ECCO UNA NUOVA E SPERO  INTERESSANTE  SEZIONE  - DOMANDE E RISPOSTE HI-FI - 

Le risposte di Giuseppe

Pag. 5

Domanda di Lasarta: 

 

ciao non sono molto esperto in materia mi sono  ritrovato tra le mani due casse new advent 15wrms  potenza min richiesta non so che amplificatore  abbinarci mi anno parlato molto bene del grundig v 7000 della vecchia grundig fallita secondo te e un  buon aquisto oppure no ti ringrazio per una tua  eventuale risposta.  ps: o visto altri ampli tipo il advance acoustic   map103oppure l'aeron a4p  ??

 

Giuseppe:

Ciao, Scusa se rispondo così in ritardo, sono tornato ora dalle ferie. Grazie per la tua domanda, il V7000 è un ampli del lontano 1984 vecchia scuola, sicuramente ben fatto e molto ben suonante se non sbaglio eroga 35 fantastici watt su 4 ohm.
Per poterti rispondere correttamente avrei bisogno di conoscere alcuni particolari, tipo: le dimensioni della saletta d'ascolto, e sicuramente il modello delle new advent che hai tra le mani.
Per ciò che riguarda gli altri due, scarterei l'advance acoustic(rispetto al grundig e all'aeron è un giocattolo , a proposito ma a quanto hai trovato il grunding v7000 ??
Attendo tue info per completare la risposta.

Saluti e grazie.  Giuseppe

---------------------------------------------------------

 

Domanda di Roberto:

Ciao ,ho letto di te su audiocostruzioni e allora ho deciso di scriverti...
Ho un buon vecchio nad 3020 comprato usato in  Inghilterra e vorrei  dargli una rinfrescata
Piu precisamente vorrei apportare le seguenti modifiche:
http://www.tnt-audio.com/ampli/nad3120upgrade.html
Riusciresti approssimativamente a farmi un preventivo della spesa?
Inoltre vorrei cambiare il cavo alimentazione....magari mettendoci una  vaschetta in moda che possa mettere il cavo che piu mi piace.
Mi fai sapere qualcosa con comodo quando vuoi anche dopo le ferie.....e'   un lavoro che faro' tra un paio di mesi non prima Ti ringrazio fin da ora
Roberto

 

Giuseppe:

Ciao Roberto,
Scusa per la risposta ritardata, sono appena rientratodalle ferie.
Ti vorrei ringraziare innanzitutto per la tua domanda.

E' possibile sostituire i condensatori sulla sezione power supply del 3020 con altri più muscolosi (ne sono in origine 2 da 2200 sul ramo positivo e 2 da 2200 su quello negativo posti in parallelo quindi 4400 per ramo,per ridurre l'ESR ,resistenza serie) questo ti garantirebbe quel piglio di energia in più nei
transienti più forti, ma aggiungerei anche un paio di polipropilene di piccolo valore per rendere più veloce la gamma alta, come pure sostituire i condensatori sulla sezione pre, dopo tanti anni di funzionamento non è necessario upgradare un'apparecchio ma  "semplicemente rinfrescarlo" e dargli nuova vita, è come cambiare l'olio al motore dell'automobile dopo un bel po di Km.
E' possibile sostituire i finali, 2N3055 sul ramo pos. e MJ2955 sul ramo neg. con altri più musicali (musicali per chi poi ???) e quindi adattare la corrente di bias, questa modifica te la sconsiglio in
quanto non avresti più un NAD 3020 con il suo caldo e musicale suono, che tanto ha fatto apprezzare questo amplificatore, ma un'ampli che piace a qualcun'altro....e forse non più a te, idem per i cond. non polarizzati sulla sezione pre,(NB parlo contro i miei interessi visto che la modifica la farei
io). Nessun problema per la vaschetta IEC.

Il preventivo si aggira sui 40/50 euro, con condensatori a basso ESL(kendeil) per gli elettrolitici ed altissimo slew rate(epcos) per i polipropilene,non considerando la sostiutuzione dei finali con altri di tipo più "musicali", si poterebbe al massimo metterne di selezionati, ma con scarsissimi miglioramenti visto già l'ottimo bilanciamento circuitale del 3020.

PS.Amichevolmente ti devo propriodire di non mortificare il suono del tuo NAD con inutili modifiche
(tipo finali più musicali), comprane uno nuovo, ben venga invece la sost dei condensatori sulla sezione pre e il rinforzo sull'alim. dei finali.

Fammi sapere se sono stato abbastanza chiaro ed esaustivo.  Saluti
Giuseppe.

 

Roberto:

Ciao Giuseppe Non scusarti se sei andato in ferie....ci  mancherebbe!  Spero ti sia divertito e soprattutto rilassato   Il tuo preventivo e' onestissimo oserei dire  troppo.....qui dalle mie  parti ti spillano 50 euro a cambiare un fusibile  figuramoci ridare linfa   al 3020....   Io direi che tra un paio di mesi lo faccio anzi   direi che te lo mando proprio senza alcun dubbio Quindi mi salvo la tua email e al momento opportuno   ti contatto....


Io pero' ho un tarlo al momento una priorita che mi  chiedevo se eri in  grado di sistemare...   E una storia lunga cerchero di stringere   Ho comprato un thorens td 165 modificato nel cabinet  dalla storica e  ormai defunta milani elektro....
Ha il braccio leggermente storto quindi va cambiato  e vorrei apportarci delle modifiche che trovi qui  http://www.theanalogdept.com/bushman.htm  Come vedi nulla di particolarmente ostico  Il problema e che preso dalla frenesia mi sono messo  a fare da solo e  non sono in grado di rimontarlo....  Per sopperire al problema del braccio ho acquistato un thorens td 160  non funzionante che mi arriva a breve


Ho chiesto a un audiofilo campano che mi dice che il problema del td 160  non e nulla di grave Cmq ti incollo quello che mi scrisse il venditore in inglese  The tonearm is there the cartridge and the cartridge  shell are there and every part of the turntable is there, but as I have indicated in my ad,   apart from the damaged cover there is a problem with  the driving spindle  which is bent. That means that it does not run   smoothly  but  it 'jumps'   when it works. This is why it was clearly indicated  that it was sold as  spare parts or possibly repair.

Allora io avrei intenzione di procedere cosi'  se sei in grado di ridargli nuova vita io ti   manderei tutti e 2 i   giradischi Il 165 e il 160 scegli tu se mettere a  posto il 160 o se   prendere da esso il braccio e quant'altro (tipo il  perno di zinco contro  il plasticoso 165)il braccio ecc ecc
 

Quello che vorrei e' il rispetto delle modifiche che  ti ho elencato ,delle molle nuove (se ci fossero quelle del linn  sarebbe meglio)e   mantenere il mobile delle milani elektro (ha vaghe  somiglianze eststiche con i macintosh...ed e' mica male)......quindi poi  una bella dimata del  tutto una calibrata alla mia linn k9 e il gioco e  fatto
Insomma Giuseppe mi sei piaciuto molto dalle tue  risposte inerenti al nad e mi fido di te (e se me lo dice Sbisa' ci vado  sicuro),e se mi dici  di procedere appena mi arriva il 160 te lo mando su  Te la puoi prendere con calma non ho fretta  Mi devi solo spiegare come imballare i giradischi  affinche non si rovinino Mi fai sapere qualcosa? scusa per la lungaggine   roberto
 

Giuseppe:

Ciao,  Nessun problema per il Nad, e nemmeno per i due piatti.  Mi sembra di capire, dal link che mi hai segnalato che  la modifica in questione riguarda l'insonorizzazione  del cabinet e la rimozione di alcune parti  elettromeccaniche come lo switch 33/45 e le relative  leve di rimando....confermi ?  Per ciò che riguarda le molle Linn te le sconsiglio  sono calibrate per un carico diverso e sballeresti lo  smorzamento...non puoi mettere delle delle sospensioni  di una diesel (dure)sotto una a benzina( morbide), la irriggidisci......
Non appena hai i due piatti ci sentiamo.  Saluti Giuseppe


Ps. se riesco a procurarmeli monterò sul NAD 3020 due  Nippon chemicon marchiati PROTON PROFESSIONAL e montati sui D-1200 della Proton , sono da 10.000 uF ognuno....bellissimi,(uguale preventivo, non temere, è  una mia scelta)

 

Roberto:

Ciao Giuseppe  Il td 160 e' arrivato oggi  E' in buone condizioni il braccio e' a posto   Il difetto che ha (ed e x questo che l ho preso come  non funzionante)e'   che il pernino dove alloggia la cinghia e' storto   quindi salta il disco  per forza.....Non lo collego in quanto ha l attacco   inglese ma questo mi  disse il venditore  A parte questo ha il cabinet di sotto crepato ma  poco importa ci metto  l'altro  Il td 165 (l'altro gira smontato)e' a posto tranne  il braccio che come  ti dissi e' storto  Innavertitamente ho rotto l asticina che comanda per   il cambio tra i 33  e 45 giri   Quella del 160 e' a posto.   Allora ti ribadisco le modifiche  -insonorizzazione con il sughero dove necessita   -Blue tac dove necessita  -Una bella oliata   Ti mando anche la testina della linn cosi me la  metti su in dima   Io ti vorrei chiedere se riesci a grandi linee a  farmi un preventivo per   questo intervento cosi in modo che mi possa regolare ...  Ciao e garzie

 

Giuseppe:

Ciao Roberto,  Un Preventivo di massima si potrebbe aggirare su 100/120 euro, forse è un po altino....ma si tratta di  un lavoro meccanico e soprattutto di alta precisione  che richiede tempo, (sostituirei anche la cinglia se  se necessario).   Nelle modifiche che hai elencato, però non c'è più  segnalato l'abolizione dei servomeccanismi per 33/45,  ci hai ripensato ?In questo caso il preventivo si abbassa.   Se ti va bene al posto del Blue tack userei un'altro  prodotto meno gommoso e più sordo.  Mi rendo conto che sommando al preventivo le spese di spedizione a/r forse la cifra è un pò altina...... Saluti Giuseppe.

 

Roberto:

Per l'imballo faro del mio meglio.  Adesso vedo se  mandarti giu anche il nad cosi famo tutto insieme e non
ci penso piu'  Mi chiedevo se si riesce a trovare il fronatle in plastica del  nad.il   mio ha le serigrafie rovinate.....e'  uno sfizio lo  so ma  il   mostriciattolo secondo me merita.  Vai pure con i condensatori  proton se riesci a  trovarli (TROVALI :))  Io ho guardato il tuo  curriculum e ho notato che sei  un esperto di   autocostruzione  valvolare...
Cerchero di spiegarmi al meglio se riesco  Il mio  tallone d'achille restano i diffusori....io  non capisco molto di 
valvole e affini ma da un amico costruttore dilettante ho saputo che  la   cosa basilare e' l'abbinamento tra diffusori e  ampli.  A me  piace il suono ROCK e adoro le valvole ma non  sono molto propenso   all analitico a tutti i costi....insomma non sono un  audiofilo  incallito  e mi piacerebbe avere un abbinamento che mi permetta  di
sentire   discretamente bene anche le incisioni dove il  tecnico  della  registrazione andava a farfalle quel giorno....
Al momento mi ritrovo con un paio di B&W 302 e un  paio di fostex fe 87   autocostruite  insomma mi piacerebbe l'analiticita' delle fostex la   stessa coerenza di   ricreare il palcosenico e la stessa grinta che hannole B&W con le   chitarre elettriche....  I diffusori appunto sarei curioso delle 206 della   fostex ma non so se   sarebbero la  scelta piu giusta.....tra le cose  (poche)che ho sentito mi   sono  piaciute moltissimo le dynaudio audience 42    Ah dimenticavo  :non  disdegno il jazz alla miles davis anni 50 coe non mi  dispiace  affatto la musica sinfonica....  Tutto questo per chiederti che  abbinamenti ci  vedresti per me sia di  diffusori che di
elettroniche  Ho un cd della marantz 67 ose (anche quello mi sa  che  prima o poi te lo   mando a tweekkare)il piato del thorens td 160/165  e  il nad + il  t amp   il t preamp ....  Diciamo che al momento mi  piacerebbe poter  sfruittare il t amp e avere   un paio di diffusori  con un estensione notevole ma  che suonino da 2   vie.....le uniche
che ho sentuito sono le klisch ma  non mi sono piaciute   (suonano  troppo in faccia)  Insmma mi sapresti guidare? Grazie e scusa  nuovamente il disturbo  Roby

Giuseppe:

Ciao Roberto, Chi ha detto che le valvole è il Rock  non vanno d'accordo ??Chi ha detto che un Transitor non possa essere  più analitico di una valvola ?O una valvola più squillante di un  transistor? Ricordati che non suona il singolo componente, valvola o  transistor che sia, ma tutto il circutio, anche il trasformatore di  alimentazione.....
 Non dimenticare che le migliori testate per  chitarre elettriche sono .....valvolari.....ma a moltissime persone piacciono quelle a transistor.... Atenzione se il tecnico  dell'incisione andava a farfalle.....tu andrai a funghi....nessun  impianto hi-end ,per quanto sofisticato e costoso possa essere sarà in  grado di immaginare e riprodurre il brano originale o quante farfalle  ha preso il tecnico mentre incideva il brano e quindi quanto non sia
fedele all'originale l'inciso.
Quindi incisione cattiva = riproduzione cattiva.
La seconda parte della tua domanda, richiederebbe molte  spiegazioni, cercherò di riassumere per non
annoiarti troppo: c'è una  differenza enorme tra un monovia e un multivia, mentre nel primo,  un'unico altoparlante deve poter riprodurre da solo tutta, o quasi, la  banda audio; un multivia delega questo compito a più
altoparlanti  progettati per le frequenze specifiche assegnate. Sappi che un  diffusore ideale è composto da una sorgente puntiforme, questo non è  ottenibile con i diffusori ne monovia ne multivia ne....  Entrambi
hanno pregi e difetti ,da questi deve trarre le tue conqlusioni e  scegliere quale pregio/difetto è più o meno importante e incidente a  secondo i tuoi gusti acustici, att.!!! acustici e non musicali. Il  monovia essendo composto da un solo altoparlante è sprovvisto di filtro  cross over,quindi si trova a riprodurre l'intera gamma audio da 20 a  20.000 Hertz. Siccome in un brano musicale le note, si susseguono a ritmi velocissimi , ed ad un colpo di contrabasso può seguire un  timpano....o peggio accavallarsi un timpano, il povero monovia, mentre
sta riproducendo una nota grave, deve riprodurne una acuta !! Non è fisicamente possibile per lui riprodurre
contemporaneamente le due note.

Rispetto al multivia, avendo un solo punto diemissione  acustica, tra i due tipi di diffusori è quello che più si avvicina al  diffusore ideale, in più non soffre dei problemi che vengono introdotti dal cross over di un multivia.
Con il multivia vengono risolti i problemi relativi all'impiego di un solo altoparlante per la riproduzione del suono; quindi attraverso il cross over la banda audio  viene divisa in due o più sezionia seconda di quante vie ci sono.
Questo è un bene in quanto nessuna sezione funziona nel campo di  frequenze di un'altra (a meno del punto di incrocio delle frequenze, non è possibile tagliaredi netto la banda audio), quindi gli altoparlanti sono proggettati ad hoc per un certo range di frequenza.L'impiego di più altoparlanti,purtroppo , introduce punti di emissione  diversi,cmq ci sono varie tecniche per ridurre questo limite. Ti ho  elencato alcune caratteristiche dei due tipi di diffusori,  personalmente sono MOOOOLTO simpatizzante per le Dynaudio mi piacciono  (ascolto musica classica ,jazz, fusion ). Al di là di tutti i discorsi  tecnici, esoterici ,ecc. resta un solo punto fermo, la musica che
ascolti deve piacere a te, il problema non è quello di scegliere un monovia o un multivia a seconda del tipo di musica che ascolti, è vero  che una o l'altra soluzione può preferire il Rock alla Classica ( ma  poi cosa cambia
tra i generi musicali??? la Classica in alcuni fortissimi è molto più esplosiva di un pezzo Rokkettaro).Vai ad
ascoltare un pò di musica dal vivo così avrai un'idea di come dovrebbe  suonare il tuo
impianto per riprodurre al meglio il messaggio sonoro, sei fortunato in quanto puoi paragonare entrambi i tipi di diffusori  Fostex monovia e B&W multivia....... Se proprio vuoi pavoneggiare  tieniti entrambi i diffusori cambiandoli a seconda del genere che ti vadi ascoltare.  Scusa ma non mi sento all'altezza di consigliare a
nessuno ,sotto l'aspetto musicale,   accoppiate casse,ampli,sorgenti  ecc. anzi non sono così presuntuoso da imporre i miei gusti ACUSTICI  .....la musica è cultura, l'acustica no.

Ps. Hai centrato il  problema, è importantissim  l'accoppiata casse amplificatore.Attenzione  quindi, tra l'altro alla impedenza dei diffusori; non quella di 8 hom o  4 che solitamente viene dichiarata dal costruttore, ma a quella
dinamica (la trovi nei test sulle riviste specializzate) che può mette  veramente in crisi l'amplificatore.
 Mi piacerebbe sentire una tua replica.
 saluti Giuseppe

 

---------------------------------------------------------

Lazzanet  chiede:

Ciao, il mio problema consiste nel far funzionare  una coppia di audio pro a4-14 con preamplificatore
nad dedicato, anni di soffitta,e i 4 woofer si sono cotti, i cavi per collegare sia i due amplificatori che gli stessi al pre sono andati persi, sapresti con darmi un consiglio, sulle caratteristihe e
eventuali prezzi per la riparazione.
Grazie

 

Giuseppe:

Ciao, Complimenti per i diffusori, sono bellissimi e soprattutto dal basso molto presente.
Ti vorrei però sconsigliare la riconatura fatta fuori service, anche se ben fatta non avrai mai la stessa
cedevolezza di quella originale, a meno di trovare ricambi originali (un pò improbabile vista l'età degli
oggetti in questione).
Anche se il lavoro di riconatura è pre me fattibilissimo, in coscienza ti posso consigliare solo di rivolgerti alla audiopro ,(se proprio ti danno picche...ci possiamo risentire per la riconatura)
www.audiopro.com. Il discorso cambia per i cavi, anche se si tratta di banalissimi connettori DIN il cui costo è quasi nullo, per la loro realizzazione avrei bisogno almeno dello schema elettrico dell'ampli del diff, lo sto ancora cercando in rete (è un pò difficile trovarlo a dire il vero).
Puoi provare a chiedere a Davide, in una delle sue recensioni/schede parla proprio di questi diffusori.


-----------------------------------------------------

Luca:

Ciao... visto che ti metti a disposizione se non ti dispiace ti farò qualche domanda. Sostanzialmente  non sono contento del mio ampli e vorrei  "up-gradarlo", il componente in questione è il  Marantz PM 7000 inserito tra un omonimo CD 6000 OSE  KIsignature e delle B&W DM 602 S2.

 

Credo,non mi smentirai, che il PM 7000 in questo contesto denota un pò di inferiorità, credo pecchi di precisione e  forse è anche un pò troppo rumoroso! Avevo pensato di modificare la sezione di alimentazione portandola  all'esterno del cabinet e magari modificandola  profondamente; tu che cosa ne pensi?  Ti ringrazio in anticipo per la risposta e a presto!

 

Giuseppe:

Ciao Luca, Effettivamente il PM-7000 stona un pò nel tuo  impianto.  Portare fuori la power supply e cercare di migliorarla, darebbe sicuramente dei giovamenti al suono , a proposito la rumorosità a cui ti riferisci è riferita ad un ronzio che senti dalle casse o invece proviene dall'interno dell'ampli ? Potrebbe un cattivo  funzionamento del Marantz e la causa del tuo malcontento ??


Cmq non ti consiglio di eseguire un up-grade a questo apparecchio, tra il portare la sezione power supply  all'esterno, e curarla elettricamente spenderesti  circa la metà del costo del PM-7000, oggi lo trovi  anche a 300?....Gli up-grade sostanzialmente servono a  migliorare qualche cosa che già di per sè funziona bene, servono per dare una marcia in più all'apparecchio, e non a riproggettarlo.

Nel tuo caso, invece, mi sembra di capire che hai dei  gusti più raffinati di quelli che può offrirti l'ampli  in questione, e quindi non si tratta di eseguire un  up-grade, ma rifare l'amplificatore da capo, (la  sezione di alimentazione è artefice di almeno il 70%  del suono di un ampli, infatti quando si vuole fare un apparecchio economico la prima cosa che viene  sacrificata è quella più costosa e difficile da  implementare, cioè l'alimentaazione).
Saluti Giuseppe
PS. fammi sapere circa l'origine del rumore, magari  con qualche consiglio posso aiutarti ad eliminare   almeno quello.

 

Luca:

E vero sono stato un pò vago, comunque l'ampli è  perfetto (nulla di rotto) il rumore di cui parlo è  rumore di fondo, che sento quando non ho nessun  ingresso in "funzione". Comunque se fosse una sana  cura ricostituente sarebbe da metterci solo la  manodopera (mia) visto che ho un trasformatore   mostruoso e altre cosucce come cabinet e cavi non  sarebbero un problema, mentre i condensatori e i  diodi dovrei comprarli!

Altrimenti, facendo un impianto Home Theater,  secondo te potrei riciclarlo? Io pensavo ad un   decodificatore esterno o un lettore con uscite   dedicate dove collegare a valle degli ampli dedicati   ai vari altoparlanti, magari monovia (autocostruiti,   utilizzando nel fronte l'impianto stereo di cui ti ho parlato! Scusami per la mia "asinteticità" e grazie ancora per la tua disponibilità!!

 

 
Giuseppe:

Ciao Luca,
Bene, sono conteneto per te. Diodi e condensatori non costano molto, penso che te la caversesti con una ventina di euro.... se ti dovesse servire aiuto "telematico" non indugiare a scrivermi....
Ottima l'idea di riciclarlo con l'Home Theater.
Ciao e buon lavoro

------------------------------------------------------

 

Marco:

Ciao Giuseppe, ho visto la sezione dedicata su audio   costruzioni ed ho pensato di chiederti un consiglio;   Sono in possesso di una coppia di diffusori klipsch   rf-35 e vorrei sapere se mi puoi segnalare qualche   amplificatore adatto con cui abbinarle (con un   occhio di riguardo sul costo), tenendo conto che   l'ambiente d'ascolto è un salotto di 60mq circa e   privo di tendaggi.   Ti ringrazio anticipatamente Marco.

 

Giuseppe:

Ciao Marco,   Grazie per la domanda.   Complimenti per le Klipsch rf-35, gran bel  diffusore...
 

Il primo ampli che mi viene in mente è senz'altro un  NAD C350, per almeno tre motivi:  Il primo è relativo senza dubbio ai difusori che  possiedi, molto frizzanti e briosi grazie soprattutto  al driver a tromba della sezione alta ; il NAD ha un  suono caldo, che compenserebbe la  mancanza di  drappeggi , tendaggi nell'ambiente d'ascolto, e quindi una eventuale esuberanza della gamma alta.

 

 il secondo motivo è che vista l'alta sensibilità dei  diffusori 98db,e il grande ambiente d'ascolto  un'amplificatore da 135 Watt su 8hom, ti consentirebbe  di non spremerlo troppo.
 

Il terzo motivo è di tipo economico viene riportato a 650? di listino......ma a mio parere ne vale molto di   più.  Un'altro candidato potrebbe essere un'Harman Kardon   hk675 circa 650?, i motivi sono simili a quelli già   riportati per il NAD.   Attenzione le Klipsh RF-35 sono diffusori abbastanza   diffusi....e si trovano facilmente in mostra dai   rivenditori...cerca di ascoltarli con qualche   amplificatore che rientra nel budget e non di meno nei   tuoi gusti acustici, poi dimentica recensioni e   consigli vari su questo o quell'altro ampli più o meno   vintage o con un bel nome esoterico, e  compralo,comprlao e compralo, se ti piace come si  sente.....


PS. cmq non scendere troppo con la potenza  dell'ampli,diciamo che dai 70-80 watt in su va tutto  bene per un ascolto a livelli umani,metti in conto che  hai 60mq da insonorizzare ,e la saletta del negoziante  potrebbe essere di 6mq... e  possono bastare per   impressionarti anche 5 watt.....!!!   Saluti Gisueppe

 

------------------------------------------------------

 

Roby:

Ciao beppe sono roby quello dei 2 thorens....

Un amico carissimo e andato giu a roma (anche lui e'   audiofilo)e vi   rimarra' x 15 giorni.I thorens glieli ho dati a lui   e me li fa mettere a   posto da uno che conosce che e' molto esperto  Io mi scuso se ti ho disturbato fino adesso sui   thorens se magari ti ho   fatto perdere un po di tempo ma la decisione di   darli a questo amico e'   stata dettata piu che altro dalla delicatezza degli   oggetti.....come ti  dissi all'inizio non mi fido molto delle poste   italiane e temevo che si   potessero danneggiare lungo il percorso   Comunque ti mandero' il nad prossimamente credo tra   un mese se le cose  mi vanno bene (se mi mettono a tempo indeterminato   al lavoro,dopo anni  sarebbe anche ora)senno' dovro' aspettare  Io avrei qualche domanda da farti che magari puo   tornare utile al sito..  

 

1.Parlavamo di pietre miliari quali le rogers:mi hai   parlato di stand  appositi che sono in realta' subwoofer (ab1)sai che   non lo sapevo?mi dai qualche dritta in piu'  

 

2-Dopo molte prove alla fine e' proprio il nad 3020  che mi soddisfa di  piu come timbro.....molto rock veloce e  dinamico....l'impronta che  cerco e' proprio quella ma se volessi migliorare  proprio   l'amplificazione con qualcosa di usato ma al di   sopra di ogni sospetto   cosa mi consiglieresti?Dimmi pure cosa prenderesti   tu visto che entrambi   adoriamo dynaudio e mi sa che piu o meno la pensiamo  uguale sull'audio  

 

3-Una cosa un po curiosa:parlai con un audiofilo di   salerno tempo fa (e   pure collezionista) e mi diceva che adora i maantz   1030 1050 .....e mi  diceva che hanno un'impronta valvolare adattata a un   integrato.....insomma assomigliano piu a un   valvolare che a un integrato   per certi versi.....mi sapresti approfondire la   cosa?  

 

4-Io un paio di casse salvate da una fine ingloriosa  le ho.un paio di   schneider colinal....sono dei coassiali 4 ohm 35   watt rms e 55 nominali   .....ti volevo chiedere se le conosci perche a me   non sembrano proprio  da buttare.....un amico che se ne intende mi dice   che hanno un po di  carenza sui medi ma con il wf che tengono (16) tu   pensi che un cavo di   buona fattura puo risolvere il problema?   Suonano strane:hanno l'impronta quasi stile inglese  alla B&W ma mi fanno  ascoltare dei particlari che non avevo mai sentito  prima d'ora....sempre  quando potro' visto che ho un paio di B&W da   alternare a questi   diffusori sarebbe mia intenzione di mandarteli giu e  vedere se riesci a   tirarmi fuori qualcosa di interessante (sarebbe da  rifarci il cabinet  magari una griglia protettiva ecc ecc.....sempre se  ne vale la pena  ovviamente e 2 orecchi sono meglio di 1)  Che mi dici delle indiana line da pavimento?e  vero  che montano  componenti coral? 

 

5-Una cosa che non mi e chiara sulle  rogers------hanno 15 ohm di   impedenza mi spiegh in virtu dei questo dato come   faccio a capire con cosa li posso abbinare?perche la scelta della bbc e   caduta su 15 ohm invece che su misure standard?e in definitiva cosa   giova alla timbrica?  Rispondi quando puoi e quando vuoi mi fa piacere   parlare un po con te e in questa email mi sono sbilanciato un po' ma la curiosita di saperne di   piu credimi che e' tanta  Tu che ne pensi della classe D?  Ciao ciao  Roby
 

Giuseppe:

Ciao Roberto, Non ti preoccupare per i Thorens, sono contento che abbia trovato la soluzione a te più comoda e  congeniale.

 

 1) Le Rogers Ls35A sono diffusori da 15 hom di  impedenza statica, abbinati ad amplificatori tradizionali e in ambienti di ascolto non proprio  curati o curabili , risultano pur nella loro  fantastica riproduzione acustica un pò carenti sui bassi. Le due unità sub AB1 una per cassa sono uguali  in profondità ed in larghezza alle LS35a sono alti circa una cinquantina di centimetri e fungono anche da  stand per le LS35a, rinforzano ed estendono la gamma  bassa fornendo più autorevolezza al suono.  Le adoro semplicemente perchè posseggo un'ampli OTL  autocostruito, questo tipo di amplificatore  ,contrariamente alla "norma" eroga più potenza se caricato con diffusori ad alta impedenza quindi con le Rogers LS35a va a nozze, e non ho bisogno nemmeno del  SUB AB1, almeno nel mio ambiente di ascolto.

 

   2)Ok adoriamo Dynaudio e la pensiamo allo stesso modo  sulla musica, ma non mi sembra di aver capito che tipo di diffusori vuoi collegarci.  Personalmente non cambierei il NAD vsto che ti piace,  se proprio vuoi migliorare ed avvicinarti al suono  caldo del valvolare senza perdere la vivacità dello stadio solido ti consiglio caldamente un bel Musical  Fidelity A100 (50 Watt in pura classe A), con 300/400  Euro te lo dovresti portare a casa (se non ricordo  male lo trovi anche recensito su  audiocostruzioni.com).Quando li riparavo per lavoro  ,me ne sono passati diversi tra le mani, e ti assicuro  che la qualità costruttiva è molto alta.


 3) per ciò che riguarada i Marantz 1030 e 1050 sono  macchine fantastiche, risalenti al lontano 1974  rispettivamente 30 e 50 Watt. E' vero che assomigliano  ad un valvolare, come impronta sonora.  E' mia opinione personale (sottolineo personale),tra   l'altra formulata attraverso l'ascolto di molte  elettroniche simili e risalenti a quel periodo, che le  elettroniche realizzate durante il passaggio  tecnologico tra tubi e transitor abbiano risentito dei   gusti dei progettisti,mi spiego meglio, chi progettava   elettroniche a valvole era abituato a quel tipo di   suono dolce, caldo ...suadente (definiscilo come più   ti piace)conosceva solo quello e quello dal vivo,   quando si è trovato a proggettare ampli a transistor,   probabilemte il suo orecchio abituato al suono  valvolare lo induceva a ricercare la stessa impronta  musicale dei tubi; dando in questo modo a quelle  elettroniche alcune delle caratteristiche musicali dei  valvolari. Quindi si è vero, assomigliano più ad un ampli  valvolare che ad uno a stato solido.
 

4)Mi dispiace per le schneider colinal, non le ho mai  ascoltate, se il tuo amico che se ne intende dice che  sono un pò carenti sui medi, ma a te piacciono,  fregatene, è frequente e facile "disprezzare" quello  che non conosci.Se gli avresti fatto ascoltare a sua  insaputa delle sonus faber o delle Dynaudio ,seduto di   spalle magari, e dicendogli che si trattava di casse   marcate paperinosound ti avrebbe detto ancora di  peggio.......c'è qualche "esperto" che preferisce, o  peggio non riconosce un pianoforte riprodotto da uno  dal vivo !!!!  Non pensare di risolvere problemi di timbrica con un   cavo....chi te lo vuole rifilare promettendoti che il   tuo impianto cambierà, o è un pazzo ò è un furbo che   cerca un fessacchiotto per combinare un'affare.   Il discorso dei cavi è mooolto complesso ed impiccioso   da affrontare....è vero , assolutamente vero che   migliori sono le caratteristiche elettriche del cavo e   più trasparenti al suono si dimostrano, (l'impianto  ideale è ASSOLUTAMENTE trasparente) ma è anche vero  che il cavo è l'ultimo tasselo da perfezionare, in  ordine viene quello di segnale, quello di potenza e   quello di alimentazione...tutti e tre dopo tutto   l'impianto.   Immagina di avere un'impianto di 1000 euro (se suona   bene e se piace a chi lo possiede è l'impianto  migliore del mondo anche se marcato paperinosound) e   volerlo migliorare partendo  con un cavo da 500  euro......non ha senzo.  I miglioramenti ottenuti dall'impiego di questo o quel   cavo esoterico si avvertono con impianti da 100.000   euro (forse), o più.  Immagina di avere un'auto col motore andato, senza freni e con le ruote lisce.....e volerla migliorare  cambiando i tubi idraulici....o una cinquecento che  speriamo vada più veloce mettendo i cavi elettrici di  una Ferrari.....che ridere....


5) Caspita, l'ultimo quesito mi mette un pò in   difficoltà, (un pò ;->) delle LS35a ne esistono varie   versioni di diversa impedenza, arrivano fino a 11 hom,   posso immaginare che siano state progettate ad ok per   l'ampli di casa Rogers l' E40a ,ma è solo un'ipotesi,   ricordati che 15 hom è l'impedenza statica, nel  normale utilizzo l'impedenza scende e anche di molto.   Possono essere abinate ad un'ampli a tubi OTL, o ad  uno stato solido che non ama carichi troppo bassi,   cmq se non le hai mai ascoltate no le comprare alla   cieca, hanno un suono all'"inglese" molto particolare  e o ti piacciono da subito o  .....desisti.....(ricordati non comprarle solo perchè   l'amico esperto di turno dice che suonano bene ...solo   perchè si chiamano Rogers).
6)cosa giova alla timbrica???  Moltissime cose, a partire dall'ambiente d'ascolto.
Per ciò che riguarda i diffusori, come per altro per  ogni componente della catena d'ascolto, incluso l'ambiente e....l'ascoltatore.  La timbrica viene influenzata da tutti i parametri che   immagini e non.  Ad esempio un'altoparlatne coassiale, pur se con  acluni difetti rispetto ad uno tradizionale, ha il  pregio di avere lo stesso punto di emissione dei due   altoparlanti di un'unica unità, e questo giova senza  dubbio alla timbrica.  Scrivi quando vuoi e quanto puoi, mi fa solo piacere scanbiare opinioni sul nostro svago comune . Anzi, se vuoi e se puoi,inviami una replica a questa   mia la gradirei moltissimo.  Avrei voluto approfondire il discorso timbrica, ma il  tempo mi è tiranno, magari ricordamelo nella prossima  e-mail.   Salutoni Giuseppe

 

---------------------------------------------------------------------

 

 

Carmine:

in un ampli con el34 è possibile montare delle 807,   ovviamente  sostituendo gli zoccoli ed aggiustando il bias.   tnx, carmine.


allora sarà bene cominciare dall'inizio,   incuriosito dalle straodinarie prestazioni decantate  dei finali a valvole ho riesumato dal mio ciarpame   elettronico le valvole usabili alla bisogna, in  cantina ho trovato una decina di 807, una decina di   814, una decina di 815, 4 811, dovrebbro funzionare   perchè hanno ancora l'imballo originale, sia per la   reperibilita di schemi e traformatori ho optato per   le 807, che per caratteristche si avvicinano all 6l6   e quindi alle el34. Le 811 e 814 a riscaldamneto  diretto sono troppo pretenziose, le 815 invece sono  doppie simili alle 829, ma con zoccolo octal, am non   ho trovato uno schema di utilizzo in bf, e poi sono  meno potenti delle 807. Sono quindi alla ricerca dei   trasformatori di uscita e di alimentazione per le   807, e su ebay ne ho trovato per la el34, quindi   pensavo di prenderli, ho chiesto al venditore se   vanno bene anche per le 807...sto aspettando la   risposta. Ti allego lo schema del costruendo  ampli...
 ciao, carmine

 

Giuseppe:

Ciao Carmine,
 Ho fatto un giro su ebay, e ho trovato "forse" i   trasformatori di cui parli.  Ad occhio sembrano trasformatori di uscita per testate  di chitarre elettriche.   Non ho esperienza su questo tipo di trasformatore,   ovvero non so dirti se sono "lineari" su tutta la    banda audio, visto che sono realizzati per un uso   specifico con uno strumento "chitarra"...ma questo è   tutto da verificare.  Non credo che tu possa adattarli ad un PP di 807 come dall'allegato,visto la diversa impedenza di carico di   cui necessitano, circa 5/6 K le el34 contro i 10 K  delle 807.   Potresti però mettere due 807 in parallelo per ogni  ramo del PP realizzando un PP parallelo dimezzando   l'impedenza necessaria del trafo a 5 K, ma questo  introduce un nuovo problema: raddoppio delle valvole   di potenza = raddoppio della potenza del trasformatore   = raddoppio della corrente che polarizza le finali =  raddoppio della corrente sulla line HT del trafo di  alimentazione e quindi delle induttanze di   filtro.....ecc....ecc....quello che risparmi sui trafo  di ebay lo rimetti ,ma di molto , sull'alimentazione.     Se vuoi un consiglio ,desisti, anche perchè trovi    delle ditte che realizzano trasformatori dall'ottimo   rapporto qualità prezzo....una tra le tante 
http://www.atcelectronix.com    Saluti Giuseppe

 

----------------------------------------------------------------------------------

 

Emanuele:

Ciao Giuseppe, mi chiamo Emanuele e approfitto della   tua competenza per un parere:  ho acquistato usati due finali mono Meridian 205 e   vorrei sapere se è il caso di sostituire almeno gli   elettrolitici di filtro.   Inoltre ho trovato scarsissime informazioni su   questi apparecchi, addirittura l'annuario di audio   review li da come funzionanti in classe A! (ma non   credo proprio, visto il calore contenuto  sviluppato).  Grazie mille!

 

Giuseppe:

Ciao Emanuele,
 Grazie per avermi scritto.   Caspita! sono riuscito a trovare solo qualche  foto....ma conoscendo il marchio Meridian posso   immaginare che si tratta di prodotti di alto livello.  Sostituire le capacità di filtraggio nella power  supply?   Dipende, in linea di massima condensatori freschi sono  sempre raccomandabili, anche perchè che credo tu non   sappia quanto tempo abbiano lavorato i due finali, ne   in che condizioni e ne tantomeno che età abbiano.  Tieni presente che cambiare i condensatori è un pò   come cambiare l'olio al motore di una macchina....  Non avendo trovato lo schema elettrico non so dirti   quanto potresti spendere in condensatori freschi e di  qualità migliore....ma se proprio ti interessa questa   informazione ,a finale spento e con la spina staccata,   tira giù i pannelli e dimmi cosa leggi sui   condensatori, al limite scatta una foto e mandamela.   Ti dirò a che spesa puoi andare incontro....   E' comunque possibile stabilire solo strumentalmente   se i condensatori sono da sostituire o meno.   Fammi sapere  Saluti  Giuseppe

PS. se scatti qualche foto e me la invii mi fai  contento, sono curioso di vedere dentro com'è fatto....

 

 

---------------------------------------------------------------------

 

Dario:

Ciao sono  un dilettamtissimo nell'ambiente,  comunque ciò premesso ho acquistato un lettore dvd   denon 2910, sintoamplificatore yamaha xrv 650, un   sistema chario silouhtte 200 con sub e sorround ed   infine ho un televisore sony 29 pollici (non 16:9  e  senza ingresso hdmi) quale è il modo più giusto per  collegare il tutto e quali tipi di cavi devo usare?   grazie Dario

 

Giuseppe:

Ciao Dario, Gerazie per avermi scritto.  Per ciò che riguarda il posizionamento del sistema  chario, volendo collegare in 5.1 devi posizionare i   due frontali r+l ai lati del televisore e il centrale   sotto o al limite sul televisore.  Inserisci un cd audio nel lettore e fallo girare, siediti nel tuo punto di ascolto e lavora sui  diffusori r+l ruotandoli più o meno verso di   te,allontanandoli o avvicinandoli alle pareti laterali  e posteriori.  Con un pò di pasienza, individua quale posizione ti  consente di avere il palcoscenico virtuale più ampio   possibile nelle tre dimensioni (senza creare buchi al centro).  Per il canale centrale non esiste nessun problema di   posizionamento come per l+r, al limite se la seduta   del punto di ascolto è alta conviene mettere il  centrale sul televisore e non sotto.  A questo punto posiziona i due diffusori posteriori  lateralmente e arretrati rispetto al punto di ascolto,   cercando di posizionarli di fronte a quelli frontali e   un pò più arretrati rispetto al punto di ascolto.  L'ideale sarebbe posizionare i due diffusori frontali   e i due laterali ai vertici di un quadrilatero   immaginario dove al centro c'è il punto d'ascolto....  Per ciò che riguarda il sub puoi metterlo dove di  pare, sotto un tavolino, dietro il divano....tanto il  suono che ne dovrà uscire non è direzionale e quindi non ti darà nessun problema di posizionamento. 


 Per ciò che riguarda i cavi, dipende dalla distanza   tra ampli e casse, per stare tranquillo un cavo con   sezione da 4 mmq andrà benissimo, per ciò che riguarda   la marca, conviene sempre spendere in relazione al   livello dell'impianto. Ciare o Tasker andranno benissimo, se vuoi qualche   cosa di più "esoterico" puoi andare verso gli YBA,   altrimenti chiedi a Davide Sbisà di  audicostruzioni.com se può costruirtene coppie su   musira, ha veramente degli ottimi cavi con un  sorprendente rapporto qual/prezz.   Per ciò che riguarda il televisore, ti elenco i  collegamenti che puoi utilizzare partendo dal più  performante....non mi hai detto che modello hai!   RGB, S-video e video composito.   In ogni caso se il lettore dvd non si trova molto   lontano dal televisore, diciamo 1,5 - 2 mt pui usare   senza problemi cavi commerciali e non spendere più di   10-15 euro !!!! Se la distanza aumenta potrebbe essere   necessario investire qualche cosa in più, sopratutto  se eseguirai il collegamento in video composito.
 

 Scusa la lungaggine della risposta, se ti serve altro  aiuto non indugiare a scrivermi.

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Davide:

Ciao Giuseppe.   Mi chiamo Davide, e sono anch'io un elettronico di  Napoli. La mia domanda è questa: se acquisto uno di   quei lettori DVD che leggono un po' di tutto (SACD   compreso), tipo i Pioneer da 100-200 Euro, posso  connetterci un DAC esterno? Girando in rete mi  sembra di aver capito che nel caso di un SACD   l'uscita digitale venga bloccata, per cui potrei   ascoltare soltanto formati PCM e non DSD.  Quest'affermazione corrisponde a verità? In tal  caso, mi tengo le mie vecchie meccaniche, in quanto   al momento sono intenzionato all'acquisto di un  SACD, rinnovabile successivamente con un DAC   esterno. Naturalmente, se la cosa è possibile,   possiamo studiare un progettino di DAC esterno con  convertitori BB o AD, seguiti da uno stadio d'uscita   a triodi.  Grazie. Ciao.

 

Giuseppe:

Ciao Davide,   Grazie per avermi scritto.   Sui lettori economici può capitare che il convertitore  e lo stadio pre di BF possa essere contenuto nello   stesso chip.   In questo caso è difficilissimo se non impossibile   fare l'operazioneche che descrivi.   Per ciò che riguarda la progettazione di un DAC  esterno ti consiglio quello pubblicato qualche numero  fà su CHF, se vuoi posso andarmelo a cercare e  inviarti una scansione, personalmete non mi interesso  molto di progettazione digitale perchè non mi piace  amo l'analogico.  Posso senza dubbio aiutarti sull'uscita a triodi e se  vuoi ti invio la mail di un nostro concittadino che si   occupa per pasione di progettazione DAC digitale di   ottimo livello sui fantastici tda 1451 !!   Saluti Giuseppe

 

-------------------------------------------------------------------------------------

 

Potete tranquillamente scrivere a Giuseppe  devilsea2001@yahoo.it  per i vostri questiti , tenendo presente che lui lo fa per passione , quindi senza nessun obbligo , verranno  riportate i queste pagine.

 

 Torna all'elenco domande e risposte

 

Hit Counter

  home