SCHEDE E RECENSIONI                     www.audiocostruzioni.com

Classè Ssp800 - Ca5200

Pre e finali AV

 

 



SCHEDA

Di cosa si tratta:

Pre + Finale AV


L'importanza di iscrivervi alla newsletter

Produttore:

Classè Audio

Caratteristiche:

Pre Dac 10 canali

Costo:

Pre  9450 euro

Vasta Gamma di Nuovo Usato disponibili  Click qui

CARATTERISTICHE

 

SSp800

Preamplificatore/processore multicanale a 10 canali configurabili 7.1 A/V. 3D e HDMI 1.4a. Dolby True e DTS HD Master dopo DSP upgrade gratuito. Decoder Dolby Digital, Dolby Pro Logic IIx, DTS, DTS-ES, DTS Neo:6. Display TFT touch screen con funzione di monitor fino a 1080p. Stadio di alimentazione switching. Layout circuitale hi-end. Autocalibrazione. 4 ingressi ottici e 4 coassiali, 1 uscita ottica e 1 coassiale. 7.1 ingressi. 3 ingressi audio analogici di cui uno XLR. Pre out 10 canali e 7.1 sia RCA che XLR. 4 ingressi e 2 uscite HDMI 1.4a. Ingressi/uscite Component, S-Video e video composito. Conversione dei segnali video su component e HDMI. RS-232. Trigger IN/OUT. Controllo IR IN/OUT. RJ45 per bus dati. Telecomando.

 

Ca 5200

Classe Ca-5200 in vendita. 5x200 W.
Potenza: 200 Watt Rms x 5 in 8 Ohm, 370 Watt Rms x 5 in 4 Ohm
MFR: 10 Hz - 155 kHz - 3 dB
THD: 0,005%
Sensibilità: 1,4 V RMS
S/N: 108 dB
Dimensioni: 222 mm H x 445 mm L x 534 mm P
Peso: 55 kg

INFO DAL WEB

 

Vedre sotto

 

SCHEDA FOTOGRAFICA

 

 

 

 

 

VEDIAMO DIETRO

 

 

 

 

 

 

 

IL TELECOMANDO




IMBALLI




MANUALE


https://support.classeaudio.com/files/documents/owners_manual/delta_2/CLASSE_SSP-800_Manuale_v3.4_it.pdf

 

 

ALCUNI ANNUNCI USATO

 

 

COME SUONANO

 

DAl sito ufficiale AUdiodelta:

SSp800

Siate musicofili, cinefili, audiofili, è oggi tra noi la macchina che mette tutti d'accordo, che rende tutti felici. Si è dovuta aspettare un po' più a lungo del preventivato in attesa della legittimazione commerciale per le ultime soluzioni tecnologiche come la connessione HDMI 1.3a ed il Blu-ray, ma finalmente possiamo goderne appieno, sia per l'audio, sia per il video, sia per entrambi in un'unica, magica soluzione.
Il merito di questa rara opportunità va all'ultima, pregevole creatura della canadese Classè: SSP-800. Tecnicamente parlando si tratta di un preamplificatore /processore multicanale audio/video, un 'mostro' tecnologico dall'animo da artista. 'Mostro' perchè è una sintesi magistrale di quanto di più avanzato e di migliore la tecnologia A/V sia oggi in grado di esprimere, 'artista' perchè il frutto di questa sintesi sono una somma di performances di classe mondiale che vedono - come è tradizione conclamata di Classè - la qualità Audio, con l'iniziale maiuscola.
Da qui, è più facile capire a quale tipo di cliente si rivolga il Classè SSP-800: colui che vuole il meglio di entrambi i mondi, Audio e Video (sempre con la maiuscola.).

'First Class', 'Music First'.
Da qui, la parola d'ordine Classè: 'First Class'. Sin dalla sua nascita, nel 1980 (fondatore fu David Reich, uno dei più grandi audio designer di tutti i tempi), Classè ha sempre manifestato - con le sue pregevoli creature - una passione ed una dedizione qualificata ed assoluta per il raggiungimento della massima qualità nella riproduzione acustica. In tempi più recenti, entrando a far parte del gruppo B&W, Classè ha accresciuto e migliorato la sua forma produttiva, innestando in una metodologia progettuale già efficace, l'affidabilità e la potenza della produzione industrializzata diretta da un centro Ricerca & Sviluppo di primissimo livello. Ciò ha posizionato il marchio di Montreal tra i primi al mondo nel ristrettissimo podio dell'audio e audio/video High-End, superando nel tempo autentici miti dell'hi-fi dei decenni passati, incapaci di rinnovarsi o di trovare risorse per farlo.

Specializzazione e flessibilità a prova di futuro
Come accennavamo all'inizio, sono le ultime conquiste tecnologiche - connessione HDMI, versione 1.3a, la più evoluta, ed il disco Blu-ray - ad aver dato il via al fenomeno Alta Definizione, o HD, parola d'ordine dogmatica e universale sia che ci si rivolga all'audio, o al video. E' nella logica aristocratica degli apparecchi per 'connoisseurs' che un prodotto come SP-800 non può certo puntare sulla spettacolarità della dotazione o degli effetti per manifestare la sua nobile estrazione e destinazione. Meglio allora guardare alla sostanza reale delle soluzioni costruttive ed alle relative performances estraibili dai singoli supporti e formati. Pragmaticamente inteso, SSP-800 è un pre/processore multicanale A/V (10 canali), attingibili da connessioni bilanciate (terminali XLR), sia sbilanciate (terminali RCA). Il processo del segnale audio digitale è affidato ad un DSP di fabbricazione Texas Instruments, da 64-bit di altissima qualità ed accuratezza, facilmente sostituibile per l'up-grade all'occorrenza. Con tale soluzione, SSP-800 non rischia di diventare obsoleto nel breve volgere di pochi anni, proteggendo l'investimento iniziale compiuto dal cliente. Se il DSP è il cervello di un pre/processorecessore, i circuiti di distribuzione e di alimentazione sono il suo sistema nervoso e circolatorio, ed una accorta strategia di dislocazione e percorso degli stessi consente di conseguire prestazioni complessive allo stato dell'arte. Entrando un po' di più nel particolare, va spiegato che una circuitazione di tipo bilanciato consente di sfruttare al meglio le potenzialità del processore. Il lay-out circuitale va poi disegnato seguendo una specifica metodologia, come, ad esempio, separando i segnali analogici da quelli digitali a partire dalle alimentazioni, fornite da ottimi trasformatori, di tipo toroidale, per questo a basso flusso magnetico disperso. Come sottolineato in precedenza, SSP-800 oltre a comportarsi da eccellente pre/processore audio/video, sa essere soprattutto uno straordinario preamplificatore stereo, un sensibile e raffinato ri-produttore di musica ad ogni livello. All'audiofilo in 'vacanza' nell'esperienza dell'Home-Theater multicanale basterà, per tornare ai suoi prediletti lidi d'origine sonora, by-passare gli stadi di conversione e del DSP ed andare in assetto stereo diretto. Delizia tra le delizie, SSP-800 è dotato di apposito DAC stereo esclusivamente preposto alla riproduzione di segnali puramente musicali.

Specialista nella qualità
Lo SSP-800 è certamente un apparecchio importante ed autorevole per il suo aspetto e per le sue risorse tecnologiche, ciò non di meno è una macchina emozionante anche nell'uso.
E questo nonostante si stia parlando di un 'pre/processore multicanale A/V', ovvero il dispositivo d'intrattenimento domestico più complesso al momento. Per rassicurare l'utilizzatore basta uno sguardo al suo pannello frontale, quanto di più 'pulito' ed ordinato ci sia nella categoria. Questo pratico e razionale approccio è possibile grazie all'adozione di un sistema touch-screen come interfaccia di controllo tra macchina e utilizzatore. Con il familiare sistema a 'finestre', è possibile accedere alle diverse sezioni d'interesse, regolare parametri, valori, livelli; selezionare ingressi e uscite, sorgenti e modalità d'ascolto. Insomma, quel che serve, come serve, quando serve. Con un dito, anche se usato sul telecomando. Passando alle virtù tecnologiche dello SSP-800 è inevitabile ricordare quanto questo sia funzionale alla disponibilità del collegamento HDMI 1.3a. Ad esso dedica quattro ingressi, affiancati da inputs audio digitali più tradizionali quali lo SPDIF elettrico, e lo EIAJ ottico. Lungo il cavo HDMI possono viaggiare segnali digitali in HD, quali quelli video fino a 1080p, il 36-bit Deep Color, l'audio multicanale non compresso LPCM ed i formati Dolby TrueHD, DTS-HD Master Audio.
Non mancano, ovviamente, ingressi/uscite per l'audio analogico, sia in XLR che in RCA, sia stereo che multicanale. Insomma, una dotazione tale da soddisfare le necessità qualitative più elevate.
Dal punto di vista delle possibilità operative, SSP-800 possiede un grande margine di intervento sul segnale, compreso, per esempio, la regolazione indipendente del livello per tutti gli ingressi audio.
Questo consente di non avere improvvide escursioni di volume passando da una sorgente all'altra. Ovviamente, il controllo sul volume per ogni ingresso è fatto in modo da non degradare minimamente il segnale, sia che ciò avvenga con l'analogico, sia con il digitale, lasciando inalterate le performances. Altra cosa interessante è l'equalizzatore manuale a cinque bande che viene proposto al posto del sistema di 'auto-setup', comune a tutte le elettroniche A/V.
Secondo i progettisti Classè, è molto più efficace un sistema del genere che abbina la misura strumentale all'orecchio e al gusto individuali, piuttosto che un apparato di auto-taratura che agisce su parametri preimpostati senza altre possibilità di intervento, quindi di 'personalizzazione'.

Conclusioni
Come spesso avviene, è difficile trasferire, per chi scrive, l'alto tasso di qualità che trasuda da una realizzazione del genere. Oltre all'aspetto - elegante e fantascientifico - c'è, nell'uso, quello 'human-touch' che fa meglio comprendere il lavoro che c'è stato dietro una macchina di calibro assoluto quale certamente è SSP-800. Chi ha progettato l'SSP-800 non ha pensato solo alle prestazioni, che ci sono tutte e di livello stratosferico, ma anche a chi deve usarlo, a come vuole usarlo. Una forma di rispetto doverosa a questo prezzo, ma in realtà rara da riscontrare a qualsiasi livello. Questo ci preme sottolineare, oltre all'esorbitante bagaglio prestazionali e operativo che cela nel suo futuribile look. Un rispetto per l'utilizzatore/cliente che mantiene vivo un rapporto di 'simpatia' umana quasi totalmente consunto dalla routine quotidiana uomo-macchina. Una nota sul prezzo richiesto, naturalmente elevato, ma con delle valide giustificazioni.
SSP-800 è un investimento in grado di sfidare i tempi tecnologici come forse nessun altro analogo modello in commercio (totale aggiornabilità sia hardware, sia software).
La progettazione, l'ingegnerizzazione, la costruzione, i materiali sono quelli da accademia dell'audio, indispensabili per raggiungere quelle prestazioni assolute che sono la 'mission' primaria di Classè. E a proposito di prestazioni, SSP-800 è (anche) un magnifico pre stereo, in grado di misurarsi ad armi pari con qualsiasi concorrente di pari schiatta e su un terreno di confronto criticamente più feroce dell'A/V, ma con riconoscimenti definitivi più longevi ed affidabili.
Per chiudere ed in sintesi, un fuoriclasse, o un fuoriclassè se vogliamo essere spiritosi.
La realtà fisica e prestazionale dell'SSP-800 è tangibile solo da un incontro diretto; dalle recensioni o dalle specifiche potete solo leggere la sua carta di identità. Cercatelo.
E per fargli onore dategli solo il meglio.

L'intervista
Dave Nauber

Una vita a cinque stelle
Programmare, progettare, produrre e, soprattutto, vendere, un preampli processore audio/video di classe High-End è tema da 'Mission: impossible'.
C'è la complessità rompicapo della circuitazione; la sfida feroce dell'Hi-Tech, le prestazioni da primato mondiale. Roba da uomini forti, veterani, ambiziosi e un po' audaci. Roba da David Nauber.
David Nauber, attualmente vice presidente esecutivo del marchio Classè Audio, con sede a Montreal, Canada, ha scoperto la sua passione per l'audio di alta, altissima qualità sin da giovane, da studente, prima di laurearsi ingegnere all'Università dell'Illinois. Questa passione lo ha guidato per tutta la sua carriera, facendogli raggiungere i traguardi più prestigiosi. Prima di passare in Classè, nel 2002, Nauber ha lavorato per 17 anni in Madrigal (Mark Levinson, Proceed, Revel). Dave Nauber, dal suo arrivo in Classè, partecipa a guidare l'Azienda verso sempre nuovi confini della purezza sonora, mantenendo con il suo contributo Classè Audio ai vertici dell'Audio High-End.

Gammadelta: Mr. Nauber, il Classè SSP-800 va annoverato, senza ombra di dubbio, tra i preamplificatori/processori di pura classe High-End. Qual è stato l'approccio progettuale per un prodotto di questo calibro?
Dave Nauber: L'aspetto più importante alla base del progetto SSP sono le sue prestazioni sonore. L'SSP800 doveva suonare bene in stereofonia e con la musica, ancor prima che nella riproduzione multicanale o con i film. Tecnicamente, i maggiori sforzi sono stati profusi a ridurre ogni forma di rumore ed ad isolare la parte analogica da quella digitale. Basso rumore, gamma dinamica molto ampia ed un'accurata concezione del DSP sono i tre pilastri su cui poggia il progetto SSP-800.
Gammadelta: Quindi possiamo considerare SSP-800 'anche' un pre/processore High-End, ma soprattutto un preamplificatore stereofonico. Potrebbe sostituire, in questo ruolo, il pre CP-700 o il CP-500?
Dave Nauber: Non c'è dubbio che SSP-800 sia superiore al CP-500. Qualcuno potrebbe obiettare sull'effettiva superiorità nei confronti del CP-700, ma utilizzando gli ingressi digitali di SSP 800 e quindi i suoi circuiti di conversione D/A, in questa condizione, probabilmente SS800 è superiore a CP-700. Usando una buona sorgente digitale associata allo stadio di conversione D/A interno al pre/processore, non credo esista migliore combinazione al momento e a qualsiasi prezzo. Va veramente bene!
Gammadelta: Mr. Nauber, considera mature le tecnologie audio HD, o ci dobbiamo aspettare ulteriori sviluppi? C'è una ragione particolare alla base della lunga attesa per il nuovo pre/processore di Classè?
Dave Nauber: Penso che i nuovi codecs dell'audio HD forniscano più gamma dinamica di quella che possiamo ascoltare, e più di quella che i nostri sistemi di riproduzione possano smaltire. Pertanto, per il momento, non vedo nulla all'orizzonte, o quanto meno, nulla che rappresenti nuove sfide. Le proprietà della HDMI 1.3 sono la vera ragione per cui SSP-800 è stato sviluppato solo ora. Eravamo favorevoli alla HDMI 1.3 perchè con la sua banda passante permette la piena risoluzione di tutti i segnali video. Probabilmente poi, nei prossimi 4-5 anni, vedremo l'affermarsi di nuovi formati HD Audio. Mettere a frutto le potenzialità della HDMI 1.3 è una delle caratteristiche chiave dello SSP-800.
Gammadelta: SSP-800 potrà essere aggiornabile via software?
Dave Nauber: Sebbene gli aggiornamenti potranno essere fatti tramite downloading, come già avviene per i componenti della Delta Series, per le decodifiche HD Audio SSP-800 richiede l'aggiornamento hardware del chip DSP, tale aggiornamento sarà offerto, senza oneri, agli originali acquirenti di ogni unità SSP-800. Il nuovo modulo DSP offre prima di tutto più potenza di calcolo, cosa che sarà un vantaggio anche in futuro.
Gammadelta: Mr Nauber, quale futuro alla luce del Blu-ray?
Dave Nauber: L'adozione del Blu-ray come standard universale è stata più laboriosa di quanto fosse prevedibile, ma penso sia la migliore sorgente per l'home-cinema digitale, almeno i prossimi cinque anni. Il modo in cui il formato funziona nel dominio digitale non lascia intravedere sostanziali margini di miglioramento nelle prestazioni. Per questo ha poco senso lo sviluppo di un lettore Blu-ray da parte di Classè Audio. I nostri sforzi sono focalizzati sullo sviluppo del trattamento del segnale emesso da questi lettori. Questo è il terreno in cui le aziende audio High-End possono fare veramente la differenza.
Gammadelta: Le elettroniche Classè Serie Delta sono state sviluppate insieme agli ingegneri della B&W. Quale aspetto si è curato con maggiore attenzione?
Dave Nauber: E' indubbio che sviluppare delle elettroniche, delle amplificazioni, sapendo aprioristicamente quale tipo di acustiche e quale profilo sonoro è possibile realizzare può rappresentare un vantaggio, o almeno una precisa strada da seguire. Si fa 'brainstorming' (scambio libero di idee ed opinioni. NdT) e ognuno dello staff mette a disposizione degli altri la propria esperienza, il suo gusto, la sua sensibilità. Alla fine si raggiunge un grado di equilibrio che, in funzione della progetto classe e complessità del progetto in atto, si reputa efficace. Si tratta di una sinergia - quella tra B&W e Classè - praticamente impossibile da raggiungere per un produttore di sole acustiche o di elettroniche. Va da sè che i prodotti B&W e Classè sono 'anche' perfettamente e totalmente universali, tecnicamente ed acusticamente parlando. La Serie Delta è stata sviluppata utilizzando "anche" diffusori B&W, e di contro, i diffusori B&W sono stati perfezionati "anche" con elettroniche Classè. Come dire, buoni da soli, ottimi assieme.

CA 5200

La Classè, lo abbiamo solo accennato, ha recentemente cambiato pelle. Design radicalmente nuovo, con forme molto suggestive e improntate al 'tutto tondo', contenuti tecnici inediti ed estremamente sofisticati. Non che il vecchio corso della Classè sia stato accantonato, anzi è stato usato come punto di partenza per nuove considerazioni circuitali, senza assolutamente tradire però la filosofia di base del costruttore canadese. Tale filosofia era ed è quella di costruire elettroniche prima di tutto ottimamente suonanti, e che rispondano quindi a requisiti molto stringenti nei quali la progettazione e la scelta dei componenti, oltre a essere fatta di foglio e matita (visti i tempi che corrono, meglio dire di mouse e computer), è anche e soprattutto fatta di prove di ascolto. I 'vecchi' appassionati Classè possono pertanto dormire sonni tranquilli dal momento che ritroveranno, migliorati e arricchiti, i contenuti sonici a cui erano e sono tanto legati. La sfida del rinnovamento è stata quindi una sfida difficile da vincere, visto che le elettroniche canadesi sono sempre state considerate come eccellenti apparecchi, con un grande successo internazionale e una distribuzione praticamente in tutti i paesi industrializzati del mondo.


Un impressionante monolite
Il CA5200 è un finale da 5 canali molto potente. Assicura una potenza di ben 200WX5 canali su 8 ohm e 370WX5 canali su 4 ohm. Il design ricalca quello di tutta la linea classè ma si caratterizza anche per la folta alettatura che prende entrambe le fiancate e che corrisponde a 4 delle 5 sezioni finali. Il quinto dissipatore per il corrispondente finale è infatti sistemato all'interno dell'apparecchio stesso stesso. Gli ingressi disponibili sono sia bilanciati che sbilanciati, mentre i morsetti di uscita sono in grado di accettare ogni tipo di terminazione e appaiono davvero robusti. Sul pannello frontale c'è posto solo per il tasto di accensione e per un pannello di controllo in cui è possibile selezionare il tipo di ingresso bilanciato o sbilanciato. Il peso, prima di tutto (55Kg), ma anche la robustezza dell'intera costruzione, fanno però solo presagire la costruzione interna, che è davvero incredibile. Impressionante la profusione di condensatori di filtro raggruppati i tre diverse sezioni. I trasformatori di alimentazione sono addirittura 6, di cui uno davvero mastodontico per le sezioni di potenza e altri 5 per i circuiti di servizio (ovviamente più piccoli). Il numero di transistor impiegati è impressionante per un insieme in grado di assorbire, alla massima potenza, circa 1 Kw dalla rete elettrica!

Ascolto
La coppia SSP-600/CA-5200 costituisce uno di quei rarissimi casi in cui non si può parlare, lo ribadiamo, di un'accoppiata solo per Home Cinema o per 2 canali visto che la resa è talmente buona in ogni contesto da poter giustificare entrambi gli utilizzi con grande soddisfazione.
è poco definire l'amplificatore finale CA-5200 come un'inesauribile riserva di energia ed è altrettanto riduttivo definire l'SSP-600 'semplicemente' come un pre-decoder audio/video in grado di riprodurre una colonna sonora. Sono in grado di generare emozioni, trasporto, sensazioni, attraverso una grande musicalità intrinseca e un modo certamente perentorio ed energico, ma altrettanto rispettoso di tutte le sfumature di una voce femminile, di rendere il suono di un pianoforte o di un possente insieme orchestrale. Soprattutto nella modalità bypass stereo, il sistema come 2 canali risulta un'accoppiata di grande respiro che non esitiamo a collocare nella fascia esoterica; quando poi si passa all'Home Cinema, si scopre l'altra faccia dell'SSP-600/CA-5200, una faccia forte, veloce e incredibilmente potente.

Una coppia da amare
Questa coppia pre e finale può considerarsi a tutti gli effetti una scelta definitiva. In grado di soddisfare gli utenti più esigenti, saprà coniugare ottime doti sonore a prestazioni Home Cinema che è riduttivo definire mozzafiato.
Il prezzo è sicuramente elevato, ma questi sono oggetti particolari, costruiti con cura per ogni dettaglio e la qualità si paga!

Dal sottoindicato sito tradotto con google:

CA 5200

https://hometheaterhifi.com/volume_12_4/classe-ca-5200-amplifier-11-2005-part-1.html

 

Classé, nota da tempo per la costruzione di lettori CD, preamplificatori, processori e amplificatori di potenza, iniziò nel 1980 con il suo primo amplificatore.

L'azienda si trova vicino a Montreal, Quebec, Canada. Il presidente di Classé, Mike Viglas, l'ha subentrata a David Reich che ha originariamente fondato l'azienda e l'ha gestita negli ultimi due decenni.
Nel 2001, Classé è entrata a far parte del B&W Group, che ha sede nel Regno Unito. Come la maggior parte dei consumatori sa, B&W è famosa per i suoi altoparlanti.
Il CA-5200 è l'ultimo degli amplificatori di potenza multicanale di Classé.

Il design

Fornendo 200 watt rms x 5 su 8 ohm e quasi 400 watt rms x 5 su 4 ohm, il CA-5200 è una centrale elettrica. Con un peso di 121 libbre, contiene un trasformatore di alimentazione toroidale da 2,5 kVA (2.500 watt) con secondari dedicati per ciascuno dei cinque canali.
Ogni canale ha il proprio set di condensatori di alimentazione, valutato a 46.800 μF, con una tensione CC di ± 84 volt. Ciò fornisce 165 Joule di accumulo di energia per ciascun canale e un totale di 825 Joule. Questa è un'enorme quantità di energia! Il grande trasformatore e il set di condensatori di alimentazione è il motivo per cui l'amplificatore può quasi raddoppiare la sua potenza in carichi di 4 ohm.
Lo stadio di ingresso utilizza J-FET a causa della loro elevata impedenza di ingresso (eliminando la necessità di condensatori di accoppiamento), mentre i MOSFET sono utilizzati per lo stadio driver e transistor bipolari per lo stadio di uscita. Il bias si regola in base alle richieste, in modo tale che circa il 30% dell'uscita sia sempre in Classe A. Di conseguenza, l'amplificatore si riscalda abbastanza durante l'uso e dovrebbe essere ventilato abbondantemente.

Il pannello frontale ha un pulsante di accensione/spegnimento Standby e altri due pulsanti che consentono di selezionare ciascun canale da eseguire in modalità bilanciata (ingresso XLR) o sbilanciata (ingresso RCA). Se il 5200 sta ricevendo AC, rimane in modalità standby, che prepara l'alimentazione per l'accensione. Ho scoperto che ci è voluta circa mezz'ora da una nuova accensione per far suonare al meglio il 5200 (era un po' troppo luminoso quando ascoltato immediatamente). La configurazione dell'alimentazione in standby non influisce su questo, quindi dovrai aspettare un po' prima di fare qualsiasi ascolto serio.
Il pannello posteriore, mostrato di seguito, ha un ingresso XLR e RCA per ciascun canale, insieme a una serie di connettori per altoparlanti a cinque vie. Non sono etichettati come anteriore sinistro/destro, centrale e posteriore sinistro/destro, ma puoi vedere dal modo in cui sono disposti sul pannello, che quelli in alto potrebbero essere collegati a quello anteriore sinistro/destro, quello centrale al centro e quelli in basso per la parte posteriore sinistra/destra, solo per facilitare il collegamento delle cose sopra e sotto la parte posteriore in seguito quando potresti non voler spostare l'amplificatore. Questo è quello che ho fatto comunque.


Il pannello posteriore ha anche jack per attivare/disattivare il trigger, un bus per collegare insieme diversi amplificatori in modo che possano essere accesi tutti in sequenza e una porta RS232 per aggiornare il software in futuro.
Il set up
Ho testato il CA-5200 nel nostro laboratorio home theater principale, con un lettore DVD Denon DVD-5900, un lettore DVD universale Yamaha, un SSP Theta Casablanca III, altoparlanti elettrostatici (ESL) a gamma completa Theshold ES-500 per la parte anteriore sinistra/ destra e ESL Final Acoustics per il centro e la parte posteriore sinistra/destra. Il proiettore era un Panasonic PT-AE900U e lo schermo era uno Stewart Grayhawk. I cavi erano Nordost. Il Casablanca è completamente bilanciato ed è stato collegato al CA-5200 utilizzando cavi XLR bilanciati, con il pannello frontale impostato su bilanciato per tutti i canali.

In uso

Come ho detto in precedenza, il CA-5200 ha avuto bisogno di una buona mezz'ora di riscaldamento prima che potessi fare un ascolto serio.
Anche se ho avuto amplificatori più potenti nel laboratorio di home theater, non ne ho mai avuto nessuno che fornisse più dettagli del CA-5200. Questo era evidente con il primo film che ho visto usandolo.
L'ultima puntata di Star Wars , La vendetta dei Sith , ha circa 20 minuti di scene di battaglia all'inizio, e tra tutti i suoni di razzi ed esplosioni, Anakin e Obi-Wan Kenobe stanno conversando sulle loro radio mentre pilotano i loro incrociatori stellari. Usando il CA-5200, ho potuto facilmente capire cosa stessero dicendo. Ciò significa che non c'è molta poltiglia armonica che altrimenti renderebbe le voci incomprensibili quando si trovano nel mezzo di altri rumori forti.

Ecco un altro esempio di suoni all'interno di suoni. Verso la fine della storia, Anakin e Obi-Wan hanno una battaglia con la spada laser su un pianeta che sembra essere una grande eruzione vulcanica. Quando le sciabole vengono oscillate o si toccano tra loro, emettono un suono molto caratteristico e, in questo caso, dovevano essere distinguibili dal ruggito di sottofondo, che era. Questo può sembrare banale, ma non lo è. È molto difficile da fare.
Nell'ultimo film di Spielberg, La guerra dei mondi (2005), ci viene presentato un dilemma simile, ovvero le voci umane con molti effetti speciali che si verificano contemporaneamente.

All'inizio, quando Ray Ferrier (Tom Cruise) e sua figlia Rachel (Dakota Fanning) osservano le strane nuvole che si formano sulla loro città, i venti ululano intorno a loro mentre parlano della tempesta. È così importante avere un amplificatore che non ingombra la gamma media con effetti affamati di corrente che altrimenti renderebbero le voci non comprensibili.
Man mano che la storia si intensifica e gli invasori distruggono la campagna, il potere è il nome del gioco e il CA-5200 non si è mai esaurito. (Tutte le schermate sono protette da copyright con i rispettivi studi.)

Ora che la musica 5.1 è comune, ci si aspetta che un amplificatore di potenza multicanale riproduca tutti i tipi di CD, oltre a D VD-As e SACD, e non suoni come se fosse semplicemente esplodere dai finestrini.
Ad esempio, con questa nuova versione SACD multicanale Telarc (2SACD-60628) di diversi brani Mahler, le prelibatezze dell'orchestra, degli ottoni fuori scena e della voce baritonale sono state trasmesse in modo superbo con il CA-5200. E anche con passaggi apparentemente silenziosi, non dimenticare che i transitori all'avanguardia possono comunque richiedere una corrente elevata, anche solo per un istante. Ciò è particolarmente vero con l'incredibile gamma dinamica che la musica ad alta risoluzione ha in questi giorni (DVD-A e SACD).

Conclusioni

Il Class é CA-5200 è un magnifico amplificatore, degno di qualsiasi sistema home theater e audio. Ha il potere di sondare le profondità di qualsiasi film, pur mantenendo un'intricata sensazione di dettaglio, mentre la stanza potrebbe tremare con effetti sonori o passaggi musicali.

Class é ha sempre costruito prodotti di qualità di riferimento e il CA-5200 continua questa tendenza. È un knockout!

 

 

 

Home