SCHEDE E RECENSIONI

Tannoy Eaton

Diffusori due vie

SCHEDA

Di cosa si tratta:

Diffusori  due vie


L'importanza di iscrivervi alla newsletter

Produttore:

Tannoy -

Caratteristiche:

Reflex con altoparlante concentrico

Costo:

L. 260.000 / anno 1978

Info:

http://www.tannoy.com/

CARATTERISTICHE

 

 

VIDEO YOU TUBE



SCHEDA FOTOGRAFICA

 

Coppia color noce medio woofer grigi:

 

 

Coppia color noce medio woofer scuri:

 

 

 

 

 

 

Un altra coppia color noce chiaro:

 

 

 

 

 

 

 

VEDIAMO DIETRO

 

Versione color noce medio:

 

 

Versione color noce chiaro:

 

 

COME SUONANO

 

http://forum.videohifi.com/discussion/39740/tannoy-eaton-che-spettacolo/p1

http://suonoanalogico.blogspot.it/2012/12/tannoy-eaton.html

 

Dal forum :

 

http://hifi.forumup.it/about2229-hifi.html

 

Due parole sulla costruzione prima di passare all'ascolto. 
L'HPD in esame è un sistema di trasduzione ottimamente costruito con un cestello in pressofusione di alluminio di elevato spessore su cui è montato un woofer con cono in carta e un driver per la gamma alta montato in modo concentrico posteriormente al magnete del woofer, c'è quindi un ritardo temporale tra l'emissione dei due altoparlanti e ci sarebbero anche importanti fenomeni di diffrazione e rifrazione se in Tannoy non avessero pensato ad una soluzione assai elegante: quella di "incanalare" le onde di pressione emesse dall'altoparlante (che è montato a cupola rovesciata) in molteplici tubicini in modo tale da renderle non interferenti tra loro nonchè molto direttive una volta emesse verso l'ascoltatore. Questa particolarità è determinante sulla caratteristica che questo altoparlante ha rispetto a tutti gli altri doppi concentrici di mia conoscenza: non ha carenze di apertura ne sgraziati "intubamenti" in gamma media. 
Ottimamente costruito e progettato anche il crossover di questo diffusore che non necessita di essere "stappato" (come qualche artigiano vuol farvi credere avedo interesse nel farlo...) ma solo di avere alle spalle un'ottima sorgente e amplificazione...(full CCI). 

Veniamo quindi all'ascolto che si è svolto sia con tubo reflex aperto che chiuso e con diffusore provato a diverse altezze per trovarne il miglior equilibrio, nonché con i controlli “roll-off” e “energy” entrambi in posizione zero (posizione verificata come di gran lunga più equilibrata delle altre). 
Vi dico subito che queste Eaton sono probabilmente il miglior diffusore reflex due vie che mi sia capitato di ascoltare, l’effetto reflex si sente comunque sempre e soprattutto in gamma media (che risulta meno luminosa e più sfuocata rispetto alla condizione “a tubo chiuso”) ma meno che in altri casi merito anche del taglio a soli 1000Hz. L'efficienza grazie al magnete in alnico è elevata e tale da risultare a pari volume con le 850a...che però sono da 4ohm... 
Il risultato complessivo è comunque preferibile in reflex e non solo per la maggiore estensione sul basso ma perchè chiudendo il tubo aumenta l' emissione di una zona del medio che viene a squilibrare la messa a punto del crossover. 
In condizioni reflex quindi si assiste ad un suono fresco, spontaneo ma meno consistente e meno lineare di quanto potebbe dare una qualunque Grundig Prof. ma anche una DQ10 verso cui la Tannoy paga pegno sul rispetto timbrico anche se con l'onore delle armi essendo comunque un diffusore dotato di trasparenza più che buona. 
Rispetto alle LS3/5a 15ohm si apprezza invece la maggiore spontaneità di emissione delle Eaton pur a fronte della maggiore linearità dei monitor BBC. 
Il medio non è quello dei migliori multivie e nemmeno quello dei migliori due vie in cassa chiusa ma sicuramente da un reflex non ho mai sentito far di meglio mentre come spontaneità di emissione ha sicuramente più parentela con le tedesche da noi apprezzate (o con le DQ10) che con le conterranee Rogerine 

Insomma...un diffusore in grado di accontentare molti palati anche esigenti...purchè non siano molto esigenti. 

Tornando al motivo per cui le ho comprate e a fronte di ciò che ho sentito "a tubo chiuso"...la domanda è: vale la pena lavorarci su per finalizzare una "DSL grand"? 
Se avessi vent'anni in meno risponderei:"sicuramente si" ma alla soglia dei 50 credo proprio che opterò per la soluzione B ovvero "equalizzazione attiva sul basso" delle attuali DSL

 

ALTRE INFO VARIE








 

 

Home