Recensioni e Schede      

Esound E5 M

Distributore ufficiale Italia  Audiocostruzioni di Sbisa' Giovanni e c snc

 

 

Di cosa si tratta

Lettore CD 24 Bit

L'importanza di iscrivervi alla newsletter

Produttore

Esound   -  China

Caratteristiche

24/192  telaio   favoloso

 Costo

780/00 €  Punto vendita e distributore Esclusivo per l'italia  Audiocosotruzioni di Sbisa' Giovanni e c Snc . Via Grosoli 6 - 41012  Carpi  MO -  tel 059-685054  info@audiocostruzioni.com   disponibile tutta la gamma Esound  chiedere

 

Caratteristiche:

 

1.  an extremely high performance to price ratio cd player offering the taste of the E5 Platinum Reference Edition at only a small portion of its price.

 

2.  It brings a new lease of life to your CDs and opens up a colorful musical spectrum.

 

3.  with 19200uF Elna filtering capactance and design features based on the Signature Edition and  Reference Edition.

 

4.  fully differential voltage output 24bit / 192Khz DAC, 64 times oversampling.

 

5.  Fully balanced pure Class A RCA output and Class AB XLR balanced output.

 

6.  Other features including:

 

frequency response: 20hz – 20khz +/-0.2db

output impedence: 22ohms

dynamic range: 95db

s/n ratio: 100db

thd: < 0.01% (unbalanced); < 0.005% (bal.)

channel seperation: 96db

output voltage: 2vrms (unbalanced); 4vrms (balanced)

digital output (coaxial):

- s/pdip (sony / philips), 6mb/s, 80mhz

digital output (optical):

- jeita cp-1201 tos-link, 6mb/s

power consumption: 18va

dimension: 430 x 345 x 90mm lxwxh

Peso:  13 Kg  circa

 

 

     

 

 

Descrizione:

 

Rispondendo alle attuali tendenze del mercato anche Esound ha  modificato  il telaio del suo prodotto più venduto , il lettore cd Esound E5 , arrotondando gli angoli e rendendo la figura meno massiccia.  Ma le caratteristiche che hanno reso cosi famoso e performante questo oggetto sono rimaste , telaio completamente in alluminio di alto spessore , componenti selezionatissimi e un progetto di base davvero buono.

 

Dal sito ufficiale:

 

philips machanism: mounted on a 5mm thick aluminum plate: optimum enhancement on stability.

 

chassis made of polished aluminum offering complete block on interference.

    

tcco / tcxo (temperature compensated crystal oscillator) clock system: as reference frequency coupled by adaptation of clock distribution system (cds). tcco / tcxo is an extremely high-end and expensive clock system with better than 5ppm (part-per-million) accuracy - 200 fold improvement over standard oscillators used in most cd players. extreme high-end cd players incorporated with tcco / tcxo clock system include: mark levinson 390s, wadia 270, 270se transport system and wadia 27ix decoding computer.

 

clock distribution system (cds): the first in china that employs this high-end technique - each component requiring the reference frequency is equipped with an independent pathway, with precise imp matching. digital signal reflection interference to analog signal circuits are banned. tcco / tcxo + cds have turned e5 into a supreme accurate and high performance digital transport as well.

 

crystal clear electric supply (cces) technique: 10 sets of isolated stable voltage supply employing the unique cces technique to all digital and analog signal pathways - completely tackle cross interference. speical handmade massive toroidal transformer with no welding point outlets. there is a 3mm extra zinc plated steel board under the transformer: against electromagnetic interference. power supply board employs wima black box - reveals the great emphasis on power supply.

 

total separated buffered circuit design: the new developed current servo circuit as opposite to the traditional dc servo circuit system - great improvement on low frequency extension and resolution.

 

Altri prodotti Esound presenti sul sito :

 

Esound E5 Reference

Esound E5 Signature

La recensione di Riccardo Mozzi

 

Scheda fotografica:

 

 

 

 

 

Vediamo dietro:

 

 

 

Vediamo dentro:

 

 

 

Telecomando:                                             Manuale :       

 

Il manuale Zippato 500 Kb circa

 

Imballo:                                            Istruzioni:

 

      

 

Come suona:

 

Questo  gioiellino racchiude i vantaggi dei migliori lettori a transistor , quindi , velocità , riproduzione coerente ed estesa , ottima separazione tra gli strumenti  con un suono nitido e preciso , ma con un basso presente e dinamico , direi avvolgente , cosa che di solito troviamo nei valvolari.

 

Se  vi interessa acquistarlo :

 

780/00 €  Punto vendita e distributore Esclusivo per l'italia  Audiocosotruzioni di Sbisa' Giovanni e c Snc . Via Grosoli 6 - 41012  Carpi  MO -  tel 059-685054  info@audiocostruzioni.com   disponibile tutta la gamma Esound  chiedere

 

Links :

 

In questo sito trovate Esound Modificati a prezzi veramente alti !!!

http://www.referenceaudiomods.com

 

La recensione di Cristiano :

 

APPUNTI e NOTE D’ASCOLTO

Esound E5m

CDPlayer integrato                               

 

Sebbene la mia collaborazione con Audiocostruzioni non si possa più definire come recente e/o sporadica, non ho mai approfittato della ghiotta occasione che, essendo Sbisà di fatto il distributore ufficiale di eSound sull’intero territorio nazionale, avrei potuto approfondire già da tempo la conoscenza con questo peraltro interessantissimo marchio di provenienza cinese.

Il costruttore è la East Sound di Hong-Kong, per i cui prodotti si basa sull’esperienza e le capacità progettuali di un valente ingegnere elettronico, certo W.K. Fung che ne ha personalmente firmato la versione Signature e la recentissima Reference.

Così come le citate versioni improved, l’Esound E5m basa le sue credenziali su di una costruzione assai robusta, solida ed un design magari non propriamente originale ma sufficientemente curato da proiettare immediatamente il lettore verso una categoria merceologica superiore, oltre ad un contenuto tecnologico ed una qualità dei componenti elettronici ed elettromeccanici solitamente più ad appannaggio di realizzazioni realmente hi-end che non entry-level.

La realizzazione spicca per l’abbondante profusione di alluminio dal considerevole spessore: persino il coperchio superiore risulta contraddistinto da una rilevante consistenza ed un rassicurante spessore al fine di scongiurare possibili e fastidiose risonanze o vibrazioni durante il normale utilizzo del lettore.

A differenza delle versioni superiori, il frontale dell’apparecchio si allinea decisamente alle più recenti realizzazioni europee e giapponesi, anche grazie alla vistosa smussatura degli angoli laterali anteriori, la posizione centrale e rialzata dello sportello porta-cd e gli essenziali comandi disponibili (quattro tasti tondeggianti in fila equidistante orizzontale, posizionati direttamente sulla destra dell’informativo display, direttamente posto sotto la meccanica di lettura).

Sulla sinistra ritroviamo soltanto il tasto di accessione del lettore e, quasi in prossimità al display, un led d’un rosso acceso quando indicante l’utile inversione di fase del segnale musicale, direttamente selezionabile dal telecomando. Quest’ultimo, identificato con la sigla CD2001, appare realizzato interamente in metallo con una finitura superficiale tale da ricordare certe cromature sabbiate di stampo industriale, che completa tutte le funzioni di controllo del lettore E5m. La mia pignoleria mi induce a segnalare le piccolissime dimensioni dei cilindrici tasti metallici, più propriamente ideali alle dita di un orefice ma di fatto sufficientemente precisi nel funzionamento e di apprezzabile robustezza realizzativa.

Dando una rapida occhiata al pannello posteriore, ci si rende immediatamente conto dell’inusuale spessore della lastra d’alluminio, sulla quale sono riportate le uscite analogiche, anche nella versione bilanciata (non comune a tali livelli merceologici), oltre a due ingressi digitali, ottico ed elettrico, e l’ormai immancabile vaschetta IEC che permette all’utente la massima libertà di scelta del cordone d’alimentazione.

I dorati connettori RCA appaiono di ottima realizzazione; certamente non sfigurerebbero nemmeno in prodotti esoterici.

La non facile rimozione del pannello superiore, completamente incastrato fra i quattro pannelli laterali grazie anche ad un’accorta smussatura dei bordi, rivela la parte che personalmente ritengo più interessante di questo lettore digitale: l’interno risulta assai ben curato, razionale, ordinato, un vero spettacolo sia per il semplice appassionato che per il tecnico attratto già soltanto dal singolo componente elettronico.

Andando per ordine, l’interno è equamente ripartito fra due grandi schede ai lati della centrale meccanica di lettura, la consueta ed affidabile Philips VAM1202/12, dietro la quale spicca l’imponente trasformatore toroidale, le cui dimensioni non sfigurerebbero in un amplificatore di media potenza.

Sulla scheda alla nostra sinistra guardando frontalmente il lettore, si sviluppa tutta la sezione di alimentazione, sulla quale ho contato almeno dieci regolatori stabilizzati di tensione e ben 19200 mF capacitivi di filtraggio, raggiunti mediante una batteria di condensatori Elna per uso specifico audio.

Sull’altra scheda si sviluppano ovviamente tutti i circuiti di trattamento del segnale digitale, di conversione D/A e le uscite analogiche: il Costruttore dichiara, fra le varie prestazioni di alto profilo tecnico, una circuitazione analogica sbilanciata in classe A pura e quella bilanciata in classe AB, con un’impedenza d’uscita bassissima, in grado di potersi accoppiare con qualsiasi stadio preamplificatore e di sopportare anche collegamenti d’una certa lunghezza senza apportare sostanziali modifiche nella risposta in frequenza.

Sbirciando meglio i componenti critici del progetto, rimango ben presto deluso per la cancellazione delle sigle sugli IC deputati alla conversione vera e propria del flusso digitale, dovendomi accontentare della dicitura “fully differential voltage output 24bit / 192Khz DAC, 64 times oversampling” riportata nello scarno manuale d’istruzioni. Tutti i componenti passivi a contorno risultano però di ottima qualità, fra cui i condensatori Wima serie rossa ed i regolatori I/V NE5334 sul circuito bilanciato. I progettisti hanno riservato una particolare  attenzione anche al problema del jitter, utilizzando un pregiato clock TCXO ed un complicato sistema di distribuzione, al pari di svariati lettori hi-end occidentali, dichiarando oltremodo un’accuratezza pari a 5ppm.

Siccome, me tapino, questi dati tecnici mi permangono criptici quando non incomprensibili, glisso volentieri a favore delle ben più ricreative ed appaganti impressioni d’ascolto.

Durante buona parte della stagione estiva ho utilizzato l’Esound E5m con tutto ciò che anche di vagamente “hi-fi” mi sia passato fra le mura domestiche, per abbinarlo infine stabilmente al pre valvolare a due telai RS-Acustica Venice Two custom edition, finali Ming-Da MC-845C e diffusori Gale Model Four pesantemente modificati (cabinet, crossover, coibente interno, connettori neutrik) e, in alternativa, al pre Audio Research LS2-Balanced, finali Albarry M408II e diffusori Mastersound Classic. Per le connessioni ho spaziato fra svariati cavi di segnale Proel, Sommercable (Epilogue e Reference Stratos), Monster Cable M1000i  e di potenza Sommercable SPM440, Mamba e Analog Research Silver Raincoat; il tutto, adagiato sul bellissimo e funzionale tavolino porta elettroniche Norstone, modello Belden.

Fra le sorgenti digitali di controllo, mi sono affidato alla solita meccanica Madrigal Proceed PCT, dac Lector Digicode e Audio Alchemy DDE v1.0 con alimentatore custom, oltre che all’accoppiata Advance Acoustic MCD403 e MDA503.

Superato un certo rodaggio di circa 40-50 ore di funzionamento minimo affinché alcune durezze e spigolosità in gamma medio-alta abbiano la possibilità si smussarsi convenientemente, l’Esound E5m si distingue immediatamente per un’impostazione sonora ed una sensazione di percezione delle componenti musicali complessive che ricorda molto da vicino i progetti di costo e prestazioni più prossimi all’hi-end che non al segmento budget-class. Il piglio dinamico è autorevole, l’estensione è rimarchevole, soprattutto per quanto concerne le basse frequenze, la ricostruzione scenica ed il discernimento dei vari piani sonori sinceramente appagante e soddisfacente, la trasparenza e l’attenzione ai dettagli più lievi e minuti appaiono di buon livello assoluto. 

L’impietoso confronto con la coppia italo-americana Proceed-Lector evidenzia inferiori vigore, estensione ed articolazione dei registri più gravi, l’immagine perde qualcosa su tutti e tre gli assi ortogonali immaginari, l’ariosità difetta di un quid sui registri medio-alti ed acuti, la timbrica appare più tersa e priva di quel suadente calore armonico generato dai tubi termoionici del fedele ed inappuntabile Lector, ma risulta altrettanto evidente che si tratta di un giudizio che dimentica totalmente del prezzo di listino dell’Esound in questione.

Sebbene l’E5m non faccia assolutamente nulla per celare il suo cuore al silicio, il suo cromatismo sonoro non appare mai pericolosamente spostato verso tonalità fredde, anzi: la notevole estensione verso i gravi ed una lievissima sottolineatura del medio-basso rendono il lettore cinese fruibile anche a lungo termine senza perciò generare o infondere fatica d’ascolto, grazie ad una densità del suono non comune in tale ambito merceologico. Le stupende partiture che compongono la celebre Tafelmusik di Georg Philipp Telemann, nell’edizione integrale curata dalla dinamicissima Brilliant Classics, confermano una lodevole attenzione al microdettaglio ed un’incalzante dinamica complessiva, tali da indurre sovente ad roteare verso l’alto la manopola del volume, tanto la musicalità appare di così buona fruibilità anche a medio-bassi volumi d’ascolto. Gli strumenti appaiono molto ben scontornati e facilmente individuabili all’interno della scatola sonora riprodotta nell’ambiente d’ascolto, con una scansione ed intelligibilità dei primi piani e degli sfondi sufficientemente fedele, dunque, virtualmente credibile. Con un tale assetto timbrico gli strumenti a corda in genere ed in particolare violoncelli, viole e chitarre acustiche risultano di spiccata veridicità, sostenuta peraltro da una quota dimensionale degli stessi prossima a quella reale.

Affrontando partiture più complesse o segnali musicali particolarmente ricchi di frequente medio-alte, l’Esound E5m pecca inesorabilmente in quel range di frequenze di un equilibrio timbrico talvolta più duro di quanto le valvole termoioniche obiettivamente riescano ad infondere. Questo aspetto emerge del resto solo con l’abbinamento ad elettroniche di grande caratura (Audio Research-Albarry-Mastersound), che evidentemente ne esaltano le pur lievi pecche. Inserendo il lettore in un sistema economicamente più consono ed obiettivamente credibile, di converso i Ming-Da sembrano giovare dello spunto dinamico e del controllo su tutto il range di frequenze offerti con generosità dall’Esound, smussando quasi completamente certe asperità in gamma medio-alta e mantenendo al contempo una benefica luminosità in tali frequenze udibili.

In definitiva, Esound centra in pieno l’obiettivo strategico per sfondare sui mercati occidentali e per fare breccia nella radicata cultura audiofila italiana, sovente persino più esigente degli omologhi colleghi francofoni ed anglosassoni attraverso un prodotto curato sotto ogni dettaglio e contraddistinto dal prezzo ancora piuttosto contenuto, partendo dall’impeccabile costruzione e dalle notevoli rifiniture, passando per una scelta dei componenti che sa abbondantemente appagare anche l’audio-tecnologo; al curatissimo sviluppo circuitale; sino alle prestazioni meramente musicali, in grado di rivaleggiare ad armi che, personalmente, ritengo pari con quanto offerto e raggiungibile dai migliori ed omologhi prodotti nippo-euro-americani di pari listino.

Se è pur vero che l’hi-fi cinese riserva ancora qualche specchietto per le allodole nei confronti dell’audiofilo tecnicamente meno esperto e sprovvisto di una certa esperienza sul… campo (leggasi: saga dei cambi continui e conseguenti piagnistei del portafogli), E-Sound si discosta decisamente da effimere strategie merceologiche giungendo ad assurgere una posizione di rilievo (finanche di trasparente serietà progettuale e realizzativa) fra la miriade di marchi cinesi che negli ultimi anni hanno invaso i nostri mercati.

Chiudo queste ultime righe crogiolandomi dalle suadenti note dell’Esbjorn Svensson Trio, stavolta però scaturite dal laser di un E5 Platinum Reference e…… ma questa è un’altra storia!

La Cina comincia davvero a fare sul serio

Buoni ascolti e sensazioni.

Cristiano Nevi 

 marvel147@gmail.com  

 

La recensione di Fabio :

 

Nuovo Esound E5M

 

Ho recentemente sostituito il mio lettore cd valvolare, un ottimo Advance Acoustic MCD 203 MKII con valvole TungSol (versione gold pin), con il nuovo Esound E5M . In realtà il mio nuovo lettore si può definire un “km0” poichè si tratta dell’apparecchio che è stato utilizzato per la recensione di Cristiano Nevi (proprio quello che si vede in foto qui sopra...). In definitiva ho risparmiato una bella sommetta dal prezzo di listino ed ho ricevuto un prodotto assolutamente intonso, rodato a dovere ma pur sempre corredato da garanzia ufficiale e con un bel cavo di alimentazione gentilmente regalatomi dal buon Davide.

La mia catena è così composta:

·         linea elettrica diretta dedicata per il solo HiFi realizzata con magnetotermico differenziale da 16A (accanto al contatore di casa) e cavi da 2,5mmq;

·         filtro di rete: IREM NS061;

·         cavi di alimentazione: Systems and Magic Goldwire per l'amplificazione e Xindak FP-1 per il CD;

·         Amplificatore integrato Advance Acoustic MAP 305 DA II;

·         Cavi di segnale HiDiamond Carbon per il CD e cavi di segnale autocostruiti -non da me- (Belden + Neutrik) per il giradischi;

·         Lettore CD Esound E5M;

·         Giradischi Thorens TD166 MKII con fonorilevatore Denon DL 103;

·         Cavi di potenza HiDiamond Power+2 Biwiring;

·         Diffusori Monitor Audio Silver RS6;

·         TV LCD Philips 42PFL7403D (ebbene sì, oltre ai film ascolto anche il telegiornale con l’HiFi)

 

 

Impressioni estetiche

 

Il lettore ha un design piuttosto minimalista ed essenziale ma al contempo elegante e solido: sembra di maneggiare un pesante lingotto di alluminio......dite pure addio a quei fastidiosi carter metallici che risuonano e si piegano alla minima sollecitazione esterna! Già solo al pensiero di dover smontare la corazza dell’E5M ti passa all’istante la voglia di tweaking estremo. Inoltre, sia il lettore che il telecomando (anch’esso in alluminio) sono dotati di efficaci piedini in gomma rigida che scongiurano incisioni più o meno profonde su mobili e tavolini. Molto belli ed efficienti i connettori del pannello posteriore. Rispetto al vecchio modello (che comunque ho visto solo in foto) mi sembra molto più lineare e gradevole nell’aspetto.

 

 

 

Impressioni di ascolto

 

Premetto che non ho mai avuto l’occasione di ascoltare un Esound classico piuttosto che Signature o Platinum, ma da una rapida disamina delle caratteristiche dichiarate dal costruttore il nuovo E5M somiglia molto, sulla carta, al Signature con qualche sfumatura del Platinum, il tutto ad un prezzo nettamente inferiore. Purtroppo non si riesce a capire bene che tipo di DAC sia stato utilizzato e ci si deve accontentare dei soli valori numerici di decodifica (24bit / 192Khz).

Come più volte riscontrato con i modelli precedenti all’E5M, confermo che l’ascolto del lettore colpisce da subito per il piacevole impatto delle basse frequenze che risultano possenti e ben scandite, senza mai essere invadenti. Di pari lignaggio appaiono anche le medie, mentre i dettagli e le alte frequenze fioriscono dai diffusori strappandoti il sorriso dalle labbra. Infine la fatica di ascolto, che spesso mi portava a preferire il mio vecchio giradischi per le sedute più lunghe, con l’E5M  semplicemente scompare.

 

Concludendo...

 

Nel mio impianto, che ritengo essere di livello medio (oppure “umano”, fate voi), il lettore Esound E5M ha apportato lo stesso miglioramento sonoro che normalmente apprezzo passando da un lettore cd di fascia media (anche valvolare) ad un buon giradischi. Ed il prezzo...è in assoluto il miglior acquisto effettuato nel corso della mia giovane carriera da audiofilo (insieme alle mitiche MA RS6)!!

 

Saluti a tutti,  Fabio Maglione  maglionefabio@interfree.it

 

 

Hit Counter

Home