ECCO UNA NUOVA E SPERO  INTERESSANTE  SEZIONE  - DOMANDE E RISPOSTE HI-FI - 

Le risposte di Giuseppe

Pag. 21

Domanda di Leonardo  :  Caro Giuseppe in oggetto il nominativo del sito che   io pensavo tu conoscessi.
Ho contattato un signore di Genova che ha un Sansui  9500 e che sta facendo  riparare un potenziometro dell'ampli, mi ha chiesto   350 euro,mi ha asicurato  che tutto originale e che preferisce farlo sentire e   non spedire in modo che   l'aquirente sia sicuro del prodotto che compra,  quindi appene mi telefona è  molto probabile che me lo vada a prendere di persona  a Genova. Il suddetto   prezzo richiesto secondo te è accettabile? Come   faresti tu ad assicurarti "al   volo" che è tutto ok ?  Mi dispiacerebbe sprecare un   viaggio invano.  Goditi il sito e grazie dei consigli che spero   riuscirai a darmi Leonardo
 

Risponde Giuseppe:  Carissimo,   Graz<ie del link...  350 euro sono ben spesi per questo oggetto.  Se il tizio non vuole spedirlo....psicologicamente  vuol dire che vi è molto affezzionato, che tutto   sommato puoi pensare che l'abbia tenuto bene anche  esteticamente....   Come fare a vedere lo stato....se non sei pratico,  puoi solo ascoltarlo, deve essere secco e asciutto,   eventuali condensatori esausti si manifestano con   bassi smorti e lenti o prematuro clipping.    se ti fa vedere sotto il coperchio....sarebbe meglio,  ma non credo che te lo faccia fare.....ascoltalo e se   ti piace portalo a casa.   saluti

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Fabrizio  :  Ciao, sono Fabrizio, ho visto la tua mail sul sito e  mi   sono permesso di scriverti per chiederti   un'informazione.  Ho delle valvole nuove che vorrei accoppiare per poi  venderle ad amici, sai se in qualche modo si possono   accoppiare con un provavalvole ad emissione del tipo  scuola   radio elettra o con principio di funzionamento    simile?   Vorrei comprarne uno, ma a mutua conduttanza costa   parecchio di più.  Penso che quello ad emissione non riesca a fare gli   accoppiamenti, ma esiste qualche modo "rustico" per  fare  all'incirca un accoppiamento con provavalvole ad  emissione?  In caso tu venda un provavalvole ad emissione  comunicamelo.  Ti ringrazio e ti saluto augurandoti una buona   pasquetta.  Ciao  Fabrizio

 

Risponde Giuseppe:  Ciao Fabrizio,  Grazie per avermi tenuto in considerazione e posto   questa domanda.
 

Il provavalvole ad EMISSIONE stabilisce esclusivamente   la corrente che esce dalla placca. Il valore misurato   può essere poi confrontato con un dato puramente  soggettivo, mi spiego meglio, metti che tu hai ,ad  esempio una valvola nuova deve dare 20mA di corrente  anodica (placca) e la misura al provavalvole ti indica  che eroga 45mA, questo vuol dire che la valvola è  efficiente. Questa emissione anodica misurata non è  però un dato utilizzabile per accoppiamenti o per   determinare l'efficienza della valvola, diciamo   certamente che si tratta solo di un valore indicativo   sulla qualità della valvola , ma , sembrerà strano non   possiamo essere sicuri che la valvole possa funzionare  in un circuito vero e prorpio.....ti spiego perchè

- La corrente anodica varia in funzione delle  caratteristiche tensione/corrente del cicuito in cui è   messa a lavorare la nostra valovla, esso varia per  tanto in modo NON LINEARE in funzione delle tensioni e  correnti applicate alla valvola e non in maniera   lineare , dai un'occhiata a qualsiasi datasheet per   notare che le curve non seguono per nulla andamenti   lineari !!!.

 

 Tuttavia sarebbe possibile accurare la misura con un   provavalvole ad emissione , se questi ci dà la  possibilità di variare le tensioni di test, si  potrebbe, con una 300B che lavora con tensioni   anodiche da 250 a 400V, tracciare l'emissione anodica   con steep di 25 volt e "tirare fuori" una curva di   emissione "attendibile" a quelle tensioni.  Un provavalvole come il radio Elettra (tra l'altro   venduto in kit) che applica 45V alla placca magari ci   dà un valore corretto, ma nessuno può garantire che la  valvola sia in grado di lavorare a regime una volta  applicata la tensione di esercizio.   Pensa che basta un corto circuito o una leggera   dispersione tra le griglie per generare un aumento   della corrente anodica, il provavalvole ci direbbe che   la valvola è ottima ma il corto ne determinerebbe il   suo cattivo funzionamento alle alti tensioni di  esercizio..

Di contro il provavaloe a conduttanza indica come la  valvola amplifica in funzione del rapporto  segnale/tensione applicato in grilgia e sull'anodo.  Trattandosi di un rapporto,non varia in funzione dei   segnali applicati in ingresso se la valvola è  efficiente, risulta chiaro che una valvola difettosa  ,con emissioni non costanti genera letture dei  rapporti discordanti, in pratica questo rapporto  varia solo in funzione dell'efficienza della valvola.  Quando infatti si selezionano le valvole e ci danno  quei numeretti sulle scatole, quei nuemeretti ,appunto   indicano il valore di quel rapporto.  Riassumendo , una valvola può avere anche una corrente  anodica eccezionale a determinati valori di tensione,   ma questo non determina affatto che sia in grado di  lavorare in regime dinamico con fattore di  amplificazione lineare.  E' impossibile eseguire una selzione con un   provavalvole ad emissione !!   Salutoni e ciao

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Paolo  :  Sig.  Giuseppe,  Io possiedo un'amplificatore integrato Mc Intosh  MA6900 e due diffusori psb Stratus Gold da 240 watt  l'uno e 4 hom.Il mio problema è che non posso  superare gli 80 watt per canale,che l'amplificatore  va in blocco e si spegne.Lo stesso problema si  verificava quando avevo un Mc Intosh MA6300.Tutto  ciò è regolare?   La ringrazio. Paolo.

 

Risponde Giuseppe:  Salve,  Non credo sia normale, l'ampli vecchio ,ma anche il  nuovo possono andare ben oltre gli 80 watt  Credo che il problema consista nell'andamento  dell'impedenza dinamica dei diffusori.  Probabilmente scendono oltre il limite massimo   permesso dal 6900, mettendo in crisi il trasformatore   di uscita non chè la sezione finale.   Una soluzione potrebbe essere quella di cambiare i   diffusori, anche se la curiosità mi spinge a chiedere  come fa a sapere che l'ampli sta erogando 80 watt ?  dagli strumentini sul frontale ??   Saluti  Giuseppe

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Alberto  :  Salve, ho visto il sito e vi faccio i miei  complimenti!!!  Chiedo aiuto per l'acquisto di un amplificatore via   internet senza provarlo prima.   L'amplificatore mi è stato venduto come nuovo ma non  dall'importatore ufficiale.  Per me è stata la prima volta con un valvolare e  come suono non c'è paragone col mio vecchio   Luxman.
 Ha 17+17w e come volume non è male ma superata la  metà il suono risulta meno pulito, ma non  vorrei che fosse colpa delle casse (delle ESB anni   80) ereditate da mio padre o dei cavi da pochi soldi  che mi ritrovo. Comunque tra pochissimo pensavo di  cambiarle...   In ogni caso il problema principale è che delle   valvole presenti, le 4 valvole finali 300B non si   riesce a fissarle come le altre nella   loro sede. E toccandole appena si perde il segnale.   Tutte le altre valvole entrano alla perfezione ed in  profondità.   E' normale che sia così??? Scusate l'ignoranza ma  non vorrei essere stato fregato.   Il venditore ha vari articoli Yarland, ma nella   fattura mi ha messo solo le valvole, per cui ho   chiesto che venga modificata.   In più non ho ricevuto il libretto di istruzioni e   le scatole originali delle valvole.  L'unica buona cosa è il suono caldo e dolce e il   prezzo: l'ho pagato circa un 45% in meno rispetto al   listino.   Alby
 

Risponde Giuseppe:  Ciao Alby, Intanto grazie per avrmi scritto, e per i complimenti  che vanno a Davide , io curo solo questa sezione.   Ai,ai,ai il difetto descritto non è per niente  confortante.  Si evince infatti che le linguette degli zoccoli hanno   perso la loro elasticità originale, e per tanto non  stringono più bene sui pin della valvola.  Questo può produrre due...anzi tre effetti collaterali anche più tosto gravi :

1°) la valvola è a rischio di rottura per ovvi motivi di mancato fissagio corretto sullo zoccolo.
2°) Il precario assetto nello zoccolo , provoca un   cattivissimo contatto elettrico che può degenerare   nella distorsione che viene fuori a volume sostenuto.   3°) la valvola in queste condizioni lavora inutilmente   ad una potenza che non viene sfruttata.   Provvedi subito a cambiare lo zoccolo difettoso.   Salutoni Giuseppe
 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Valerio   :   Giuseppe ho trovato il tuo sito su  Audiocostruzioni di  Sbisa,sono  un musicista professionista e amante dell¹Hi/Fi, 5   anni fa ho aquistato da  Di Prinzio a Chieti scalo un pre valvolare Beard CA   506 classe A valve,   e un finale OTL Croft vintage F1? Ho messo il punto   di domanda perche non   riesco a trovare il sito della Croft inglese per   determinare esattamente il   modello penso che sia degli anni70/80 ,sono molto   soddisfatto di ambedue  gli apparecchi,ho smontato la protezione forata per  vedere all¹interno del  finale che tipo di valvole monta, non per curiosita   ma per sapere avendo in   programma di contattare la Croft se le valvole sono  originali o sono state   gia sostituite.   All¹interno ripeto ci sono: 8 valvole marcate 40KG6A   90­06 Westyingouse 337   Electronic tubeYugoslavia,e 4 ECC81 Siemens. Ora  se avessi avuto la   possibilita di rintracciare il sito Croft non ti   avrei disturbato ma visto   che sul tuo sito sei un professionista della   filosofia OTL chiedo il tuo   aiuto, anche perche un domani che si esauriscono   vorrei avere il cambio  pronto senza andarle a cercare all¹ultimo momento,   il finale come forma e   molto spartano un parallelepipedo nero con 5   fusibili vicini al cavo di   alimentazione nel lato opposto un ingresso per il   pre Beard   e l¹uscita Left e Right per le casse, le casse sono  Tannoy Arden   Studio Monitor e utilizzano altoparlanti HPD . E   tutto se puoi aiutarmi te   ne sarei molto grato, e se puoi consiglisrmi valvole  che possano migliorare  addirittura il suono benvenga,anche se so che la scelta del bel suono e molto soggettiva potrebbe essere però un consiglio o   una buona alternativa,   in attesa di una tua email colgo l¹occasione per   salutarti e ringraziarti   per il tempo che mi hai dedicato.   Valerio  Ancona.

 

Risponde Giuseppe:   Ciao Valerio, Grazie per aver richiesto il mio parere.  Complimenti per il finale, si sono un'estimatore dei  finali OTL, sono semplicemente cristallini.  Puoi cambiare le tue 40KG6A con le PL509.  Tratandosi di un'OTL dovrebbero essere accoppiate due  a due , in pratica per ogni canale hai 4 valvole due  sono superiori e due inferiori, devi montare tubi   inferiore/superiore con caratteristiche quanto più   vicini possibili.   Per la marca dei tubi assolutamente Svetlana.  Cordiali saluti.  Giuseppe

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di  Francesco  :   Ciao, scusa una domandina:  è lecito usare dei comuni morsetti a vite per  collegare gli elementi di un crossover passivo o è  meglio saldare tutto? C'è chi sostiene che i   morsetti possano degradare il suono o comunque  assorbire corrente....   Grazie   Ciao   Francesco

 

Risponde Giuseppe:  Ciao, Non è consigliabile usare comuni morsetti a vite, in  quanto col tempo si ossidano compromettendo ovviamente   il passaggio di corrente tra un componente e l'altro.   In condizioni di ossido un cavo elettrico comincia a  comportarsi come una sorta di diodo con ovvie  nefandezze sul messaggio sonoro, oltre che ovviamente  ad ostacolare il passaggio di corrente e quindi a   dissipare parte della potenza.  Altro discorso sono i morsetti placcati oro, questi  potendoseli permettere in un cablaggio di un cross  over al posto di una saldatura, sarebbero da preferire   in quanto le cariche elettriche si dispongono solo sulla superficie del conduttore e non nell'interno.  Per tanto il tuo segnale per transitare da un   componente all'altro avrebbe una via "d'oro".   Ma tutto sommato non credo oltre a non essere poi  dimostrabile che i morsetti placcati oro siano  migliori di una semplice saldatura.  La saldatura , considerando il rapporto costo/benefici  è assolutamente da preferire.  Saluti,   Giuseppe

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di  Luigi  :  Caro Giuseppe,  ho appena acquistato da Davide l'integrato Perfect  and pure audio CST100 con le KT88-98 cinesi.  Non sono riuscito a reperirne lo schema elettrico per poter regolare il bias  (che per la precisione è possibile regolare con i  trimmer esterni senza dove  aprire l'apparecchio). Il consiglio che mi ha dato  Davide è stato di  regolarlo a 410 mV. La Twinsound, che come saprai lo  importa, mi ha  consigliato un valore di 500mV. Come mi devo  comportare, visto che le   istruzioni non dicono nulla?  Un'ultima domanda: un domani potrò sostituire le  KT88-98 con le 6550?  Ti ringrazio in anticipo per la tua disponibilità.   Luigi

 

Risponde Giuseppe: Ciao,  Puoi regolare il bias indifferentemente sia a 410 che a 500 mV.   La differenza non è molta, con il valore consigliato  da Davide, che consiglio anche io, allunghi la vita  delle valvole.  Con 500 mV ottieni una briciola di potenza in più ,  solo quando ovviamente serve, ma costringi comunque ad   una maggiore dissipazione anodica il tubo , e questo  indifferentemente dalla potenza erogata.  Tutto sommato non conviene rispetto a qualche watt in  più.... e poi il tuo ampli ne ha già a sufficenza e di  ottima qualità.   Puoi cambiare le KT con le 6550.  Saluti Giuseppe
 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Manuele  :  Ciao,   mi chiamo Manuele di Firenze.   innanzitutto complimenti per il sito, è molto   istruttivo ed utile; persino per un esordiente come  me.   ti espongo subito il mio problema:   Ho acquistato pochi giorni fa un amplificatore  marantz SR 3000 (ex demo) e lo uso con dei diffusori   klipsch f-1 sinergy.al di là del fatto che il suono   risulta piuttosto metallico e squillante alzando il   volume ad un 60% comincia a distorcere, ma solo   sulle alte frequenze. ora: pensi che dipenda dal fatto che essendo   praticamente nuovo debba essere "rodato" per le  canoniche 200 ore o pensi invece che ci sia un difetto? per esempio che si sia guastato e lo   abbiano aggiustato in malo modo tenendomelo   nascosto?   ti giuro che con il mio buon vecchio sansui A-7   posso alzare generosamente il volume ed ho un suono   estremamente nitido anche su frequenze alte e medio  alte.   mi sai dare qualche consiglio?  non sai quanto vorrei che fosse solo il mio orecchio   "abituato" ad un altro ampli...ma dubito che ad un   60% di volume un qualsiasi ampli medio-buono vada   così in difficoltà, specie contro un ampli degli  anni 70 più volte riparato!  grazie infinite davvero

 

Risponde Giuseppe:  Ciao Emanuele,  Grazie per i complimenti, ma il sito non è mio è di  Davide Sbisà, io curo solo questa sezione.  Al di là del fatto che non è possibile paragonare un   A-7 con il marantz per una lunga serie di motivi tutti  a favore del Sansui, credo che il tuo esemplare abbia qualche problema, ti conviene farlo controllare prima  che la cosa si aggravi e pregiudichi l'integrità dei  diffusori oltre che alleggerirti il portafooglio.  Se posso inoltre permettermi un consiglio   l'abbinamento tra i tuoi diffusori e il Marantz non è   proprio dei migliori, hai bisogno di un elettronica   più calda , e neutra.   Saluti Giuseppe

-----------------------------------------------------------------------

 

 

Potete tranquillamente scrivere a Giuseppe  devilsea2001@yahoo.it  per i vostri questiti , tenendo presente che lui lo fa per passione , quindi senza nessun obbligo , verranno  riportate i queste pagine.

 

 Torna all'elenco domande e risposte

 

Hit Counter

  home