Autocostruzione

Filtro Multipresa di Cristiano

SCHEDA

Di cosa si tratta:

Multipresa Filtro


L'importanza di iscrivervi alla newsletter

Produttore:

Cristiano Nevi

Caratteristiche:

Commerciale

Mail:

marvel147@gmail.com

IL PROGETTO

 

AUTOCOSTRUZIONE

Cristiano

Multipresa con Filtro di rete

 

 Categoria: Accessori

 

Se avessi commercializzato il filtro-isolatore autocostruito qualche anno fa (ecco il link: http://www.audiocostruzioni.com/a_d/elettroniche/elettroniche-varie/isolatore-rete-marvel/isolatore-di-rete.htm) probabilmente ne avrei vendute almeno due-tre dozzine, considerato l’interesse iniziale ed i contatti che ancora oggi ricevo (seppure ormai molto saltuariamente) per questo prodotto.

Nel frattempo ho potuto testare per Audiocostruzioni una serie piuttosto nutrita di componenti similari, dalle ciabatte multipresa filtrate sino a vere e proprie centrali di distribuzione con isolamento a trasformatori e filtrazione di ogni singola presa elettrica, di cui è possibile trovare larga testimonianza editoriale proprio fra le pagine web del sito.

Eppure, nessuno di questi oggetti ha mai soddisfatto una mia particolare esigenza: l’accensione di ogni singola elettronica da un unico componente, evitando così definitivamente la scomodità di raggiungere gli interruttori posti sul retro o lateralmente a certe mie elettroniche, giocando contemporaneamente sulle sequenze di accensione e spegnimento delle stesse.

In passato avevo sfruttato i servigi di una multipresa a 10 prese schuko, gestite da altrettanti interruttori frontali di accensione, in uso soprattutto in ambito dj per la gestione di luci ed effetti. Chiaramente si trattava di una scatola metallica vuota, in altre parole sprovvista al suo interno di qualsiasi forma di filtrazione della corrente di rete.

Ed ecco l’idea: riacquistare inizialmente una multipresa su telaio predisposto per montaggio a rack, dotata di tanti interruttori illuminati a led anteriori, quante sono le prese schuko disponibili postreriori, da cui partire per un progetto un poco più ambizioso.

La scelta cade su di un’economica ma ben realizzata multipresa Ibiza modello LC-806S, appunto una ciabatta ad 8 ingressi, concepita appositamente per l'uso nei campi dell´amplificazione professionale e del DJ equipment. Il dispositivo è costituito da un telaio adatto al montaggio rack da 48cm (19'').

 

 

Costruzione e Caratteristiche:

 

A questo punto, stabilisco gli obiettivi di progetto, come segue:

·        Modifica totalmente reversibile della multipresa Ibiza LC-806S;

·        Riutilizzo di vario materiale sciolto o in disuso, accantonato negli ultimi anni fra la mia privata collezione di cianfrusaglie elettriche;

·        Realizzazione di un nuovo chassis, assai ben più profondo e capiente;

·        Inserimento di efficaci filtri di rete; cablaggio di tutti i collegamenti con cavi di buona qualità e adeguata sezione;

·        Finitura esterna appositamente curata per una parvenza di una realizzazione “seria” e professionale, non di un assemblaggio raffazzonato.

 

La multipresa Ibiza subisce pertanto uno smontaggio completo, separando la parte anteriore da quella posteriore (facilitata peraltro dai collegamenti elettrici fra prese ed interruttori mediante terminazioni  faston) e portando all’accantonamento dei coperchi superiore e inferiore (non più necessari).

Recupero quindi il robusto telaio metallico a nido d’ape di un vecchio CDplayer Pioneer PD7300 non più funzionante, sagomandolo e adattandolo meccanicamente per il collegamento con i lati anteriore e posteriore della multipresa Ibiza, di cui sfrutto i fori esistenti per un solido fissaggio al telaio stesso, mediante viti d’acciaio con serraggio a bullone.

 

 

Il cordone di alimentazione originale, giunge direttamente a un primo blando stadio di filtrazione L-C con fusibile di protezione, cui ho aggiunto in serie un secondo filtro integrato più complesso, un ottimo Schaffner FN610-20/06 a doppio stadio per l’abbattimento di disturbi di modo comune e differenziale, in grado di sopportare sino a 6A (1300W).

L’alimentazione giunge quindi ad un terzo stadio di filtrazione, che si basa stavolta su di un esclusivo e brevettato filtro ad effetto pelle: questo stadio costituisce dunque il cuore e l’originalità di tutto il progetto.

Per coloro i quali siano un poco a digiuno di nozioni elettrotecniche, rammento che per “effetto pelle” si definisce la tendenza di una corrente elettrica alternata a distribuirsi all’interno di un conduttore in modo non uniforme: la sua densità è maggiore sulla superficie e inferiore all'interno. Un simile comportamento comporta una resistenza elettrica del conduttore crescente in funzione dell’aumento della frequenza.

In altre parole, più la frequenza di un segnale sinusoidale è elevata, più la parte interna del conduttore non è interessata dal flusso elettronico, ovvero la densità di corrente J (la corrente che attraversa l'unità di superficie) in un conduttore decresce esponenzialmente man mano che dalla superficie esterna si penetra nel suo interno. Questa tendenza vale per conduttori a sezione circolare o di altra forma, comportando maggiore dissipazione di potenza a parità di corrente applicata oppure una minore corrente a parità di tensione applicata (legge di Ohm).

Tale dispositivo provvede dunque al filtraggio delle sole armoniche ad alta frequenza, assicurando l’imperturbabilità della tensione sinusoidale a 50 Hz.

Il filtro ad effetto pelle agisce ulteriormente sulla reiezione ai disturbi di rete di modo comune e differenziale, spikes e sovratensioni, da sempre ritenuti i responsabili di una certa frequenza di guasti ai nostri amatissimi apparecchi.

A valle del filtro ad effetto pelle, ho aggiunto inoltre un anello di ferrite: probabilmente non serve a nulla, ma di certo non apporterà negatività alcuna.

Ho pertanto ricongiunto il cablaggio a quello originario della ciabatta Ibiza, cioè al pulsante di reset ed alla serie di n°8 interruttori frontali illuminati con led interno.

 

 

 

Sulla terza presa, cui l’intenzione è di collegare una fonte alimentata da un alimentatore switching (esempio un computer portatile), ho posto un’ulteriore filtrazione C-L-C protetta da fusibile; sul percorso delle restanti sette prese ho invece inserito altrettanti anelli di ferrite, procedendo ai vari collegamenti mediante connessioni faston maschio, per non alterare nemmeno le connessioni interne originarie della ciabatta Ibiza.

Ultimata la parte interna, ho provveduto alla veste estetica esterna, abbellendo le fiancate laterali con  due parallelepipedi in massello di rovere finemente levigato, gentilmente preparatimi dall’amico Luciano, co-titolare della F.lli Rizzi srl in quel di Rodigo (MN), falegnameria altamente specializzata nel recupero e nel re-styling di vecchie imposte e serramenti lignei.

Per la chiusura superiore di siffatto accrocchio elettronico, ho congiunto il coperchio in alluminio color nero lucido di un’apparecchiatura ormai fuori uso, con la copertura originale della ciabatta Ibiza.

Sul frontale ho infine applicato due piccole maniglie laterali che, di fatto, non servono assolutamente a niente, se non ad assolvere un mero vezzo estetico dal ricordo vagamente professionale.

 

 

Ed ecco, nella foto successiva, il nuovo filtro di rete pronto all’uso, appoggiato su di un bel cassettone risalente al periodo a cavallo fra XIX° e XX° secolo, personalmente restaurato dal sottoscritto (altra mia passione)!

 

 

Dimenticavo la parte posteriore dell’apparecchio, assolutamente rimasta invariata, con la fila ordinata di otto prese schuko di buona qualità costruttiva:

 

A questo punto occorrerebbe fare il conto delle spese sostenute ma, nel mio caso, ho recuperato quasi tutti i materiali fra la mia collezione di precedenti realizzazioni e di cannibalizzazioni di altre elettroniche fuori uso. Certamente, un costo vivo è stato quello riguardante la ciabatta Ibiza, acquistata nuova on-line a circa 60 euro, così come lo è stato anche per il filtro ad effetto pelle, costruitomi però appositamente da Luxmaker per un utilizzo alternativo a quello previsto dal distributore piacentino.

Perché utilizzare la multipresa Ibiza, quando i materiali elettrici costituenti possono essere acquistati separatamente, sfusi, a metà prezzo? La risposta è semplice: il frontale e il retro sono già pronti ed esteticamente ineccepibili, perché perdere tempo prezioso per forare e assemblare due lamiere con tutte quelle prese ed interrutori?

Conclusioni:

Ovviamente la realizzazione è stata finalizzata ad una mia personale necessità. Ho voluto però fornire uno spunto pratico per l’autocostruttore che rifugge le realizzazioni commerciali per crearsi piuttosto un sistema stereofonico con relativi accessori, ritagliati “su misura” e secondo i precipui gusti musicali.

La multipresa filtrata inoltre funziona, svolgendo degnamente il compito per il quale è stata progettata, risolvendo una volta per tutte anche il problema della gestione degli interruttori d’accensione, posti sovente sul lato posteriore delle nostre elettroniche, difficoltosi da raggiungere qualora si utilizzino tavolini porta-elettroniche a più ripiani magari addossati ad una parete.  

Buon lavoro1

Cristiano  N.–novembre  2014

(free reviewer – per contatti: http://www.audiocostruzioni.com/p_u/amici/cristiano-mn/cristiano-mn.htm)

 

ALTRE INFO

 

e costa anche relativamente poco.

In Italia, mi risulta distribuita da Electronic Star (http://www.electronic-star.it/Ciabatta-multipresa-SCHUKO-8-canali-per-attrezzatura-DJ_i10198.htm).

 

La trovi però anche su Amazon (http://www.amazon.it/dp/B006EJOECG/ref=asc_df_B006EJOEC

G22570047/?tag=googshopit-21&creative=23394&creativeASIN=B006EJOECG&linkCode=df0)

 

 a metà prezzo, perché il prodotto sembrerebbe tedesco.

L’ho comperata proprio perché il design è semplice ma accattivante, ed è ben costruita (lo chassis è tutto in metallo).

Chiaramente l’ho trasformata e abbellita parecchio, adottando lo scheletro interno di un lettore CD della Pioneer. Ma il mio intervento è completamente reversibile: smontando il tutto, posso riassemblare la ciabatta Ibiza nel suo stato originario.

 

Stai pensando anche tu di costruire qualcosa???

Guarda allora questa ciabatta:  http://www.amazon.it/Ibiza-LC1006F-Ciabatta-multipresa-impianto/dp/B0042KT6TA  !!!!!

 

 

Hit Counter

Home