Recensioni e Schede      

 

L'impianto di Maruizio

 

 

Di cosa si tratta

Impianto completo Infinity 9KA- RG - Audioexklusive - Thorens - Symphonic Line

Proprietario

Maurizio  moonman1243@yahoo.it

 

INFINITY "UN MITO INSUPERATO"

 

Salve a tutti gli appassionati che frequentano queste pagine e un saluto particolare Davide che ringrazio per l'ospitalità sul suo splendido sito.

 

Sono Maurizio dalla provincia di Torino appassionato di "stereofonia" da quasi 25 anni durante i quali ho seguito quasi tutte le evoluzioni di questo fantastico mondo,iniziai la mia avventura nel 1979 con un impianto cosi' composto:ampli Pioneer SA 8800, piatto Pioneer PL 518 X  con Pick Up Stanton 681 EEE ,casse ESB 100LD (mitiche ,le conservo ancora e sono in condizioni quasi perfette) ,da allora di acqua sotto i ponti ne è passata davvero tanta.L'impianto sopra descritto nel tempo è stato migliorato con implementazioni varie,il Pioneer non pilotava le ESB come avrebbero meritato,me ne resi conto quando lo sostitui con un Onkyo 8500 ,tutta un altra musica..........e successivamente con il mio primo ampli Audiophile un Mission Cyrus Two con PSX ,al quale affiancai due diffusori secondo me straordinari i Genesis IM 8200, floorstanding due vie con tw a nastro,da quel momento è iniziato il "viatico"nel magico mondo dell' Hi-End.Nella mia catena si sono alternati pre e finali valvolari(Michaelson&Austin,CJ PV 11,Quicksilver Mono Amps) ad elettroniche a stato solido( Audio Exclusive)vari lettori cd Sony,Technics SL PL 770,OnkyoDX 706,Meridian 207(bellissimo)Micromega Duo CD con Duo Pro,diversi decks........ Sony,Pioneer, Teac V7000,Nakamichi deck2,deck1,5,svariati tuners(ne ho una collezione).....MCIntosh MR65,Sansui 717,Technics 9600-8080,Yamaha CT810 e ovviamente diversi diffusori Acoustical, Celestion 100,Jamo Concert 11.

L'impianto al quale sono approdato in modo "definitivo" è cosi' composto

Diffusori Infinity 9K A (imponenti monoliti ,autentiche icone del Big Sound americano, differiscono dalle 9K per la presenza di uno switch con selezione normal/extended ,che consente di variare la risposta sui bassi,con grande sollievo per il finale che le piloterà,io ascolto in modalità extended...............)

Amplificazione Symphonic Line nella sontuosa livrea Aranja

Pre RG2 MK III

Finali :RG 7 MK III preposto al pilotaggio della gamma bassa , RG 1 MK III per la gamma medio alta

Lettore CD Audio Exklusive P10

Giradischi Thorens 160 Super mk IV

Decks Nakamichi Deck 1 e DR2

CDR Marantz DR 6000

Tuners Sony ST 770 ES e Technics ST 9030

Centralina Cabre DR 220

Cablaggio  di segnale e di alimentazione vario..... Nordost Red Dawn,Mit Terminator,Monster M1000 MKII etc.

Tavolini :Solid Steel per le elettroniche principali, GM Audio per le sorgenti "secondarie".

 

 

Le monolitiche Infinity 9K

 

Come suona l'impianto

Ascoltare musica con questa catena in alcuni momenti diventa una esperienza quasi mistica,(Koln Concert,Cantate Domine,Kind Of Blu........).......... certo chi decide di mettersi in casa due 9 K (sette drivers per cassa) deve superare quello scoglio che ne ha limitato di fatto la diffusione, ovvero la criticità di pilotaggio,servono macchine toste e nello stesso tempo musicali e i due finali (dual mono classe A/B, erogano ognuno circa 130/140 watts su 8 ohms,potenza che raddoppia al dimezzarsi dell'mpedenza,il 7 è il più indicato per pilotaggi complessi) della Factory di Rolf Gemein lo fanno con autorevolezza esprimendo sotto questo profilo un grande controllo della situazione non disgiunto da una musicalità che avvicina le elettroniche del marchio teutonico alle migliori realizzazioni a tubi,quindi grande dinamica, gamma media plastica in alcuni casi di sconcertante veridicità con voci e strumenti scolpiti sulla scena,immagine di grande respiro ,trasparenza da elettrostatico (gli Emit e i Semit sono eccezionali componenti ma scorbutici con una neanche tanto velata tendenza a strafare, vanno "coccolati" con cavi ad hoc e un accurato dosaggio dell'emissione, nel mio sistema ho attenuato i relativi controlli di alcune divisioni) .Un discorso a parte merita la gamma bassa,come qualche altro appassionato sostiene per riprodurre al meglio questa delicata parte dello spettro audio servono drivers di dimensioni adeguate ,possibilmente caricati in cassa chiusa .........ebbene le 9 K sfoderano(se è presente nel programma musicale) un basso granitico ,modulato, netto senza rimbombi o fastidiose code e scendono parecchio........ (la casa dichiarava fino a 27 hz) conferendo alla riproduzione una sensazione di grandiosità sconosciuta anche a diffusori più blasonati ,queste straordinarie qualità vanno ascritte anche all'amplificazione che esibisce una velocità da monoposto.

 

 

Una menzione particolare và al lettore, splendida realizzazione del marchio di Eva Putz conosciuto più per gli eccezionali Elettrostatici,questa "macchina" di stampo minimalista unisce ad una lettura di rara raffinatezza una gamma media da mono triodo "melodiosa e concreta "che pare essere il comune denominatore delle elettroniche Audio Exklusive.

 

 

La riproduzione del Black Disc è affidata al classico e inossidabile Thorens 160 Super nella sua ultima ( o penultima?) versione, dal sound estremamente concreto coadiuvato da "proletari"........... ancorchè validi partners.......... braccio Mission Cyrus Arm e Pick Up Grado .

Infine le sorgenti "secondarie"

 

  

 

I registratori

La compact cassetta è sicuramente un supporto ormai obsoleto (?) ma che ascoltato su di un Naka mantiene inalterato il suo fascino ,.......si perchè i Naka surclassano in musicalità tutte le altre piastre(eccezion fatta per  Revox) e per musicalità intendo godibilità del suono (la dinamica per le caratteristiche intriseche del supporto ,tralasciando i vari compander/expander, risulta il parametro maggiormente penalizzato) trasparenza, ricostruzione della scena.

I Tuners

Sony ST 770 valido esponente della prestigiosa serie ES,costruzione accurata,estetica preziosa,qualità di ricezione e suono ottimi e basta........

Technics ST 9030 il Principe dei tuners analogici,esponente della Serie Flat linea Hi Tech anni 70 del marchio nipponico,bellissimo con il suo block diagram serigrafato sulla copertura, essenziale (solo FM), ma estremamente efficace nel pur affollatissimo etere italiano,l'ascolto della Radio ( "limitato" alle emittenti del servizio pubblico con qualche capatina su RMC ..........Nick The Nigtfly ) attraverso questo tuner regala ancora un antico sano piacere,la qualità di ricezione è elevatissima (per un analogico) ,il sound morbido (splendida la riproduzione della classica ) ma preciso e affascinante.

 

moonman1243@yahoo.it

 

 

Home 

Hit Counter