ECCO UNA NUOVA E SPERO  INTERESSANTE  SEZIONE  - DOMANDE E RISPOSTE

 

Pag.  2

 

Domanda di Vincenzo

Ciao Mi sono imbattuto per caso nel tuo sito e lo trovo molto intressante. Cercavo dei woofer per le mie vecchie Cizek 1. Sembra che siano introvabili. Attualmente ho montato dei Monacor sph 265, ma il suono non mi soddisfa:poco corposo e pco musicale, quasi radiografico. Il lettore è il Philips 963 e l'ampli è Il Monrio 205 (sarà mica lui a dare quel timbro al suono?). Hai qualche consiglio in merito ai woofer più adatti alle vecchie Cizek 1? Li vorrei con timbro caldo, musicali e più coinvolgenti degli attuali e non vorrei sbagliare di nuovo. I Monacor li ho pagati 170 euro!!

Complimenti per il bel sito e grazie per gli eventuali consigli

Vincenzo Viscito    vviscito@tiscalinet.it

 

Davide

Ciao Vincenzo,  guarda  io spero che tu possieda ancora i tuoi originali, perche esistono dei riparatori di altoparlanti , che fanno cose incredibili e riescono a risistemare cose che tu crederesti propio morte., Vedi www.teleprodottistore.it , oppure canini altoparlanti , vittorio franchi , e molti altri.

Se invece non hai quelli vecchi , io ho trovato i scan speak molto coinvolgenti, ma ne esisteranno altri piu' economici.

In ogni caso pubblico questa mail nelle domande e risposte , con la tua mail  dove spero potrai trovare alcune persone che ti consigliano per il meglio.

Saluti Davide


Egregio Davide,

Leggo la Tua "presentazione" sul sito Autocostruzioni... Sito molto bello piacevole...Bravo, continua così!

Sono un "Audiofilo Emozionale" con scarsa competenza tecnica. E' il Cuore che mi guida all'ascolto..

Ti pongo un "banale" quesito. Conosci progetti per Autocostruzioni casse acustiche (2 o3 vie) usando i seguenti Autoparlanti ? :

 TW a cupola Dynaudio D21 06 2A

- Medio Alto Dynaudio D54 06

- Medio Basso Dynaudio 24W7506

Se si (Speriamo) mi puoi dare indicazioni per reperimento, ed un idea sul prezzo?

Il mio impianto è composto da pre e ampli Bartolomeo D'aloia (progetto Audio Rewiev) Cd Teac CD-z5000.

Ti ringrazio per la Cortese Attenzione    Francesco

-

Davide

Guarda  ho ascoltato moti diffusori dynaudio , e suonano tutti in maniera molto buona, io personalmente ho  il d 28 , il d 52 e  due coppie di woofer  da 19 cm sempre dynaudio  , e vorrei fare un sistema completo .

Dei progetti  con gli altoparlanti da te elencati non ne conosco, qui' me ho meso uno questo:  poi ce questo sito con molti progetti anche daynaudio   cosi' ti puoi anche fare una idea per i tagli che hanno  usato ecc ecc, in fine ti consiglio di scaricarti il programmino che trovi qui' WinIDS 0.44   il programma si chiama winids ed e' veramente carino e intuitivo, puoi calcalare il volume del diffusore il suo tubo di raccordo , e anche il filtro in base alle tue preferenze.

Per il reperimento dei componenti , la dynaudio non vende piu' altoparlanti per autocostruttori , ma solo come pezzi di ricambio , puoi trovarli su ebay germania o anche usa  magari usati .

Occorre non avere fretta , e si riesce a trovare tutto.

Personalmente io con gli scan speak ho trovato una qualita'  simile ma di facile reperibilita'.

Saluti Davide


 Salve sono Marco
sono un vostro lettore  ed un appasionato di hi-fi ed  autocostruzione alle prime armi.
Ho finalmente terminato il pre-phono vtpa di B.Aloia, inglobando alimentatori e scheda pre-phono (valvolare) in un unico
cabinet.

Il cabinet è costituito da un telaio interno in alluminio, chiuso da 4 sponde in noce massello, di Cm.50 x 50 x2,5.
La scheda è opposta all'alimentazione a distanza max di 20 cm.
I cablaggi sono nella zona sottostante al telaio.
Quando lo si accende si  innesca nell'amplificatore (gy-50 di B.Aloia) una turbolenza avvertibile a volume medio alto.
Questo profondo dusturbo è avvertibile soltanto alle tonalità molto basse in frequenza, i woofer in assenza di segnale audio vibrano da soli


Questo "suono" pero' sparisce , quando ACCENDO il lampadario o l'illuminazione della stanza in cui il pre-phono e funzionante, (solo quello della stanza in cui suona il pre-phono suona!!!!!)
Il cabinet attualmente non ha coperchio, e se provo a chiederlo con qualcosa di metallico , anche a lampade accese,
il misterioso rumorone ricompare anche aluci accese.
Le chiedo, se puo' spegarmi cosa succede.
Sarebbe più opportuno un alimentazione separata?
L' impianto elettrico di casa mia è stato da poco totalmente rifatto.

Distinti Saluti   Marco 
   nfo@stylneon.it 

 

Caro Marco io che come te sono alle prime armi come costruzione di elettroniche valvolari e a transistor  ho capito che il ronzio , e  la costruzione di preamplificatori , sopratutto phono e molto difficile.

Il ronzio e sempre in agguato e bisogna essere esperti per capire dove sta' il problema.

Comunque ,  io so queste cose:

1. provare a cambiare i cavi schermati , anche con cavi piu' piccoli e spostarli, e cercare di non  creare circoli cosidetti loop di massa.

2. prova a mettere le ferriti nel cavo di alimentazione.

3. provare l'impianto in un altro posto, stanza ecc.

4. prova a spostare le valvole a volte sono anche loro il problema

5. le masse,  cercare di farle confluire tutte in un punto centrale , anche piu' di uno, ma a stella diciamo cosi'

6. prova a cambiare i cavi di segnale con diversi tipi.

7. prova a scollegare o collegare la massa dell'apparecchio alla masssa dell'impiato elettrico.

Queste sono le cose che io so' , comunque se non ti dispiace metto la tua mail nella sezione domande e risposte hi-fi in modo che un esperto di buon quore ti possa dare alcune informazioni supplementari.

Ciao ciao  Davide    dimenticavo i kit pre di questo tipo li trovate in vendita da audiokit    click      qui'


Ciao Davide!

Ti chiedo per cortesia una piccola consulenza on-line...

Ho "ereditato" due RCF L12/31 e da neofito autocostruttore di diffusori vorrei utilizzarli non per quello per cui sono stati concepiti, sono degli altoparlanti full-range per strumenti musicali, ma per progettare e costruire un subwoofer tale che possa riprodurre quanto più fedelmente la cosiddetta ambienza nella mia stanza di ascolto!

Ho pensato ad un Push-Pull con un taglio crossover a 150Hz o meno...

Che ne dici? Si può fare? Oppure è una cavolata?
Grazie.   Saluti,
Franco Galletti     frengok@tiscalinet.it   http://frengok.topcities.com

 

Caro franco lo puoi fare senza problemi, poi provi i vari tagli e vedi tu.

Per esempio le bose tagliano i sub molto alti , insomma vedi tu.

Ti scarichi il programmino winisd anche da mio sito, nella sezione diffusori diy   e gli metti i dati degli altoparlanti ( vi e' anche un database con i parametri gia dentro , ma il tuo non ce' poi metti  isobaric , e vedi il volume che ti da' ( ma poi lo puoi cambiare a piacimento) , il tubo di raccordo, e una curva   sulla risposta di frequenza in rapporto al volume.

Spero di esserti stato d'aiuto ciao ciao Davide


salve, ho letto il suo articolo su audiocostruzioni riguardante gli ampli Avreavox in particolare io sono interessato all'acquisto di un Arcana 34. Cosa ne pensa di questo ampli considerando i suoi concorrenti in questa fascia di prezzo (jadis, sinthesis, vincent t.a.c., aeron,.....); tenga presente che verrà inserito tra un giradischi Clearaudio, testina sumiko blu point special, pre phono ortofon ts20, casse sonus faber concertino home.

grazie    Alessandro

Davide

Guarda l'apparecchio va bene ed e' fatto bene , rapporto qualita' prezzo ottime.

Ti consiglio di andare a milano da silvano, con i tuoi diffusori e ascoltarlo per bene.

Ti porti i tuoi cd preferiti  e te lo ascolti per bene..

Poi decidi ...

E l'unico consiglio che ti posso dare , cosi' mentre sei li provi anche altre cose , con valvole diverse ecc ecc

    .salutoni davide


Il problema di Paolo

  1. Il mio impianto n° 4 consta di un finale Sonus Faber Amator Power e di diffusori SF Electa biwiring.     Finora, ho utilizzato solo un CD Marantz, ma mi piacerebbe aggiungere due sorgenti in più e vorrei evitare un pre attivo, usando invece un semplice switch passivo (silenzioso e senza "click clock" quando commuto, con  tre coppie di pin RCA in entrata, una coppia in uscita e buoni cablaggi dentro. La scatoletta switch PG15 della Demion UK (v. Sito relativo) è bella e sembra ben costruita, ma è maledettamente cara.   Cosa posso fare, o potete propormi e quanto costerebbe?

  2. Dovendo collegare all'ingresso il segnale proveniente dalla mia cartuccia Stanton 681EE, che pre monoingresso buono ed economico potrei interporre?

Grazie mille per i due pareri. Saluti e auguri.

                                                                Paolo

Davide

Ciao  Paolo , allora il primo problema si puo' risolvere  in questo modo:

1. cerchi un cabinet , che ti piaccia , non troppo costoso , a tal proposito ne ho alcuni , di  piccole dimensioni , che avevo fatto all'inizio e che potrei  cederti a prezzi stracciati....

2. comperi un bel commutatore , doppio, per i due canali a quante posizioni vuoi, da un negozio di elettronica, oppure online per esempio www.autocostrire.com oppure  http://www.calpedel.it/  poi anche gli rca occorrenti , e del cavo schermato , e ti costrisci il tuo switc   di ottima qualita'.

Preventivo costi:

Cabinet   35 euro ( prezzo stock)  , commutatore   10 euro circa

rca   2 euro cad. circa x 8 = 16 euro   cavo 8 euro

totale 69 euro ..... non mi sembra molto

per il secondo quesito  non saprei , prova a vedere su www.ebay.de    li ci sono tante cose.

Ciao ciao


 

Buongiorno Sign. Davide,

 

complimenti per l'ingegno e la passione innanzitutto.

Sono in procinto di costruire un paio di diffusori e vorrei alloggiare i filtri in due cabinet separati, avevo quindi pensato di ospitarli nei Suoi cabinet, quello di dimensioni medie con il ripiano inferiore in MDF (possibilmente inamovibile) e quello superiore trasparente in modo da lasciare in vista i componenti del crossover.

I componenti li fisserei quindi su un piano intermedio  per mezzo delle apposite basette e fascette facendo passare i reofori nella parte sottostante per occultare la cablatura. Il piano potrei distanziarlo dal fondo con semplici spessori di legno. Sulle fiancate laterali vorrei poi praticare i fori per fissare i terminali di ingresso da una parte e far uscire i cavi versoi diffusori dall'altra.

Vorrei sapere il prezzo di due di cabinet medi dotati appunto di piano inferiore inamovibile e superiore trasparente e gia che c'e' del piano intermedio da porre all'interno (al resto penserei io) e conoscere la modalita' di pagamento.

 

Distinti saluti    Leo

Davide

Caro Leo , allora nessun problema , per i cabinet.

Io posso farteli alti 70 mm ( considera che di utile rimane 68 circa oppure 90 mm utile 78 mm, invece nessun problema per le altre dimensioni, magari conviene farli  piu piccoli cosi stanno meglio.

Per i prezzi direi 50 euro per ogni cabinet  con il doppio fondo per mettere le fascette e 10 euro per i ripiani in plexiglass.

Per il pagamento di solito faccio contrassegno , paghi al postino costa 10 euro con pacco 3.

Rimango in attesa  saluti davide


Gentile Davide Sbisa,

Michiamo Paolo e avrei un consiglio da chiedere,

ho da poco acquistato una coppia di casse B&W CM 4 e un amplificatore Atoll IN 50, ora vorrei completare l'impianto con l'acquisto di un lettore CD.

Protreste dirmi quali apparecchi posso prendere in considerazione e provare?

e infine Cosa pensate dell'accopiata B&W / Atoll?

In attesa di una Vs. qualsiasi risposta colgo l'occasione per fare i più sinceri complimenti ad Audio Costruzioni

Saluti     Paolo

 

Davide

Scusa Paolo se ti rispondo solo ora   ma avevo perso la mail!!!!!

Comunque  il mio consiglio e sempre lo stesso,  cerca tra l'usato  di marche primarie...  fai le tue prove per bene e  se non ti soddisfa lo rivendi ..

Non prendere marche sconosciute , che poi nessune le vuole.

E cerca di usare ebay italia  funziona molto bene , e per tranquillita'  cerca tra cose abbastanza vicine a casa  in modo da fare  l'acquisto   di persona.

E poi usa ebay anche per la vendita se ti viene voglia di mettere in vendita l'apparecchio.

Ultima cosa un amico ha appena acquistato il cd della Cambridge ,e un apparecchio da circa 500 euro nuovo e  mi ha detto che monta un convertitore ottimo, che viene montato su macchine molto piu' costose. e per il resto e un apparecchio  definito " spartano"

Lui e contentissimo .   Salutoni Davide

 

Gabriele  risponde a Paolo:

 

Ciao Paolo

Io sono un grande estimatore del marchio francese ATOLL electronique.

Bene, possiedo anch’io un IN50, amplificatore secondo il mio modestissimo parere eccellente, dall’ottimo rapporto qualità/prezzo, prestazionalmente superiore ad altri prodotti più strombazzati e costosi.

Qualche piccolo neo, peraltro perdonabile, come la non perfetta rifinitura del frontalino in alluminio spazzolato e il cabinet molto risonante; del resto la filosofia ATOLL punta alla sostanza, cioè al suono, e si sente!

Io l’ho collegato a delle Focal JMLab 707Be in serie limitata e mi soddisfa incredibilmente con la musica jazz.

Consiglio a Paolo di restare decisamente in casa ATOLL: lascia stare il lettore CD CAMBRIDGE che ti consiglia Davide e fai un piccolo sacrificio come ho fatto io, cioè compra un bel ATOLL CD100.

E’ decisamente più costoso del citato CAMBRIDGE, ma sentirai che musica!

Sconsiglio l’acquisto dei più economici CD50 e CD80: li ho provati tutti a casa grazie alla gentilezza del mio rivenditore e amico Emilio.

Il CD100 è un altro pianeta!

Mi raccomando il cavo di segnale, che deve essere di qualità eccelsa, senza svenarsi per carità.

Per le elettroniche ATOLL consiglio anche dei bei cavi di alimentazione: io ho preso quelli della ELECTROCOMPANIET, eccellenti e ancora accessibili nel prezzo.

Per favore butta via quelli di serie, stile computer.

Le B&W CM4 sono ottimi diffusori, mi raccomando però il posizionamento nell’ambiente perché l’ATOLL ha una gamma bassa piuttosto generosa.

Fammi sapere.  In bocca al lupoGabriele   digia(at)estranet.it

 


buongiorno,

sono entrato in possesso di un subwoofer passivo che vorrei collegare all'impianto home theater, però tale impianto richiede un subwoofer amplificato:

 1) è possibile amplificare il subwwofer?

2) conviene?

3) come?

4) l'uscita per il sub sull'amplificatore dell'home theatre è a un cavo solo, mentre sul sub ci sono due ingressi (rosso e nero); come fare?

 se non conviene o non è possibile, posso collegare il sub all'impianto stereo (separato dall'home theatre)?

 come collegare i cavi,  considerato che l'amplificatore (pioneer classe A) ha solamente uscite per 4 casse (A+B)?

 ringraziando anticipatamente.    cordiali saluti     Albert 

 

Caro Albert ti provo a risponedere  in fila:

 

1) si e possibile ma non sempre conveniente

2) vedi sopra   esistono sub amplificati nei mercatoni a 150 euro e anche meno !!!! oltre che tanto materiale usato

3) se mi dici che  il sub ha solo una coppia di connettori , uno rosso e uno nero, deduco che e' sia mono  con un solo altoparlante e bisognerebbe trovare un finale che possa avere l'uscita  sia stereo  che mono , il problema e che costano molto ( a spanne si parte nell'usato da 200 euro)

4) l'uscita dell'ampli  dovrebbe essere una uscita rca ( penso sia tonda vero???) ed e' una uscita dove ci si deve collegare un amplificatore oppure un sub gia amplificato, ma non si può collegare direttamente alle casse oppure al sub passivo.

5) potresti mettere 1 cavo tipo piattina  rossa/nera preso da un canale dell'ampli, e  lo attacchi al tuo sub

  uno rosso e uno nero. E una cosa che ti consente di sentire come funziona ,   ma non e' assolutamente da audiofilo , e ti va a sbilanciare l'uscita sonora dell'ampli , quindi solo per provare !!!!  e non collegare tutti e due i canali

dell'ampli ( 4 fili)  al sub  perché manderesti in  corto tutto.

Altri consigli non li ho

Saluti davide


Salve Sig.Davide

mi chiamo Gianni e sono della pr di Bari. Ho letto con interesse la sua home page e di mia iniziativa ho pensato di scrivere per porle un problema riscontrato dopo l'acquisto di un finale valvolare con valvole EL34 e relative 12AU7 12AX7 come pilota.

Le sue caratteristiche sono eccezionali ma la sua sensibilita' in ingresso è decisamente sbilanciata rispetto ai normali lettori cd.

Spiego meglio:normalmente i comuni e professionali lettori cd hanno un livello di uscita che si aggira intorno ai 2Volts(rms),il che nn ha un sostanziale problema se non fosse che il mio finale valvolare necessita di una sensibilità in ingresso di appena 300 mV. Credo che abbia capito gia cosa voglio dire, nn mi è possibile portare la manopola del volume in posizione massima, in quanto ad 1/4 della sua rotazione è gia massimo!! Penalizzando anche in parte la resa sonora in quanto l'ingresso che è in saturazione  amplifica un suono che in natura è gia distorto (anche se impercettibile).

Mi hanno dirottato verso l'acquisto di un pre-finale, ma secondo la mia logica io nn avrei bisogno di un pre-finale, al massimo di un riduttore del livello del livello di uscita del sinto-cd.

Detto questo , nn vorrei trattenerla a lungo, le chiedo solo se lei o chi per lei conosce dei sistemi validi al superamento di questo problema , magari agendo sul circuito elettrico dell'ampli , con una diminuzione del livello di guadagno del circuito.

Inoltre per una personale curiosità vorrei sapere se la durata delle valvole è solitamente illimitata o se cio' non fosse capire ogni quante ore di funzionamento andrebbero cambiate;Stessa cosa per capire quando è necessario sostituirle. Insomma come avrà capito sono agli esordi e sinceramente lei è la prima persona a cui rivolgo le mie domande.

Se le dovessero necessitare altre informazioni o comunque se ritiene di dovermi risponde , le comunico ufficialmente il mio indirizzo gianni30@aliceposta.it .

Nel porgerle i miei saluti la invito per quanto possibile a non tralasciare questo mio cavilloso problema.

 

 

Caro Gianni ,  premetto che con l'elettronica sono all'inizio ,  ma  per questo problema penso di poterti aiutare.

Allora le soluzioni da provare  sono alcune e   te le elenco:

1. provare un potenziomentro logaritmoco  invece che lineare ( praticamente fino a 3/4 del giro  lascia passare una minima quantita di corrente e poi alla fine tutto il resto) dello stesso valore  di quello montato di serie.

2. provare a prendere delle resistenze da 0,25 watt di potenza  e di valore esempio 5ohm , 10 ohm , 50 ohm  , 100 ohm , 200 ohm  tanto costano molto poco  e fai le tue prove le metti nel polo centrale dell'entrata segnale  e vedi cosa succede, naturalmente  parti con quella da 5 e poi vedi il risultato.  Le resistenze ti abbassano la tensione  e magari riesci a trovare il giusto equilibrio.

3. io consiglio sempre di mettere il preamplificatore , perché avrai un suono molto più lineare , e meno sbordato  sui bassi e risolvi il problema una volta per tutte. Questa e' un problema che avevo trovato anche io alimentando il mio Ella direttamente con il cd  e dopo varie prove  ho optato per un pre.

Se non ti dispiace metto questa conversazione nella sezione domande e risposte con la tua mail , sperando che una persona più tecnica di me possa darti consigli  migliori, e ti prego in caso di qualche mail di rigirarmela a me  cosi la metto sul sito , per completezza.

Saluti Davide

 

Dopo poche ore dalla pubblicazione e arrivata una risposta molto interessante a questo quesito  di Marco che ringrazio  e  se sia lui o altri vuole aiutarmi con questa rubrica e' il bene accetto

 

Ciao Gianni.  Ti rispondo volentieri perchè mi piace chicchierare di queste cose.
Il problema del livello troppo alto del segnale in ingresso dal lettore si può risolvere interponendo un apparecchio attenuatore. In pratica tu colleghi il lettore all'attenuatore e l'output dell'attenuatore lo mandi all'ampli. E' un componente passivo che fa passare il segnale in input attraverso un potenziometro per ogni canale e a valle ottieni un segnale più basso adatto al tuo ampli.  L'apparecchio si trova, o si trovava, tra i prodotti accessori, mi sembra lo facesse la Cabre.
Se pensi di acquistarlo e non lo trovi puoi farmelo sapere. Io ne usavo uno anni fa, ancora nuovo, quando mi divertivo a fare prove in HI-FI. Se interessa lo posso cercare e vedere se fa al caso tuo.
La durata delle valvole purtroppo non è mai illimitata, al contrario dei transistor. Nelle valvole, che ormai sono tutte a riscaldamento indiretto, il filamento non manda direttamente gli elettroni verso la placca.           Scalda un cilindretto,
chiamato catodo, ed è lui che emette gli elettroni. Per aumentare il flusso in emissione, riducendo quindi le dimensioni dei tubi, il catodo viene rivestito di un materiale, mi pare sali di sodio, che si consuma con l'uso. Una valvola di potenza non può lavorare oltre le 2-3.000 ore senza risentirne.     Infatti perde efficienza, perchè il flusso di elettroni si riduce fino   a un livello di efficienza nulla.
Le ore utili di una valvola variano in funzione delle condizioni di lavoro e della potenza emessa. Più è potente, più è alta la temperatura di esercizio,  maggiore è il consumo.    Per capire quando sostituirle non ci sono problemi se si ha un provavalvole.     Con un'efficienza sotto il 70% le valvole vanno sempre cambiate, specie  in HI-FI.
Chi non ha un provavalvole può usare un CD fatto per i test, mandare una   nota acustica, fissare, aiutandosi con un fonometro il livello di uscita   raggiunto e rifare periodicamente la prova per vedere se il segnale amplificato  raggiunge sempre lo stesso livello.     Chi usa spesso un ampli e fa questo controllo periodicamente, stai tranquillo  che nel giro di qualche mese comincia a notare un'attenuazione del segnale amplificato.  Quando l'amplificazione è insufficiente o si comincia ad avvertire qualche  distorsione, bisogna sostituire le valvole interessate.
Naturalmente ci sono le valvole finali e quelle della sezione pre da seguire.  Penso a questo punto che l'aiuto di un tecnico munito di provavalvole sia indispensabile.
Ti auguro buone feste.     Marco.

 

  Torna all'elenco domande e risposte

 

  home    Hit Counter