ECCO UNA NUOVA E SPERO  INTERESSANTE  SEZIONE  - DOMANDE E RISPOSTE HI-FI - 

Le risposte di Giuseppe

Pag. 18

Domanda di Carlo  : Ciao Giuseppe,  Mi chiamo Carlo e da pochissimo, dopo le   fantastiche planate su kitesurf durante le quali   l'unico suono che senti è ...la natura, ho deciso di   dare una "lieve" svolta al modo di sentire la mia  amata musica blues-rock (da led zepp a hendrix e  tutte le generazioni successive !!).   La tua rubrica e la tua disponibilità sono oro   per noi profani !   Dovrò , a piccoli passi e senza aprire mutui,  realizzare una catena ex novo..   Considera che ai tempi università suonicchiavo una   bellissima Telecaster con ampli valv regalato da   fidanzata oramai moglie!! Ora l'amp non c'è più   (venduto in era pre-matrim.!! ..o io o lui!!) ma il   desiderio di tornare a quel calore mi è sempre   rimasto   Ho deciso di acquistare , mantenendomi anche entro  certi parametri di budget, un ampli che riproducesse  un suono morbido ma caldo. Non mi piacciono gli   ampli rivolti alle sonorità troppo "chirurgiche".  Quindi ho preso yarland a-one con le 6l6 nos   victor X 4 ,12au7 E-h X 2 ,12AX7 X 1.  Il venditore mi ha consigliato questa   configurazione , dopo mia indicazione su gusti   musicali, allontanandomi dalle kt88 russe.Dice che   le nos americane sono superiori anche se dal punto  di vista estetico ...non s'illuminano !!! Come avrai capito la mia competenza tecnica è pari  allo zero.  La mia domanda è semplice.  Per non dover svenarmi , che tipo di diffusori   dovrei prendere ?  Considera che la stanza è 4 x 5 circa.   Ovviamente ne ho sentite , da parte dei negozianti  locali, di tutti i colori.  Anche tesi diametralmente opposte.  Chi mi dice 2 vie reflex, chi 3 vie , chi monovia etc. etc.  Nella media , sempre legata al prezzo limite che  mi è stato imposto ( pena taglio delle ali da   kitesurf !!!) i vari diffusori si orientavano verso  definizione chiara degli alti e medi ma bassi non  così caldi come intendo io.  Avrei anche pensato ad una autocostruzione, ma  siamo punto a capo, che elementi assemblare ?  Certamente non sono e non sarò mai purista del  suono sia perchè assolutamente incapace sia perchè  il suono caldo e pastoso mi piace.  Ti ringrazio in anticipo per il parere vorrai  darmi .   Saluti dalla Sicilia.   Carlo
 

Risponde Giuseppe:  Ciao Carllo   Bhè tu ti diverti sull'acqua e io sotto, sono un sub   accanito....   Parlando di audio, mi sembra che ti sei perso tra i  consigli di questo o quel venditore, che ovviamente   deve vendere quello che ha.....preferisco sensa ombra   di dubbio una bella e musicale KT (66 o 88) alle 6l6,   in più chi dice che devono essere per forza russe ?   (ma poi perchè suonano male?) Per i diffusori il discorso si complica ancora di più,  fondamentalmente abbiamo gusti abbastanza simili,   suono corposo e caldo ma anche veloce e profondo...hai   detto niente.  Credimi ne ho sentite di tutte le marche e prezzi  (anche se non rientravano nel mio budget, ascoltare   diffusori fuori budget non è una perdita di tempo, ma   ti arricchisce l'esperienza acustica) e non di meno  configurazione ,tromba, monovia, elettrostatici o comq  planari....e la mia scelta è caduta proprio su questi,   i planari in particolare magneplanar MG-1.  Ti dico subito che non danno il cazzotto nello stomaco  sulla gamma bassa, ma i bassi ci sono e tutti   profondissimi e articolati, per non parlare dei medio  alti, i più veloci che esistano.  E' questo che ho cercato nel diffusore che ho comprato   ,trasparenza e velocità e poi hanno un palcoscenico  virtuale veramente ampio ed esteso, insomma se li  ascolti per un pò e ti piacciono ......cominci ad  assuefarti e diventa il tuo suono.   Ho speso circa 800 euro, li ho presi da Davie e lo   ricordo tutte le sere nelle mie preghiere (anche se   non sono credente.....)   Il mio consiglio è quello di non andare di fretta (lo  so, lo so, noi audiofili siamo dei bambini cresciuti a cui piacciono giocattoli un pò costosi e che non  vediamo l'ora di comprare e usare), ascolta e  riascolta ogni tipo, marca e modella che ti capita a   orecchio, e non ascoltare quello che ti dice il  rivenditore, lui deve vendere...........  Tu ascoltare....  Salutoni Giuseppe

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Giuseppe   : Salve  Vorrei porle un quesito sperando di non disturbarla.  Avrei la possibilita' di acquistare un   preamplificatore yamaha c-2( e'certamente un pre   datato).   La mia domanda e' se vi e' la possibilita' di   up-grade per migliorarne le caratteristiche.   Non conosco molto bene questo preamplificatore.   La ringrazio  Giuseppe
 

Risponde Giuseppe:  Salve,  Non disturba affatto, anzi grazie per aver chiesto il   mio parare.   Il C-2, anche se sicuramente datato) è sicuramente un   ottimo preamplificatore, all'epoca (1979 inizio   produzione) si proponeva come antagonista ai vari   Levinson.....dalle qualità tuttora riconosciute.   Eseguire un up-grade ? Certo, si può fare qualcosa   sopratutto sulla sezione di alimentazione, per fortuna   oggi esistono componenti elettronici estremamente più   performanti dell'epoca, che regalano nuova vita ai   blasonati ventenni.   Cordiali saluti

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Piero  : Buongiorno Sig Giuseppe,   Nella mia casa di campagna,che è terminale di rete   Enel,avvengono spesso  abbassamenti di tensione dovuti soprattutto  all'utilizzo dell'autoclave per   il pompaggio dell'acqua.Il mio impianti HIFI formato   da elettroniche   Meridian cd 506,pre 502,finale 557 piu'diffusori   Dynaudio Contour 1.3   MkII,SEMBRA APPARENTEMENTE non soffrire questa   situazione...Volendo   proteggere il mio sistema cosa si puo' fare?.Alcuni  consigliano una unita'  di continuita'abbinata ad un isolatore altri uno  stabilizzatore di corrente   x uso hifi...secondo lei,senza dissanguarmi  economicamente,qual'è la   soluzione migliore?   Distinti Saluti.  Piero

 

Risponde Giuseppe: Escluderei il gruppo di continuità, a parte che   richiede manutenzione periodica (le batterie al piombo  si esauriscono), e quindi una spesa fissa almeno una   volta all'anno, ma genera non pochi disturbi.....   Le consiglio uno stabilizzatore, chieda a Davide, ne   vende degli ottimi a prezzo più che onesto.  Saluti

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Giampiero :   Ciao Giuseppe, sono Giampiero, autocostruttore, alle  prime realizzazioni valvolari.   Ho un problema per te sicuramente facile da   risolvere, sono alle prese con l'ibrido Zen di   Nelson Pass, e con le sue 6C33C della Sovtek, ecco   il problema sta proprio in queste ultime, non riesco   a reperire materiale e/o datasheet che mi diano   chiarimenti, ad iniziare dalla zoccolatura, non sono  sicuro se il piedino n°1 sia quello più spesso dei  rimanenti..   E' un progetto a cui tengo molto, su cui ho   investito molto, anche in termini economici ( 8  valvole come queste per 2 stadi finali, e il loro   gruppo di alimentazione, si parla di 28 A   complessivi) mi sono costati un botto di soldi, e   quindi mi dispiacerebbe dover rinunciare per non  aver trovato il materiale informativo necessario.  Quindi, mi sono rivolto a te che sei un vero esperto   del settore per avere un chiarimento, oppure   soltanto eventuali link dove poter reperire il   tutto.   Te ne sarei eternamente grato.   Giampiero

 

Risponde Giuseppe:  Ciao Giampiero,   il piedino più doppio è l'anodo, è il numero 4, come   vedi dal link che ti ho mandato è l'unico comune ad  entrambi i triodi; la 6c33 sennbra un doppio triodo  ,ma come ben sai è singolo , pur se monta due griglie  ,due catodi e du filamenti.  L'unico pin in comune quindi è l'anodo pin numero 4,   il più doppio, in più se hai comprato lo zoccolo per   questa valvola, non capisco dove sia il problema, non   puoi montarla in modo errato sullo zoccolo,   semplicemente perchè non entra...   http://natubes.com/data/images/product/large_412.gif   se hai ancora dubbi o perplessità non indugiare a  scrivermi.   Salutoni Giuseppe

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di  Lrenzo  :    Buongiorno Giuseppe, Mi chiamo Lorenzo e abito a Lugano.  E' da parecchio che vorrei comprarmi un'   amplificatore valvolare (quelli belli, con le   valvole a vista!), ma e' difficile scegliere.  Ho visitato spesso il sito di Audiocostruzioni,   purtroppo Davide Sbisa' non ha sempre tempo per   rispondermi, spero tu possa chiarirmi alcuni dubbi   elementari.   Premesso che sono interessato ai prodotti Ming Da   che Davide vende -non so se li conosci - ma   riferendoci piu' in generale alle varie tipologie di   valvolare (dimenticandoci per un attimo della marca   specifica) io sto cercando un suono veramente  alternativo al transistor, senza spendere le cifre folli dei monoblocco con i "valvoloni".

 Vorrei sapere : i  costosi finali monoblocco con le 300B o le 845,   sembrano essere i piu' dettagliati tra gli ampli   valvolari, ma la loro precisione e alta fedelta'   riproduttiva del suono non rischiano di farli   assomigliare troppo ai transistor? Con cio' non   volevo dire una bestemmia, sicuramente sono 100   volte meglio dei transistor,ma io non voglio   qualcosa di meglio: voglio qualcosa di diverso!  Con un semplice integrato che monta le EL34 o le   5881, riuscirei ad ottenere un suono caldo, arioso,  che spazia oltre i confini dei diffusori anche se   meno dettagliato del transistor, senza spendere le  cifre folli dei 2 monoblocchi?


Inoltre,non sono molti i negozi di Hi fi che vendono   valvolari, ma sono parecchi quelli che vendono   strumenti musicali.Ora, se la Electro Harmonix o la   Svetlana vendono, per esempio le EL 34 per gli ampli   per chitarra, sono le stesse EL 34 che si possono   montare nei valvolari per stereo? ( insomma, vorrei   avere piu' possiblita' di reperire le valvole in   negozio, dal momento che non amo fare acquisti su   internet!!)  Un'ultima cosa: secondo te, un negozio di strumenti  musicali che normalmente effettua la taratura del   bias negli ampli per chitarra, potrebbe essere in   grado di fare la stessa operazione su un valvolare   per Hifi?   Ringrazio anticipatamente.   Lorenzo.

 

Risponde Giuseppe:   Ciao Lorenzo, Eccomi qua , ti rispondo molto volentieri, anzi, mi piacerebbe scambiare quattro chiacchiere da vicino, ma  siamo lontani.  Ti ringrazio ancora per aver tenuto in considerazione   la mia opinione in merito agli ampli valvolari ed  all'alta fedeltà in genere.  Anche se poni solo due domande "?" le rispose spaziano   in un ampio spettro, cercherò di essere breve e   conciso ma non superficiale.   Innanzitutto, visto che non hai mai posseduto un ampli   valvolare (mi è sembrato di capire) ti sconsiglio  vivamente di arrivare subito a monoblocchi impegnativi  come quelli con le 845, lì ci si arriva se è il caso,   dopo un pò di esperienze di ascolto con ampli più  piccoli; in pratica se prendi la patente è ti fai una   volvo, non la riuscirai ad apprezzare mai a pieno,  diverso è se ci arrivi per gradi.  Riesci , se parti da ampli più "compatti" a capire  prima il carattere del suono valvolare che fà per te,   e poi la valvola che ti soddisfa.
 

 Infatti ogni valvola suona diversa, o meglio il   circuito che serve a far funzionare questa o quella   valvola fa la differenza.   Appunto se ad esempio compri un dual mono di 845,  suonerà diverso da un 845 compatto,con unica  alimentazioni per intenderci.   Ancora sarà diverso se prenderai un finale   (indifferente se dual mono o no) o un inegrato.   Per esperienza personale, ti posso dire che gli ampli   più dettagliati, precisi e veloci non sono ne quelli   con le 300B ne con la 845 e nessuno che abbia i  trasformatori di uscita.......per avere quel suono   preciso veloce e dettagliato, ma allo stesso tempo con   il calore e il caratere di un valvolare ,devi   orientare la tua scelta sugli OTL, amplificatori   valvolari senza trasformatori in uscita.   Gli OTL sono costosi e difficili da interfacciare,   sono delicati ma........una volta che ne ascolti  uno...non fari mai più confrono se non con lui.

Ho posseduto diversi ampli con trasformatori in   uscita, sia SE, Push-Pull e SE Push-PULL(rigorosamene   tutti autocostruiti solo per il motivo che mi piace   farlo e spendendo ad esempio 2000 euro di materiali   costruisci qualcosa che vale almeno il triplo), questi   amplificatori mi hanno dato la possibilità di "farmi   un'idea su quello che volevo e su quello che cercavo",  si, non è detto che se sul davanti c'è scritto Linn,   Marklevinson ecc, e sul retro made in USA o in UK,   l'ampli è il massimo, ho riparato diversi ampli Ming ,  o Ruru made in china, e devo dirti che montano   componenti davvero hi-end, componenti che vengono   comprati dagli audiofili per eseguire up-grade ai   "blasonati" e costosi marchi di moda, loro li montano  di default, di serie........fai le tue considerazioni.  Per tanto non ti devi preoccupare se il suono del  transistor sia migliore o peggiore di quello di una   valvola, ti devi preoccupare che sia il suono che stai   cercando, anche se è vero che il suono della valvola   affascina tutti.....

Le valvole della svetlana , della JJ ecc sono le   stesse sia se montate nelle tese per chitarra, sia se   si montano in un ampli, non cambia nulla se non la  sorgente da amplificare, chitarra, basso o brano dal  CD player.  Un buon tecnico ,anzi un tecnico e non un improvvisato   è assolutamente in grado di tarare il bias sia se si  tratta di un finale con 845, sia se si trova a che  fare con una marschall per basso......sia se deve   riparare un computer a valvole.  Rivolgiti a Davide con fiducia, è serio e   disponibilissimo, comincia ad acquistare un integrato   con EL 34 o meglio KT88 della MING, ienilo un pò e  fatti "le ossa", tra cinque o sei mesi maturerà il uo  orecchio e sentirari la necessità di andare avanti, e  poi avanti fino a raggiungere la pace con il TUO  suono.  Aspetto una replica, ti ripeto che mi piace parlare di   questo argomenio, per tanto non indugiare a scrivermi.   Saluti Giusepe
 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Valerio   :  Ciao Giuseppe, volevo ringraziarti anticipatamente  per il tempo che mi vorrai dedicare.   Vengo subito al dunque:   possiedo un impianto così composto   lettore cd Esound E5 signature   amplificatore integrato a valvole MING DA MC 368 -   90   diffusori Linn Ninka    cavi di potenza argento Silver Raincoat  cavi di segnale argento Silver Raincoat  cavi di rete SB-3   l'amplificatore monta come valvole finali le KT90:   volendo cambiarle con le 6550 (per ottenere un suono   più valvolare) l'ampli necessita di regolazioni   oppure no?   Per migliorare l'impianto cosa mi consigli cambiare?   Grazie per l'attenzione

 

Risponde Giuseppe:   Ciao,   Le 6550 possono sostituire le KT90 a meno che il  circuito non sprema esageratamente le valvole KT90.   Per le regolazioni , l'unica che potrebbe servire è  quella di bias, ma dipende dall'ampli, riesci a   repereire lo schema ?   L'impianto è equilibrato, il suono poco caldo   "valvolare" potrebbe dipendere anche dai diffusori,  cmq anche io cambiarei prima i tubi.  Saluti

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di   Lorenzo  :  Ciao Giuseppe  Il tuo email di risposta mi e' stato sicuramente di   grande aiuto: mi ha   inoltre confermato alcune cose che un po' avevo   intuito sfogliando le pagine  internet del sito di Davide, inoltre io non cerco   il dettaglio e la  precisione di suono che so gia' di avere con il mio   ampli NAD a transistor:
 

vorrei la massima morbidezza, ariosita' e calore del   suono di un valvolare   senza dovermi rivolgere appunto ai costosi  monoblocco con le 300b o le 845.  Cerco l'alternativa al transistor,quell'alternativa  per la quale faccio   fatica a riconoscere le mie casse!!! (anzi, a   proposito, io posseggo le KEF   iQ5) Forse il Ming da mc34 A, che puo' montare 2 0   3 tipi di valvole.Potrei   divertirmi un bel po' con questo ampli, prima di  passare ad uno piu'   grosso.  Lo conosci? a me piace l'idea che Davide puo'   montarmi dei bei fianchetti in   legno. Costa quasi 900 euro, ma magari ne vale la   pena.   Se puoi, dammi pure un tuo parere su questo   prodotto.   Io ascolto volentieri i grandi classici del rock e   faccio riferimento alla   lista dei 500 dischi piu' belli di tutti i tempi   secondo il Rolling Stone   magazine (per cui NON sono un grande amante del   progressive!!!!)  Ti faccio un esempio: REVOLVER dei Beatles, terzo   disco piu' bello della  storia della musica pop rock, ha un suono secco,   tagliente che, ascoltato   con un transistor, seppur gia' buono, come il mio,   dopo un po' stanca   l'orecchio.  Spero con un valvolare, di renderlo piu' morbido,  piu' dolce e piu' amabile  all'orecchio e soprattutto che esca un po' dalle   casse e si diffonda   nell'ambiente di casa! Anche perche' e' veramente un   grande disco, una vera  opera d'arte.


Purtroppo la mia inesperienza sulle valvole mi avra'  portato a scrivere un   sacco di stupidaggini , ma spero di averti fatto   capire cosa cerco in un   valvolare: in poche parole, tutto cio' che non e' un   transistor, la totale   alternativa - per questo, non ero gia' affatto   sicuro che i preziosi e   impegnativi finali con i "valvoloni", anche se   avessi soldi ed esperienza di   valvole, fossero l'alternativa - inoltre tu stesso   sostieni che sono al piu'   un punto di arrivo dell'audiofilo, mai di partenza e   magari non e' neanche   quello che cerco (forse basta un semplice quartetto   di El34 affinche' io non   sia piu' in grado di riconoscere il suono delle mie   casse!!!).   Continua pure a darmi preziose informazioni, se hai   tempo e voglia, ovvio,   penso che la scimmia delle valvole mi abbia preso   gia' da un po' e non  voglio spendere male i soldi che destinero'   all'acquisto di un valvolare.   A presto e grazie   Lorenzo.
 

Risponde Giuseppe:  Ciao Lorenzo,  SI conosco il Ming da mc34 A, li conosco quasi tutti i  Ming.  A parte che suona decisamente bene, ¨¨ un ottimo  inizio, per qualcuno ¨¨ stato in verit¨¤ anche punto di arrivo..si, perch¨¨ non ¨¨ detto che una 300B suoni  meglio di un EL34....tutto dipende da chi ascolta,  deve piacere a lui e a nessun altro, perciò compralo  senza indugio. A me piace la porsche, ad altri la   ferrari..

Poi questo ming si presta ad up-grade nelle finali,  puoi infatti montare 6L6¡¢6P3¡¢5881 o KT66 , io  preferisco le 5881.   Un ultimo consiglio, non lo giudicare subito, dagli   almeno una cinquantina di ore di rodaggio dopo di ch¨¨  puoi ascoltare in modo critico.   Salutoni e a presto, quando vuoi scrivimi senza  piet¨¤...  Giuseppe

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Lorenzo  : Ciao Giuseppe  grazie per la pronta risposta.   Da cio' che si evince dal sito di Davide, penso anch'io che le 5881 siano   "le preferite"!   Vengono definite "dal suono caldo e mieloso", per   cui....l'esatto contrario   del transistor, per cui....cio' che cerco!   Chissa' se Davide, il giorno che ordino il Ming Da  MC 34 A potrebbe   sostituire le El34 di serie e montare direttamente e   tarare le   5881.........senza eccessivi sovrapprezzi!! Va be',   quando sara' il momento,   se ne parlera', per ora e' prematuro.   Vorrei sapere da te: tra i vari produttori di   valvole, quali mi  consiglieresti per comandare le mie 5881? Ci sono   delle reali differenze   tra i vari marchi (Svetlana, Mullard, Sovtek, JJ   Tesla......)?   Tra l'altro: ho sentito da piu' parti cio' che tu mi   hai consigliato: almeno  50 ore di rodaggio, ma questo rodaggio consiste di   50 ore di ascolto   complessivo o semplicemente 50 ore tra ascolto e   tempo in cui l'ampli rimane   anche solo acceso?   A presto e grazie per tutti i preziosi consigli.   Lorenzo.
 

Risponde Giuseppe:  Ciao Lorenzo,  Esistono differenze all'asoclto anche molto evidenti,  a volte, tra una valvola e l'altra.   Questo dipende da diversi fattori, ma non farti   prendere dall'esoterimso, nel mio pre ho provato le   costosissime mullard ecc88, per poi preferire le JJ,   hanno un suono veramente ottimo, ed in più essendo di   nuova costruzione ti assicurano una tolleranza davvero   minima tra due o più valvole di uno stesso tipo  evitando, nella maggior parte dei casi la selezione  (ne ho comprate quattro di JJ e tutte e quattro hanno   parametri elettrici vicinissimi , come se fossero   state selezionate).   Il rodaggio sarebbe oppoetuno farlo con un segnale in   ingresso, questo perchè c'è bisogno di stabilizzare   elettricamente i componenti, si può anche pensare di   eseguire un rodaggio "muto", ma i tempi si allungano   notevolmente...forse 50 ore ti sembrano un pò troppe,   accendi l'ampli anche se non sei lì ad ascoltarlo   Se resta acceso per 4 ore al giorno , in due settimane  è più che rodato.    Saluti.   Giuseppe

-----------------------------------------------------------------------

 

 

Potete tranquillamente scrivere a Giuseppe  devilsea2001@yahoo.it  per i vostri questiti , tenendo presente che lui lo fa per passione , quindi senza nessun obbligo , verranno  riportate i queste pagine.

 

 Torna all'elenco domande e risposte

 

Hit Counter

  home