Recensioni e Schede      

L'impianto di Giovanni G.

 

 

Di cosa si tratta

Impianto completo -Autocostruito - CEC - Black Noise

Proprietario

Giovanni G.  granchel@tin.it

 

Ciao Davide, sono Giovanni Granchelli da Roma. Ti ho giÓ mandato tempo fa   delle foto e una descrizione della mia realizzazione, riguardante   l'amplificatore integrato 25 + 25 watt in classe A autocostruito con kit  della SI Audio dell'Ing. Fulvio Chiappetta, alimentazione separata,  potenziometro DACT, cablato in argento, tutti i connettori della WBT, Ŕ  provvisto di un solo ingresso (ho solo cd e non ho la necessitÓ di   collegare all'ampli altre sorgenti), rispetto alle foto della volta scorsa ho   cambiato  solo il case, passando al metallo piuttosto del legno, anche perchŔ con i  contenitori della hifi200 Ŕ pi¨ facile accedere all'interno dell'ampli per eventuali modifiche.

La pagina dell'ampli OTL

 


 

I diffusori anch'essi autocostruiti sono dipoli a largabanda con  componenti  e progetto della The Art of The Valve di Stefano Zaini, il mobile l'ho  realizzato con multistrato marino da 20 mm, rivestito con piallaccio di  ciliegio da 2 mm e rifinito a cera, l'interno Ŕ trattato con "Ex noise   200" due kg. per diffusore che ha reso il legno particolarmente sordo, le basi  sono realizzate a sandwich con tre strati alternati di mdf e multistrato  marino con camere riempite di sabbia.

 


Il giraCD Ŕ un C.E.C. 3300, trattato con Dynamat Extreme.
I piedi delle elettroniche sono tutti Soundcare SuperSpike Feet for  electronics.
Cavo di segnale Van Den Hul Thunderline Hybrid
Cavo di potenza BCD (Audio Analogue) P.I.P.C.O.
Cavo di alimetazione amplificatore BCD (Audio Analogue) S20P
Cavo di alimetazione giracd Pirelli Screenflex 3x2,5
Filtro Black Noise 1000
Linea dedicata all'hifi realizzata con Pirelli Screenflex 3x2,5

 


Purtroppo, non posso utilizzare un tavolino portaelettroniche, vuoi perchŔ  non ho lo spazio, vuoi per l'effetto moglie e principalmente perchŔ ho una  bimba di 18 mesi che mette le mai ovunque ed Ŕ particolarmente attratta  dalle valvole illuminate, quindi ho dovuto posizionare i componenti sulla  libreria... Al fine di limitare i danni ho nel tempo utilizzato punte  coniche, Magic Dream, le palle di epidauro (palle magiche). I risultati   non  sono stati male, ma mancava ancora qualcosa... Fino a quando ho letto   l'articolo presente su http://www.tnt-audio.com/clinica/ripiano.html .
 

Quindi ho interposto tra elettroniche e libreria la tavola in multistrato  marino. Altra tornata di prove per trovare la giusta interposizione (tra  libreria e ripiani in multistrato) di coni, magic dream, palle magiche,  ecc... fino a quando la soluzione ottimale Ŕ risultata la seguente: sotto    il  case dell'alimentatore dell'amplificatore ripiano in MDF e Magic Dream   (gli  stessi sotto l'ampli confondevano un po' troppo l'informazione musicale,   un  suono poco netto, un po' troppo mescolato), sotto l'amplificatore ripiano    in  multistrato e punte coniche con la punta rivolta verso l'amplificatore,  sotto ul giracd ripiano di multistrato e palle magiche (con i magic dream  vale lo stesso discorso dell'ampli). Tutto questo fino al giorno in cui ho  deciso di sostituire i ripiani in multistrato con lastre di cristallo da   un   centimetro di spessore e di dimensioni 49x30. La disposizione dei piedi,  piedini, coni ed affini Ŕ rimasta la stessa, la musica Ŕ cambiata... gli  strumenti hanno acquisito una dislocazione maggiore, particolari musicali  pi¨ ricchi, insomma sono contentissimo della scelta fatta ma allo stesso  tempo rosico un po' perchŔ immagino cosa possa succedere con un buon  tavolino portaelettroniche...  Sono molto soddisfatto del livello raggiunto, specialmente se confronto i  risultati odierni con quelli del mio vecchio impianto.

 

 

Ascolto  principalmente rock (anche metal), jazz, pop, e devo dire che i largabanda   fanno il loro lavoro con tutti i generi, anche quelle poche volte che   posso  alzare il volume (in veritÓ qualche problema a livelli di ascolto alti li    ho  con l'ambiente, abito in mansarda e purtroppo il punto di ascolto Ŕ  posizionato nella parte bassa della stanza, sto pensando seriamente ad un  trattamento acustico...), ma a livelli normali il suono Ŕ molto naturale e  mai stancante anche dopo ore di ascolto. Per adesso non ho intenzione di  ulteriori upgrade (se non il trattamento acustico della stanza), quindi  preferisco acquistare cd (attualmente circa 1000) perchŔ, per me, un   impianto deve principalmente suonare, suonare, suonare, bene, ma deve  suonare...
Questo Ŕ tutto  Un saluto e grazie dell'ospitalitÓ  Giovanni Granchelli
 

 

Upgrade ottobre 2007

 

Ciao Davide sono Giovanni Granchelli da Roma, avevo finito la   presentazione del mio impianto con "Per adesso non ho intenzione di  ulteriori upgrade    (se  non il trattamento acustico della stanza), quindi  preferisco acquistare    cd  (attualmente circa 1000) perchŔ, per me, un impianto deve principalmente   suonare, suonare, suonare, bene, ma deve  suonare...". Un noto il titolo   di  un film di 007 recita "mai dire mai" e mai titolo Ŕ stato cosý   appropriato.
Colto da improvviso raptus ho upgradato i miei dipolo aggiungendo dei   drive  unit Lowther pm6a con magnete in alnico come medio alti. I benefici si   sono   subito sentini (benchŔ i Lowther abbiano appena iniziato il rodaggio) a  tutto vantaggio dell'ariositÓ del sistema. Altro piccolo upgrade riguarda   l'estetica dell'integrato: ho aggiunto dei fianchetti in ciliegio e    frontale   in alluminio da un centimetro. Come sempre ti ringrazio dell'ospitalitÓ.   Giovanni G.
 

 

I diffusori con largabanda e aggiunta di Lowter

 

 

 

 

 

Home 

Hit Counter