Autocostruzione

Un alimentatore per elevare la tensione economico
 

 

 

 

Di cosa si tratta

Una alimentazione molto interessante



L'importanza di iscrivervi alla newsletter

Chi lo ha costruito

Marco   marganai@gmail.com

Caratteristiche

Una idea molto interessante

 

 

Descrizione

 

Ciao Davide, sono Marco dalla Sardegna.
Ho deciso di mandarti uno schemino semplicissimo ed economico, che potrà fare la felicità di molti, che come me hanno problemi di  bassa tensione di rete, quella che il nostro fornitore come Enel alimenta le nostre case.
Per ovviare al problema e senza spendere grosse cifre ho risolto in questo modo. Basta un solo trasformatore 220 volt 12 volt 16 A. Ma il secondario può anche essere da 5- 6- 10 12- 15 voltsec.a seconda della necessità.
L'importante è che il secondario possa sopportare correnti di circa 16A.
Lo schema è in allegato.
Io purtroppo ho la tensione di rete in media che varia da 215 e scende sino a 190 volt nelle ore di punta, sopratutto d'inverno.
Con questo sistema ho perlomeno evitato che la tensione scenda sotto  livelli inaccettabili visto che l'Enel non si decide a risolvere il problema,
problema risolto con appena 30 euro di spesa.
Con la speranza che possa servire a qualcuno, ti mando i miei migliori Saluti.
Marco.
marganai@gmail.com

 

La Precisazione di Giuseppe

 

Ciao Davide,

Vorrei sottolineare l'estrema pericolisità di questo schema che hai pubblicato di recente , ti allego il link

http://www.audiocostruzioni.com/a_d/idee/alimentazione-marco-sardegna/alimentazione-marco.htm

NON SI TRATTA DI UN VERO ELEVATORE DI TENSIONE !!! ; è solo un pericoloso escamotage per ottenere una decine di volt in più rispetto ai 220 Volt offerti dall'enel.
Il circuito secondario, non è più secondario , ma è collegato direttamente alla rete elettrica , pertanto non siamo più in preenza di un trasformatore che isola la rete eletterica a 220 Volt elevandola a 240, 280 400 ecc, con poche decine di milliampèrè sul secondario.
In questo circuito il secondario e il primario sono la stessa cosa !!!! Ciò comporta che qualora ci fossero cattivi funzionamenti nell'elettronica che alimenteremo , questa avrà disponibile tutti gli ampèrè che vorra succhiare dal contatore enel , con le conseguenze che si possono immaginare, esplosioni di conponenti o peggio incendi.

In più chi dovesse toccare il "secondario" del trasformatore o peggio qualche componente dopo la rettificazione può correre serissimi rischi di prendere una scossa davvero letale, parliamo di continua ad alta tensione e alta corrente , per tanto devastante per il corpo umano !!!!!!!!!.

Ti suggerisco di rimuoverlo, o quantomeno di prendere le dovute distanze dal progetto , o ,infine inserire sul primario un fusibile istantaneo da nono più di 20-30 mA (per limitare i danni)

Saluti
Giuseppe

 

La precisazione di Marco

 

Caro Giuseppe,
il circuito da me proposto non è affatto pericoloso, e non si rischia alcuna l'esplosione . Ti invito a costruirtelo e verificare di persona ciò che dici, prima di allarmarti ed allarmare gli altri. Un po di conoscenza di elettrotecnica fa sempre comodo. Tra l'altro proprio in questi giorni il sign. Crapella Vittorio (http://web.tiscalinet.it/i2viu/) mi ha inviato un circuito automatico per poter appunto automaticamente, regolare la tensione di rete quando questa varia,  in basso e in alto. (vedi in allegato,  spero che Davide pubblichi).
Mai ho scritto poi, che è un separatore di rete, cosa tutt'altro che semplice da fare, vedi il mio condizionatore di rete. Ma un semplice ed efficace elevatore per chi ha problemi di basse tensioni, come  succede nel mio quartiere, o un semplice riduttore quando questa è troppo elevata ossia se oscilla sui 240 volt massimi.
Le tue ultime 7 righe sono incomprensibili.  Per cui mi astengo da ev. commenti, chi conosce la materia, capisce subito che sono frasi senza fondamento.
Rimane chiaro, che la tensione di rete è una tensione che può provocare danni alla persona se non si utilizzano le dovute precauzioni. Cosa per altro  io ho fatto anche per il mio finale autocostruito con le 845 avente la tensione anodica a 1200 volt. (E di esplosioni nemmeno l'ombra).
Un Saluto e un Augurio di Buon 2010.

Marco.

 

 

 

Scheda fotografica


 

Links


Altri lavori di Marco


www.audiocostruzioni.com/.../sny-sacd-modifica.htm

 

http://www.audiocostruzioni.com/a_d/elettroniche/preamplificatori/Pre-marco-sardegna/pre-tube-marco.htm

 

http://www.audiocostruzioni.com/a_d/elettroniche/preamplificatori/pre-marco-211-2/pre-marco-211-2i.htm


Audiocostruzioni e punto vendita di:


                              E tanto Altro


Hit Counter

Home