PAGINE UTILI - AMICI, PROGETTISTI, RIPARATORI
FRANCESCO, SPECIALISTA DIFFUSORI QUAD


Mi sono conosciuto con Francesco perche' avevo un problema con i miei diffusori quad esl 57 , e tramite mail mi ha' dato svariati consigli preziosi.

Poi pero' visto che il problema era piu' grave del previsto , ci siamo incontrati e mi ha' fornito  un pannello della sezione alti, rimesso a nuovo da lui...

Giusto per correttezza il pannello lo devo ancora montare, ma al mio occhio, sembra perfetto, propio come un pannello nuovo.

Parlando con Francesco , comunque, mi sono reso conto di parlare con un vero e propio esperto di questo genere di diffusori.

Tanto per farvi capire ha' anche provato a mettere una coppia di diffusori  uno sopra l'altro.

Si e' recato tantissime volte in Inghilterra , oltre ad averci vissuto per un certo periodo , ed e' riuscito perfino a parlare con uno dei figli del creatore di questi diffusori....

Detto questo ecco la sua mail e il suo telefono.  f.margiotta@tsf.it        Cell.     339/4587543       


          ED ORA ECCO L'ARTICOLO SCRITTO DA  FRANCESCO SULLA SOVRAPPOSIZIONE DEI DIFFUSORI

 

 QUAD  ESL

 

 

Casse QUAD ESL

Sono delle casse di tipo elettrostatico, costruite dall'azienda inglese QUAD (Quality Unit Amplifier Domestic) con sede ad Huntingdon, ed il primo a gamma intera mai realizzato. E' forse il modello che ha innalzato questo sistema di trasduzione agli onori degli altari. Rimaste inalterate fino all’ultimo esemplare prodotto verso la metà degli anni '80, entrarono in commercio nel 1957 ma il progetto di Peter Walker, progettista e fondatore della QUAD, risale a diversi anni addietro; già nel Corner Ribbon, primo diffusore QUAD mai messo in vendita, si possono intravedere "in nuce" i principi poi sviluppati nell'ESL. Non intendo entrare qui nei meandri del principio di funzionamento dei diffusori elettrostatici e, se interessati, cercate di visitare altri siti più esaustivi e fatto da persone ben più competenti.

 

ATTENZIONE

Questo è un avviso rivolto a tutti coloro che sono interessati ad avere in casa un esemplare perfettamente funzionante di QUAD ESL57.

Presto, vi fornirò il modo di accedere al sito del primo RESTAURATORE ITALIANO delle nostre amate casse.

Stay tuned!!!!!! 

 

Per essere pilotate al meglio, le ESL richiedono caratteristiche ben precise all'amplificatore ad esse collegato: bassa potenza e buona capacità di comportamento con carichi reattivi (per come funzionano sono praticamente degli enormi condensatori e, quindi, carichi con una grossa componente di reattanza capacitiva, in parte "ammorbidita" dalla induttanza posta in entrata). Per ovviare al problema l'azienda inglese commercializzò gli amplificatori QUAD II, completamente valvolari e con una potenza di 15W in classe A, fornita da una coppia di celeberrimi tetrodi KT66 della G&C connessi in push-pull. Quest'ultimi sono ancora, forse, la migliore scelta per far andare una coppia di ESL, ma vi consiglio di provare anche Radford STA15, Marantz 8B a triodi, Fisher SA-16 e, per chi può, Leak TL12.1. In qualsiasi prova si effettui state sempre iper-attenti alla potenza dell'amplificatore: pochi watt in più dei famigerati 15 e la vostra coppia di ESL  si trasformerà in un bel falò!!!      

Appena uscite, tutti rimasero affascinati dalla nuova dimensione in cui questi apparecchi sapevano proiettare l’ascoltatore e fu immediatamente battezzata “the little Walker’s wonder”, “la piccola meraviglia di Walker”.

In Italia non riceve i consensi che invece raccoglie all’estero, dove, specialmente in Inghilterra, nei paesi dell’Europa settentrionale ed in Giappone, è quasi oggetto di culto. Innumerevoli sono stati i tentativi di imitazione e di miglioramento del progetto originale, così come innumerevoli sono i siti e le news-group dedicati alle ESL.

E’ un progetto indubbiamente controverso e nello stesso tempo geniale.

A detta di molti i suoi difetti sono la scarsa dinamica, la bassa potenza sopportabile, la ristretta banda passante, una bassa scena sonora. Di questi l’unico difetto che reputo reale è la scarsa dinamica, perché credo che negli altri parametri la cassa sia più che sufficiente per un ascolto casalingo. Quello che invece reputo un aspetto molto importante, nevralgico e capace di boicottare ed influenzare pesantemente un eventuale giudizio finale è il suo posizionamento in ambiente. L’interazione con l’ambiente d’ascolto è di tale entità da fare in modo che suoni in tanti modi diversi quante sono le stanze in cui si effettua l’ascolto.

D’altro canto i suoi pregi, riconosciuti all’unanimità, sono un’ineguagliata gamma media, una grande ricchezza armonica, un gran rispetto per la delicatezza, la poesia e tutte le sfumature della musica. Risulta veramente molto difficile non emozionarsi nell’ascoltare i propri dischi preferiti.

Conosco diverse persone che, avendola posseduta, criticata e venduta, continuano a nominarla nei propri discorsi quando cercano di illustrare i livelli di eccellenza a cui arrivano le loro attuali casse.

Consiglierei di evitare qualsiasi tipo di modifica alle ESL, tranne qualcuna di tipo marginale:

·         provate ad ascoltarle senza le griglie protettive;

·         provate ad alzarle dal pavimento di circa 40 cm;

·         se presenti, eliminate le protezioni seguendo attentamente le istruzioni sul manuale.

TENENDO PRESENTE CHE LA TENSIONE PIU’ BASSA CHE CIRCOLA IN QUESTE CASSE E’ DI 1500 VOLTS, astenetevi da qualsiasi prova se non è possibile effettuarla in un ambiente sicuro, da chiudere a chiave, o se in casa avete animali o bambini che possono avere accesso al vostro impianto. Attenzione ad una cosa che spesso viene ignorata. NON EFFETTUATE ALCUN INTERVENTO AD AMPLIFICATORE ACCESO, perchè il trasformatore d'ingresso eleva la corrente, fornita dall'amplificatore, a VALORI LETALI. 

  

Una cosa che è praticamente un obbligo per chiunque entri in possesso di queste casse è di procurarvi il manuale a corredo; fatto molto bene, contiene preziosi consigli per la manutenzione e l'utilizzo.

Se non l'avete, posso darvi un aiuto ed un'alternativa.

L’unico modo che conosco per migliorare sostanzialmente le prestazioni di una coppia di QUAD ESL è di ascoltarne…..due coppie, disponendole una sull’altra con l’ausilio di supporti da progettare e far costruire a propria cura, le stacked QUAD.

Io l’ho fatto ed i risultati sono sorprendenti.  

 

Si pensi solo che in questo modo, a parità di potenza fornita dall’amplificatore, il volume d’aria spostato dai diffusori è quasi il doppio; oppure, a parità di pressione sonora, la potenza erogata dall’amplificatore è molto minore. Il primo beneficio che viene da immaginare è la notevole riduzione della distorsione. Ma non è da trascurare l'incremento in termini di estensione in frequenza, dinamica ed energia. Dopo averle ascoltate per la prima volta, in Inghilterra, in siffatta configurazione, per me è diventato un must doverle avere a casa mia e non ho avuto più pace finchè non sono riuscito a possedere due coppie di QUAD ESL dal suono simile : ci ho impiegato circa tre anni ma alla fine ci sono riuscito.   

    

   

                      Ed ecco una foto storica quad: