalità, c'è  stato un errore nella  spedizione e appena 5 giorni dopo avevo in mano il plico  con ciò che mancava, non  serve dire nient'altro.

Ops. dimenticavo il Philips con sotto le punte fa un  figurone! :)      Alla prossima e complimenti

  Miro De Carolis       m.decarolis@infinito.it

 


Il commento di ANGELO   sui   CAVI SB16 

 

Ciao Davide
Finalmente sono riuscito a dedicare del tempo alla mia attività  preferita... ascoltare musica. E finalmente ho potuto mettere alla prova i tuoi cavi.   Pur non essendo perfettamente rodati ho trovato che i tuoi Sb-16 di   segnale sono  "meravigliosi"      .....bella estensione in gamma....soprattutto   bassa e devo dire grande pulizia nello spettro...ma devo ancora finire  l'analisi (hanno sostituito dei vecchi Monster Cable Interlink 2 )..   Per quanto riguarda i cavi di potenza stanno sostituendo e direi   egregiamente dei VanDenHul d352 Hybrid.  ora direi che devo continuare il mio ascolto e finire il rodaggio...ti  scriverò presto mandandoti le foto anche dell'impianto.  Tra l'altro è entrato nel mio sistema un nuovo elemento (anzi due) ...Un  giradischi (Pierre Lurnè) + pre -phono (Lector).    
taurino.angelo@it.sika.com


 

       Vedi le  nuove recensioni di pagina 2     

 

 

Hit Counter Torna alla pagina iniziale