Recensioni e Schede

L'impianto di Francesco di Modena

aggiornamento pag 2

 

 

Prefazione:

In questa rubrica  trovate alcuni impianti che vengono riproposti in versioni aggiornate , questo forse ad alcuni di voi potrà  sembrare inutile , invece  io lo trovo molto molto interessante e vi spiego il perchè :

Come prima cosa  si crea una storia  hi-fi e si entra nel dettaglio delle scelte dell'appassionato e poi si chiedere al diretto interessato cosa ha riscontrato  nei vari cambiamenti .....  cosa che può  tornare utile a tutti  noi  quando decidiamo di cambiare  qualcosa .  Se avete  qualcosa da chiedere fatelo pure , penso che a tutti gli appassionati che inviano foto e altro da pubblicare , faccia piacere   dare risposte e aiuti.

Vi chiedo anche  di inviare a me per conoscenza le vostre risposte , in modo da ampliare l'articolo.

  Quindi  ragazzi  se avete  qualcosa da dire , qualche cambiamento e altro fatevi sotto  e inviate tutto a me  Davide S.  info@audiocostruzioni.com

 

Ecco le fasi  di Francesco:

1 2 3

 

Ciao Davide! Nel week-end ho scattato qualche foto all'impianto.  Come ti dicevo ho concluso il processo di "levinsonizzazione" ed  ho salutato l'ottimo (per il prezzo poi oserei dire CLAMOROSO)  convertitore North Star 192 per andare sul Mark Levinson 36S, un  convertitore di qualche anno fa ma dalle prestazioni di tutto  rispetto. E la sinergia con le altre elettroniche ML si fa sentire!  Attualmente sto provando alcuni cavi digitali e analogici bilanciati  (con cui collegare il convertitore al preamplificatore; col North  Star non potevo effettuare una connessione bilanciata a causa  dell'assenza delle uscite bilanciate su di esso). Mi sto guardando  attorno insomma. Credo però che rimarrò in casa Cardas per quanto   riguarda il cavo di segnale sostituendo il mio attuale Microtwin  sbilanciato con un Golden Reference bilanciato. Per il cavo digitale,   AES/EBU, sono un po' più incerto. Ho attualmente in prova un  Burmester Silver, in argento, che mi sembra molto interessante. Mi è piaciuto di più di altri cavi che ho provato in questi giorni.   Non mi dispiacerebbe però valutare anche il Madrigal MDC-1 Pro,  tanto per rimanere nel territorio Mark Levinson. Vedremo.

 


Oltre alla musica riprodotta il meglio possibile, oltre all'ascolto  quindi, vivo la musica anche in un modo più diretto: suonandola!  Amo la chitarra ed ho iniziato a studiarla seriamente nel 1989.  Per circa 7/8 anni l'ho fatto con maestri molto bravi, preparati  ed importanti, sia all'Accademia di Musica di Modena che  all'Accademia di Musica Moderna (sezione "chitarra rock") sempre  di Modena, che al CEPAM di Reggio Emilia. Lo studio di uno  strumento, di fatto, non termina mai quindi la voglia di andare  avanti, di migliorare, di maturare musicalmente, è sempre presente  e continua anche adesso dove mi trovo a potermi gestire da solo  nello studio.

 

 

 

Ho avuto per diversi anni una band con la quale mi  sono tolto diverse soddisfazioni tra cui qualche concerto di alto  livello, un contratto con una etichetta e la conseguente uscita di un CD di musica originale distribuito in tutto il mondo. Ad ogni modo  il mondo degli strumenti musicali per me è affascinante come quello  dell'hi-end ed anch'esso apportatore di grandi soddisfazioni. Nel  corso degli anni mi sono dotato di una strumentazione di buon livello  e ti mando qualche foto in proposito. Le chitarre elettriche sono:

- Ibanez "JPM100-P2" (modello "John Petrucci")
- Ibanez "RMB400-OL" (modello "Reb Beach")
- Ibanez "JEM10th" (modello "Steve Vai")

- Ibanez "JEM2K-DNA" (modello "Steve Vai")

- Tom Anderson "Hollow Drop Top"
-  Angel "Custom" (modello progettato da me e realizzato dal mio liutaio  nel 1991)

 

 

   

 

 

 Per quanto riguarda l'amplificazione ho un setup a rack con:


- preamplificatore Mesa/Boogie "Triaxis" (valvolare)
- finale Mesa/Boogie "Simul Class 2:90" (valvolare)
- multieffetto Eventide "GTR4000"
- diffusore mono/stereo Brunetti "Dual Cab"
e infine ho un ulteriore setup di amplificazione formato da:


- testata Soldano "Hot Rod 50 Plus" (valvolare)
- diffusore mono/stereo Marshall "1960A - LEAD"

 

  


 A parte tutto questo ci sono i svariati piccoli "accessori" che ogni  musicista ha e che non sto a citare. Termino dicendo che ho praticamente  terminato di attrezzarmi per poter registrare qualche idea, brano,  composizione, per conto mio, tra le mura domestiche. Ho quindi un  registratore multitraccia su hard-disk (YAMAHA AW4416) ed un piccolo  sequencer (YAMAHA QY70) sul quale posso programmarmi le basi musicali   complete sopra le quali aggiungere le parti di chitarra, etc.
 Insomma... VIVA LA MUSICA! ;)))  Francesco.

 

Torna alla prima pagina

 

Hit Counter

Torna alla pagina iniziale