SCHEDE E RECENSIONI

Sansui C77 - B77

Pre e finale


SCHEDA

Di cosa si tratta:

Pre e finale


L'importanza di iscrivervi alla newsletter

Produttore:

Sansui

Caratteristiche:

60 watt entrata phono

Vasta Gamma di Nuovo Usato disponibili  Click

CARATTERISTICHE

 

 

 

SCHEDA FOTOGRAFICA

 

 

 

 

 

 

 

VEDIAMO DIETRO

 

 

MANUALE


https://www.hifiengine.com/manual_library/sansui/b-77.shtml


INFO DAL WEB

https://melius.club/topic/168070-sansui-pre-c77-e-finale-b77/

Per la cronaca, c'era tutto un "rack" Sansui serie 7/77: c'era anche la radio T-77 ed una piastra a cassette D-77; per il piatto non ricordo, perche', dovendo prenderne due (antichi vizi...), optai per i modelli base FR-D25 (e se impari a mixare con quella roba, poi non ti spaventa piu' nulla

 

Tornando a pre e finale, poco ti posso dire sul loro suono, per il lungo tempo passato: per un verso, allora ero un "novellino" che non aveva avuto modo di fare confronti "a orecchio"; per altro verso, i ricordi sono troppo risalenti per essere affidabili; per un ulteriore verso, di quegli apparecchi ho fatto un uso non prettamente "audiophile".

 

Sotto questo ultimo punto, pero', ti posso riportare un dato esperienzale indiscutibile: li ho usati per molti anni praticamente sette giorni su sette, alcune volte anche per decine di ore consecutive, passando dalla musica di sottofondo (di "accompagnamento" ai libri di testo) ad ascolti a volumi sostenuti (per esempio, il sabato pomeriggio a "provare la selezione" da "suonare" la sera...). Inoltre, sono stati il "motore" praticamente di TUTTE le "feste" che ci venivano "affidate": ho attaccato il finale a ogni tipo di casse e ricordo ancora che l'accoppiata migliore (non tanto per potenza di fuoco, ma proprio per gradevolezza di suono pur cosi' "sparato") fu con delle Electrovoice "Sentry qualcosa".

 

Insomma, garantisco sull'affidabilita' del finale per averlo sottoposto a esercizio "heavy duty" senza mai cambiare neppure un fusibile.

 

Relativamente al pre, ricordo bene che, passando gli anni, i potenziometri cominciavano a dare fastidio; sopratutto, com'e' facile immaginare, il crossfader, i cui meccanismi di movimentazione, ad un certo punto, smisero di funzionare (e io risolsi settando entrambi i "lati" del fader sulla stessa sorgente...).

 

Due parole, infine, sull'estetica: a me piacevano MOLTISSIMO, specialmente il finale, con quell'allora futuristico analizzatore di spettro integrato in cima ai V-meter (in senso letterale: per ogni canale una successione obliqua di led, entrambe convergenti in basso).

 

Vabbe', amarcord terminato.

  

 

Home