SCHEDE E RECENSIONI

Rega Planet 2000

CD Player Integrato

 

 

SCHEDA

Di cosa si tratta:

Integrato


L'importanza di iscrivervi alla newsletter

Produttore:

REGA - http://www.rega.co.uk/

Caratteristiche:

24 bit carica dall'alto

Costo:

980 € circa anno 2006

Info:

 

CARATTERISTICHE

 

Digital Outputs: coax digital, optical digital
Analog Outputs: single-ended via RCA
Power: toroidal mains transformer, detachable AC cord
DAC: Rega 24-bit Sigma Delta IC40 DAC,
24-bit converter with 64 level sigma delta DAC design,
three stage linear phase FIR filter
followed by a 16x over-sampled linear interpolator
Enclosure: extruded aluminum,
Rega VCS case isolation system
CD Mechanism: Sony
Other:
RADS conversion stage
CD Text Display
Solar Wind remote control

 

SCHEDA FOTOGRAFICA

 

Black :

 

 

 

 

 

 

Silver:

 

 

 

 

VEDIAMO DIETRO

 

 

 

 

SOLAR REMOTE - TELECOMANDO

 

 

 

ALTRE INFO

Dal sottoindicato sito una ottima recensione:

http://www.suonoecomunicazione.com/main.asp?d=rega&m=menu&p=resuono327

La Rega ha atteso la fine del secondo anno mille per presentare un profondo rinnovamento della sua gamma di prodotti. Annunciata con alcuni comunicati stampa, la serie "2000" prevede un ripensamento abbastanza profondo (ma non così radicale) di tutti o quasi i modelli preesistenti, che oltre a cambiamenti estetici significativi, comporta e comporterà modifiche tecniche e un suono che posso definire, dopo i primi esemplari che ho potuto ascoltare, più "maturo". L'impresa è stata tentata (vedremo tra pochi numeri con quale successo) anche con il leggendario giradischi Planar 3, per il momento limitiamoci, si fa per dire, a sentire cosa è successo del suono del Rega Planet, uno dei lettori CD più fortunati e meglio suonanti (in relazione al prezzo) degli ultimi anni, e uno dei più venduti. Per l'occasione, la prova del Planet 2000 è stata condotta con l'ausilio, oltre che delle elettroniche di riferimento della sala d'ascolto di SUONO, del piccolo integrato Rega Brio, con il quale compone un'accoppiata formidabile e di costo tutto sommato contenuto in funzione delle prestazioni musicali. I più attenti agli aspetti costruttivi, invece, troveranno forse qualcosa da obiettare nella realizzazione tecnica dei due apparecchi, visto che gli stampati non risultano di qualità eccezionale: apparecchi giapponesi e anche qualche british di pari prezzo, persino un paio di piccoli costruttori nostrani ci hanno abituato a degli stampati bellissimi a vedersi, mentre quelli impiegati dalla Rega sono un po' bruttarelli, l'interruttore di accensione del CD è decisamente economico, e altri dettagli rischiano di far un po' storcere il naso. È invece drasticamente migliorato l'aspetto estetico, e in parte quello meccanico, che non prevede più l'uso di quel telaio particolare che eravamo abituati a vedere (una struttura in cui avevano un ruolo importante le scanalature che costituivano, oltre che un elemento di rigidità, un efficacissimo sistema di dissipazione del calore), ma un elegante telaio in alluminio pressofuso, dal rassicurante spessore e dal disegno che da un lato soddisfa maggiormente il senso estetico e dall'altro, grazie a una particolare sagomatura e ad alcuni rinforzi interni (due dei quali costituiti dagli alloggiamenti delle viti, che si prolungano per tutta la profondità, e uno, più grande, al centro), dovrebbe garantire un efficace trattamento di vibrazioni e risonanze. Non so quanto sotto questo profilo i nuovi telai siano più efficaci dei precedenti, a naso quelli di prima mi sembravano più rigidi, ma gli apparecchi nuovi suonano meglio, e quindi forse anche il nuovo telaio gioca il suo ruolo in questo. Fa la sua comparsa anche un pò di plastica, materiale con cui sono realizzati i pannelli frontali e posteriori degli apparecchi, e anche questa è una soluzione che lascia un po' stupiti, viste le tendenze di altri costruttori "audiophile". Immagino che queste soluzioni siano anche state dettate dalla necessità di non modificare i prezzi di vendita rispetto agli analoghi modelli della serie precedente. Il Planet 2000, infatti, costa £ 1.790.000, ossia la stessa cifra dell'ultimo listino del Planet (che era appunto stato precedentemente aumentato di un centinaio di mila lire), mentre il Brio 2000 costa si di più del vecchio Brio (peraltro uscito di produzione da qualche tempo), ma è realizzato sulla base del più potente Big Brio, che costava 1.290.000 contro 1'1.350.000 del nuovo modello, quindi sostanzialmente lo stesso. Il nuovo Mira, invece, costa lo stesso identico prezzo del vecchio integrato, ossia 1.990.000. Il Planet 2000 mantiene parecchie caratteristiche del modello precedente (tra cui la più evidente è il caricamento dall'alto), ma i cambiamenti sono veramente tanti. A parte il telaio, è cambiata la meccanica, sempre Sony (e sempre montata direttamente sul coperchio) ma più aggiornata (è impiegata la CDM145BL-5BD25, con display pronto per il CD Text), e soprattutto il sistema di conversione, che oggi è basato su un chip proprietario Rega che si chiama IC40. Realizzato per Rega dalla scozzese Wolfson Microelectronics, è dichiarato come un 24 bit concepito secondo un nuovo progetto sigma-delta a 64 livelli di quantizzazione, e consiste in tre stadi di filtro a fase lineare seguiti da un interpolatore lineare a sovra campionamento 16 X che promette di ridurre le reiezioni ad alta frequenza e, insieme al sigma-delta, ridurre gli errori di clock. Stando al materiale informativo, l'alimentazione è ora potenziata e maggiormente suddivisa (vengono anche alimentate separatamente le sezioni digitali e analogiche del convertitore). Per il resto, la macchina ha le stesse caratteristiche circuitali che avevano reso possibile il successo del Planet. Dispone di due uscite digitali (una ottica TosLink e l'altra RCA) e ovviamente di uscite analogiche. Il cavo di alimentazione è, finalmente, sostituibile. La realizzazione interna è ordinata, e anche se lo stampato e alcuni componenti secondari sono abbastanza economici, nei punti nevralgici (alimentazione e uscite analogiche) sono impiegati componenti di una certa qualità. Del Brio 2000 vi so dire meno, in quanto non avevo provato la versione precedente. Questa, che esteticamente si presenta in linea con il lettore CD, è però realizzata sulla base del più grande Big Brio ed è, a differenza del Brio normale che era un 30 watt, un 38 watt per canale. La novità principale è che vengono impiegate due coppie di transistor finali Sanken in configurazione Darlington, alloggiati contro una barra metallica a sua volta applicata al fondo dell'apparecchio, che cosi funziona come un unico grande dissipatore oltre a quello che tiene premuti in sede i dispositivi. L'alimentazione è affidata a un piccolo toroidale e il filtraggio a due condensatori Samwha da 10.000 uF. Tra i motivi di vanto declamati nel materiale informativo, l'impiego di condensatori a film Evox negli stadi di preamplificazione. Non manca ovviamente lo stadio phono, che ho potuto provare e che si è dimostrato arioso e tutt'altro che malvagio per un ampli di questo prezzo. La realizzazione è ordinata, rimangono alcuni appunti sulla qualità di alcuni elementi della componentistica (interruttore, selettore e potenziometro), soprattutto a confronto con alcune perfettissime realizzazioni di scuola giapponese e non solo. E ora veniamo alla prova di ascolto, che ho condotto nella saletta di SUONO impiegando come diffusori sia la coppia di Aliante One Zeta che utilizziamo di solito, sia la coppia di CDM 1 NT che compaiono su questo stesso numero della rivista. Il riferimento come lettore CD è stato per un certo tempo il precedente Rega Planet, poi sostituito dal super audio Sony SCD555es; le elettroniche di riferimento erano invece le abituali AM Audio. Come cavi di segnale ho impiegato i Monster Cable Interlink 800, di potenza dei cavi Rega. Dopo qualche prova, ho preferito non poggiare nessuno dei due apparecchi su punte, in quanto i piedini in gomma morbida di serie mi sono sembrati idonei mentre le punte tendevano ad asciugare un pò troppo il suono (soprattutto del lettore CD). Segnalo inoltre che nell'amplificatore non sono stati montati dei relè di accensione, per cui come si preme il pulsante si avverte quel "bump" sui diffusori al quale non eravamo più molto abituati. Ovviamente la mia attenzione si è in special modo soffermata sul Planet 2000, spesso usato come riferimento nelle nostre prove, ed ero in effetti particolarmente curioso di sentire in cosa fosse cambiato il suo suono. Ebbene, vi devo dire che è cambiato parecchio, si è reso più maturo e sostanzioso, e ha perso quella punta di asciuttezza che sembrava uno scotto da pagare per avere a questi prezzi un suono cosi luminoso e trasparente. Ora il lettore ha acquisito una solidità armonica di tutto rispetto, pur senza perdere un gran che in quanto a chiarezza di esposizione e sensibilità al dettaglio. Anche la gamma bassa è di molto migliorata, risultando più potente e rotonda di quanto non fosse prima, e dando maggior corposità al messaggio musicale. In sostanza, mi pare che sulla base già ottima da cui partiva il Planet, l'impiego di un convertitore a 24 bit abbia apportato i benefici di cui godono in genere le macchine a 24 bit, ossia un suono armonicamente più bello e rotondo. La forza di contrasto è anch'essa aumentata, forse perchè più forte è adesso la sensazione di silenzio tra i suoni, che si stagliano da un nero più profondo. Da questo derivano sia una sensazione di maggior forza (anche in termini dinamici), sia una più attenta focalizzazione delle sfumature, ma anche e soprattutto la maggior facilità di concentrazione nel momento dell'ascolto. Molto più ricca, inoltre, la gamma di colori a disposizione della timbrica, colori che assumono una netta solidità, più carnosa e pastosa di quanto non sapesse fare il vecchio Planet. L'immagine è anch'essa più plastica e meglio rifinita, il che sommato a quanto di buono già il modello precedente sapeva fare, assicura una ricostruzione spaziale di altissimo livello per un lettore di questo prezzo. Anche l'amplificatore si comporta assai bene, ma, per via di una potenza non certo esuberante e forse di un'alimentazione non cosi poderosa, non è certo in grado di pilotare ogni tipo di diffusore. Ha insomma mostrato la corda in abbinamento con gli ostici Aliante non riuscendo a renderne piacevole la gamma superiore nè a generare bassi di soddisfacente quantità e, soprattutto, qualità, ma ha però esibito delle doti eccellenti con i ben più facili B&W CDM 1 NT con i quali l'abbinamento si è rivelato, oserei dire, perfetto, al punto che l'impianto è stato sicuramente tra le migliori combinazioni ascoltate nella nostra sala, per qualità negli specifici parametri e musicalità. Notevole controllo dinamico, ampiezza di contrasto soddisfacente e, soprattutto, eccellente qualità dell'immagine sono tra le cose migliori che il Brio ha sfoderato in questo abbinamento più "terreno". Per il resto, conferma la tendenza di questa rinnovata impronta sonora di Rega, fatta di un suono più dolce e armonico, tutt'altro che privo di trasparenza ma soprattutto molto fluido e piacevole, in grado di regalare grandi soddisfazioni con ogni tipo di musica. A patto, ovviamente, di farlo suonare con i diffusori adatti, altrimenti tradisce un po' di granulosità e asciuttezza. L'abbinamento tra i due pezzi è molto, molto buono, e aspetto di avere in prova anche un amplificatore più potente per sentire come i nuovi Rega saprebbero trattare diffusori più difficili ed eventualmente ambienti più grandi. Per chi dispone di un locale di dimensioni non particolarmente grandi, in ogni caso, la coppia Planet 2000 e Brio casca veramente a fagiolo.

Egidio Mancianti

 

 

--------------------------------------------------------

Un altra recensione online:

 

http://www.enjoythemusic.com/magazine/equipment/1101/regaplanet.htm

 

 

 

 

Home