Autocostruzione

Modifica sostanziale lettore CD di MICHELE

 

 

 Di cosa si tratta

Modifica lettore CD

Chi lo ha costruito

Michele    MAIL@PIEMMEWEB:COM   togliere i due punti

Mia presentazione

Una altra  paginetta molto interessante .. grazie Michele

 

Salve Davide, il mio nome e' Michele, sono di Chieti e ti seguo da diverso tempo con molto interesse. Ne approfitto per complimentarmi con tutti gli appassionati, audiocostruttori e recensori che hai ospitato sul tuo interessantissimo sito.

Cio' che voglio proporre e' una modifica allo stadio d'uscita dei lettori cd, ovvero come rendere grande un semplice lettore.

Non so' se gia' qualcuno ne ha parlato sul tuo sito... in caso contrario  spero si riesca a trovare un angolino libero per me.

 

La mia ragazza (ora mia moglie) circa 10 anni fa mi regalo' un lettore cd AIWA mod. XC550  indubbiamente un buon lettore visto che fu pagato circa 600.000 lire.

 

 

 ;

 

Ha sempre suonato discretamente nel mio impianto home theater finche' l'ho sostituito con un lettore dvd; ho pensato quindi di impiegarlo come sorgente nel mio impianto a valvole... ma qui non faceva piu' la sua bella figura!

 

 

 

E' allora che ho pensato di modificare l'oggetto per renderlo piu' adatto... ho provato prima con i vari tweaking (blu tak, antirombo e diavolerie varie) ma i risultati non cambiavano... in seguito mi venne la brillante idea di sostituire gli OPAMP interni con dei pregevoli burr-brown... il suono era migliorato ma gli mancava ancora qualcosa (oppure forse sapeva troppo di silicio! :)

a quel punto ho pensato: perche' non utilizzare le valvole al posto degli amplificatori operazionali? detto e... fatto!!!

 

in pratica ho prelevato il segnale direttamente all'uscita del convertitore (dai piedini input degli opamp per intenderci) per poi amplificarlo con un SRPP di 6189 (versione militare della sempreverde ECC82) ; in foto e' possibile vedere la disposizione all'interno del lettore.

 

Ho impiegato un alimentatore da circa 180V in continua, due tubi 6189 G.E. selezionati, resistenze holco, elettrolitici Black Gate, polipropileni MULTICAP PPFX-S che fanno sicuramente la differenza!

 

Ho predisposto due circuiti stampati disegnati con pennarello e schema a mente.

 

Avrei preferito utilizzare un solo triodo per canale, con uscita anodica in pura classe A ma il segnale proveniente dal convertitore aveva un'ampiezza troppo bassa, quindi l'SRPP e' stata una scelta obbligata (che comunque preferisco ad altre tipologie circuitali)

 

 

Il lettore cd in questione, dopo questa modifica, e' divenuto irriconoscibile!!! dovresti ascoltarlo per poterlo giudicare! posso solo dire che adesso tutti gli strumenti musicali sono al loro posto, la gamma media e' invidiabile!

 

Se qualcuno vuole cimentarsi nella costruzione sono disponibile (nel limite del possibile) per qualche consiglio, tenendo presente che la modifica puo' essere applicata alla quasi totalita' di lettori cd incircolazione (ho modificato con successo anche un ONKYO, un PHILIPS ed un MARANTZ).

 

Grazie per l'attenzione e alla prossima.

 

Michele P

 

PS: Se intendi pubblicare la mia email ti prego di omettere il mio cognome  visto che non e' mia intenzione farmi pubblicita'. Magari l'indirizzo email puoi pubblicarlo, se qualcuno vuole contattarmi per un consiglio o aiuto.

 

 

Ciao Davide,

ho provveduto a fare una bozza a mano su un foglio di carta... se vuoi domani in ufficio posso farti un disegno tecnico con un cad, anche se a lavoro non ho tempo quindi dovro' fare uno sforzo enorme. Se vuoi ridisegnarlo tu con un cad 9tanto sono pochi componenti) ma evita di pubblicare l'obbrobrio che ti ho allegato. Se c'e' qualcosa che non capisci (noi mancini non abbiamo una buona calligrafia :)

 

 

per quato riguarda le foto, quella e' la piu' significativa (non penso interessi l'estetica esterna dell'apparecchio ed i bottoncini del frontale). se mi dici cosa devo fotografarti lo faro' volentieri.  Scusa ma non sono un recensore quindi non sono bravo ne' ad inviare foto, ne' a scrivere un articolo.

 

Comunque puoi aggiungere che nella parte posteriore ho applicato 4 punte coniche del tipo a vite (quelli della Ciare) che mi hanno consentito, oltre che disaccoppiare il lettore dal mobile, anche di metterlo perfettamente in piano.

 

Se puo' interessarti in allegato trovi le foto del mio impianto completo; come puoi notere e' totalemte autocostruito :)

 

Utilizzo un PRE con SRPP di 6189 (uguale a quello utilizzato nel lettore cd ma questa volta alimentato a vuoto con 240V) un PRE PHONO (non visibile in foto in quanto prestato ad un amico) con schema simile al Marant M7 ma con qualche modifica ed alimentazione a vuoto con stabilizzatore a tubi.

Segue un finale S.E. con 2A3 pilotata da E88CC in accoppiamento diretto - canali medio/alti

Segue un finale S.E.P. di 5881 pilotate da un SRPP di 6SN7 - canali bassi

Casse realizzate con woofer CIARE HW321 in reflex da 75 lt e fullrange FOSTEX FE204 + supertweeter FOSTEX 17TH, entrambi a dipolo; filtri passivi a 6db/oct

Sorgente digitale: Lettore CD AIWA XC550 con circuito d'uscita a valvole

 

 

Sorgente analogica: Intramontabile Thorens TD321 con braccio SME III braccio in Titanio + testina DENON DL103 ; a coloro che stanno storcendo il naso e vogliono filosofeggiare sul fatto che un braccio SME III Titanium, studiato per testine a bassa massa, non possa far tracciare correttamente una DL103 voglio dire solo una cosa: le dritte per accoppiare i due "pezzi" mi sono state fornite dall'amico Carlo Morsiani... e qui i filosofi dovranno per forza chinare la testa ed ammettere che finora quello che hanno detto, fatto o pensato non ha piu' alcun senso...

 

fammi sapere!

 

Grazie e alla prossima

michele    MAIL@PIEMMEWEB:COM       togliere i due punti e metterne uno solo  

 

PS  "Ringrazio l'amico Davide Munaretto per i consigli utili e l'enorme pazienza  dimostrata."

 

Aggiornamento  Marzo 2010:

 

inoltre ti allego una foto del mio impianto attuale, 4 vie a valvole con crossover elettronico, che potresti sostituire a quella gia' presente nell'articolo.

 

Come ultima cosa ti allego lo schema del nuovo alimentatore, questa volta decisamente piu' serio del precedente, in modo da evitare qualsiasi problema di fruscio/ronzio di fondo che alcuni hanno rilevato in fase di realizzazione del mio schema.

 

Grazie e buona Pasqua.

Michele

 

 

 

 

Hit Counter

Torna alla pagina iniziale