Autocostruzione

 

Le clone delle Rogers di Fabrizio

 

 

 Di cosa si tratta

Clone Rogers

Chi lo ha costruito

Fabrizio   Fabrirot@inwind.it

 

Tutto e nato dall'articolo scritto da Giovanni , un clone delle Rogers , progetto di Alberto Bellino , questo:

Con componenti Monacor , di facile reperibilitÓ e costo contenuto.

 

Cosi anche Fabrizio le ha costruite:

 

LA REALIZZAZIONE DI FABRIZIO ROTONDO

 

Dopo aver ascoltato una coppia di diffusori Roger ls 3/5a sono stato letteralmente rapito dal loro suono. Girovagando in rete ho visto che si potevano acquistare anche usate ad una cifra di 600/700 euro ma per fortuna mi sono imbattuto in un articolo su audiocostruzioni molto ben dettagliato sulla costruzione di una bella copia di questi mitici diffusori. L'autore di questo articolo Ŕ il gentilissimo Giovanni di Stefano che molto pazientemente mi ha seguito nella realizzazione di questi diffusori.
Ho ordinato subito i diffusori Monacor e ho iniziato la costruzione del cabinet. Purtroppo non ho trovato il multistrato di betulla da 15 mm ma mi sono accontentato dell' MDF da 16 mm che ho poi impiallacciato con uno strato di noce tanganica trattata con un impregnante ad acqua di color acero e poi ho rifinito con gommalacca diluita 1/10 con alcool a 99░. Ho rispettato alla lettera le dimensioni del progetto di Giovanni tenendo conto dello spessore poco maggiore del legno. L'intermo Ŕ stato rivestito da un doppio strato di materiale bituminoso usato dai carrozzieri e poi ho utilizzato del materiale fonoassorbente dello spessore di 2 centimetri.

 


Per il cross over ho seguito il progetto del buon Alberto Bellino e ho usato componenti di ottimo livello della Audiocomp, induttanze con filo da 1 mm, condensatori in polipropilene e resistenze a bassa iduttanza. Ringrazio il propietario di Audio Conica di Nichelino (TO) Alberto per la pazienza avuta nel sbobinare le induttanze per arrivare al valore esatto del progetto di Bellino.

 


Montato il tutto ho fatto fare un buon rodaggio ai diffusori collegandoli vicinissimi in controfase coprendoli con una coperta e dopo circa 20 ore ho iniziato l'ascolto.
Sono rimasto colpito dalla gamma medio alta molto nitida ed equilibrata,il basso non profondissimo ma veloce e realistico.
Ho riascoltato molti dei miei cd preferiti (Diana krall,Cassandrta Wilson,Eva Cassidi,Avion Travel,Ivano Fossatietc.etc..)e devo dire che si sono comportati da veri monitor di classe e sono inoltre capaci di una ricostruzione scenica profonda e i diffusori,come per magia,scompaiono dalla scena acustica. Per finire potrei aggiungere che hanno un suono frizzante e intrigante che cattura l'ascoltatore.

Non mi resta che ringraziare Giovanni di Stefano ed Alberto Bellino per l'ottimo lavoro fatto, continuate cosi'.

 

Fabrirot@inwind.it

 

Luca ci parla delle Rogers ls3/5   Lasciate il vostro feedback  click sotto

 

 

 

Hit Counter

Torna alla pagina iniziale