LO SCHERZO  AMPLI A VALVOLE DI ROBERTO

 

 Prefazione:  L'amico Roberto , con tanto entusiasmo mi ha inviato le foto del suo lavoro , una ampli  progettato da Luca Chiomenti, giovane ingeniere Partenopeo di adozione ,Milanese di nascita, molto conosciuto agli addetti ai lavori , in quanto   ha scritto un sacco di articoli sulla rivista costruire HI-FI.L'ampli in questione , ha una potenza di appena  2 watt circa , ma veramente di qualità.    Leggerete qui sotto le parole di Roberto e anche quelle di Stefano   che avendo costruito e  sentito suonare questo gioiello , ne sono rimasti  incantati..... Ma veniamo prima ad un  pezzo apparso su costruire HI-FI  ( solo un piccolo pezzo per non avere problemi con il copyright ) e poi alle cose scritte da Roberto: Tutti i componenti li potrete trovare  presso la ditta Audiokit, il link qui' sotto, dove il sig Mauro  potrà  consigliarvi per il meglio.


DI LUCA CHIOMENTI   http://www.kiom.it/

LO SCHERZO

AMPLIFICATORE INTEGRATO
MINIMALE S.E. A TUBI

Riventitore prodotti Kiom  Audiokit Via G.Di Vittorio n° 37/39  04011 Aprilia (LT) ITALIA  Tel./Fax  +39 06.92.70.83.10 info@audiokit.it

Orario di apertura 9:00 - 12:30    17:00 - 20:00  chiusi il Lunedi mattino e Sabato Pomeriggio

www.audiokit.it

Nel periodo che ha preceduto la nascita dello Scherzo, intorno alla metà degli anni novanta, tante volte mi ero sentito ripetere frasi del tipo "mi piacerebbe provare i monotriodi, però, no tengo dinero..." e mille altre varianti per lo stesso concetto: poca lira. Spesso questi appassionati finivano per non costruirsi nulla oppure per seguire strade avventurose e dai risultati estremamente incerti, per non dire quasi inevitabilmente deludenti. E' pensando a tutti loro che è nato "Lo Scherzo". Parlando con amici dell'idea e di quale sarebbe dovuto essere il costo al pubblico, la reazione, superati i primi attimi di stupore, era invariabilmente "ma stai scherzando, vero?"; ho quindi cominciato a rispondere: "Sì, voglio proprio fare uno scherzo" e pensando al bel gioco di parole creato dall’assonanza con l’omonima forma musicale, è stato inevitabile che quello diventasse il nome del progetto.

 

Lo Scherzo è un amplificatore integrato, pilotabile direttamente da un CD player, che nasce con un obiettivo estremamente ambizioso: coniugare la qualità sonica di un single ended ben fatto, meglio se monotriodo, con un costo ai limiti del ridicolo. Questo progetto è stato espressamente pensato sia per chi non ha molti soldi da investire nella passione per la musica (studenti, padri di famiglia che devono anche dar da mangiare ai figli etc. etc.), sia per chi vuole sperimentare i single ended ma ha paura ad avventurarsi, ad esempio, in un 300B, apparecchio che in ogni caso ha dei costi già di un certo impegno e non manca di sollevare amletici dubbi ("E se poi non mi piace?". "E se non basta la potenza?"). Essendo dedicato a chi probabilmente ha poca esperienza occorreva inoltre che la realizzazione del montaggio fosse estremamente semplificata e guidata. Insomma sull'altare dell'economia e della semplicità realizzativa bisognava fare parecchi sacrifici ma non avevo alcuna intenzione di rinunciare a criteri musicali nella messa a punto e nel progetto dei componenti critici come ad esempio i trasformatori di uscita. Su cosa risparmiare allora? In primo luogo sulla potenza che, se si vuole coniugare con la qualità, porta i costi alle stelle (e comunque oltre certi livelli di qualità non può essere troppa). Ritengo infatti che anche in un sistema "massimo" non sia attualmente possibile arrivare  a vertici assoluti di qualità con potenze superiori ad un numero comunque limitato di watt e per altro non ve n 'è assolutamente la necessità (un sistema massimo a mio avviso include anche dei diffusori di efficienza adeguata). Andare oltre come potenza significa comunque compromettere la qualità, anche potendo prescindere totalmente dai costi.

La scelta di una bassa potenza è sicuramente una scelta controcorrente: soprattutto nei progetti economici si tende a dare sempre molta potenza, che fa scena sulla carta, ma di qualità sempre più bassa. Risultato: la potenza è il dato su cui tutti puntano, commettendo due errori. Il primo è che più è alta, più assorbe energie che altrimenti possono essere dedicate alla qualità; volendo dedicare tutte le (poche) risorse alla qualità, nello Scherzo la potenza non è stata tenuta in considerazione. Il secondo è ritenere che ci vogliano vagonate di watt per ascoltare in casa: come messo in luce da molti grandi esperti di elettroacustica tra i quali, tanto per citare un nome illustre, H. F. Olson  già circa 50 anni fa (e riportato in CHF n. 20 pag. 57 e segg.), 5 watt sono largamente sufficienti con i diffusori adeguati. Diffusori adeguati che non significa oggetti da 110 dB/W/m ma dei ben più normali sistemi da 93 dB/W/m. In base a molte esperienze fatte nel normale ascolto domestico anche con diffusori più "sordi", diciamo intorno ai 90 dB/W/m, difficilmente molti audiofili superano la potenza di 1 watt (uno!) in un ascolto medio. Certo questo dato va correlato anche con le abitudini di ascolto, ma guardate che 90 dB cominciano ad essere una quantità di "rumore" decisamente consistente.
In ogni modo, per chi vuole solo sperimentare il single ended è meglio partire da poca potenza  ma di qualità e senza spendere molto, sapendo che soluzioni più potenti comunque esistono;

 per chi invece non può andare oltre c'è un’ottima soluzione (economica) nel campo diffusori, studiata apposta per accoppiarsi molto bene con lo Scherzo: il larga banda realizzato da RA Lab e presentato sulle pagine del n. 64 di di CHF  (efficienza oltre i 95 dB, impostazione decisamente esoterica con risultati superiori ad ogni aspettativa rispetto ai costi). Stabilito che la potenza non è un obiettivo primario, ci si è concentrati allora sul tentativo di coniugare risparmio e qualità sonora ottimizzando con cura la distribuzione delle risorse. Ne è nato un progetto con una struttura totalmente single ended e con lo stadio di uscita che può essere configurato in qualsiasi modo: a triodo, in ultralineare o a pentodo, così da permettere la sperimentazione di varie soluzioni circuitali e verificare all’ascolto le differenze. Il passaggio da una configurazione all’altra è molto facile, basta spostare alcuni ponticelli. La “sensibilità” dell’apparecchio ai componenti permette inoltre di fare molte utili esperienze con diverse tipologie di questi ultimi come ad esempio di condensatori, così come la possibilità di implementare una alimentazione con filtraggio a cella CRC, CLC oppure a doppio pigreco permette di verificarne l’efficacia. Rimarco quindi la duplice natura dello Scherzo: da un lato una soluzione di alti livello per l’ascolto della musica, dall’altro una palestra per sperimentare sul campo tanti argomenti dei quali si sente spesso solo parlare.

Nella visione posteriore si nota la presa corrente ecm e i connettori casse dorati che ospitano cavi da 6mm!!

 

Reperibilità e componenti

 

Lo Scherzo è stato l’unico kit prodotto dalla Kiom, che lo ha realizzato per un certo periodo. Da molto tempo tuttavia si era posto il problema se continuarne o meno la produzione: motivi di tipo gestionale portavano alla sua soppressione ma ragioni di carattere affettivo (sono molto legato a questo progetto) e le continue richieste degli appassionati mi hanno spinto a tenerlo in vita per molto tempo. Verso la fine del 2002 tuttavia la situazione era diventata insostenibile a livello gestionale e lo Scherzo, come kit Kiom, è scomparso. La scomparsa però è stata breve perché le richieste continuavano e qui è intervenuto Mauro, il dinamico titolare di Audiokit. Grazie ad un accordo con Audiokit, la Kiom rende disponibili i componenti critici per la realizzazione di uno Scherzo originale, cioè i componenti magnetici (trasformatori, bobine) ed il circuito stampato. Audiokit si occupa non solo di commercializzare questi i componenti ma fa molto di più: rende disponibili il set di trasformatori, le bobine e lo stampato originali, il set di resistenze, di condensatori, gli zoccoli, le valvole e quant’altro serve con la possibilità di scegliere numerose opzioni, arrivando così a personalizzare la realizzazione che può essere spinta a diversi livelli in termini di qualità della componentistica.

Lo stampanto Retro

Lo stampanto Fronte

Da ultimo una nota molto importante: da Audiokit è disponibile anche il manuale che a suo tempo scrissi per la realizzazione dello Scherzo, aggiornato all’ultima versione. E’ un documento essenziale per realizzare correttamente lo Scherzo anche per un esperto poiché contiene, oltre a tutti gli schemi elettrici e di cablaggio, i codici colori dei trasformatori e delle istruzioni molto dettagliate che raccomando a tutti di seguire con estrema cura insieme a numerosi consigli sul montaggio, sul rodaggio dei componenti e sulle diverse configurazioni che si possono sperimentare.

 

In bocca al lupo a tutti coloro che si apprestano alla costruzione dello Scherzo, con l’augurio che regali a ciascuno tante tante ore di ottima musica.

 

Luca Chiomenti

E ora veniamo a Roberto:



Vorrei fare una piccola premessa prima di iniziare  a raccontarvi quello che per me è stata una sorpresa veramente insospettabile!io la musica l ho sempre sentita con ampli a stato solido e di elevata potenza vedi mc intosh ,phase linear, carver... e con diffusori di dimensioni a wattaggi elevati...e ora???? bene questa primavera un mio amico appassionato di hi fi mi ha voluto a tutti i costi che lo accompagnassi da audiokit  aprilia (lt) per sentire un piccolo ampli. valvolare e con 1/2w!!!  non se ne parla io le valvole le lascio alle persone antiche!!! ma tanto ha fatto che alla fine ho ceduto...risultato ? lo vedete da voi qua sotto che cosa sarà successo? potere delle droghe odierne o il giovane che è in me si i invecchiato ?nulla di tutto ciò ! ho semplicemente scoperto la musica in un altra chiave si la chiave della bassa potenza a triodi e della alta sensibilità tramite diffusori monovia.

 

Lo schema dell'ampli  click per allargare

incredibile ore e ore di musica senza essere rintronati o affaticati nell' ascolto non ci credete ?  eppure chi scrive era uno che la musica con l'impianto la sentiva tipo live...e ora sta con "lo scherzo" e diffusori monovia fostex. ma bando alle ciance andiamo a vedere la costruzione di questo ampli.
da lo schema si capisce subito la semplicità del progetto visto i pochi componenti  infatti se volete risparmiare su il circuito stampato  (disponibile da audiokit aprilia lt) potete cablarlo in aria  il progetto è up-gradabile fino a livelli hi end ma......vi do un piccolo
consiglio non esagerate .io ho montato tutti condensatori elna cerafine sia per l anodica che per l alimentazione in alternativa di condensatori veramente economici...e i benefici si sentono  provate anche altri
condensatori carta e olio ma a mio parere il cambiamento non è cosi evidente


è evidente solo con sostituzione c3 è c4 con altri carta e olio  la massima concentrazione (??) la dovete avere per l alimentazione!!! boicottate subito la soluzione r-c usate lo schema pi greco e doppio pi greco!!io ho usato il solo pi greco ma con una bobina da 10h e 200mah diodi ultra fast e condensatori Elna  cerafine.  problemi insormontabili non ce ne sono ma se avete dei dubbi

Il  cabinet grezzo con i trasformatori 

Particolare del cabinet grezzo

chiamate a audiokit e chiedete di Mauro e un grande ! vi aiuterà va bè ma come suona?   Io l ho provato con i monovia doppio cono alpine car da 10w poi con le 301bose quarta serie con sonus faber concertino e con monovia fostex fe103e e in tutti spicca una gamma vocale molto pungente e ben estesa, sicuramente suo forte !!! trombe piatti gamma vocale addirittura bassi è in grado di riprodurre fedelmente ma se alzate di più il clipping si farà udire abbondantemente si dunque  volume d ascolto medio almeno che non avete delle casse da 100db....ma tutte le prove che ho effettuato ho usato casse un pò sorde o comunque vicine ai 90 db  riuscendo comunque a insonorizzare bene ambienti di 12- 15 metri quadri!ampli molto particolare con una timbrica particolare da usare per ascoltare musica unplugged , chitarra e voce è li che da il meglio di se

Roberto      renault4you@libero.it

Ed ecco un altra foto del finito Bello vero


Questo e un  ritaglio di una mail di Stefano autocostruttore  :

Attualmente l'oggetto dal migliore rapporto qualità prezzo che ho realizzato è senza ombra di dubbio lo "Scherzo" di Luca Chiomenti, solo che necessita di diffusori adeguati vista la potenza di 1.6 watt...

sfnbtt@libero.it


Conclusioni

Questo e' un sito dove la filosofia e quella che tutti possono dire la propia opinione e sopratutto il propio consiglio, che serva per migliorare sempre e unire le forze per raggiungere  risultati sempre migliori, percio' questi sono i miei consigli:

1.  Io credo molto nei kit , sopratutto perché  altre persone, hanno gia sperimentato , ed e facile che

    funzioni tutto

2.  Se siete alle prime armi ( Come lo sono io del resto) cercate di acquistare questi componenti , da

    persone  che siano veri appassionati , e che amino queste cose, in modo che se avete problemi

    potete, con una telefonata, una mail , farvi aiutare , e credetemi  succede sempre.... e da quello

    che  scrive Roberto il Sig. Mauro della ditta Audiokit  e una di queste persone.

3. Ora entriamo nel mio campo , consiglio Roberto che e' stato

    bravissimo , per il prossimo progetto con l'uso del legno a vista di

    non usare smalti , che fanno da vernice trasparente  e scurente

    allo stesso tempo,  perche si vedono leggermente le pennellate,

     ma di leggersi il mio piccolo  manuale  di  autocostruzione

    diffusore  oppure di fare cosi -  mordente solubile in alcol del

    colore che  preferisci poi  turapori alla nitro almeno 2 mani , poi

    carteggiata con carta del 150 circa e paglietta negli spigoli per

    non grattare via il mordente,  poi altro giro di mordente se avete

    fatto uscire qualche chiazza chiara , poi bomboletta trasparente

    alla nitro  come vi piace lucida oppure opaca.... e assicuro un

    risultato professionale.

4. Se avete consigli ecc ecc oppure avete costruito anche voi questo ampli scrivetemi  o scrivete nel

   forum , che ampliamo l'articolo  davide64@libero.it    www.audiocostruzioni.com


 

ciao davide
sono roberto ti mando la mia ultima fatica.uno scherzo in noce nazionale dal design molto retro e con una piccola chicca che mi ha fatto penare non poco  l illuminazione delle valvole di blu elettrico!!! spero che tu possa pubblicarmelo sul tuo sito magari insieme al mio scherzo precedente!...concludo che per causa trasferimento li cedo entrambi.chi volesse mi potra contattare al 3356397398
bye roberto