Recensioni e Schede      

 

L'impianto di Gabriele con la prova del cristallo Audiocostruzioni

 

 

Di cosa si tratta

Impianto completo

Proprietario

Gabriele   gabrimg@alice.it

 

PROVA DEL CRISTALLO PORTAELETTRONICHE

 

Ciao Davide, come promesso nel week end sono riuscito a ricavare un po’ di tempo per testare il tuo supporto in cristallo per elettroniche.

Devo dire che l’acquisto è stato ispirato soprattutto dalle sue doti estetiche, senza pensare troppo alle doti “sonore”. In realtà mi sono dovuto ricredere…

Ho posizionato il cristallo sotto al giradischi, un Pro-ject Debut III, che come sai è un trazione a cinghia con  base rigida e motore flottante.

Purtroppo il posizionamento del mobile di supporto alle mie elettroniche è alquanto infelice, in un angolo a ridosso del supporto per i diffusori, anche questi posizionati in angolo, sulla parete più lunga della stanza… purtroppo meglio di così… non posso!

Questo era causa di vari acoustic feedback, soprattutto a volume un po’ più alto del solito ascolto “notturno”, tanto che se volevo ascoltare qualche cosa in vinile dovevo sempre stare molto attento a non esagerare…

Ora però le cose sono migliorate proprio tanto!!! Dopo aver posizionato il cristallo, con i piedini piccoli in gomma che erano in dotazione, tutto il rientro acustico è praticamente scomparso, anche con pressioni sonore elevate e bassi profondi. Sembra inoltre sia migliorato anche il dettaglio! Incredibile quanto si possa fare con solo un supporto in vetro! Davvero ottimo Davide.

Poi come si vede in foto, ho provato con dei supporti che avevo in casa, delle punte e sottopunte Suono Point, che non isolano chiaramente come i piccoli supporti in gomma montati in origine, però rendono esteticamente un po’ di più. Consiglio a chi dovesse acquistare da te questo ottimo prodotto, di prenderlo con i supporti in gomma più grandi (piedini del secondo tipo secondo la tua offerta), che sicuramente isolano e smorzano eventuali vibrazioni molto meglio di quanto possano fare quelli piccoli che ho provato.

 

Gabriele  – gabrimg@alice.it  

 

 

IL MIO IMPIANTO

Ora ti descrivo il mio modesto impianto, che definirei un entry level come categoria, però sufficientemente bensuonante. Viene utilizzato in una stanza di 4x5 metri, aimè posizionato su uno dei lati più lunghi del locale.

 

Giradischi:

Pro-ject Debut III

Lettore CD:

Cambridge Audio D500SE

Amplificatore:

Ibrido Valvole-Mosfet autocostruito su progetto N.E.

Casse:

Jean Marie Reynaud Twin – 60W 4W - 55-22000Hz

Sintonizzatore:

Arcam Alpha 5

Registratore a Cassette:

Teac V377

Cavi di potenza

QED

Cavi di segnale

Cambridge Arctic ed autocostruiti con cavo microfonico Tasker C208 (2x0,25 – 23 AWG O.F.C. a bassa capacità)

 

 

Il giradischi è proprio il modello base della Pro-ject, comunque un ottimo prodotto considerando il costo, lo utilizzo con la testina in dotazione, l’ortofon OMB 5E, un po’ scarsina come dettaglio per dire la verità, però per ora mi devo accontentare.

 

Il lettore CD invece credo sia uno dei migliori nella fascia di prezzo attorno ai 500 euro, 192KHz 24bit con convertitori Cristall, costruzione interna impeccabile con scheda di conversione  digitale/analogica protetta nei punti critici con delle schermature in rame ed alimentazione stabilizzata separata per meccanica, elettronica di controllo e scheda di conversione (per ognuno dei due canali). Suona secondo me veramente bene, pulito sulle alte frequenze, trasparente senza nessuna asprezza e con una gamma bassa notevole rispetto ad altri lettori provati (il mio migliore acquisto).

L’amplificatore è autocostruito, derivato da un progetto di Nuova Elettronica che trovate anche su questo sito, è quanto di meglio si possa fare con 250 euro,  un ibrido valvole-mosfet con schema classico, che suona già bene con i componenti presenti nel kit, ma che con poche modifiche si può rendere anche migliore.

 

Le Jean Marie Reynaud TWIN sono delle casse da supporto a linea di trasmissione triangolare accordata, tre vie elettriche e due acustiche (il mid-woofer ha due bobine), con sbocco reflex anteriore a fessura ed anti-turbolenza. Scelte proprio per la facilità di posizionamento in ambiente, visto l’uscita reflex anteriore, si sono dimostrate veramente eccellenti. Sono davvero trasparenti, lasciano passare solo la musica senza “colorarla”, hanno un suono sufficientemente corposo anche alle basse frequenze ma anche molto “agile”, insomma sono delle piccole casse secondo me molto equilibrate.

 

Per gli altri componenti niente di speciale, il sintonizzatore Arcam Alpha 5, comprato usato per poche lire ed un registratore a cassette con il quale mia figlia ascolta le fiabe e le canzoncine per bambini.

 

I supporti per le casse li ho dovuti fare un po’ altini, 120 cm. perché come si vede dalla foto le casse altrimenti non superavano l’altezza del mobile…

Per i cavi di potenza QED niente da dire, comuni conduttori in rame di buona sezione, mentre per i cavi di segnale tenete presente che con il cavo microfonico della Tasker “C 208” potete realizzare degli ottimi cavi di segnale a basso costo.

 

Gabriele  – gabrimg@alice.it

 

 

 

 

Modifica al CD Player Pioneer PD 204   di Gabriele

 

Home 

Hit Counter