SCHEDE E RECENSIONI

Monitor Audio   50  - 200

Diffusori reflex

 

SCHEDA

Di cosa si tratta:

Diffusori reflex


L'importanza di iscrivervi alla newsletter

Produttore:

Monitor Audio UK

Caratteristiche:

Innovativi

Costo:

320/00 euro modello 50 anno 2018

700/00 euro modello 200  anno 2018

Info:

Audiocostruzioni di Sbisa'e punto vendita chiedere
info@audiocostruzioni.com   tel 059-685054

CARATTERISTICHE

 Mod 50:

diffusore da supporto a 2 vie bass reflex con porta hive ii sul pannello posteriore - tweeter a cupola c-cam® da 25 mm - 1x mid-woofer mmp® ii da 140 mm - impedenza nominale 8 ohm - sensibilita` (1w@1m) 87 db - risposta in frequenza 55 hz - 30 khz - potenza raccomandata amplificatore 15 - 70 watt - potenza massima supportata 70 watt rms - finitura walnut (noce) - dimensioni (l x a x p) 206 x 206 x 238 mm - peso 3,6 kg

Mod 200:

diffusore da pavimento a 2 e 1/2 vie bass reflex con porta hive ii sul pannello posteriore - tweeter a cupola c-cam® da 25 mm - 1x mid-range mmp® ii da 140 mm e 1x woofer mmp® ii da 140 mm alloggiati in camere separate e accordati individualmente per una risposta ottimale sulle medie e basse frequenze - impedenza nominale 8 ohm - sensibilita` (1w@1m) 88 db - risposta in frequenza 40 hz - 30 khz - potenza raccomandata amplificatore 30 - 120 watt - potenza massima supportata 120 watt rms - doppio set di connettori per bi-wiring e bi-amping - base con punte coniche regolabili - finitura walnut (noce) - dimensioni punte incluse (l x a x p) 216 x 873 x 310 mm - peso 10,9 k

 

DESCRIZIONE

 

The Monitor 50's modern square cabinets complement the 51/2" MMP II drivers and 25 mm black C-CAM tweeters. By placing the tweeters in the top corner of the speakers, Monitor Audio has been able to reduce the size of the cabinet and give a unique appearance.

The compact dimensions, driver technology and rear port allow the speakers to perform in the most confined locations. As the cabinet is rear ported, the output is well damped and is suitable for placement close to a wall. A single set of high quality gold plated binding posts provide the connections for a suitable amplifier. The Monitor 50s certainly sound bigger than they look.

  • Classic Monitor Audio speaker design with a playful twist

  • Orange translucent MMP II (Metal Matrix Polymer) driver cones – adds a stylish touch

  • High overall impedance (8 ohms) – easy to drive with lower power amplifiers

  • Black C-CAM (Ceramic-Coated Aluminium Magnesium) dome tweeter – derived from Monitor Audio’s award-winning Bronze series

  • Creative use of 51/2" and 61/2" drivers have delivered a compact bookshelf, floorstand model together with larger bookshelf and floorstander to complement larger rooms and higher power applications

  • HiVe II (High Velocity, Low Noise Reflex Port) technology – for an improved transient response and tighter bass, due to smoother airflow

  • Black, white or a walnut finish, with contrasting grey baffle

  • Outrigger feet on floorstanding models deliver a sleeker appearance, takes up less floor space and improves stability

 

 

 IL VIDEO YOU TUBE 

 

 

 

SCHEDA FOTOGRAFICA

 

Mod 50

 

 

Mod 200

 

 

 

 

 

 

VEDIAMO DIETRO

 

 

 

 

 

 

 

IMBALLO E MANUALE

 

 

 

 

 

 

LINKS

 

https://www.monitoraudio.com/

 

COME SUONA

 

La recensione di Cristiano:

 

APPUNTI e NOTE D’ASCOLTO

Sistema d’Altoparlanti:  MONITOR AUDIO Monitor 50 (e Monitor 200)

 

Monitor Audio Ltd è, senza ombra di dubbio, uno dei più affermati costruttori e specialisti britannici di sistemi d’altoparlanti, oggi più che mai attento alla massimizzazione delle prestazioni in funzione del segmento commerciale in cui si collocano le varie linee, con un occhio di riguardo tanto allo sviluppo tecnologico di settore, quanto al design del prodotto finito.

La nuova linea Monitor, che ridefinisce il segmento budget di Monitor Audio, si distingue nettamente dalle gamme superiori per un design marcatamente controcorrente, che nella forma richiama uno stile decisamente vintage, ma il cui contenuto (altoparlanti e tecnologia) eredita e sfrutta le più avanzate soluzioni progettuali applicate ai progetti di punta del brand.

Il contrasto fra l’acceso color arancione dei coni midwoofer e woofer, sprovvisti di cupola parapolvere, e le tre tonalità dei cabinet (bianco, noce/grigio e nero/grigio) regala un tocco di attualità, strizzando l’occhio alle nuove generazioni di appassionati del settore.

Particolarmente riuscita, secondo la mia personale opinione, è la finitura grigia-nera, casualmente come il modello Monitor 50 che ha saputo allietarmi nelle ultime settimane.

Rispetto agli altri modelli, un secondo bookshelf (le 100), due disegni a torre (200 e 300), un centrale (C150) ed un subwoofer (MRW-10), le più piccole 50 sono contraddistinte dalla forma pressoché cubica, con il tweeter disassato rispetto al midwoofer e speculare fra la via destra e quella sinistra.

Nonostante il progetto sia in bass-reflex con condotto posteriore, le Monitor 50 nascono evidentemente per una collocazione in libreria oppure per affiancare una postazione computer, in campo ravvicinato ai lati ad esempio di una scrivania.

Il piccolo midwoofer è un bel componente da 5½ pollici, con membrana in MMP-II (acronimo di Metal Matrix Polymer, giunto alla sua seconda revisione), il dome-tweeter da 25mm è realizzato secondo la tecnologia C-CAM (Ceramic-Coated Aluminium Magnesium), direttamente derivato dalla serie superiore “Bronze”, con magnete in neodimio.

Riporto di seguito le caratteristiche dichiarate da Monitor Audio:

·        Risposta in frequenza: 55 Hz – 30 kHz

·        Sensibilità: (1W@1m): 87 dB

·        Impedenza nominale: 8 ohm

·        Massima pressione SPL: 109 dB(A)

·        Potenza applicabile: 70W

·        Potenza raccomandata di pilotaggio: 15-70W

·        Condotto reflex: posteriore, costruito con tecnologia “HiVe II port technology”

·        Frequenza d’incrocio del filtro: 2.8 kHz

·        Dimensioni, griglia inclusa: (H x W x D) 206 x 206 x 237.8 mm

·        Peso: 3,56 kg/cad.

·        Listino: 320 euro/coppia

 

Trattandosi di diffusori di costo contenuto, inizialmente mi sono trovato un poco in difficoltà negli abbinamenti casalinghi, a causa del netto divario economico di molte delle mie elettroniche, infine ho optato per la seguente configurazione:

-        Sorgenti: CDPlayer TEAC PD-H600 (solo meccanica)e laptop ACER Aspire 5742G;

-        Masterclock digitale: MUTEC MC-3+

-        DAC: Apogee Rosetta

-        Pre: Nadir MK1600

-        Finali mono: OTL HIFI 50E (40W/ch ad hexfet)

-        Subwoofer: INDIANA LINE Basso 850 (1 per canale)

-        Diffusori di riferimento: CHARIO Academy Millennium 1

 

Negli ultimi anni non mi è mai capitato di ascoltare diffusori dinamici scadenti, sia pure entro i trecento euro di listino, ovviamente la coppia.

Ritengo che oggi, con la tecnologia disponibile, le conoscenze elettroacustiche e validi software per la progettazione, soltanto uno stolto potrebbe realizzare un pessimo prodotto o comunque intollerabilmente carente in uno o più dei principali parametri acustici per una corretta riproduzione domestica.

Queste Monitor 50 non fanno certamente eccezione, anzi, dopo un buon rodaggio colpiscono immediatamente per due aspetti peculiari: una buonissima focalizzazione della scena acustica ed una voce da diffusore di stazza superiore.

Nel mio ambiente d’ascolto ho raggiunto il “miglior compromesso” acustico posizionandole con i tweeter rivolti verso il centro, distanziate l’una dall’altra di circa 2 metri, allontanate dalla parete posteriore di oltre 1 metro e poste su degli stand artigianali in alluminio e pietra lavica (pesantissimi ed eccezionalmente stabili) a circa 70 cm dal pavimento.

L’impostazione timbrica ricalca del tutto le sorelle maggiori Monitor 200, che ho  potuto apprezzare presso Audiocostruzioni dell’amico Davide Sbisà, ovviamente con minor impatto dinamico ed estensione alle frequenze più gravi.

 

Ho iniziato gli ascolti con “The Devil Put Dinosaurs Here”, notevole prova do forza della band più hard e dark del grunge di Seattle, gli Alice In Chains, pubblicato in USA il 28 maggio 2103.

L’iniziale “Hollow” è riprodotta con grinta, il nervoso riff chitarristico si staglia con decisione al centro dei diffusori, la scena acustica è piuttosto dilatata sul piano orizzontale, con buona profondità e credibile altezza. Il sound, reso sempre piuttosto cupo da ipnotiche linee ritmiche e armoniche su basse ottave da parte della seconda chitarra e del basso elettrico, è esaltato dall’impostazione timbrica delle Monitor 50, che forse sottolineano leggermente il medio-basso fornendo la sensazione di un suono ricco, denso e corposo.

La focalizzazione degli strumenti e la precisione dell’immagine acustica sembrano decisamente travalicare l’economicità del progetto; cerco di metterle in difficoltà andando a riascoltare uno storico capolavoro di british neo-progressive: “Brave”, anno 1994, da molti considerato il capolavoro assoluto e ad oggi ineguagliato dei Marillion dell'era Hogarth.

Si tratta di un concept album dai toni e dai temi oscuri e profondi, intriso di atmosfere malinconiche e di pathos. La terza traccia, “Runaway”, si apre con un raffinato arpeggio carico di effetto delay ad accompagnare la voce di Hogart, il quale canta il ritorno dalla madre di una ragazza fuggita di casa. Sullo sfondo le Monitor 50 non si lasciano sfuggire dei gemiti di commozione della madre per il ritorno della figlia, la quale singhiozza per i sentimenti che cela dentro di sé, incompresa dalla gente. Lentamente il brano si arricchisce di tutti gli altri strumenti, ognuno con una propria linea melodica che si intreccia con le altre, con un crescendo strumentale sino al trascinante finale sostenuto da un efficace assolo di chitarra e da percussive folate sui tom della batteria.

Nel possente giro di basso fa poi capolino il rumore di un mulinello da pesca, metafora del recupero della ragazza e del suo ritorno alla famiglia.

La trasparenza delle Monitor 50 permette di percepire con buona risoluzione le varie linee strumentali, facendo cogliere i suoni nascosti fra le pieghe strumentali dei Marillion; la focalizzazione dei vari strumenti all’interno della scatola sonora merita un altro appunto positivo, nonostante non si raggiunga la precisione delle Totem Arro, assolutamente strepitose in questo peculiare parametro acustico.

La “voce” delle Monitor 50 predilige poi le voci maschili rispetto a quelle femminili, pur dimostrando una buonissima estensione verso le ottave superiori, comunque giammai al di sopra delle righe. La sua impostazione appare diametralmente opposta a quella delle Totem Arro, più aperte e veloci, né può vantare la raffinatezza tonale delle Academy Millenniun.

Si parla però di un diffusore ben più economico, che in ogni caso si è dimostrato capace di prestazioni assolutamente interessanti e che potrebbe rischiare di essere invece mortificato qualora utilizzato con un “combo” su di una scrivania, a dar voce in campo estremamente ravvicinato a qualche traccia liquida mp3 in bassa risoluzione.

Le sorelle maggiori Monitor 200, ascoltate con lettore cd McIntosh MCD301 ed integrato McIntosh MA5200, stupiscono per la riproposizione di un suono apparentemente più grande di quanto potrebbero ragionevolmente fornire, pieno, eppure inaspettatamente naturale, tanto da indurre persino a porre mano al telecomando per alzare il volume.

Evidentemente la maggiore tenuta di potenza e la capacità di poter digerire spunti dinamici superiori con probabile minor compressione dinamica rispetto alle più piccole Monitor 50, rende le snelle torri Monitor 200 un’interessantissima coppia dal rapporto qualità/prezzo elevato.

In caso d’acquisto di diffusori acustici da pavimento dal ridotto ingombro, con belle finiture, aspetto al contempo moderno e retrò, ed un suono capace di rivitalizzare qualche sistema di amplificazione un poco rachitico, il consiglio è forte e chiaro: un ascolto attento di queste nuovissime Monitor Audio Monitor 200.

In ogni caso, le Monitor 50 rimangono ancor più simpatiche e graziose, per il loro design spiazzante e del tutto controtendenza rispetto al classico minidiffusore metabolizzato dalla collettività audiofila.  

 

Ottimi ascolti.

 

 

Cristiano  Nevi – aprile 2018

( per contatti: http://www.audiocostruzioni.com/p_u/amici/cristiano-mn/cristiano-mn.htm)

 

 

 

 

 

 

Home