Recensioni e Schede      

 

L'impianto di Raffaele

 

 

Digitex - Marantz - AR -Flexy

 

Di cosa si tratta

Impianto completo con tavolino autocostruito

Proprietario

Raffaele 

 

Il mio commento:

Bello questo tavolino , per chi non conosce il progetto  consiglio di andare sul sito  www.tnt-audio.com  trovere nella sezione autocostruzione  il tavolino Flexy   , sul sito ne abbiamo visti altri costruiti molto bene , questo si differenzia per aver usato delle barre filettate molto grosse ( 30 mm di diametro) e delle lastre di marmo, cose che mi piacciono molto , sopratutto le barre filettate grosse le consiglio tantissimo , visto che non costano moltissimo.

Le potete trovare dove vendono bulloni o in ferramenta attrezzate , ma vi consiglio la prima scelta , meno costosa.

Se possibile  chiedete filettatura  a passo fine e barre zincate , se non capite cosa voglia dire , voi annotatevi quello che ho scritto e chiedete , quando vi mostreranno le barre , capirete subito. Davide Sbisa'

 

IL tavolino di Riccardo Il tavolino di Maurizio

 

Ciao Davide ti do una brevissima descrizione dell’Impianto :

Il giradischi Thorens TD 320 MKII

Il Preamplificatore è un Digitex Pf3 autocostruito, per il quale sto cambiando il frontale, mentre il Finale sempre autocostruito “S.E. 6c33c DCMB” che monta oltre alle 6c33c due 6sn7, per 18 watt rms.

Ringraziamenti:

Il pre e il finale

 li ha assemblati Gianluca Mazzetti (cicomazzetti@libero.it )un mio caro amico

 di Roma, che lavora  alla S.I. audio di Fulvio Chiappetta, e che propone agli

 amatori, sue realizzazioni di progetti più o meno sofisticati a prezzi particolarmente

 convenienti.

 

 

Entrambi li ho comprati finiti e non li ho montati io. Le sorgenti sono un CD Marantz KIS HDAM cd17  e  un piatto Thorens TD 320 MKII , braccio Thorens e testina Dynavector Karat 17D2 MKII con un Pre Pre Rotel RQ 970 BX (che sto cercando di cambiare con un valvolare). I Diffusori sono AR tower 162 walnut.

 

Il Preamplificatore  Digitex Pf3

I cavi di potenza sono MIT terminattor 5 – per l’analogico uso un trasparent “Link 100” e per il digitale un MIT terminator 3 – tra il pre e il finale un Kimbercable ma non ricordo la sigla.

E’ da poco che ho i valvolari ma per la mia esperienza (avevo pre e finale Proton) la differenza è sostanziale, la definizione e la trasparenza dei suoni è migliorata sensibilmente con una morbidezza e nitidezza sui bassi notevole.

 

Il finale con le 6c33c

Volevo dire due parole sullo splendido Flexi che vedi nella foto. L’ho costruito su tuo progetto utilizzando tre montanti autofilettanti da un metro per un diametro di 30 mm. Le 5 mensole sono di marmo “nero d’Africa”. Tra la mensola ed il bullone ho inserito una rondella d’acciao ed una di sughero per uno spessore complessivo di 5mm. Ho utilizzato per le sorgenti i toui coni di acciaio (OTTIMI).

Credo di aver detto tutto e spero di non averti annoiato. Ti chiedo un parere sull’impianto e ti ringrazio per l’opportunità del Flexi (più lo guardo e più mi piace) bello e funzionale.

Grazie e ciao

Raffaele Papasso Portici (Na)  rcapasso@bcp.it

 

 

Il commento di Raffaele sui miei cavi SB3

 

 Ciao Davide, sono veramente contento ed emozionato nel vedere il mio   impianto pubblicato sul tuo sito e ti ringrazio davvero tanto. Mi  dispiace di non avere fatto in tempo a mandarti le mie impressioni sui  cavi di rete  SB-3 ma rimedio subito: da quando li ho montati (al pre e al finale)   noto una maggiore brillantezza e una maggiore nitidezza specialmente  negli archi e nei fiati (ascolto per lo più classica e jazz), non   speravo in un risultato migliore, veramente complimenti.   rcapasso@bcp.it

 

 

 

Home 

Hit Counter