Recensioni e Schede

Audio Analogue Maestro 150

super integrato 150 watt

 

 

Di cosa si tratta

Integrato 150  watt con  scheda phono

Produttore

Audio Analogue  Italia

Caratteristiche

Un megaintegrato  oltre 50 kg  veramente  bello

Costo

4250/00  euro  listino 2004

 

Scheda tecnica

 

Massima Potenza di Uscita (da 20 a 100khz, su entrambi i canali)

150W (carico di 8, qualunque fase)
300W (carico di 4, qualunque fase)
600W (carico di 2, qualunque fase)

Massima Potenza di Uscita (a 1kHz, carico resistivo)

169 W (8 load / carico di 8 )
330 W (4 load / carico di 4 )
625 W (2 load /carico di 2 )

Impedenza di ingresso

Line 21 k /Linea 21k
MM 47 k / 220 pF; MC 100

Guadagno del preamplificatore

12 dB

Guadagno dello stadio di potenza

33 dB

Sensibilità nominale dell’ingresso fono

MM 10mVrms - MC 1mVrms

Rapporto segnale/rumore ingresso linea (lineare)

>90dB

Rapporto segnale/rumore ingresso linea (pesato ‘A’)

>98dB

Rapporto segnale/rumore ingresso fono (lineare)

MM >70dB; MC >60dB

Rapporto segnale/rumore ingresso fono (pesato ‘A’)

MM >80dB; MC >70dB

Distorsione armonica totale

<0.01% @ 1 Vrms / 47 k / 1 kHz

Larghezza di banda (3dB)

1Hz-250kHz

Separazione (a 1kHz, ingresso non utilizzato cortocircuitato)

RL >100dB; LR >100dB

Ingressi

MM/MC Phono (PH1), Line 2/6 (Line 5 balanced)

Uscite

Tape Out, Pre Out

Tensione nominale di alimentazione

115VAC / 230VAC 50/60Hz
(UK only) 240VAC 50/60Hz

Massimo assorbimento di potenza

1500 VA

Dimensioni totali

17.52" (W); 18.7" (D); 7.7" (H)
445 mm (W); 475 mm (D); 195 mm (H)

Peso

52 Kg.

 

Il Maestro INTEGRATED AMPLIFIER nasce per sfatare la leggenda secondo la quale: "più è potente un amplificatore, peggio suona". Un progetto senza compromessi, una qualità costruttiva allineata agli elevatissimi standard Audio Analogue e la migliore componentistica fanno del Maestro INTEGRATED AMPLIFIER un apparecchio in grado di soddisfare l’appassionato più esigente. Come nei più blasonati apparecchi high-end, il Maestro INTEGRATED AMPLIFIER è strutturato come una coppia pre-finale, a partire dalle alimentazioni fino alla organizzazione degli stadi di guadagno, il tutto in un unico, poderoso chassis.

Si riuniscono così i pregi tipici degli amplificatori integrati con le doti delle amplificazioni separate evitando i limiti di entrambi. La poderosa alimentazione è realizzata attorno a due trasformatori toroidali da 750VA ciascuno, mentre il filtraggio è effettuato da quattro condensatori da 15.000uF per ciascun canale. Ciascun canale del preamplificatore è servito dalla propria alimentazione, separata da quella dei finali a partire dal secondario del trasformatore. Il preamplificatore sfrutta una circuitazione a larga banda e bassa controreazione, in cui resistenze a bassissima tolleranza ed elevata silenziosità si accostano a condensatori in polipropilene a bassa tolleranza e, laddove richiesto, a condensatori elettrolitici Os-Con.
L’accoppiamento è in continua, senza alcuna capacità sul percorso del segnale. Il poderoso stadio finale, tetragono a qualunque sovraccarico, utilizza ben otto dispositivi di potenza da 250W per canale, per una potenza massima gestibile di ben 2.000W! La potenza massima continua viene effettivamente raddoppiata fino ai 2 Ohm (W4/W8 e W2/W4 pari a 2) e anche la potenza dinamica su carichi resistivi di 1 Ohm è sorprendente.
L’amplificatore è insensibile a qualunque sfasamento, il che lo rende ideale a pilotare carichi difficili quali diffusori elettrostatici, isodinamici o a nastro. L’elevata qualità dei componenti e la notevole polarizzazione dello stadio finale (la dissipazione a riposo è pari a ben 55W per canale!) permettono al Maestro INTEGRATED AMPLIFIER di "coccolare" amorevolmente i segnali più delicati e le armoniche più elevate, pur controllando con nerbo i diffusori nei transitori più violenti.

E’ proprio l’attenzione con cui il Maestro INTEGRATED AMPLIFIER rende i diversi piani sonori che vi rapirà all’ascolto, ancor più della totale mancanza di fatica di ascolto, anche ai più elevati livelli di ascolto, garantita dalla grande riserva dinamica.
Provate pure a sovraccaricare il Maestro INTEGRATED AMPLIFIER: il raffinato circuito a microprocessore che gestisce l’apparecchio porrà il Maestro e i vostri diffusori al riparo da ogni danno, grazie all’interfacciamento con le raffinate protezioni elettroniche ad intervento "intelligente" che lasciano passare i transitori ma bloccano i sovraccarichi ed i cortocircuiti. La raffinata estetica e il comodo telecomando in dotazione vi permetteranno di esporre il Maestro INTEGRATED AMPLIFIER nel vostro salotto come una vera opera d’arte.

 

 

         Il video You Tube       

 

 

 

Scheda fotografica

 

 

 

 

 

 

Lo  estraggo con  tanta fatica  e  lo appoggio nel ripiano  superiore  di un tavolino per elettroniche ( made in audiocostruzioni.com  ... scusate mi faccio un pochino  di pubblicità ) dove puo'  fare  bella mostra di se.

 

 

 

Una  struttura  imponente , un pannello anteriore   in alluminio satinato   di almeno 20 mm  e un pomellone  del volume  davvero  grande ...

Entrambi i fianchi  dell'intergato  hanno le alettature di raffreddamento   anodizzate  nere.

 

 

 

 

 

 

Vediamo dietro

 

nella parte posteriore  tantissime comode connessioni  l'entrata  PHONO , e altre 4 entrate oltre alla  XLR ,  i comodissimi  connettori per i cavi diffusori e la presa  alimentazione.

 

 

 

 

Vediamo dentro

 

 

 

 

Gli enormi toroidali  posizionati  nella parte  anteriore  del ampli , come anche nel caso del Mark Levinson , sono  ricoperti  da resina  quasi trasparente ,  e tutta una serie  di  transistor  .

Il potenziomentro  con prolunga , posizionato  nella parte posteriore , insomma una bella  costruzione.

 

 

Come suona

 

La prima cosa che emerge all'ascolto e una musicalità alquanto  spiccata,  che conferisce un apporto determinante alla naturalezza  della riproduzione.

Precisissimo su tutta la gamma , senza fare perdere alle sonorità  la morbidezza e la rotondita'  che le caratterizza .

 

Altro elemento  positivo e la ricostruzione della scena sonora , veramente notevole e stabile , cosa che lo  fa assomigliare ad un  valvolare ...

Per quanto riguarda la gamma bassa , si apprezza  notevolmente la sua dinamica e il suo   controllo .

I bassi  ci sono  e  vengono comandati benissimo  senza risultare    invadenti.

 

Sicuramente  il mio commento e di parte , a me piace molto la filosofia  di questa bella azienda italiana , anche  questo anno al Top Audio  e stata  una di quelle che mi ha convinto di più , la sua saletta faceva  faville.

Comunque   questo e un ottimo apparecchio , morbido  come il suo  fratello  piccolo ma  molto  superiore.

Insomma un gran prodotto.

 

 

Telecomando

 

 

 

 

Imballo

 

 

Appena mi è arrivata  la cassa   ho capito  di aver a che fare   con  un ampli  " imponente" veramente un monolito  e quando ho letto il peso  scritto nella  scheda tecnica non ho fatto fatica a crederci 52 kg !!!!

 

   

 

 

Altre info su AA

 

 

Carlo ci parla del suo impianto

Mail intervista con Roberto Martini  disegnatore di Audio Analogue  

Audio Analogue Puccini se remote

 

 

Torna alla pagina iniziale