ECCO UNA NUOVA E SPERO  INTERESSANTE  SEZIONE  - DOMANDE E RISPOSTE HI-FI - 

Le risposte di Giuseppe

Pag. 16

Domanda di Sergio  : Ciao Giuseppe sono Sergio  Scusa se ti disturbo su un quesito per te  sicuramente banale.  Ho acquistato recentemente un integrato valvolare  della Ming Da, precisamente l'MC 34 AB. Inizialmente   lo utilizzavo come integrato, ora lo utilizzo come  finale collegato ad un pre Audio Research.  Volevo chiederti, dato che il Ming Da in questione   può lavorare sia in configurazione triodo ( 40 watt)  sia in ultralineare (70 watt) il significato delle   due configurazioni confesso la mia ignoranza la mia   è una semplice curiosità l'unica cosa che mi fà   pensare è che probabilmente, nella configurazione   ultralinear le EL 34 siano sottoposte a maggior  stress.  I Diffusori che utilizzo B&W CM7 sono   sufficentemente efficenti, quindi lo utilizzo in   configurazione triodo faccio bene o stò sbagliando   configurazione?   Ti ringrazio anticipatamente e scusa la banalità  Ciao Sergio
 

Risponde Giuseppe:  Ciao Sergio, La EL 34 è u pentodo, come tale può essere usato negli  stadi di amplificazione collegato in ultralineare, il  chè significa che una delle grilie è collegata al  trasformatore di uscita, questa è una sorta di  reazione che ne aumenta l'efficienza.  Può essere collegata anche come triodo, in questo caso  questa griglia viene collegata all'anodo, si perde   l'azione della reazione , quindi qualche watt, ma si  guadagna notevolmente in linearità della risposta.  In sintesi se la potenza del tuo amplificatore  connesso a triodo ti basta, mantieni senza indugio  questa perchè è quella che offre la migliore resa   sonica.  Ciao e grazie per aver tenuto in considerazione il mio  parere.   Giuseppe

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di  Luca   :  Gent. Giuseppe  posseggo un pre ed un finale della NAD serie Master  Vorrei un tuo consiglio, il pre devo lasciarlo in  stand-by oppure spegnerlo totalmente dal pulsante  generale?  Ho notato che il pre è sensibilissimo ai sbalzi di   corrente, se la corrente scende repentinamente sotto  i 220 volt (tipo quando piove e ci sono i lampi) si  spegne! va in stand-by  Che mi consigli ?   Ciao, Luca

 

Risponde Giuseppe:   Spegni sempre tutto, gli sbalzi di tensione sono  pericolosissimi, e poi lo stand bay nel tuo  amplificatore alimenta solo il circuito di controllo e  non l'alimentazione.  Alcuni "audiofili" mantengono sempre sotto tensione  l'alimentazione dei propri finali, in modo che sia   sempre calda e pronta per l'uso.  Oltre ad essere un'inutile precauzione, sono contro   gli sprechi.  saluti

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di  Piero :  Salve Giuseppe,posso darti del tu?Mi chiamo Piero e   sono di Napoli  anch'io.Se non disturbo vorrei chiederti un   chiarimento tecnico (sono   un neofita).Ho da poco acquistato usati due FINALI  mono MARANTZ MA  6100 THX (quelli stretti e lunghi)e non ho il   manuale d'uso.Sul retro  hanno una porta chiamata INVERT OUTPUT,qualcuno mi   ha detto che serve a  collegare a ponte un altro FINALE in modo da avere  DUE casse per ogni   CANALE(una cassa per ogni finale),sul sito europeo   Marantz viene   definita anche BTL Bridged transless.....la mia   domanda è questa:è   veramente così o non ho capito niente? Rappresenti  la mia ultima  spiaggia visto che i negozianti che conosco non mi   hanno aiutato  granchè.Grazie infinite in anticipo,Piero

 

Risponde Giuseppe: Ciao,  certo che DEVI darmi del tu, abbiamo lo stesso hobby,  e poi ho solo 35 anni.....  Dunque, il tuo è un finale mono invertente il chè vuol   dire che all'uscita di potenza dell'ampli hai un  segnale amplificato ma invertito di fase rispetto a  quello applicato all connettore input, per tanto  ,volendo semplificare quando in ingresso applichi un   segnale in uscita di potenza te lo ritrovi amplificato  ma di segno opposto ,sfasato di 180°.  Il connettore contrassegnato dalla scritta output  invert mette a disposizione lo stesso segnale che  applichi in ingresso ma sfasato di 180°, e non  amplificato, utile per pilotare un'altro ampli.  allora se chiamiamo A il primo ampli e B il secondo ,   e collegando l'uscita invertita di A con l'ingresso di   B, ottieni che i due ampli lavorano a ponte.  ciao e grazie di avermi tenuto in considerazione

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di  Dino :   Salve Giuseppe per prima cosa ti ringrazio   anticipatamente per la disponibilità, ho poi un   quesito da sottoporti, ho aquistato di recente un   lettore cd advance acoustic mcd 203 mkII recensito   anche sul sito audio costruzioni di Sbisà e di cui  sono contento. Leggendo però un pò in giro su vari   siti ed anche nella recensione su audio costruzioni   ho notato che alcuni consigliano di cambiare le  valvole originali 12ax7 cinesi con due tung-sol  12ax7/ecc803s gold russe perchè cambiando le   suddette il suono migliorava sensibilmente, volevo   sapere da te se ne vale davvero la pena fare un   upgrade simile, la differenza tra le due valvole e  se infine si deve tarare qualcosa dopo la  sostituzione. Un saluto Dino

 

Risponde Giuseppe:  Ciao,  Cambia pure le valvole cinesi con le tung-sol gold   pin.   Normalmente non consiglio di cambiare valvole se si è  contenti di quello che si ascolta.   Ma qui si tratta dello stadio di uscita di un cd, di   una spesa che dovrebbe aggirarsi appena su 50 euro o  giù di lì per un accoppia di tubi.  Ti suggerisco in più vivamente di montarci anche due   anelli smorzatori in teflon su ogni tubo (questo ha  un'effetto immediato sul suono).   Saluti  Giuseppe

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Leo  :  Ciao Giuseppe,  un amico italiano mi ha detto di andare a SBISICARE  su un certo sito e di leggermi le risposte che tu  davi sulle valvole e in genrale che sei uno che ne  sa .Per professione, io faccio il bancario e l'Hifi  e' un divertimento ed un centro di spesa, MAI di   PROFITTO. vado al nocciolo. HO un impianto VIDEO e HIFI separti nella stessa stanza ma sento sulle > casse ML l'uscita del BLURAY in cui sento e vedo  film e musica.   Amplificazione un McIntosh 6800 che andava benissimo   sposato con Martin Logan CL3 o SL3 non ricordo la  sigla , non il top ma una buona cassa media di   prezzo e grande come dimensione, mai avuto problemi.   medi e alti cristallini (iuo noin amo i bassi che   tolgo se non sonoi perfetti) . Un CD separtao Cinese   ma buono, e un JUKE BOX con 400 Dischi SONY (non in  vendita in Italia 1.200 USA) preso alle Hawai (io   abito in Cina a a Pekino), di una qualita' sonora   molto accettabile ma di una comodita' estrema per  aver fuori dai piedi custodie, caricare e scarica   cd. Sul CD singolo sento dischi di un certo livello   sul 400 CD quelli mentre mi rilasso.

Stanco di questo impianto ho venduto L'ampli per   ricomprare il modello nuovo MAC 6900 che ha un 50   watts di piu' (200 v.150) del precedente. Avevo sentito IL MAC in negozio suonava da dio con delle   B&W grosse quelle col cupolo sopra forse 805 (?) e   l'ho preso ad un prezzo buono./ Portato a casa   ahime' il papocchio, mentre col vecchio sentivo bene   i 150 watts ad un livello sonoro minimo (le due   caselle con il numero digitalizzato 0-99 del volume   a 9 era sufficiente a sonorizzare ed ascoltare in   condizioni di solitudine, un salone grande come il  mio se c'e' una cena o una festa bisogna alzare il   volume).


 attaccato il nuovo mac invece dimostra subito minor   corpo, minor capacita' musicale e volume, per  sentire lo stesso livello di volume dovevo salire a  50, mezza manopola e poco dopo entrando nella parte  di discesa della qualita' inversamente proporzionale  (credo) al volume, peggiorava. Siccome io i soldi   non li rubo ma li guadagno con fatica ma ho le  orecchie buone, e questo costa svariati bigliettoni  da mille euro, ci sono rimasto molto male, sudavo da   bestia, con mia moglie che girava famelica per  attaccarmi alle spalle dicendo che li butto, ma la  crisi non c'e' stata.. Ho cambaito cavi, CD,   posizione casse tutto, il problema del volume non si  risolve. A mio avviso non e' possibile che con 50  watts in piu' non si senta meglio del vecchio o  almeno uguale. L'omino che lo vendeva dice che i  nuovi nottolini non sono a reostato, come i   precedenti, ma DIGITALI. Pur credendogli, non mi  spiego come mai, con una valvolarino da 13 + 13  watts da 4 lire anzi da 4 rembimbi, usato per vedere   se erano le casse in difetto, le casse suonassero    meglio che con una apparecchio. che ne so'...... 80 volte piu' caro!


Ho pensato che fosse difettoso e quindi l'ho ridato   indietro e molto correttamente il negoziante, che  non avevo pagato, non ha voluto nulla se non una mancia che ho dato io ai due ragazzi venuti a   montarmelo e perso 4 ore a casa e due di macchina.   Ora mi dispiace dire male della MCIntosh, ma  tecnicamente volevo sapere QUALE E' IL PROBLEMA. In   attesa di andare a HK a vedere le ultime novita' o a   canton, specializzate in cose HIFI HIGHEND, mi sono  accattato un valvolare bellino da 50watts, in attesa  del natale in cui potro' scegliere un ampli a HK. Il   50 watts muove abbastanza le Martin Logan ma non  sufficientemente. per cui devo capire se vendere   anche le casse e prendere qualcos abbinabile di  nuovo.


Amo i diffusori come ML, QUAD ESL, le Maggies   Magneplanar, insomma tutti gli speakers a pannello,   qui vendono caro un curioso speakers elettrostatico a   pannelli copmpositi con due misure 2,4 mq, e 4,2 mq.   si chiama KING AUDIO , e' cinese , chiaramente    ispirato alle ML, e va bene con il salotto buono   (bisogna accontentare la moglie) a tuo avviso quanti  sono i watts necessari per le nuove Martin Logan  Summit (che sono le piu' care anche se io prenderei le Vantage. ma mi dicono ecco la seconda domanda ,  che hanno un amplificatore interno solo per il basso  da 200 wtatts rms. Non capisco lo hanno fatto per  permettere ad impianti di minore potenza di muovere  la pellicola sonora del pannello acustico. mentre i magnete del basso normale, viene spinto da diverso  amplificatore, ma come fanno a intonarsi tra loro. c'e' da fidarsi, anche quesete ML non costano poco,  e prima di metterci le mani sopra volevo CAPIRE!   Grazie infinite   Leonardo   Pechino PRC   

vado in giro per strani negozi e c'e' roba  interessante a prezzi di 1/3 1/4 di quelli  dell'italia. Da non credere!  ciao Leo

 

Risponde Giuseppe:  Ciao Leo,  Sono lusingato del fatto che la rubrica di Davide  Sbisà, che io ho il piacere di condurre sia arrivata   fino a Pechino.....  Ebbene, credo che quel MAC 6900 avesse qualche   problema.   Il fatto che i nuovi ampli non hanno volume con  reostato non vuol dire assolutamente nulla, in effetti   funionano con reti resistive selezionate in modo  digitale, caso mai questo 6900 avrebbe potuto avere  qualche difetto proprio in questa sezione di   controllo.  Per darti una risposta più esaustiva avrei dovuto  ascoltare anche io questo ampli .


E' vero, le ML hanno una seione per le note basse  costruito attorno ad un tradizionale woofer  amplificato.Mentre la sezione medio alta è affidata al  pannello elettrostatico, questo per permettere di  usare le ML anche con ampli di poca potenza e  dinamica.   Il segnale audio viene filtrato da un crossover che manda le frequenze medioalte al pannello   elettrostatico, mentre i bassi vanno sul wofeer  tradizionale. Sinceramente non mi piacciono molto i sistemi misti,  in quanto la sezione è sempre più lenta di quella  medioalta, e un'orecchio buono che conosce il suono   basso di un planare puro se ne accorge.  100Watt dovrebbero essere bastare, ma occorre  un'ampli che più di offrire tanta potenza disponga di  una grandissima riserva dinamica.

Sono contento che anche a te piacciano i diffusori   planari, io possiedo felicemente una coppia di   Maggies, che piloto con un'ampli OTL a valvole   autocostuito di soli 50 Watts RMS, ma è moooolto   generoso quando il brano musicale richiede grossi   spunti di dinamica, non si siede mai.  Le mie Maggies insonorizzano la mia sala di 35 mq e se  alzo il volume a circa la metà della sua corsa ,  quando arrivano note basse vibrano i vetri del   balcone, e ho gia rotto tre bicchieri di cristallo   appena comprati a Praga(mia moglie si è arrabiata)con   la voce di whitney houston .

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Omer  :   Ciao Giuseppe,  vorrei approfittare della tua cortesia e competenza   per chiederti un consiglio che mi attanaglia.  Sono un fortunato possessore di un Dussun V6i e  dell'ottimo lettore JOLIDA JD100S, attualmente    collegati ad un paio di KEF iQ1.  Comprai queste casse quando avevo problemi di  dimensione del mio soggiorno, per cui le scelsi   soprattutto perchè, essendo dotate del bass-reflex   anteriore, le potevo inserire all'interno (orrore!)   della libreria.   Ora non ho più questo problema. Ho cambiato casa,  soggiorno e spazi... adesso vorrei cambiare casse.   So che tu conosci bene il DUSSUN, le sue   caratteristiche, le sue possibilità, per cui ti   chiedo... che tipo di diffusori compreresti? alcuni   mi    dicono di scegliere diffusori caldi, come le KEF   1Q9,   ALIANTE LINEA (usate) o le PROAC Studio 125, altri   di   scegliere qualcosa che sia più pimpante e   trasparente,   vista la catena "calda" a monte, come le XAVIAN   DUETTO, le KLIPSCH HERESY o qualcosa di B&W o    DYNAUDIO.    Il mio budget è di 1400-1500 euro, ascolto   soprattutto   musica barocca e jazz, e vorrei comprare diffusori a   torre, per la loro capacità di "scendere in basso"   e,  non ultimo, la loro stabilità (ho bambini piccoli in  casa) ed il loro buon rapporto qualità/prezzo.  grazie,  OMER
 

Risponde Giuseppe:   Ciao,   Il Dussun è un'ottimo amplificatore dal'altissimo  rapporto qualità prezzo, e poi non dimentichiamo che i  Levinson venivano costruiti proprio dalla Dusson in  CINA.......  Ascolti la stessa musica che piace a me, il jazz.  Personalmente mi piace mantenere la stessa  impostazione timbrica in tutta la catena, non serve a  nulla prendere un'ampli caldo e frenarlo con un   diffusore freddo per avere un suono neutro.  Se parti dal suono caldo perchè ti piace, dovresti  scegliere il resto della catena con lo stesso gusto.   Anche se comunque si parte dai diffusori e poi si  sceglie il resto.  Comunque se vuoi proprio un suono un pò più frizzante  prendi le Dynaudio Audience 62 ottime.    Anche se preferisco con il tuo ampli le Pro Ac.    Spero di esserti stato utile, fammi sapere, saluti

 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Roberto  : Ciao Giuseppe mi chiamo Roberto  e ho comprato   da audio costruzioni un lettore cd con uscita a  valvole, volendole cambiare ho letto sul sito che le   valvole montate sono delle 12au7 le compro ma quando   apro il lettore mi trovo delle 12at7, a questo punto   girando per internet confronto le caratteristiche   delle due valvole e decido di cambiarle lostesso, ma  possono crearmi dei problemi al lettore? il suono e   ottimo e migliore di prima anche se non ho finito di   rodarle:   grazie della tua attenzione.

Rroberto

 

Risponde Giuseppe: Ciao,   Puoi cambiare le 12at7 con le 12au7 , ma non il  contrario.   Le valvole che hai monontato tu sono più performanti,   sopportano tensioni di lavoro superiore e sono più   lineari.   Ben fatto.   Saluti
 

-----------------------------------------------------------------------

 

Domanda di Roberto  :  Salve GIUSEPPE   innanzitutto vi faccio i complimenti per il sito, lo   visito quasi   ogni giorno e lo trovo veramente interessante per i   progetti e le   informazioni che riguarda il mondo dell'Hi - Fi.   Ma vengo al dunque: un amico mio tempo fa ha   comprato un set di casse   da palco, amplificate, della Mackie "SA1521z", in   tutto, occhio e   croce, 4,000 Watt.   I Sub vanno bene e non si sono mai rotti, mentre   medi e gli "alti",  soprattutto, si bruciano facilmente.  Vorrei sapere qual'è la causa di tale rottura, dato   che sono stati   sostituiti, gli alti, per ben 3 volte??  Potrebbero essere i picchi o è il crossover interno  che manda  frequenze non   sue agli alti??   P.S. tengo a precisare che l'assemblaggio delle   casse è stato fatto   in Cina    Spero in una Sua risposta.   Roberto

 

Risponde Giuseppe:  Salve,  Ormai quasi tutti i diffusori sono assemblati nei paesi  orientali, ciò non toglie  nulla alla qualità del  diffusore.  La gamma medio alta è quella che più subisce danno ,  ciò è dovuto al fatto che gli altoparlanti deputati  alla riproduzione di queste frequenze non hanno una  grossa escursione fisica del cono, i woofer possono  muoversi avanti e indietro anche di 1 centimetro se non di più.  I medi e gli alti invece no, si muovono di pochissimi  millimetri , quasi in modo impercettibile.  Quando l'ampli comincia a distorcere, il nostro  segnale audio viene cimato in alto, ecco il famoso   clipping, questo induce il trasduttore a funzionare   non più come un motore elettrico, ma come una stufetta  a tutti gli effetti, trovandosi ad essere attraversato   non più da un segnale variabile nel tempo quindi   alternato, ma da un segnale continuo anche se per   brevissimi periodi.  Se questo è poi accompagnato da potenze enormi 4.000   watt!!! capirai che la rottura è inevitabile.   Bisogna non mandare in clipping l'amplificatore.  Oppure montare dei fusibili sulla linea media e alta,o   meglio ancora metterci dei fusibili temici   ripristinabili.   Saluti   Giuseppe

-----------------------------------------------------------------------

 

 

Potete tranquillamente scrivere a Giuseppe  devilsea2001@yahoo.it  per i vostri questiti , tenendo presente che lui lo fa per passione , quindi senza nessun obbligo , verranno  riportate i queste pagine.

 

 Torna all'elenco domande e risposte

 

Hit Counter

  home