Recensioni e Schede      

L'impianto di Nicola

 

 

Di cosa si tratta

Impianto completo  Tamp + Denon + Autocostruito

Proprietario

Nicola  nicola_ritota@yahoo.it

Ciao Davide,

mi chiamo Nicola, ho 30 anni e ti scrivo da Roma. Volevo, innanzitutto, complimentarmi per il tuo bellissimo sito, scoperto, ahimè, solo qualche mese fa, che ha risvegliato in me quella “mania autocostruttiva” che per vari motivi, prima di studio e poi di lavoro, avevo un po’ messo da parte. Mi sono appassionato all’autocostruzione circa 10 anni fa quando mi sono trasferito nella capitale per frequentare l’università. Ho avuto la fortuna di conoscere nuove persone che mi hanno iniziato all’ascolto della Musica. Dalla passione per la Musica alla passione per i mezzi per poterla riprodurre al meglio, il passo è stato molto breve. Ho cominciato a visitare negozi, partecipare a fiere. Avevo il desiderio di possedere qualcosa che si avvicinasse a quello che avevo ascoltato nei centri specializzati, ma rimaneva il solito problema, quello che accomuna un po’ tutti gli studenti: la mancanza di quattrini. Scopro così che esiste un altro modo per realizzare il proprio sogno: l’autocostruzione. Da allora ho realizzato diversi progetti, anche se la maggior parte poi si è rivelata un disastro. Oggi, grazie anche ai consigli ricevuti da questo forum, sono riuscito a mettere su un impiantino, forse degno di questo nome, che è riuscito a soddisfare me e, soprattutto, le mie disponibilità economiche…

Ti invio qualche foto ed una breve descrizione del mio piccolo impianto. Se un giorno potessi vederle pubblicate sul tuo sito te ne sarei immensamente grato.

nicola_ritota@yahoo.it

 

L’impianto, quasi completamente autocostruito, è composto da:

Amplificatore: T-Amp (ebbene sì) e Denon PMA-425R

Lettore Cd: Denon DCD-635, un lettore onesto che ha sempre svolto egregiamente il suo lavoro

Tuner: Denon TU-215RD, all’epoca ero un radio-dipendente

Diffusori: mini diffusori, autocostruiti con componenti Monacor più sub, sempre autocostruito

Cavi di segnale: tnt Shield e Tec Precision

Cavi di potenza: tnt Star

Cavi di alimentazione: tnt TTS

Supporti diffusori tnt Stand

 

Qui una vista dell’impianto

 

 

e delle elettroniche.

 

 

Per il T-Amp ho costruito un nuovo cabinet in cui ho inserito un alimentatore stabilizzato, un selettore di ingressi e un vu-meter, ricavato da una vecchia piastra a cassette Akay. E’ dotato di quattro ingressi più un’uscita connessa, direttamente al potenziometro, con la quale piloto l’amplificatore del sub. Qui un dettaglio del T-Amp.

 

 

I diffusori sono costruiti con componenti Monacor, in particolare il woofer è l’sp-100, mentre  il tweeter è il dt-254 (veramente un ottimo componente). Il filtro è del primo ordine con frequenza di incrocio intorno ai 2 KHz. I trasduttori lavorano in un volume di 6 litri con caricamento in bass reflex accordato a 60 Hz. I mobili sono in mdf da 19 mm rivestiti in similpelle. Alle pareti laterali ho incollato due pannelli in abete, sempre da 19 mm.

 

 

Il sub è composto da due woofer da 20 cm acquistati presso la ditta Punto Musica. I trasduttori sono montati, in sospensione pneumatica, in due volumi di 25 litri ciascuno. Il mobile è in mdf da 3 cm con un peso totale che sfiora i 30 kg. Come si può vedere dalla foto, il progetto è ancora da completare (da anni, a dire il vero…). Il sub viene pilotato dal mio vecchio amplificatore integrato Denon ed è tagliato da un filtro del secondo ordine a circa 120 Hz. Per i satelliti non è previsto alcun filtro, dato che il t-amp è alquanto carente in gamma bassa. Uso questo sub ormai da anni poiché, sempre se usato con cautela, riesce a dare l’impatto e la profondità che manca ai miei due “mini” diffusori e, soprattutto, perché ha una “musicalità” unica che non guasta e non appesantisce l’ascolto complessivo.

 

 

Beh, cosa dire di più, per ora ho raggiunto il mio scopo: realizzare con poco qualcosa che mi permettesse di ascoltare musica in modo dignitoso. Non oso fare commenti sul modo in cui suona, non ne sarei nemmeno capace. Però sono molto, ma molto soddisfatto.

Il prossimo passo sarà il trattamento della sala d’ascolto, sperando di non trasformarla in uno studio di registrazione, anche perché la notte ci devo dormire…

Un saluto e buon ascolto a tutti.

Nicola

 

 

Home 

Hit Counter