PAGINE UTILI - AMICI, PROGETTISTI, RIPARATORI
MASSIMO AUTOCOSTRUTTORE

 

Ciao Davide mi chiamo Massimo e innanzitutto ti faccio i complimenti per il sito, per un appassionato di autocostruzione è veramente bello scoprire che ci sono tante persone che hanno la stessa malattia (la chiamo così per scherzo, per me è una passione bellissima).

 Ho quasi 32 anni e da quando ero bambino ho sempre avuto la passione della musica e la sua riproduzione, ho delle foto scattate da mio padre mentre col ciuccio in bocca appoggiavo a mano il braccetto di un vecchio garrard, e da allora non ho mai smesso di sognare impianti. A 14 anni ho costruito la prima coppia di casse con l’aiuto di mio nonno buonanima, restauratore di mobili antichi, e da allora ad oggi ne ho combinate di tutti i colori, di casse ne ho fatte a bizzeffe, mi sono cimentato anche con la realizzazione di un ampli integrato, e tutte le mie opere le ho sempre vendute ad amici che con modiche cifre ho introdotto nel mondo dell’alta fedeltà. Delle mie creazioni mi sono conservato solo l’ultima, una coppia di piccoli diffusori a due vie con altoparlanti morel realizzati in multistrato di betulla con degli smussi sul pannello frontale, molto belle agli occhi del padrone e anche molto ben suonanti, ma si sa, ogni scarafone e bello a mamma sua. Ti descrivo il mio impianto nella configurazione attuale, raggiunta dopo tanti anni di sperimentazione:

 -la sorgente- ha quasi 14 anni di lavoro alle spalle PHILIPS CD850MKII ormai il suo convertitore è obsoleto, ma non ha importanza perché lo adopero solo la meccanica, cdm4 in

 

 

 -convertitore- da circa 6 anni adopero un dat portatile PIONEER D-C88, acquistato per registrazioni live, ma questa è un’altra storia, il dat come convertitore va alla grande;

 

 

 -amplificazione- dopo aver cambiato diversi ampli integrati e pre-finali a transistor sono approdato alle valvole, circa 7 anni fa con un AUDIO INNOVATION 500, splendido push-pull di pentodi acquistato da un amico che è durato scarso un anno, ha avuto un piccolo problema. Ho portato a sistemare l’AI 500 dall’amico sopraccitato, autocostruttore anche lui, aveva appena terminato di costruire una coppietta pre-finale con le famose 300B, battezzati dalla moglie PENELOPE visti i tempi richiesti per la realizzazione, e che mi combina? Mi propone nell’attesa della riparazione del mio ampli di riportarmi a casa il pre-finale per testarli e giudicarli, non l’avesse mai fatto, da quel giorno fanno parte della mia catena di riproduzione;

 

   

 

-casse- Trovo che il suono della 300B sia meraviglioso a questo punto il problema passa per i diffusori, i morel che ho menzionato hanno un’efficenza troppo bassa per interfacciarsi con le 300B (6W), colpo di fortuna dopo qualche tempo ho trovato in un negozio di hifi una coppia di ESS AMT-1C originali degli anni 70-75, mi hanno sempre affascinato per quello stranissimo tweeter di HEIL e qui si conclude la catena, e finalmente dopo tanti anni di prove raggiungo un equilibrio e godo di quello che posseggo.

 

 

-cavi- tutti i cavi di segnale li ho realizzati io con cavo microfonico a doppio conduttore della tasker, simil-bilanciati fatti in casa, cavo digitale sempre tasker fatto in casa e cavi di potenza VAN DEN HUL AC MAGNUM costati un botto, perlomeno per le mie tasche.

 

 

Dimenticavo di dirti che posseggo anche un masterizzatore audio della PHILIPS CDR 870 che da un bel po’ di anni fa il suo lavoro egregiamente, nella foto appare un vecchio sinto analogico della Luxman che è transitato per un breve periodo a casa, e che ho gia riconsegnato al legittimo proprietario. Ultimamente dopo diversi anni che mi godo il mio impianto sto cominciando a fantasticare sul cambio del lettore cd-convertitore, con qualcosa di più attuale e le casse con qualcosa da realizzare con le mie mani di più compatto, da poco mi sono sposato, ho cambiato casa e adesso l’impianto si trova in una stanza più piccola rispetto a quella precedente, e in questo senso gia mi sono messo in moto sperimentando i tweeter delle ESS sulle mie piccole morel, ti allego una foto del mio recente esperimento e ti saluto, ti ringrazio dell’attenzione che mi hai dedicato e se ti va di rispondermi per darmi qualche dritta te ne sarò molto grato; pubblicherai sul sito la mia storiella?     Ciao massimo

P.S. nella foto non compare un vecchio proton am-452 appoggiato sul masterizzatore, più nerboruto per il pilotaggio delle piccole.

massi.g1@tele2.it

 

Ciare  Heil  un accoppiata vincente  di Massimo

 

home