Recensioni e Schede

 Jungson Moon Harbour S2

Lettore CD a Valvole

 

Di cosa si tratta

Lettore CD  valvolare

L'importanza di iscrivervi alla newsletter

Produttore

Jungson

Caratteristiche

Uscita Valvolare desing particolare

 Costo

920/00 euro      Sbisa'  Giovanni e c snc  Via Grosoli 6  Carpi   MO  Italy Mail  info@audiocostruzioni.com    tel 335.5367848  oppure  059.685054

Descrizione azienda:

 

Intanto  vorrei  raccontarvi  due  cose su questa  ditta , praticamente sconosciuta da noi  e  forse  quasi ovunque , segue l'onda   di questa   invasione  cinese .  

Costruisce  prodotti  di alta  qualità , tutta roba a transistor  e di fascia molto alta , con  una cura particolare per la progettazione, il desing e l'uso di prodotti di qualità , fino ad arrivare ad amplificazioni al top  di gamma  con costi che arrivano a 12.000  dollari.

Poi parlando con un amico , che aveva fatto una ricerca  su questo tipo di prodotti  che mi disse " guarda Davide  questi sono prodotti di altissima qualità  e la filosofia di questa azienda  e quella di contrastare i prodotti Krell".     Mi sono deciso  e   ho provato ad ordinare  un cd  .. mi e piaciuto ed ho continuato.

Al momento dell'ordine non avevo nemmeno idea  di come era fatto , ma questo ultimamente avviene abbastanza  spesso  con questa mancanza di informazioni  su questi prodotti  Cinesi.

Appena  ho aperto la  confezione  mi sono trovato davanti  un manufatto  veramente bello, una specie di piramide  di alluminio  .  ma leggete e guardate sotto per  altre info.

 

 

Caratteristiche:

 

• Burr Brown PCM 1732 upsampling DAC
• Philips VAM 1202 transport
• TUBES :
3 x 12AU7
• Analog TUBE Outputs : balanced (XLR) non balanced( RCA)
• Signal to noise: > 100dB (A)
• Low jitter S/PDIF coaxial digital output
• TOSLink optical digital output
• Voltage: 220 - 240 VAC
• Weight:11 Kg
• Dimensions (mm): 376(W)x370(D)x105(H)

 

Questo lettore ha vinto il concorso come miglior sergente digitale sotto le mille sterline in Inghilterra anno 2005

 

Descrizione:

 

Partiamo dal solito confezionamento alla cinese ... fatto veramente bene , una  doppia scatola , la potete notare a fondo pagina , e appena tolgo la protezione in polistirolo espanso , mi trovo una bella copertura in stoffa nera ..   questi sono piccoli particolari , che però fanno tanto piacere  .

Tra l'altro per i maniaci della pulizia e cura si può anche usare a fine sessione d'ascolto per coprire il lettore.

 

 

Il desing e di quelli senza compromessi , o lo ami oppure lo odi !!!  io sono tra  le persone che  amano  questo progetto ....

La forma particolare piramidale , l'uso abbondante di  lega di alluminio  anodizzato di alto spessore   , i bordi arrotondati ,   la tastiera comandi con pulsanti che si illuminano di azzurro  quando selezionati gli danno  veramente un bell'aspetto .

 

Scheda fotografica:

 

 

 

 

 

Veramente costruito in modo sopraffino

 

 

Dal web:


The JungSon Moon Harbour is a high-end CD player with a High Definition CD decoder. Its fully balanced (tube) output circuit minimizes the signal distortion and disturbance to a negligible level. This allows the original signal to be reproduced naturally. A combination of the Moon Harbour CD player and JungSon's fully balanced Class-A power amplifiers allows the music to be accurately reproduced and provide superior sound quality.

 

The Moon Harbour tube CD player



The Moon Harbour uses a high grade Burr Brown PCM 1732 upsampling DAC. This DAC upsamples internally to 96/24 and includes a HDCD filter, allowing this single chip to upsample, perform D to A conversion and automatically recover HDCD data. This high level of integration not only aids reliability, but lowers the generation of EMI/RFI data within the player which can pollute the analogue output stage, increasing distortion and spurious signal generation.

 

Tube Output Stage


The Moon Harbour has been carefully designed to minimize the amount of spurious

EFI/RFI generated within the player, together with controlling stray magnetic flux and vibrational energy which can, in itself, cause distortion through microphony. This has resulted in an analogue output stage requiring far less of the usual heavy filtering used in CD players to remove these various types of distortion from the signal. This gives the Moon Harbour a sound and presentation which is far more accurate to the original musical event. Through the application of high quality components, carefully filtered power supplies and a unique suspension arrangement on the analogue output boards, the resulting board has excellent drive capability, possesses an exceptionally fast and open sound whilst producing a large, highly focused soundstage. Unusually for a CD player at this price point, the Moon Harbour is equipped with not only single ended outputs, but also balanced outputs on high quality XLR connectors, allowing the Moon Harbour to be used in a fully balanced system.

Il certificato CE

 

 

 

Digital Outputs


When examination of many current digital transports showed that many of these units are CD players with the DAC stage removed to produce a digital transport, then priced at a premium, however the digital transport has already been integrated, therefore the MH-S1 is equipped with a high quality, low jitter S/PDIF coaxial digital output and a TOSLink optical digital output.

 

Power Supply


One often overlooked area of CD player design is the power supply, yet this is a crucial area as failure to supply sufficient current to the analogue output stage, inadequate isolation between the digital and analogue stages, ineffective filtering of the incoming power and lack of damping of the magnetic fields generated by transformers can all prove seriously detrimental to the performance of a high end CD player.

The PSU design begins with a massive transformer, a transformer which is capable of delivering much more power than asked for, meaning lower levels of stray magnetic fields within the CD player chassis. To further ensure isolation of the transformer from the rest of the players internal electronics, the transformer has a copper shield enveloping the windings, effectively isolating the transformer from it's environment. The power is then rectified and fed to a bank of capacitors which, in turn, feed the individual analogue and digital circuits together with the transport mechanism, each well isolated from each other, ensuring that modulations in one circuit pass the other circuits without distortion.


Transport


To ensure long term supply and consistency, the VAM 1202, a direct replacement for the classic Philips CDM 12.1 and 12.2 transports used in players such as the Primare and Sugden Masterclass players has been used.To further enhance its performance the transport has been mounted onto a slab of copper, 10mm thick and 160mm wide which is then fixed to the base plate of the player. This rectangular slab has also been precisely machined to break up the resonant modes in the material. The resultant mass loaded transport delivers very near state of the art performance in a compact chassis.


Chassis design


One of the key principles of the design is to allow the CD transport to operate free from unwanted resonance and vibrations, a platform which would neither distort or flex, a platform which would provide a rigid base for the analogue and digital circuits together with the digital transport. The decision was taken to use a multi element chassis with extruded 4mm thick aluminum side cheeks, profiled so at to break up resonance which could form in a solid slab of aluminum, with an 8mm thick aluminum front panel, and a base plate made from two sheets of material, aluminum and copper, bonded together to form a multi layer composite. The copper was placed on this base plate to form a highly effective RFI/EMI shield from components which may be located beneath it in an equipment rack. A heavily damped 3mm top plate finishes off the enclosure, making a none resonant enclosure, highly resistant to vibration and resonance's, allowing the electronics to operate at their highest level of performance.

 

Control


The Moon Harbour can be controlled from the simple transport buttons on the top plate of the CD player, which are inset in a milled enclosure and are designed to illuminate when used giving a visual confirmation of your instruction to the player. The Moon Harbour can also be controlled by an elegant, sculptured wooden remote control. The type of wood selected is strong, yet lightweight, so using the Moon Harbour is almost as enjoyable as listening to it.

 

Design


In today's increasingly compact homes, few people have the luxury of having the audio system locked away in a separate listening space, so with this in mind the truncated pyramid design has been fabricated to make the Moon Harbour at home in the most stylish of spaces. The none rectangular shape also has the practical function of not supporting resonance modes readily, further isolating the Moon Harbour internals from the outside world

 

Vediamo dietro

 

 

La doppia uscita sia XLR che RCA e la solita uscita  Digitale coassiale e Ottica.

 

 

Vediamo dentro:

 

 

 

Il doppio trasformatore nella foto di sinistra e la serie di 4 valvole  nella foto a destra

 

Il telecomando:

 

Molto accattivante  in legno e alluminio

 

L'imballo:

 

 

 

Come suona:

 

Cosa  dire  io ogni volta che ricevo uno di questi prodotti  cinesi  rimango molto impressionato  dalle qualità  soniche  oltre che che quelle costruttive.

Tutti i lettori CD che ho provato  fino ad ora  hanno dato tutti quanti  una impressione  di lettori  molto moderni , addolcendo molto  tutte le frequenze  medio alte e dando sempre  una maggiore  spazialita' e dinamica al suono.

E anche questo  lettore non smentisce  quello percepito  per gli altri modelli.

Una ottima neutralità e ricostruzione dell'immagine  .. ma  mi diventa difficile  fare paragone con gli altri  ...  perche sarebbe troppo personale....

Di sicuro le valvole si sentono e la tipica raffinatezza  che solo loro possono sprigionare lo rendono un apparecchio dolce e  piacevole all'ascolto , ma senza per questo essere troppo impastato e gonfio

 

 

Roberto ha sostituito le valvole ecco come e andata:

 

 

Cambio di  valvole al lettore cd Moon Harbor S2 Jungson

 

Mi trovo ad una fiera di elettronica col mio amico e noto con piacere che vi si trovano due stands che commercializzano valvole. A quel punto tiro fuori un foglietto che avevo con me e chiedo se hanno delle 12AU7 selezionate: mi rispondono di sì, e che sono delle ‘Electro-Harmonix gold pin’.

Bene, le compro e me ne torno a casa  felice, ma quando apro il Lettore CD mi accorgo che al suo interno sono presenti delle 12AT7 (!!!)  con mio grande stupore e qualche imprecazione… ma che fare?

Chiamo Davide di Audio Costruzioni, il quale mi consiglia di chiedere chiarimenti a Giuseppe che, di solito, risponde cordialmente sul sito. Intanto che aspetto la risposta, confronto le caratteristiche elettriche delle due valvole che sembrano perfettamente intercambiabili nel senso attuato, ma non viceversa. Infatti, Giuseppe mi rassicura e mi conferma che le valvole da me comprate sono più lineari e performanti; a questo punto  procedo alla sostituzione definitiva.

 

 

Passo quindi dalle Phillips 12AT7 alle 12AU7 della Electro Harmonix gold pin.

A questo punto, fatti alla mano, i 45€ spesi per le valvole hanno sortito qualche cambiamento a livello sonoro?

Direi proprio di si: non livelli stratosferici ma sicuramente rilevanti, al mio udito.

Primo: dopo un buon rodaggio (abbiate pazienza, altrimenti le buttate nel bidone), la cosa che si nota di più è un maggior dettaglio e microdettaglio; tutto risulta più cristallino, gli strumenti sono più distinguibili nei pieni orchestrali che in precedenza ed ogni più piccolo suono è evidenziato.

 

Secondo: il prospetto sonoro, come ambienza e dimensione del palco, è leggermente aumentato.

 

Terzo: le frequenze basse sono più controllate.

 

Tirando le somme: se lo avessi saputo prima (e valutando la spesa), lo avrei fatto subito…

 

Provate e fatemi sapere le vostre opinioni: io sono contento.

 

Roberto Cuccu

 

Lo vediamo assieme all'integrato  Jungson Ja88

 

 

Altri prodotti Jungson presenti sul sito:

 

Il moon Harbour  a transistor

Jungson JA 88

integrato 80 + 80 watt classe A

Jungson  pre e finale

Ja3 - Ja99

 

Se volete acquistare questo prodotto da me  contattatemi  all'indirizzi sotto .

 Prezzo

920/00 euro     con garanzia e assistenza ufficiale

Info:

Sbisa'  Giovanni e c snc  Via Grosoli 6  Carpi   MO  Italy

Mail  info@audiocostruzioni.com    tel 335.5367848  oppure officina   059.685054

Il commento di Andrea

 

Ciao Davide

ieri ho ricevuto il lettore cd moon harbour

inutile dirti lo stupore per la sua bellezza che dal vivo è incredibile!

sta funzionando in repeat da ieri sera ma ho provato ad ascoltarlo subito con risultati già parecchio interessanti

ti ringrazio per il cavo che mi hai regalato, è bellissimo. ho anche letto qualche recensione sul tuo sito.

mail

----------------------------------------------

 

Il commento di Roberto

 

Ciao Davide, eccoti la mia recensione sui componenti che ho acquistato da te e sul mio impianto, così composto:

§       Lettore cd Moon Harbor s2 Jungson

§       Preamplificatore Carver c-1

§       Finale di potenza Carver pm 1.5

§       Casse autocostruite Coral  RS 108 con modifiche

§       Cavi di segnale Sb 16

§       Cavi di potenza super Elephant

Per prima cosa è arrivato il lettore cd: perfetto l’imballo, bellissima, a mio parere, l’estetica; dopo il montaggio e ad un primo ascolto, ne sono rimasto subito contento, ma è dopo il “rodaggio” che ha espresso il meglio di sé: suono mai affaticante, con basse frequenze molto estese e corpose, medie ed alte molto dettagliate, mai metalliche, anzi direi dolci come tutta la gamma dei suoni emessi.

Altro particolare non da poco, è la sensazione di spazialità che rende, l’orchestra è ben dimensionata e con tanta aria attorno, gli strumenti sono sempre ben riconoscibili anche nei passaggi più critici, nessun problema con qualsiasi tipo di musica, riprodotta anche nei più piccoli dettagli; le voci, sia maschili che femminili, sono corpose, dettagliate.

Che altro dire: sono contento dell’acquisto fatto, appaga il mio orecchio abituato ai concerti sia di classica che di jazz dal vivo.

Poi sono arrivati i cavi di potenza: i super Elephant e di segnale Sb16. Appena montati avrei buttato via tutto: basse frequenze troppo invadenti anche se corpose e precise, medie e alte arretrate e poco presenti.

Quindi sono passato ad un sostanzioso rodaggio durato 60 ore circa, in cui ho passato tutto il panorama musicale che ho a disposizione, dalla classica al jazz, rock, acid jazz ecc, senza ascoltare con cura, anche se mi accorgevo che col passare del tempo il suono cambiava.

Come suona adesso? Devo dire molto bene: i cavi non influiscono sul suono, anzi non apportano niente di proprio; tutte le frequenze sono riprodotte fedelmente ed in modo preciso, le sensazioni iniziali sparite, ma questi cavi, secondo me, non ammettono impianti che siano carenti sulle alte e medie frequenze.

Cosa posso dirvi sui componenti Carver in mio possesso da svariati anni? Il finale ha una dinamica che difficilmente sono riuscito a trovare in altre marche: riproduce tutto senza problemi di sorta e va bene accoppiato col suo preamplificatore, anche se sarei curioso di ascoltarlo con un ‘pre’ a valvole.

Non vuole assolutamente sorgenti digitali fredde e metalliche: diventa tutto come tagliato col coltello. La mia sorgente precedente era un lettore della Nad di fascia media che però si abbinava bene.

Le casse dopo attente valutazioni ho deciso di auto costruirle  su direttive della Coral Electronic: è stato sostituito il tweeter con dei Sipe, i cavi di cablaggio sono in rame OFC di buona dimensione ed il mobile è stato modificato in alcuni particolari. Al loro interno non sono presenti spigoli vivi e le casse sono disaccoppiate dal pavimento con gli appositi piedini; sono piccoli particolari che però reputo importanti per migliorarne il suono e anche l’estetica (e come vedete nelle foto, sono due belle bestie da inserire in un salotto). Tutto l’impianto è stato testato con cd, sacd, hdcd sia di classica, di jazz, italiana e rock.

 

 

Grazie Davide, puntuale nelle spedizioni e per la qualità di tutto il materiale inviatomi, ottimo e con buoni costi.

Cordialmente                                             Roberto Cuccu

Per contatti: cuccurob@libero.it

 

-----------------------------------------------------------------------

Il commento di Andrea

 

Ciao Davide,

Come promesso ti mando le foto del mio  ultimo impianto.

lettore cd con uscita a valvole Jungson Moon Harbour

cavo di alimentazione sbisà

cavo di segnale Van Den Hul The second

amplificatore Musical Fidelity A5

cavi di potenza Van Den Hul D352 Hybrid

diffusori B&W 801 matrix III

 

La mia passione per la musica e, conseguentemente, per gli apparecchi atti a riprodurla, nasce quando ero ancora bambino. Mia madre lavorava alla Rai e io facevo indigestione di tutti i dischi che i discografici in cerca di successo elargivano a destra e a manca. Allora avevo un grammofono, poi sostituito dal primo vero impianto che ancora ricordo molto bene: piatto Pioneer PL 112D, ampli Scott A426 e casse RCF BR35. (stiamo parlando degli anni 70). Ma non durò. Un mio amico, più esperto di me, si era fatto regalare un Thorens, un Marantz e due AR e ben presto volli cambiare tutto

(per fortuna avevo un padre più appassionato di me). Ma l'appagamento durò poco. Cominciai a rompere tutto, prima l'ampli, un Marantz 1090, e poi le casse, le AR 14. Era chiaro che mi piaceva sentire bene ma anche forte. Cambiai le casse con delle Electro Voice interface b e l'ampli con un Sansui AU 11000; ma non mi bastava e volli due jbl studio monitor (le 4311B). Una sera andai ad ascoltare un concerto di Gianni Togni (!) al Teatro Olimpico (di Roma) e sul palco vidi due grosse torri di ampli Audiometric e di lì a poco ne acquistai uno. Strano aggeggio cubico, con un foro sul davanti e una ventola che soffiava aria dal retro! Tanto quanto basta per far storcere il naso quasi a tutti gli audiofili che si prenderanno la briga di leggere, ma tant'è. Se qualcuno non ne avesse abbastanza, in attesa di una sorgente adeguata, acquistai anche un DBX 1BX (per chi non lo conoscesse era un espansore/compressore di dinamica).

A questo punto, erano i primi anni 80, pensai bene di scegliere il primo lettore di cd. Ne erano usciti solo quattro: un Philips, un Sony, un Pioneer e un Hitachi (lo stesso modello era commercializzato anche dalla Denon). Venduto il Thorens TD 160 MKII, mi recai a Porta Portese per una settimana di fila, ogni giorno con uno zaino pieno di tutti i miei dischi (sig!) e ricominciai tutto da capo portandomi a casa il mio bel lettore Hitachi DA 1000 da un milione e trecento mila lire.

Gli apparecchi susseguitisi nella mia catena sono veramente tanti e non posso citarli tutti. Ma di jbl ne ho avute altre due coppie: una L220 e una 4331, eccezionali ma veramente troppo ingombranti. Ripiegai su delle ESB FX3000 (chi se le ricorda?).

Fortunatamente, maturando, anche i gusti musicali andarono cambiando e allora provai le 7/06 e poi le Infinity reference standard 2.5 per poi approdare a delle imbarazzanti (per tutto quello che avevo prediletto fino a allora) Martin Logan CLS. In quel periodo,  ricordo, iniziò il grande amore per le valvole. Acquistai ul Michaelson & Austin tva 10, ma poi un Verdier, fino all'ultimo - ma è storia recente - jadis. In fatto di lettori cd devo dire di non aver sperimentato molto. Ricordo un Jvc con convertitore Pem (1 bit) che suonava discretamente e un'altro technics con una tecnologia analoga che però allora non veniva nemmeno pubblicizzata (era il periodo dei 18 bit per intenderci).

E i minidiffusori? Beh non ho ancora una moglie...

E i Mc Intosh, gli Audio Resarch, i Krell e i Mark Levinson? Sono ancora giovane e poi dovrei fare un nuovo contratto con l'Enel...

E i Cinesi? Quelli ho già cominciato a apprezzarli.

E veniamo finalmente all'impianto attuale. Tutto è cominciato con l'acquisto (usato) in rete di queste fantastiche B&W. un diffusore di riferimento assoluto. Mi resi subito conto che non sarebbe stato facile comporre una catena che gli potesse tener testa. Optai per un sistema "minimalista" viste le risorse a disposizione. L'ampli è stata a dir poco una scelta azzeccata: avevo bisogno di tanti watt, parecchia corrente ma anche un suono che non mi facesse rimpiangere troppo quello delle valvole, ormai inutilizzabili. Ebbene il MF, che appena acceso mi ha fatto venir voglia di imprecare, col tempo mi ha conquistato. Precisione, nitidezza, ricostruzione scenica e tanta naturalezza sono le sue caratteristiche.

Ma la ciliegina sulla torta è senz'altro rappresentata da questo lettore cinese acquistato da Davide recentissimamente. La sua bellezza è fuori dal comune; il suono gli è almeno pari. Ne sono diventato dipendente. Non riesco a tornare a casa senza accenderlo e godermi un pò di Musica!

Ma il tutto come suona, direte voi? dettagliato ma molto molto musicale. sento tutte le armoniche del pianoforte, così liquido, delle chitarre, pizzicate ad arte, il respiro delle cantanti, e poi gli archi, le loro posizioni nell'orchestra, i violini e i violoncelli e poi dall'altra parte, più indietro i fiati, precisi, distinti come non li avevo mai sentiti; e poi le pelli dei tamburi, così tese da temere che  possano scoppiare e poi le spazzole e i campanelli così precisi da disarmare. Insomma un vero godimento!.

Attenzione però alle incisioni in quanto se il disco è registrato male spesso diventa inascoltabile.

Non so ancora quanto questa catena durerà nella mia dimora ma al momento mi ritengo pienamente soddisfatto.   

Un saluto

Andrea    P.S. per commenti e consigli scrivetemi pure.   fogliano@andreafogliano.191.it

 

 

Il commento di claudio:

 

Ciao, dopo un paio di settimane ho deciso di scrivere le mie considerazioni sul lettore Jungson Moon Harbour S2 a valvole.

Premetto che dal vivo esteticamente il lettore oltre che essere molto bello e decisamente originale,è indiscutibilmente costruito in modo egregio; l'unico appunto che mi sento di fare riguardano i piedini di supporto, che non li ritengo all'altezza della notevole qualità della macchina. Penso che prima o poi li sostituirò. Il telecomando e' straordinario.

Il Jungson lo ho inserito in un impianto composto da Pre Denon Pra- S10, Finali monofonici Denon Poa- S10, Diffusori da pavimento Esb Gold Four MkII  ( apparecchi anziani, ma tuttora eccellenti), tutti gli apparecchi li ho connessi in bilanciato con cavi di segnale, e di potenza di medio altra qualità Van den Hul e G&bl. Considera che  (forse sono un po' folle, ma la passione...) possiedo a questo punto 4 sorgenti: Teac Vrds 20, Denon Dcd 2000ae ( acquistato per via del sacd), Marantz Sa15s1 (trovato usato ad un prezzo  talmente appetibile a cui non ho saputo resistere) e quest'ultimo Jungson acquistato perche' desideravo conoscere il suono di un lettore valvolare di ottima qualita'. Quindi posso confrontare il cinese con apparecchi che conosco molto bene e che non sono niente male.

Il primo impatto che ho avuto all'ascolto del Jungson è decisamente positivo. Non mi aspettavo che un apparecchio a valvole potesse avere un suono di una tale  definizione , la musica viene letteralmente scolpita nell'aria,  i diffusori sembrano non esistere. L'immagine e' decisamente profonda, molto dietro i diffusori, forse non amplissima, ma cio' è dovuto anche alla disposizione non ottimale dei diffusori, che sono  molto vicini alle pareti laterali. Infatti ciò capita anche con le altre sorgenti.

La gamma alta è notevolmente estesa, sale vertiginosamente pulita e dettagliata senza arrivare mai a toni di asprezza o note  pungenti. C'e' molta aria intorno agli strumenti, si percepisce nettamente l'area circostante i musicisti ed il decadimento delle note nell'ambiente.

La gamma media risulta essere molto coerente, liquida,  perfettamente equilibrata con le altre gamme, molto musicale. Il suono non appare mai impastato, tutti gli orchestrali sono nettamente riconoscibili ed egregiamente disposti nell'ambiente.

 Infine la gamma bassa, ecco qui forse non sono soddisfatto al 100% diciamo al 98%, ossia da un lettore a valvole mi sarei aspettato una gamma bassa diversa da quella che ho ascoltato.

Voglio dire che le frequenze basse e medio basse sono presenti in modo agile e nitide, pulitissime anche molto profonde,  ma  ho l'impressione  che manchi un soffio di corposita', di matericita' al suono; i bassi insomma sono come dire pieni, possenti, ma non così caldi come mi sarei aspettato da un lettore cd a valvole. Tenete conto che il Jungson lo ho confrontato con un teac che nel lontano '95 ho pagato oltre 4000000 milioni di lire, un denon da 1900,00€ ed un Marantz da 1800,00€.,

Per concludere ritengo il Jungson per il prezzo a cui viene offerto un vero miracolo, non e' per nulla inferiore alle sorgenti sopra elencate, lo ho acquistato per curiosita' e ne sono rimasto molto siddistatto

Mail

 

 

Links:

 

Questo lettore è commercializzato in Inghilterra con il marchio Inca Design modello Katana

http://www.avreview.co.uk/news/article/mps/UAN/45/v/1/sp/

324409446321284721268

Leggete qui la prova della rivista Hi Fi Choice August 2004 Issue 257

http://www.jungson.com/content/product_pages/reviews/hdcds2.htm

 

 

Home 

Hit Counter