Diffusori  LS 3/5 a  Rogers

 

Prefazione: L'amico Luca ha tirato in ballo questi  piccoli diffusori, che devo dire la verita'  io non conoscevo....  scusate ma ammetto la mia ignoranza , invece esiste un mondo di appassionati che amano queste scatolette  ormai anziane , ma con il loro fascino ancora intatto...

Per ora mi limito ad allegarvi  le mail di Luca e alcuni  link e foto che mi ha spedito , sperando di accendere una discussione , e come sempre se le conoscete e avete qualcosa da dire scrivete sotto oppure mandatemi una mail con i vostri   commenti   ciao a tutti Davide www.audiocostruzioni.com

 

 

Ciao, sono Luca, ed ultimamente sto seguendo il Tuo Sito ed altri che trattano autocostruzione ed amplificazioni valvolari, dato che da qualche tempo a  questa parte mi e nata l'nsana idea di passare a questo tipo di elettroniche, unico problema: non ci capisco nulla ne di valvole e ne di tipologie di progetto (SE, PP).
Il mio impianto attualmete e così composto:

Sorgente CD: ARCAM ALPHA ONE CD
Amplificatore Integrato: A&R Cambridge A60+ (SOLO 35 WATT)
Diffusori: Spendor LS3/5a 11Ohm BiWire ---- 2 Sub Rogers AB/1
Cavi di Segnale: Autocostruiti con cavo informatico CAT 6 Extended in connessione semibilanciata
Cavi di potenza: Autocostruiti con cat 5
Cavi di alimentazione: autocostruiti con cavo schermato 3x2

La mia grande perplessità e: quale amplificatore finale o integrato a Valvole posso collegare, senza inficiarne le caratteristiche sonore(dell'ampli) e senza farlo soffrire troppo, alle mie OSTICHE Spendor LS3/5a che hanno
una sensibilità intorno ad 83 db ed un'impedenza di 11 Ohm, considerate anche che ne ho anche un vecchio paio da 15 Ohm; che ci volete fare, ne sono innamorato, hanno una timbrica ed una velocità..... vabbe, ti annoiato
abbastanza credo.  Allora, cosa mi consigli?

luminas@virgilio.it

 

Le rogers  con sotto  l'unita per i bassi

 

Grazie per la tua risposta , complimenti ancora per quello che fate con VERA passione , ho interessato al mio "problema" anche eminenti  audiofili inglesi ed aspetto una loro risposta..... ah se vuoi approfondire la conoscenza di questi  gioiellini , (con loro non esistono vie di mezzo, o le ami o le odi :-) le ls3/5a.... e lo sono davvero ti consiglio questo sito: www.ls35a.com,  facci un salto e se non lo hai ancora fatto vatti a sentire quello che riescono ad esprimere queste due "scatole di scarpe".
Da sole ti ritirano le orecchie, in coppia con gli AB1 della Rogers ricreano lo Standard di "Ascolto di qualità".

 

Due interessanti volantini in formato pdf

 

 

 

EHHHHHHHHHHHH ?!? :-) Vuoi dirmi che non hai mai ascoltato delle ls3/5a?
Bisogna colmare ASSOLUTAMENTE questa lacuna e cmq faccio di più, ti mando
qualche allegato da spizzicare e ti do questo link:     www.ls35a.com





dove troverai tutte le risorse su questi gioielli progettati 40 ANNI FA !!!! e ancora ben suonanti.........a patto che dietro abbiano un'amplificazione più che all'altezza, e per questo che ora stò cercando dei finali a valvole  che possano pilotarle, e siccome non sono un nababbo e non ci capisco nulla  -( di valvole, l'idea di questi prodotti orientali mi stuzzicava.... dai,  fammi sapere.......... :-) ah io sono delle Marche, quindi non  siamo così
lontani......... :-) ......... enjoy.......

Luca Bordi

 

 

Le mie Spendor LS 3/5 di Davide Sbisa'

 

 

 

 

 


Ed  ecco le nuove foto  che ci ha inviato Luca ...

 

 

Il  filtro a 15 ohm ......

 

        

 

 

 

 

Il dettaglio dei due componenti

 

     

belli questi supporti vero...

 

     

 

          

 

Ed ora il motore di queste Rogers

 

Foto offerte da Luca  luminas@virgilio.it

 

IL COMMENTO DI  ALESSANDRO

 

Sperando di non aver sbagliato indirizzo, vorrei inviare il mio personale commento in merito alle "scatole da scarpe" inglesi, che possiedo da quasi dieci anni, nel modello Rogers 11 ohm, con gli stands-subwoofers  AB1( più recenti). Con una premessa.

Prima di tutto è importante che io vi dica la mia età ( 46  anni); e ciò perchè ritengo che nel nostro comune hobby sia importante l'esperienza di tanti anni  d'ascolto e di molti errori commessi nel tempo.

Una trentina di anni fa i nomi che amavo ascoltare erano ESB, Lenco, Perser....Rogers, Spendor, Quad, etc..Non si parlava di cavi nè di diffusori bass-reflex.

Per fortuna negli anni ho sempre investito moltissimo in software e poco in hardware ( anche perchè di vecchie lire non ne avevo molte) , e questo è un consiglio che volentieri mi permetto di offrire, perchè, dopo tutto la MUSICA è il  nostro vero hobby.

Quando passano gli anni ed aumentano anche le disponibilità finanziarie si puo' commettere l'errore di spendere molti soldi per inseguire delle "mode" o, semplicemente, delle recensioni che hanno solo il pregio - a  volte - di accontentare certe nostre fobie.

Ma si puo' anche diventare un po' avari e poco inclini a spendere ( confesso: è il mio caso).

Dopo trent'anni, ed aver ascoltato un numero indefinito di impianti nelle più disparate sedi e condizioni ( per non parlare di prezzi), ho potuto trarre alcune conclusioni.

a) L'autocostruzione è l'unica, vera, pietra filosofale per risparmiare moltissimi soldi: specialmente nel settore dei cavi ( trilogia: segnale, potenza ed alimentazione).

b) Acquistare - se possibile - solo prodotti usati da rivenditori seri ( cioè quelli che danno una garanzia scritta).

c) Gli impianti, infine, devono essere "omogenei" nella filosofia costruttiva e sonica.

Il mio piccolo contributo vuole ancorarsi esclusivamente a quest'ultimo aspetto. Il "British sound", a mio modestissimo parere, conserva nel tempo un grandissimo valore (in senso musicale, ovviamente; non solo economico) che lo rende immune da tante mode ondivaghe.

Nessun impianto di medio valore ( cioè alla portata di tutti: diciamo tra i duemila ed i quattromila euro - ovviamente parlo del mondo dell'usato) sa offrire una resa pari alla scuola inglese. I nomi: diciamo Meridian ( a colpo sicuro) nel settore digitale; Quad et similia nel mondo delle amplificazioni ( e di alcuni diffusori) e Proac, Rogers et similia nel vasto mondo dei diffusori.

Tra tutti, i famigerati monitor BBC ( Spendor, Kef, Rogers, Harbeth, etc) meritano un plauso particolare. Nessun minimonitor puo' competere quanto a coerenza timbrica e riproduzione sulle frequenze medie (vedi voci umane e, in assoluto, quelle femminili).

Chiarisco; anche delle Sonus Faber Minima Amator sono dei veri e propri gioielli, ma quante ne trovate in giro?.E a che prezzi ?

Ecco cosa rende imbattibili le Ls3/5a: il grandissimo numero di pezzi reperibili nell'usato, sotto diverse marche ! Senza considerare la loro intrinseca longevità.

Un consiglio spassionato è quello di munirli degli stands-subwoofers AB1 Rogers: creano un'abbinata davvero imbattibile che permettere di ascoltare musica sinfonica senza rimpiangere diffusori di più alto lignaggio sulle basse frequenze.

Inoltre questi stands-subwoofers hanno il pregio di abbassare l'impedenza complessiva, a tutto vantaggio della possibilità di pilotarli al meglio. Una cosa è certa:NON funzionano bene con un subwoofer generico. Meglio tentare di clonare l'AB1 ( lo stanno facendo in una nota rivista).

Nel mercato dell'usato non è difficile trovarli: la spesa non è mai - in assoluto -eccessiva ( diciamo sui 700-800 max

euro alla coppia di ls3/5a).

Un secondo consiglio riguarda l'amplificazione: occorrono amplificatori - soprattutto a stato solido - di ottima qualità o dei valvolari di ottimo calibro: personalmente i monitor li ho pilotati alla grande con un Copland CTA 401. Oggi utilizzo un Classé Cap 151; ma li ho sentiti suonare come Stradivari con dei buoni integrati in classe A della AM Audio, o con degli integrati ad alta corrente ( leggi Rotel, Nad, Harman Kardon) reperibili nel mondo dell'usato a prezzi davvero eccezionali.

Non provate con un T-amp !!! ( ho fatto anche questo).

Infine i cavi di potenza: purchè non vengano utilizzate delle smilze piattine rosso-nere, i monitor BBC non sono molto esigenti: forse perchè sono nati in un'epoca in cui gli unici cavi erano proprio di color rosso.nero.

Volendo andare sul commerciale posso dire di averli ascoltati con cavi ( in prestito) anche del costo di 2500 Euro  ( MIT): i migliori risultati in ASSOLUTO li ho ( potrei dire: li abbiamo) ottenuti con dei cavi Van Den Hull Hybrid 352 dal costo molto umano. Dimenticavo: le prove dei cavi le abbiamo fatte all'oscuro, avvalendoci della collaborazione di alcuni amici che di volta in volta cambiavano i cavi.  Unico arbitro: le nostre orecchie. come sempre.

Ma i miei cavi autocostruiti sono arrivati secondi e, fatto 100 il punteggio dei VDH,  sono qualificabili in un 98-99% di resa rispetto ai primi (i  MIT :75%). Buon ascolto a tutti.

Alessandro Osetto

Este (PD)     osetto@libero.it

 

SE VOLETE AUTOCOSTRUIRVI QUALCOSA ECCO QUI:

 

 

Clone delle Rogers con componenti  Monacor  di Giovanni  con filtro di Bellino

 

Hit Counter

HOME