Schede e recensioni

Teksonor DK902

Giradischi trazione diretta

 

 

  Di cosa si tratta

  Giradischi trazione diretta


L'importanza di iscrivervi alla newsletter

  Produttore

  Teksonor ITA

  Costo

  760.000 lire anno 1993

 

 

Caratteristiche


Giradischi con base in ghisa dal peso di 12,5 KG !!!

Scheda fotografica

 

 

 

 

 


 

 

 

 

Vediamo dietro

 


 

Links


Alcune info trovate in rete:

 

TEKSONOR DK-902
Telaio rigido in un unica fusione di ghisa (20 KG) ragazzi ve ne rendete conto?
20 kg provate a pensare doverseli portare in giro,e provate a pensare che all'epoca c'era chi faceva il dj ambulante e se li portava a presso
La parte inferiore completamente aperta e a vista(infatti erano nati per essere incassati in ripiani in muratura nelle discoteche...) non hanno interruttori di accensione, solamente i commutatori33/45 giri e il pot. slider del pitch control e il suo relativo tasto di esclusione.
Il piatto è un bellissimo esempio di plexyglass e cristallo fumè incollati insieme messo in moto da un motore a trazione diretta dalla coppia paurosa.
E pensate un po ragazzi si dice in giro (Si dice) che questo giradischi abbia partenza e stop piu veloci del comunissimo technics SL 1200.
Il braccio e un po il punto debole ma se ben registrato e tarato questo giradischi puo dare ancora delle soddisfazioni.



Altre info:

 

 

Salve a tutti,
ieri sera su un bar stavo parlando con un dj riguardo ai giradischi, in particolare alle alternative al technics e dopo un pò mi menziona un giradischi che è uscito di produzione un pò di anni fa dichiarando anche che è una delle poche alternative al Technics e si chiama "Teksonor DK 902", allora la mattina dopo, incuriosito da questa marca che non avevo mai sentito nominare ho fatto una ricerca e mi sono imbattuto in questa pagina: http://www.audiocostruzioni.com/r_s/gir ... ksonor.htm e su un annuncio su ebay c'è scritto così: "L'oggetto in vendita è un giradischi nato per uso professionale.
è stato costruito intorno al 1990 ,il piano è una fusione unica di ghisa da 12 kg compresi i 4 piedoni con regolazioni di altezza, nasce senza controtelaio per l' incassso nelle consolle da dj, la meccanica è tutta a vista e ben messa.
questo giradischi è nato dalla fusione dei tecnici della lenco assieme a l'imprenditore che ha investito sulla ricerca di questo oggetto.Nato per lavorare ''live'' in discoteca ,le sue caratteristiche sono: motore potentissimo con partenze e stop a razzo e coppia motrice da camion,per garantire una stabilita' di rotazione e una affidabilita' nell'uso stressante, regolazione della velocita' +- 18% per poter mixare vari generi musicali ,braccio studiato appositamente (e quindi non il solito braccio a ''s'')in alluminio misto ottone con 2 contrappesi e antiskating a filo col piombino, piatto in unica fusione di policarbonato fume' con sopra incollato uno specchio fume' molto bello , possibilità' di disattivare il pitch control mediante il pulsante azzurro.", e su un altro sito ho estrapolato questa parte di testo: "I Teksonor venivano costruiti nelle marche erano enormi e pesantissimi basta pensare che la base era in ghisa grezza, braccetto dritto,pulsanti start/stop di tipo industriale, erano orribili da vedere, però erano a trazione diretta, pitch control +18% -18% a cursore e lo start/stop non era all’ altezza del Technics 1200 ma si avvicinavano molto.".Vorrei sapere se qualcuno si è imbattuto in questi giradischi(che a mio parere direi che sono incredibili) e che cosa ne pensa.

 

Altre info:

 

è un giradischi nato per uso professionale.
è stato costruito intorno al 1990 ,il piano è una fusione unica di ghisa da 12 kg compresi i 4 piedoni con regolazioni di altezza, nasce senza controtelaio per l' incassso nelle consolle da dj, la mecanica è tutta a vista e ben messa.
questo giradischi è nato dalla fusione dei tecnici della lenco assieme a l'imprenditore che ha investito sulla ricerca di questo oggetto.
nato per lavorare ''live'' in discoteca ,le sue caratteristiche sono: motore potentissimo con partenze e stop a razzo e coppia motrice da camion,per garantire una stabilita' di rotazione e una affidabilita' nell'uso stressante, regolazione della velocita' +- 18% per poter mixare vari generi musicali ,braccio studiato appositamente (e quindi non il solito braccio a ''s'')in alluminio misto ottone con 2 contrappesi e antiskating a filo col piombino, piatto in unica fusione di policarbonato fume' con sopra incollato uno specchio fume' molto bello ,possibilita' di disattivare il pitch control mediante il pulsante azzurro.
 

Altre info:

 

Nessuno ha ancora nominato i Teksonor DK 902 ho pensato di scrivere due righe a riguardo. Premetto che io li ho usati solamente all’ Odeon di Santarcangelo di romagna quando da ragazzino mettevo i dischi alla festa della scuola, al Discopiù di Rimini che venivano usati nelle postazioni d’ascolto e successivamente a casa di un amico che li usa tuttora. I Teksonor venivano costruiti nelle marche erano enormi e pesantissimi basta pensare che la base era in ghisa grezza, braccetto dritto,pulsanti start/stop di tipo industriale, erano orribili da vedere, però erano a trazione diretta, pitch control +18% -18% a cursore e lo start/stop non era all’ altezza del Technics 1200 ma si avvicinavano molto.L’unico neo è il pitch control che è rovesciato rispetto al Technics 1200 quindi per fare un esempio, se un giorno ci invertiranno i pedali freno/acceleratore dell’ automobile quanti metri faremo prima di schiantarci? Questo problema si risolveva con un po’ di pazienza e un oretta di tempo libero in quanto basta smontare e girare lo slider stesso. Un altro giradischi che vorrei ricordare è il LAD. Di questo giradischi posso dire solo di averlo usato nelle postazioni d’ascolto del Discopiù di Rimini e che aveva un pitch control +16% -16% , regolabile sia da cursore che da un potenziometro a rotella. Di questi giradischi possono dire sicuramente di più i dj che per anni hanno infiammato la pista del Melody Mecca.







Home