Editoriali

Lettera Aperta di Fabio

 

 

 

 

DI COSA SI TRATTA

 

  L'amico Fabio mi invia questa lettera aperta sulle mie considerazioni , lo ringrazio tanto e invito a chi vuole dire la sua opinione a inviarmi mail a info@audiocostruzioni.com  , inserirò il commento sotto a questa pagina.

 

LA LETTERA APERTA DI FABIO

 

Mi scusi ma lei generalizza un poco demandando alla  sola valvola una  maggiore e delicata dimensione musicale ,vi sono ad esempio  dei pioneer come il 616 mkII  che con diffusori neutrali suonano in modo delicato ma ben stoppato e articolato nei bassi,ma andando in apparecchi di maggior levatura si veda YBA vecchia produzione ,  l taliana Mel Audio di Reggio Emilia  di cui io ne sono un felice  posessore hanno una delicatezza , unita ha una scena olografica con un basso articolato e profondo , il tutto molto naturale e neutrale molto meglio di molti valvolari anche piu costosi del Mel , che la valvola sii più musicale e naturale è solo una leggenda metropolitana che ha fatto si , che molti costruttori costruissero dei valvolari a go go senza arte ne parte,certamente esistono dei stato solido che non suonano come Krell,Trhreshold che ne ho avuto ben due , e tanti altri, provi a sentire un valvolare non piu in produzione come i  futterman monofonici quelli erano dei valvolari ben suonanti ma gli altri erano piu pappamolle come jadis,audio research , o tanti altri marchi , io ho avuto tanti valvolari non miei ma imprestati da amici vi garantisco che in realtà sono eufonici innaturali quasi tutti , ci sono poi coloro innamorati dei leak o quad  e altri,li ho avuti ma se uno li confronta ad un concerto di classica,anche musica da camera suona meglio un bel technics  , infatti molti appassionati vecchio stile , ci sono cascati all ascolto alla ceca quando dicevano che andava il ponte one leak , andava  il pre finale technics, tali audiofili valvolaristi furono gli stessi che nelle prove alla ceca tra stato solido e valvolari moderni spesso quando erano sicuri fosse un valvolare ad elargire il suono era uno stato solido e spesso nemmeno esoterico ma anche economico , che dire , spesso ci si fissa in fantasie non veritiere , che poi nei fatti,tutto tale mondo valvolarista , crolla miseramente ! Ho avuto la spiacevole occasione di ascoltare dei nelson pass,dan d agostino tutti stato solido , è ovvio che se uno ascolta questi stato solido supercostosi sposa i valvolari,ma questi non sono nati per la musica ma per arricchire i costruttori !
Comunque lei rimarrà della sua opinione e io nella mia,è il bello di questo mondo audiofilo , ognuno sii libero di pensarla come uno vuole , io dico solo andare a teatro , sentire musica dal vivo è il modo per comprendere come deve suonare , anche se alla lontana, un impianto , poi ognuno ne riceverà le proprie conclusioni più o meno realistiche o veritiere! !,, Comunque quando spariscono i diffusori e l intero impianto e uno non sente più ne alti ne medi ne bassi ne scena ma lanima , l emozione  della musica , che da ritmo e felicità o pianto o patos ecc ecc vuol dire che uno è in la con i lavori sia esso un impianto a valvole che a stato solido!  Spero che tale  mia opinione discutibile , ovviamente , e criticabile,ci mancherebbe venga capita in modo costruttivo , cordiali saluti

 

LA MAIL DI EZIO DA PADOVA

 

buongiorno davide ,no letto la missiva di fabio , sono ezio da padova e ankio  nella mia vita musicale come tanti ho cambiato alcuni sistemi  hi-fi e devo  dire che  non esistono le elettroniche standard per tutti. io attualmente uso  amplificazione a stato solido ma devo dire che quelle a valvole non mi  dispiacciono specialmente con musica blues, jazz e funky.io ho avuto audio  innovation e lector e forse non faccio testo ma mi sono trovato bene con  entrambe.hanno due voci differenti ma tutto ok. certo VIVAe MASTERSOUND sono  ottime amplificazioni ma devono come tutte dal resto essere ben abbinate. una  amplificazione che mi ha dato molte soddisfazione è stata  ca2000+ba2000+celestion44. per il mio gusto personale mi trovo bene con pre a  valvole+ finale mosfet come uso oggi ma  il tutto  è opinabile. un'altra cosa  volevo dire . molti vanno in cerca di misure , di come si comportano le  amplificazioni sul tavolo del laboratorio . credo che questo serva a poco ,  abbiamo  le orecchie che non tradiscono mai . grazie per la pazienza e saluto  ezio

 

 

 

Hit Counter

Home